“Caro ministro Bianchi, da docente precaria dico: basta ingiustizie, la scuola non è un colabrodo”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una lettrice, Simona: "Sono un'insegnante italiana. Sento sulla mia pelle il problema della mancata abilitazione, comune a tantissimi colleghi. Da anni ormai, stiamo subendo abusi su abusi, ingiustizie dopo ingiustizie, appesi ad un filo. Per questo ho deciso di rivolgermi direttamente al ministro Bianchi".
Continua a leggere

“Io, nera e italiana, vittima di razzismo al centro vaccinale: il medico mi ha chiesto se sapessi leggere”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Arielle, 30 anni e residente a Foggia: "Episodio di razzismo al centro vaccinale. Al momento della consegna del modulo informativo (che mi hanno riferito di compilare solo col medico), quest’ultimo mi ha chiesto subito se sapessi leggere o scrivere, dando per scontato che io fossi una persona ignorante. Dalla Als si sono giustificati pure, non ammettendo il grave errore commesso. Vivo di ignoranza ogni giorno".
Continua a leggere

Vittorio si laurea in Economia in meno di due anni: “Sfida con me stesso, la pandemia mi ha aiutato”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Vittorio, 20enne di Catanzaro, che è riuscito a laurearsi in meno di due anni in Economia all'Università di Pisa: "L'idea di finire velocemente la triennale mi è cominciata a venire in mente alla fine del primo semestre, perché avevo fatto tutti gli esami. E a quel punto, complice anche la pandemia, ho pensato che se avessi organizzato bene i tempi sarei riuscito a finire prima gli studi. Ho sfruttato al meglio questo periodo di chiusure.
Continua a leggere

“A 15 anni i miei genitori non vogliono farmi vaccinare contro il Covid, che cosa possa fare? “


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Antonio, nome di fantasia, che a 15 anni si vede negata la possibilità di vaccinarsi contro il Covid dai genitori: "Ho avuto interminabili discussioni con mio padre e con mia madre ma entrambi restano dell'idea che sono troppo piccolo e che non sono state effettuate sperimentazioni sufficienti, ma io ovviamente mi fido ciecamente della scienza".
Continua a leggere

“Da adolescente combatto per un mondo migliore: voi però accettate Ddl Zan per i diritti di tutti”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una lettrice, Dafne: "Parlare di 'adolescenza serena e felice' nel 2021 è alquanto impossibile per qualsiasi adolescente. Io la mia la sto passando e la passerò così: combattendo per ciò che è giusto, per creare un posto migliore in cui vivere, per me e per tutte le persone come me. Non sono sola, siamo un’intera generazione e non saranno le scelte sbagliate di pochi a fermare la voglia di vivere di tanti. Accettate il Ddl Zan e approvate qualsiasi altro disegno di legge che difenda i diritti di tutti".
Continua a leggere

“Fino a 25 anni ho sofferto di mutismo selettivo e fobia sociale, ora voglio aprirmi alla vita”


La lettera di Annalisa Stella a Fanpage.it: "Fino all'età di 25 anni ha sofferto di mutismo selettivo e di fobia sociale. Ho imparato ad affrontare le mie ansie e paure ed ora chiedo che mi sia data una possibilità: preferisco avere una vita piena di emozioni (anche negative), che avere una vita piatta perché ritenuta non in grado ad affrontarla".
Continua a leggere

“Cari Pio e Amedeo, da gay vi dico che avete sbagliato: non è satira, ma cavalcare la rabbia”


Fanpage.it riceve a pubblica la lettera di Lorenzo: "Sono omosessuale da tutta la vita e lotto in uno stato la cui dialettica porta alla discriminazione e alla repressione. Vorrei che i comici Pio e Amedeo capissero dove sta il loro errore, perché non é la satira tanto decantata, quella che é oggetto della rabbia di una comunità. Vorrei che Fedez sapesse quanto il suo intervento sia stato significativo. Vorrei che Salvini, Pillon e gli altri sentissero la replica di un cittadino pagante tasse ma privo della medesima dignità a quanto pare e che ancora oggi deve raschiare il fondo della pentola per cercare di avere diritti".
Continua a leggere

“Nonna morta dopo aver contratto il Covid in ospedale”: lettera aperta di una pugliese a Emiliano


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Silvia: "Fino a martedì 13 aprile avevo due nonne ultra 80enni ricoverate in ospedale per problemi legati alla loro età, nessuna delle due vaccinata. Da martedì ne ho solo una, l'altra è morta per aver contratto il Covid nell'ospedale che doveva curarla. Ho raccontato la loro storia in una lettera che ho inviato al Presidente Emiliano".
Continua a leggere

“Noi, portieri dei palazzi, dimenticati da tutti: ma abbiamo sempre lavorato durante la pandemia”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Raffaele: "Sono il portiere di uno stabile di Roma. Dopo quasi un anno e mezzo dall'inizio della pandemia, dopo aver ascoltato le lamentele di ogni categoria di lavoratori, che come la mia, non si è fermata un solo giorno, ho pensato di parlare anche della mia. Siamo stati dimenticati da tutti".
Continua a leggere

La lettera di Sara: “Scuola è un incubo, ci torturano in Dad. Ora ho paura di tornare in presenza”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Sara: "La scuola ormai è diventata un incubo. È una settimana che la notte non dormo e mi vengono attacchi di panico. Ci torturano con ore e ore in Dad, non rispettano gli orari e ci danno una marea di compiti. Ho paura di tornare a scuola, di non essere promossa per cose ingiuste".
Continua a leggere

“Amo il mio lavoro in ospedale, ma ho paura di contagiare i miei cari: vi prego, siate responsabili”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Anna, una giovane di 24 anni laureata in Giurisprudenza e che ha deciso di iscriversi alla facoltà di Infermieristica e che attualmente sta lavorando anche in ospedale: "Per quanto dure possano essere queste giornate, sono felice perché faccio quello che amo. Il problema è la paura che mi accompagna ogni giorno. È la paura di andare in ospedale e contrarre il virus".
Continua a leggere

“Noi, studenti della Dad, passiamo troppo tempo davanti al pc: chiediamo ai prof di rallentare”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una lettrice, al 4° di un istituto professionale, esasperata per la dad. "Passiamo tutti i giorni davanti al computer. Chiediamo di rallentare perché non c’è bisogno di fare la corsa a chi finisce prima il programma e le uniche risposte che ci vengono date è che 'tanto siete in zona rossa, non potete uscire, un compitino in più non vi farà male'".
Continua a leggere

La lettera di Aurora, 17 anni: “Covid va via, della me bambina piena di sogni non c’è più traccia”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una nostra lettrice: "Ho capito mio caro Covid che ti sei affezionato a noi e ti ringrazio per avermi fatto apprezzare le piccolezze della vita, ma ora potresti prendere e andare via? Vai via e non tornare più, scappa il più in alto possibile, fino a diventare il nulla. Provo disprezzo ed odio, hai rubato 2,69 milioni di persone".
Continua a leggere

“Pensate ai ragazzi, senza sport, senza obiettivi, si stanno spegnendo in questa pandemia”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di un lettore: "Sono allenatore e dirigente di uno dei tanti sport minori, considerati in questa pandemia di categoria Z. Non vi scrivo perché voglio denunciare la situazione di tutti i collaboratori sportivi che come me sono stati completamente dimenticati dal governo, ma lo faccio per chi da Marzo 2020 continua a subire gli effetti della pandemia senza diritto di parola: i più giovani".
Continua a leggere

“Noi, commessi dei supermercati, sempre in prima fila ma esclusi al momento dal piano vaccini”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Monica: "La categoria dei commessi non è stata assolutamente considerata tra quelle che necessitano quanto prima di essere vaccinate. Abbiamo svolto sino ad oggi con moltissimi sacrifici e ogni giorno siamo in contatto con tantissime persone. Non ci possiamo fermare neanche col lockdown, eppure non siamo stati presi minimamente in considerazione nel piano vaccinale".
Continua a leggere

“Non moriremo solo di Covid-19, ma anche di fame e psicologicamente. Ma possiamo uscirne…”


La lettera di Elena, studentessa 21 anni a Fanpage.it. Non moriremo solo di Covid-19, moriremo anche di fame. Non moriremo solo di Covid-19, moriremo anche psicologicamente e pochi ne parlano. Non possiamo più solamente additare un colpevole che identifichiamo in un ‘Governo-Leviatano’. Possiamo farcela anche noi se solo imparassimo ad ascoltare e ad essere più onesti con noi stessi.
Continua a leggere

“Sono una ragazza di 17 anni e ho bisogno di andare a scuola: non voglio arrendermi al Covid”


Ci scrive Giusy, una ragazza che l'anno prossimo dovrà sostenere l'esame di Maturità: è a casa come molti altri studenti obbligati alla didattica a distanza. "La scuola non si fa davanti ad un computer; i bambini hanno bisogno di stare in classe, di socializzare di conoscere ed imparare… e noi? Noi non abbiamo il diritto di goderci gli ultimi anni di superiori?"
Continua a leggere

Nubifragio di Palermo, la lettera di Dalila: “Intrappolata nell’auto che imbarcava acqua”


A Fanpage la lettera di Dalila, una dei tanti siciliani rimasti intrappolati in auto nel mezzo di una strada allagata, lo scorso 15 luglio, quando nel Palermitano si è abbattuto un violento nubifragio. "Ci hanno murati vivi in mezzo all’acqua senza nessun avvertimento, tutto questo solo perché mancava un vigile che ci avvertisse che la strada era chiusa. Tutto questo per la scarsa manutenzione dei condotti fognari della città di Palermo. Non deve più accadere".
Continua a leggere

“Anche a me hanno chiesto di “scalare” i 600 euro dal compenso: ma non esiste, quei soldi sono miei”


Matteo ha 25 anni e fa il geometra. Anche a lui è stato richiesto di scalare dal compenso mensile i 600 euro degli aiuti di Stato per l'emergenza Covid: "Il trattamento è aberrante e deprimente. Mi è stato richiesto di avvisarli dell'eventuale riscossione del bonus partite Iva, così da poterlo detrarre nelle successive fatture. Negherò di averli ricevuti quei soldi. Quei soldi sono miei, non avete alcun diritto di appropriarvene"
Continua a leggere

“I parchi presi d’assalto, ma io e i miei amici multati: siamo in uno stato di polizia?”


"In un momento di crisi, sanitaria ed economica come questo, pare assurdo multare sette ragazzi di 400 euro che mantengono le distanza e hanno i dispositivi. Confidiamo nel fatto che ci si trova in uno stato libero, fondato su una costituzione, e non in uno stato di Polizia, dove la sanzione è arbitraria e, malignamente, si potrebbe pensare che ad una certa età e con un determinato schieramento politico, si possa essere “al di sopra della legge”.
Continua a leggere

La richiesta dell’italiano a Londra: “Governo riapra confini per le persone nella mia situazione”


Ci scrive Elia, cittadino italiano residente all’estero. "Ho scritto a Regione, ministero degli Esteri, ministero degli Interni, Farnesina, Protezione Civile e Presidenza del Consiglio. Tutti mi hanno dato risposte vaghe. Chiedo solo di poter rivedere i miei genitori, così come molte altre persone nella mia stessa situazione".
Continua a leggere

“Il governo non è in grado di tutelare le imprese, così perdiamo sacrifici fatti in tanti anni”


Ci scrive Pablo, titolare di una microimpresa che lavora nel campo della grafica e della stampa digitale: "Stiamo vivendo una guerra sociale guerra sociale, che non vede perdere solo vite umane sul campo, ma anche morire attività imprenditoriali con conseguente perdita dei posti di lavoro. Io mi sento solo e come me tante altre persone".
Continua a leggere

“Mia mamma si è ammalata di Coronavirus: è un’infermiera, ha fatto turni di 16 ore al giorno”


Ci scrive Francesca, una ragazza di 19 anni che non vede la sua famiglia ormai da tempo. Sua madre lavora alla di Casa di Riposo Pietro Zangheri di Forlì, purtroppo qualche giorno fa è risultata positiva al Covid 19. "Mi ha chiamato per dirmi: 'Scusa Francesca se non sono più lì a combattere per loro, ma appena potrò tornerò ad aiutarli'".
Continua a leggere