Perché la Corte penale internazionale ha chiesto l’arresto di Netanyahu e dei leader di Hamas


Il procuratore capo della Cpi ha chiesto il mandato d'arresto per Benjamin Netanyahu e per il capo di Hamas Yayha Sinwar. Le richieste di mandati riguardano anche altri due leader di Hamas e il ministro degli Esteri israeliano Yoav Gallant. I reati di cui sono accusati sono "crimini di guerra" e "crimini contro l'umanità". Ecco cosa si legge nel mandato d'arresto.
Continua a leggere

Julian Assange, a Londra oggi si decide sull’estradizione: folla di sostenitori per il fondatore di Wikileaks


Potrebbe arrivare nelle prossime ore una svolta nel caso di Julian Assange. L'Alta Corte di Londra dovrà pronunciarsi sul concedere al cofondatore di Wikileaks un nuovo ricorso contro l'estradizione negli Stati Uniti, dove rischia una condanna a 175 anni di carcere. Una folla di manifestanti si è radunata davanti alla Royal Courts of Justice.
Continua a leggere

Le reazioni internazionali alla morte di Raisi, il Cremlino: “Un vero amico della Russia”


Dopo la notizia della morte del presidente iraniano Ebrahim Raisi e del ministro degli Esteri in un incidente aereo, non si è fatta attendere la reazione del Cremlino che ha affidato a Serghei Lavrov le sue condoglianze. Dal Libano, Hezbollah: "solidarietà a un protettore della resistenza". Messaggi di cordoglio anche dal governo italiano e dal presidente del Consiglio Ue.
Continua a leggere

Cosa succede in Iran dopo la morte di Raisi, gli analisti: “Ci sarà il caos, ma politica estera non cambia”


Dopo la morte di Ebrahim Raisi, l’elezione di un nuovo presidente avverrà in un contesto di scarsa legittimità del regime dopo le recenti grandi proteste. Potrebbero esserci disordini all’interno, "ma la politica estera la fa l’ayatollah Ali Khamenei e le posizioni di Teheran non cambieranno”, dicono gli analisti intervistati da Fanpage.it.
Continua a leggere

Vince oltre un miliardo di dollari alla lotteria, ma la famiglia gli fa causa: “Non ci ha dato nulla”


Ha vinto 1,35 miliardi di dollari (il corrispettivo di 1.24 miliardi di euro) alla lotteria nel gennaio del 2023. Un colpo di fortuna da record nello Stato USA del Maine: il giocatore riceverà 46,5 milioni l’anno fino al 2052. Denaro che però, almeno per il momento, ha deciso di non condividere. Tanto da portare il padre e la ex a denunciarlo: "Ci ha mentito".
Continua a leggere

In Sudan una guerra dimenticata, l’italiana di MSF: “Bombe su nostro ospedale, situazione catastrofica”


Un ospedale di Medici Senza Frontiere è stato colpito giorni fa da un missile in Darfur, due bambini e un loro accompagnatore sono stati uccisi. Francesca Arcidiacono, vice capomissione MSF: "Quella che vediamo ogni giorno è una popolazione ridotta allo stremo, che ha bisogno di tutti i servizi essenziali alla sopravvivenza ma anche di cibo ed acqua pulita. La guerra è iniziata più di un anno fa, e ogni giorno che passa i bisogni aumentano".
Continua a leggere