Pirlo: “Vogliamo la Champions sul campo”. Ma la Juve rischia di perderla lo stesso


La Uefa ha annunciato punizioni più severe nei confronti delle tre società (Juventus, Barcellona e Real Madrid) che non hanno abbandonato il progetto Superlega. Rischiano l'esclusione dalle Coppe e sanzioni anche nei rispettivi campionati. Pirlo serra i ranghi alla vigilia della sfida col Milan: "Quello che succede fuori dal rettangolo verde non ci deve interessare".
Continua a leggere

Arthur criticato in Brasile: non si capisce perché sia titolare in Nazionale


Anche domani sera Pirlo farà accomodare Arthur in panchina nel fondamentale match contro il Milan, preferendogli Bentancur e Rabiot. A fronte di una valutazione monstre di 72 milioni, il rendimento del centrocampista arrivato dal Barcellona è stato davvero deludente. In Brasile vorrebbero vedere in Nazionale qualcun altro al suo posto: uno scarto della Serie A...
Continua a leggere

Juve, Real e Barcellona avanti con la Superlega: “Minacce inaccettabili, dobbiamo perseverare”


All'indomani della nota ufficiale dell'UEFA che minaccia Juventus, Real Madrid e Barcellona di sanzioni pesanti nel caso non recedano anche esse definitivamente dalla Superlega, i 3 club in questione hanno diffuso un comunicato in cui denunciano "inaccettabili pressioni, minacce ed offese" e, pur aprendo uno spiraglio di dialogo, insistono nelle loro tesi.
Continua a leggere

Paratici al Bayern Monaco, possibile addio immediato alla Juventus


Mentre è impegnata in un durissimo braccio di ferro con l'UEFA che potrebbe estrometterla dalla Champions League per due anni qualora non rinunci definitivamente alla Superlega, la Juventus è anche alle prese con tanti dubbi interni sul futuro: da Pirlo e Ronaldo fino al responsabile dell'area tecnica Fabio Paratici. Il rinnovo è difficile, ma per lui può aprirsi un portone altrove.
Continua a leggere

L’ex Juve Ruben Olivera si ritira per problemi al cuore: “Ho rischiato e mi è andata bene”


La carriera di Ruben Olivera finisce a 38 anni, come comunicato dallo stesso centrocampista uruguaiano, oggi capitano dell'Aprilia in Serie D. Alla base della decisione i problemi cardiaci riscontratigli: "Questa è una comunicazione un po' triste, non avrei mai voluto lasciare così, ma sono pronto ad intraprendere una nuova sfida che è quella di fare l'allenatore".
Continua a leggere

“I club di Superlega affronteranno le conseguenze”: Infantino sostiene la Uefa dopo il provvedimento


Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha rilasciato un'intervista ad 'AS' ribadendo il suo appoggio alla Uefa specie dopo il comunicato diramato in serata sui provvedimenti presi nei confronti dei cosiddetti 'club ribelli' che hanno aderito alla Superlega. "Ora dovranno prendersi le proprie conseguenze ma mi auspico un dialogo tra le parti".
Continua a leggere

Juventus, Real e Barcellona rischiano due anni fuori dalla Champions: al TAS contro l’Uefa


Il comunicato dell'Uefa sul raggiungimento dell'accordo con i 9 club che hanno rinunciato alla Superlega con la minaccia di sanzioni pesante nei confronti di Juventus, Real e Barcellona, non ha fatto cambiare la posizione di questi ultimi club. I bianconeri e le spagnole non indietreggiano e sono pronte, in caso di provvedimenti a finire anche in tribunale.
Continua a leggere

Juventus pronta a portarsi a casa anche Antonio Donnarumma: è il pacchetto Raiola, pali in mano


Antonio Donnarumma potrebbe giocare nella Juventus Under 23, operazione ovviamente collegata all'approdo del fratello Gigio in bianconero: entrambi a costo zero. Mino Raiola replicherebbe così quanto fatto all'epoca del primo rinnovo col Milan, quando il milione netto di stipendio per Donnarumma Sr fu uno degli elementi che portò alla firma.
Continua a leggere

Dopo l’Inter anche il Milan sta per lasciare la Superlega, ma Juve, Real e Barça vogliono i danni


È guerra totale non solo tra l'UEFA e i 'ribelli' ancora determinati ad andare avanti col progetto Superlega, ma anche tra questi ultimi e i club che invece hanno scelto di fare un passo indietro per non incorrere nelle sanzioni più pesanti. Juventus, Real Madrid e Barcellona minacciano cause milionarie nei confronti delle 8 società 'pentite, tra cui c'è anche l'Inter. Pure il Milan sta per seguire le orme dei cugini nerazzurri e lasciare definitivamente il progetto.
Continua a leggere

L’amara analisi di Ramsey sui due anni alla Juventus: “Giocare così è frustrante”


Aaron Ramsey ha raccontato i suoi due anni tormentati da quando è arrivato alla Juventus. Due stagioni costellati più da amarezze e infortuni che da gioie e successi: "Non sono mai riuscito a recuperare in pieno, ogni volta un piccolo infortunio e ogni volta si riparte da zero". In due campionati ha totalizzato solo 45 presenze e segnato 5 reti.
Continua a leggere

Quanto peserà ogni parata di Donnarumma in Juve-Milan, la sua partita più difficile


La partita di domenica tra Juventus e Milan è importantissima per la corsa Champions League ma nelle ultime settimane sembra fondamentale anche per il futuro di Donnarumma. Il giovane portiere non ha ancora rinnovato con i rossoneri e nelle ultime settimane si fa sempre più insistente la voce di un possibile inserimento dei bianconeri nella trattativa per portarlo a Torino. Il match dello Stadium prende sempre più le sembianze di un bivio per la carriera di Gigio.
Continua a leggere

Agnelli non ha ancora deciso il futuro di Pirlo: il finale di stagione della Juve può cambiare tutto


Il futuro di Andrea Pirlo non è così scontato come sembra. In tanti danno il tecnico bresciano lontano dalla panchina della Juventus il prossimo anno ma a pensarla diversamente sarebbe proprio il presidente Andrea Agnelli, che non avrebbe ancora deciso il futuro del suo allenatore: il finale di stagione può cambiare le sorti del prossimo futuro della Vecchia Signora.
Continua a leggere

Zidane logorato dal Real Madrid: segnali e parole che anticipano l’addio


Zinedine Zidane potrebbe essere arrivato al capolinea della sua avventura al Real Madrid. Dopo l'eliminazione dalla Champions per mano del Chelsea, il tecnico oltre a complimentarsi con gli avversari, ha dribblato le domande del suo futuro. Un segnale chiaro che mette in secondo piano il suo contratto fino al 2022. La Juventus resta alla finestra.
Continua a leggere

“Nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo”, il messaggio social di Claudio Marchisio


Claudio Marchisio e Alessandro Del Piero in una foto di 9 anni fa. Così l'ex centrocampista bianconero ha voluto omaggiare la grandissima avventura juventina dei nove scudetti consecutivi, iniziata con la stagione 2011/2012 e conclusasi per merito dell'Inter, domenica scorsa. "Dobbiamo lottare per non rinunciarci più" ha poi aggiunto vicino alla foto.
Continua a leggere

La Juventus recupera Chiesa e Morata per la sfida con il Milan: Pirlo valuta l’utilizzo dal 1′


La Juventus si sta preparando al meglio in vista del big match di campionato in casa contro il Milan. I bianconeri oggi si solo allenati e osservati speciali sono stati soprattutto gli infortunati, due su tutti: Chiesa e Morata. L'ex viola è fermo da diverso tempo ma ha svolto l'intera seduta insieme alla squadra, proprio come lo spagnolo. Pirlo valuta il loro possibile utilizzo dal 1', altrimenti sono già pronte le alternative.
Continua a leggere

Karel Poborsky e quel 5 maggio da protagonista contro l’Inter: “Giocò alla morte”


Il 5 maggio 2002 l'Inter perde 4-2 contro la Lazio e dice addio ai sogni scudetto all'ultima giornata. Il tricolore va alla Juventus, la Roma si prende la piazza d'onore e i nerazzurri finiscono addirittura terzi. Protagonista inatteso del match dell'Olimpico è Karel Poborsky. Il ceco, già sicuro di andare via da Roma, gioca alla morte quella partita e segna una doppietta che piega i sogni di gloria nerazzurri.
Continua a leggere

Marotta e quel sottile piacere: “Decidere il destino della Juve da campione d’Italia”


Nello Scudetto dell'Inter c'è la mano decisiva non solo di Antonio Conte, ma anche di Beppe Marotta. Il duo, ricompostosi in nerazzurro dopo i trionfi alla Juventus, adesso ha la possibilità di completare la propria rivincita il prossimo 15 maggio, quando allo Stadium si giocherà lo scontro diretto. Le motivazioni saranno massimali: "È il bello dello sport".
Continua a leggere

Marotta e quel sottile piacere: “Decidere il destino della Juve da campione d’Italia”


Nello Scudetto dell'Inter c'è la mano decisiva non solo di Antonio Conte, ma anche di Beppe Marotta. Il duo, ricompostosi in nerazzurro dopo i trionfi alla Juventus, adesso ha la possibilità di completare la propria rivincita il prossimo 15 maggio, quando allo Stadium si giocherà lo scontro diretto. Le motivazioni saranno massimali: "È il bello dello sport".
Continua a leggere

Marino ancora allibito: “Dopo quella pantomima tutto è andato a favore della Juve, è aberrante”


Il Direttore dell'area tecnica dell'Udinese Pierpaolo Marino attacca ancora la Juventus per quanto successo al termine del primo tempo di domenica scorsa, protagonista Fabio Paratici: "È aberrante, questi momenti ricordano le invasioni degli emiri ai Mondiali e sono fantasmi del passato che non devono tornare". Poi è durissimo su Cuadrado: "Specialista del tuffo".
Continua a leggere

Paratici, nessuna sanzione dopo Udinese-Juve: l’arbitro non ha segnalato nulla


Non c'è nessun accenno a Fabio Paratici nel comunicato del Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea: il DS bianconero non ha dunque ricevuto alcuna sanzione per la sua condotta al termine del primo tempo di Udinese-Juventus, allorquando si era precipitato in campo dalle tribune per protestare contro l'arbitro Chiffi. Ma per lui potrebbe non essere finita qua.
Continua a leggere

Marotta: “Con Paratici non ho buoni rapporti”. Quei gesti che non ha dimenticato


Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter, è tornato a parlare del suo rapporto con Fabio Paratici, suo braccio destro ai tempi della Juventus: "A Torino sono rimasto in buoni rapporti con tutti, tranne con Paratici. La questione è più umana che professionale". I due hanno lavorato insieme per 14 anni prima alla Sampdoria e poi alla Juve, ma dall'approdo di Marotta all'Inter nel 2018 hanno smesso di parlarsi.
Continua a leggere

Szczesny deluso per le voci su Donnarumma: il suo disagio a pochi giorni da Juve-Milan


Wojciech Szczesny non avrebbe apprezzato tutto il rumore che si è creato intorno alla vicenda che riguarda un possibile arrivo di Gigio Donnarumma alla Juventus e rispetto a qualche mese fa sente di essere preso meno in considerazione dal suo club. Questa vicenda rende ancora più rovente la settimana prima dello scontro diretto per andare in Champions League tra i bianconeri e il Milan.
Continua a leggere

Cristiano Ronaldo vuole chiudere la carriera allo Sporting: la famiglia approva


Cristiano Ronaldo vorrebbe chiudere la sua carriera allo Sporting Lisbona, dove iniziò il suo percorso calcistico. Secondo quanto riportato dal quotidiano portoghese Record, il fuoriclasse lusitano della Juventus avrebbe anche l'approvazione della famiglia per un ritorno in patria ma non è chiaro se ciò avverrà alla fine del contratto con i bianconeri oppure se si sta lavorando per soluzioni diverse.
Continua a leggere