Curdo si dà fuoco davanti all’Unhcr di Ginevra

Il siriano appartenente alla minoranza etnica si è immolato nel cortile dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Portato in ospedale in condizioni critiche.

Un curdo siriano si è immolato davanti alla sede dell’Unhcr di Ginevra, in Svizzera. Lo riportano i media elvetici sottolineano che l’uomo, di circa 30 anni che vive in Germania, si è cosparso di benzina nel cortile dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, tra Rue de Montbrillant e Avenue de France. I soccorsi lo hanno trasferito in elicottero al Chuv di Losanna, un ospedale specializzato nel trattamento dei grandi ustionati.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Cosa c’è dietro il piano della Germania per i curdi in Siria

Merkel e la delfina AKK lavorano per una safe zone europea al confine con la Turchia. Sul tavolo anche negoziati con Mosca e Assad. L'obiettivo è assumere la leadership militare nell'Ue. Lo scenario.

In Siria al posto degli americani. In difesa dei curdi, armati nella guerra contro l’Isis e a presidio di una safe zone da stabilizzare e da ricostruire. Parlando ai tedeschi in prima serata, di fronte alle telecamere, la neo ministra della Difesa e leader dei cristiano-democratici (Cdu) Annegret Kramp-Karrenbauer ha rotto 70 anni di politica estera della Deutsche Republik, proponendo un’iniziativa militare europea nella striscia del cessate il fuoco al confine con la Turchia. Là dove il 9 ottobre Recep Tayyip Erdogan ha sferrato l’offensiva su Kobane, la titolare del governo per la Bundeswehr non esclude l’invio di soldati dalla Germania, se la Grande coalizione e la maggioranza del parlamento lo vorranno.

LEGGI ANCHE: Turchia e Russia pattuglieranno la zona curda

Che i socialdemocratici (Spd) partner nell’esecutivo diano il disco verde all’operazione è da vedere: dell’idea da presentare all’Ue e alla Nato sarebbero stati avvertiti a cose fatte, via sms. Mentre al Bundestag, come tra la gente, è esploso un dibattito acceso. Comunque vada, l’irruzione di AKK, appoggiata dalla cancelliera Angela Merkel, nello scacchiere mediorientale segna un netto cambio di passo nella Difesa tedesca dal 1945.

Germania intervento siria Merkel curdi Nato
Annegret Kramp-Karrenbauer in visita nel Kurdistan iracheno, tra le peschmerga addestrate contro l’Isis. GETTY.

LA PROPOSTA ALLA NATO E AI LEADER UE

Per la prima volta la Germania non partecipa (anche in modo sostanziale come in ex Jugoslavia) da allineato a una missione della Nato o di peacekeeping dell’Ue o dell’Onu. Ma prova a lanciarla motu proprio perché, sostiene Kramp-Karrenbauer, «l’Europa non può più stare a guardare. Non ci si può lamentare di quanto succede nella regione senza dare risposte». Con questa nuova postura, AKK a Bruxelles suggerirà al Consiglio dei ministri della Difesa della Nato del 24 e del 25 ottobre di raggruppare francesi e britannici attorno all’iniziativa comune, dopo che gli Usa hanno sgombrato il campo. Merkel da parte sua prepara un summit sulla Siria con i leader di Francia, Regno Unito e Turchia, snobbando l’Italia che è Stato fondatore dell’Ue e terza potenza dell’Eurozona. Interessante è anche il coinvolgimento nell’operazione di de-escalation e di peacekeeping proposta dalla delfina di Merkel nella regione curda «della Russia», ha detto, «che ci piaccia o no tra gli attori più importanti in Siria». Un tentativo della Germania di impostare una Difesa europea multipolare, sganciata dall’atlantismo tout court benché retta dall’asse franco-tedesco.

VERSO IL SEGGIO PERMANENTE ALL’ONU

Con Donald Trump alla Casa Bianca, d’altronde la cancelliera fu la prima leader occidentale a commentare che «il tempo in cui si poteva fare pieno affidamento sugli altri era passato da un pezzo», esortando gli «europei a prendere in mano» il loro destino. Oltre all’intervento sul campo nella zona internazionale di sicurezza curda da creare, l’iniziativa sulla Siria promossa da AKK e Merkel prevede colloqui bilaterali con tutte le parti nel conflitto, dunque anche con Bashar al Assad che appoggia i curdi del Rojava contro la Turchia. Per i canali di mediazione, la ministra della Difesa intende far leva sul seggio in Consiglio di Sicurezza dell’Onu, che la Germania ha l’ambizione di far diventare permanente. Per entrare nel gotha delle massime potenze con potere di veto ci sono manovre tra Berlino e Parigi e, da tempo, da Berlino verso diversi membri dell’Assemblea delle Nazioni Unite. Il desiderio tedesco di esercitare una leadership nell’Ue, anche sul versante militare, traspare dal programma di riarmo avviato in Germania dall’ex titolare della Difesa, promossa a presidente della commissione Ue, Ursula von der Leyen.

Germania intervento siria Merkel curdi Nato
Una manifestazione in Germania in difesa di Kobane, nel Rojava siriano, di curdi e filocurdi. GETTY.

IL RIARMO TEDESCO DAL 2017

Nel 2017, come ai tempi di Bismarck e nei Reich, Berlino ha rotto un tabù della repubblica incaricando i vertici delle forze armate di pianificare logista e armamenti per tempi che si prevedono incerti. Gli investimenti erano necessari a causa di un apparato militare obsoleto e ridotto, per forza di cose durante l’occupazione nel Secondo dopoguerra e, per risparmio, anche nei decenni successi. Sono gli Stati Uniti, d’altra parte, a pressare gli alleati europei a fare la “loro parte” nella Nato, più che mai con Trump. Anche la Germania resta lontana dal 4% del Pil nella Difesa chiesto dalla Casa Bianca: con il riarmo varato, la percentuale passerà dall’1% all’1,5% del Pil nazionale. Il piano preso in carico da Kramp-Karrenbauer è stato criticato (sotto la gestione Von der Leyen) per la lentezza e per l’inefficienza, dovuta anche a sprechi in consulenze. Ma è vero che Berlino non punta a un atteggiamento muscolare come la Russia o anche, in un passato recente, come la Francia in Libia. Merkel si è tenuta fuori dai raid dei “volenterosi” contro Gheddafi nel 2011, e prima dell’avvento dell’Isis frenava sugli interventi militari in Siria preparati dal Pentagono.

LEGGI ANCHE: Le voci degli abitanti di Kobane

DALLA PARTE DEI CURDI

La locomotiva d’Europa vuole essere autorevole, non autoritaria, nell’indirizzo di una Difesa paneuropea. Merkel ha fermato l’export di armi all’Arabia Saudita, poi alla Turchia, per le offensive in Yemen e in Siria contro i civili. Ma l’interventismo a protezione dei curdi è coerente: nel 2015, un contingente della Bundeswehr volò nel Kurdistan iracheno, per addestrare combattenti contro l’Isis. Il training fu votato con compattezza (457 sì) dal Bundestag, dopo la scelta di campo l’anno prima di inviare commesse militari ai peshmerga curdi. Stavolta i Verdi sono contrari e i liberali favorevoli: il sì in Siria dipenderà dai socialdemocratici spiazzati da AKK. La ratio ribadita dalla ministra è stabilizzare l’area per ridurre il flusso di profughi e il radicalismo islamico. Anche in Germania, dove l’estremismo salafita è forte in alcuni Land, fucina di foreign fighter verso e dal Medio Oriente. Una buona parte dell’immigrazione dalla Turchia e dall’Iraq è poi di origine curda. E Kobane, cuore del Rojava, è un luogo “vicino”: il toponimo prende il nome dalla società tedesca che, nella Prima Guerra mondiale, costruì la ferrovia per l’impero ottomano. 

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it