Domenico Manfredi ci apre le porte dell’antica pasticceria “D’Elia” di Teggiano

di Monica De Santis

Una vita tra i dolci. Così il  Maestro pasticciere Domenico Manfredi, della storica Pasticceria D’Elia  di Teggiano, descrive la sua vita. Una vita tutta passata, appunto tra i dolci, in quel locale aperto dalla madre e che ora gestisce con grande orgoglio, ma anche con grande abilità… “Ho sempre saputo che questo sarebbe stato il mio lavoro. Sin da bambino, vedendo mamma preparare i dolci, ho capito che non solo mi piaceva mangiarli, ma mi piaceva anche prepararli e così appena ho avuto l’occasione ho iniziato a lavorare con lei, ed ora porto avanti le sue tradizioni, in primis quella di far si che questa resti comunque un’azienda a conduzione familiare”. Un lavoro che negli anni ha anche dato tante soddisfazioni al maestro pasticciere che nel 2020 ha conquistato  il terzo podio al Campionato Mondiale di Miglior Panettone del Mondo svoltosi a Roma nella categoria “Innovazione”.   “E’ stata una bella soddisfazione. Ho presentato in quell’occasione il mio panettone “Planet Green” realizzato con ingredienti come la mela verde, lo Yuzu, il burro all’olio d’oliva, il thè verde, la menta e la spirulina”. Una vera delizia, tanto che i giudici l’hanno voluto premiare, così come sono delle vere delizie anche tutte le altre specialità che Domenico Manfredi realizza, in particolare la “Torta del Duca”, un dolce che realizza solo lui e realizzato per la prima volta per la manifestazione “A tavola con la Principessa Costanza”… “Mi fu chiesto dalla Pro Loco di realizzare un dolce speciale per questa manifestazione, un dolce che non fosse come gli altri. E così alla fine ho realizzato questa torta, la cui ricetta resta segreta, non l’ho mai data a nessuno”. Ora invece in questo periodo di festa l’attività del pasticciere Domenico è tutta concentrata nella preparazione dei panettoni e dei pandori…. “Finalmente questo Natale abbiamo lavorato un po’ di più. Dopo le chiusure e le restrizioni stiamo tornando alla normalità. Ovviamente essendo la mia un’attività situata nell’entroterra salernitano la produzione è prevalentemente per clienti abituali. Diciamo che più nel periodo estivo registriamo un aumento delle vendite, perché tra manifestazioni, eventi e qualche ritorno di vecchi abitanti, abbiamo più persone che frequentano le nostre zone”. Continuando a parlare delle festività natalizie Domenico Manfredi parla delle tradizioni che fortunatamente continuano ad essere rispettate nel nostro territorio… “Anche per la vigilia di Capodanno i salernitani amano rispettare la tradizione, portando a tavola i dolci di Natale. Il mio consiglio? Non fate mai mancare a tavola un bel panettone, artigianale ovviamente, fatto con i prodotti della nostra terra e che sia farcito con delle ottime creme”. Un bel panettone farcito, proprio come quelli realizzati da Manfredi, ce ne sono di tutti i gusti, da quello al pistacchio a quello alla zabaione da quello allo champagne a quello che gli è valso il terzo posto al campionato mondiale dei panettoni. Tanti gusti tutti da provare e per provarli altro non bisogna fare che andare a fare una bella passeggiata a Teggiano, magari visitare le bellezze del posto e poi recarsi nei locali della pasticceria D’Elia per comprare uno dei buonissimi dolci del maestro pasticciere Domenico Manfredi.

Consiglia