San Giorgio a Cremano, vigile urbano di 30 anni si suicida sparandosi alla testa


Si è suicidato sparandosi alla testa con la pistola d'ordinanza un giovane agente di 30 anni, della Polizia Municipale di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, residente nel Comune di Ercolano. Il tragico gesto è avvenuto questa mattina, attorno alle 7, in via Giancarlo Siani a Portici, poco distante dal cimitero. Il sindaco Giorgio Zinno: "Giornata triste".
Continua a leggere

Tonino, l’imprenditore suicida nella sua fabbrica. Il premier Conte: vicino alla famiglia


Antonio, imprenditore di 58 anni della periferia est di Napoli, si è ucciso in un capannone della sua azienda nella periferia est di Napoli. L'allarme lanciato dai familiari che non lo avevano visto tornare a casa. L'uomo soffriva da tempo di depressione, aveva riaperto l'attività pochi giorni fa. Il premier Conte ha mostrato vicinanza alla famiglia parlando di "notizia dolorosa".
Continua a leggere

Ospedale Covid-19 prefabbricato: reparti dimezzati e la sala mortuaria non c’è


Dopo 4 giorni dalla presentazione alla stampa in pompa magna, l'ospedale prefabbricato costruito nel parcheggio dell'ospedale del Mare di Napoli dimezza i posti in tutti i reparti. Tagliate le terapie intensive, cardiologia, oncologia, nefrologia e dialisi. Nella struttura non c'è la sala mortuaria, si sono dimenticati di costruirla. In fretta e furia si sono disposti i lavori per costruire i bagni per i pazienti. Mancavano anche quelli. I reparti sono stati organizzati in forma mista, uomini e donne condivideranno lo stesso ambiente. Le ennesime incredibili lacune di un'opera costata 8 milioni di euro.
Continua a leggere

Coronavirus Napoli: ‘All’Ospedale del Mare mascherine inutili’, primario scrive all’Asl


Un primario dell'Ospedale del Mare, nella zona est di Napoli, ha inviato una comunicazione all'Asl Napoli 1 per chiedere dispositivi di protezione contro il coronavirus: quelli già consegnati, si legge nella nota, sono "pezzi di stoffa senza alcuna certificazione di idoneità" e non servono, quindi, a proteggere operatori sanitari e cittadini dal contagio.
Continua a leggere