L’influenza sta per raggiungere il suo picco massimo

Entro la fine di gennaio si supereranno i 3 milioni di contagi. Nella sola settimana dal 6 al 12 si sono verificati 374 mila casi.

L’influenza sta per raggiungere il suo picco massimo. Lo dimostrano i dati che arrivano in queste prime settimane di gennaio 2020. Il virus ha avuto un brusco aumento di contagi. Basti pensare si sta per arrivare a 3 milioni di casi in tutta Italia. Il bollettino dell’Istituto superiore della sanità ha parlato di circa 374 mila persone allettate dall’influenza nella settimana che va dal 6 al 12 gennaio. Da metà ottobre i casi sono stati di circa 2.268.000 persone che si sono ammalate a causa del virus che sfiorano, come dicevamo, i 3 milioni se si sommano quelli della settimana – non ancora terminata – che va dal 13 al 19. Le regioni più colpite sono quelle del Centro-Nord con Piemonte, Lombardia, Liguria, Umbria, e Lazio a fare il ruolo dei leoni in questa infausta classifica.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Cos’è l’animazione sospesa, la nuova frontiera della chirurgia

Consiste nel rallentare i parametri vitali del paziente e sostituire il sangue con una soluzione salina fredda. Le cose da sapere sulla tecnica sperimentata con successo negli Usa.

Abbassare la temperatura corporea del paziente, rallentandone le funzioni vitali, per dare ai chirurghi il tempo di intervenire: non è fantascienza, ma una tecnica innovativa sperimentata al Centro medico dell’università del Maryland, chiamata “animazione sospesa”. A dare la notizia è stato il settimanale di divulgazione scientifica inglese New Scientist.

LEGGI ANCHE: La scienza potrebbe invertire il processo di invecchiamento biologico

UNA PRATICA UTILIZZATA SOLTANTO NEI CASI GRAVI

Nell’animazione sospesa il sangue del paziente viene sostituito, a cuore fermo, da una soluzione salina fredda. Questa blocca l’attività cellulare del corpo, evitando i danni ai tessuti derivanti dalla scarsa ossigenazione. Viene utilizzata soltanto nei casi molto gravi, come nei traumi da arma da fuoco, quando il soggetto versa già in condizioni di parziale dissanguamento. Durante la procedura, il respiro e il battito cardiaco sono ancora rilevabili, ma soltanto con apposite strumentazioni di misura.

I PRIMI ESPERIMENTI SU CANI E TOPI

Il primo esperimento riuscito di animazione sospesa è stato condotto su un gruppo di topi nel laboratorio del biochimico americano Mark Roth. Gli animali sono stati introdotti in una camera contenente 80 ppm (parti per milione) di acido solfidrico per un periodo di sei ore, fino ad abbassare la loro temperatura intorno ai 13 gradi. Un altro tentativo è stato condotto nel 2005, questa volta da un gruppo di scienziati dell’Università di Pittsburgh. Gli animali in questione, dei cani, sono stati rianimati dopo tre ore di morte clinica, ma alcuni di loro hanno riscontrato notevoli danni al sistema nervoso. La sperimentazione sull’uomo è invece recentissima ed è stata messa in pratica, per la prima volta, al Centro medico dell’università del Maryland.

LEGGI ANCHE: Mappatura del genoma: così la scienza prova a vincere la sfida

A METÀ TRA LA SCIENZA E LA FANTASCIENZA

A partire dal XX secolo, l’animazione sospesa è diventato un tòpos della letteratura di fantascienza, utilizzato come artificio narrativo per giustificare la sopravvivenza dei personaggi per lunghi intervalli di tempo. Tuttavia, recentemente, l’idea è stata presa sul serio con l’obiettivo di condurre viaggi interstellari, della durata di centinaia o anche di migliaia di anni.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Cos’è l’ittiosi Arlecchino, la malattia che ha colpito Giovannino

I neonati che ne sono affetti - meno di uno su un milione - presentano squame simili a placche su tutto il corpo, grave disregolazione della temperature, problemi alimentari e disturbi respiratori.

Squame grandi, spesse e simili a placche su tutto il corpo presenti al momento della nascita, che poi evolvono in una grave e cronica desquamazione della pelle. Questa la caratteristica dell’ittiosi Arlecchino, la rarissima malattia genetica da cui è affetto Giovannino, il bimbo di 4 mesi abbandonato dai genitori all’ospedale Sant’Anna di Torino. Variante più grave dell’ittiosi congenita autosomica recessiva, l’ittiosi Arlecchino, colpisce meno di un nuovo nato su un milione. I neonati che ne sono affetti, come spiega il portale delle Malattie Rare Orphanet, sono avvolti da una membrana simile a uno strato cutaneo aggiuntivo, associata a placche a corazza, distribuite su tutto il corpo, che limitano gravemente il movimento. I lineamenti del viso sono alterati da una grave estroflessione della palpebra inferiore e del labbro e i neonati spesso presentano dita dei piedi unite.

ELEVATA MORT

La malattia si associa a un’elevata mortalità immediatamente dopo la nascita, perché comporta una grave disregolazione della temperatura, problemi alimentari, infezioni e disturbi respiratori. Quando sopravvivono, i bambini che ne sono colpiti hanno un’attesa di vita normale, anche se possono sviluppare una grave malattia della pelle (la membrana di collodio si stacca dopo poche settimane e si trasforma in una eritrodermia con desquamazione), problemi agli occhi e ritardo nello sviluppo motorio e sociale. Vista la sua complessità, la presa in carico richiede un approccio multidisciplinare, composta da oftalmologi, chirurghi, dietologi e psicologi. La malattia è trasmessa come carattere autosomico recessivo. Quindi ai genitori dei bambini con tale malattia dovrà essere offerta la consulenza genetica per informarli del rischio di ricorrenza del 25%.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Medicina – Giornata Mondiale Dissezione Aortica: al Gemelli con Massimo Massetti e Roberto Giacobbo (ilariagattina)

ilariagattina scrive nella categoria Medicina che: A Roma a partire dalle 10:30 il Policlinico Gemelli metterà a disposizione la hall dell’ingresso in largo Agostino Gemelli 8 per una serie di iniziative, che comprendono una piece teatrale e un conce
vai agli ultimi aggiornamenti su: dissezione aortica prevenzione giacobbo
1 Voti

Vai all'articolo completo » .Giornata Mondiale Dissezione Aortica: al Gemelli con Massimo Massetti e Roberto Giacobbo.
Giornata Mondiale Dissezione Aortica: al Gemelli con Massimo Massetti e Roberto Giacobbo

Medicina – Curare le ragadi alle mani in maniera naturale (frarmg)

frarmg scrive nella categoria Medicina che: Come curare le ragadi alle mani in maniera naturale? Le ragadi alle mani non sono altro che quei piccoli taglietti provocati dalla pelle secca e ispessita che si manifestano in alcuni punti particol
vai agli ultimi aggiornamenti su: salute benessere rimedi della nonna
1 Voti

Vai all'articolo completo » .Curare le ragadi alle mani in maniera naturale.
Curare le ragadi alle mani in maniera naturale