Verona, Micaela falciata da un’auto: nel suo zaino una mannaia insanguinata


Un grosso coltello da macellaio, simile a una mannaia, coperto di sangue è stato trovato nello zaino appartenente a Micaela Bicego, trovata morta ieri in un parcheggio di Lazise, nel Veronese. La donna aveva il cranio fracassato, probabilmente a causa di un investimento automobilistico. Sarà l'autopsia, tuttavia, a chiarire le cause della morte. Interrogati il marito e il figlio.
Continua a leggere

Parma, gioca con il cane di famiglia che lo azzanna al viso: bimbo di 2 anni ferito gravemente


Un bambino di 2 anni è rimasto gravemente ferito dopo il cane di famiglia l ha azzannato al volto mentre giocavano insieme durante la passeggiata notturna e davanti agli occhi dei suoi genitori. Trasferito in ospedale, la prognosi dei medici è di 30 giorni. Proseguono gli accertamenti su quanto successo, ma a quanto pare l'animale non avrebbe mai avuto in precedenza alcun atteggiamento aggressivo.
Continua a leggere

Mamma di due figli scomparsa a Scicli: il mistero di Maria Giovanna Aprile


È scomparsa a Scicli, Ragusa, una domenica mattina, dalla casa in cui viveva con il marito Carmelo e i due figli gemelli. Per la Procura non è mai uscita da quella casa. È il mistero di Maria Giovanna Aprile, mamma ventisettenne scomparsa, il 25 ottobre 1998,  dal quartiere San Giuseppe, nella zona vecchia del paese siculo. Nessuno l'ha vista allontanarsi da casa. Ventun anni e una lunga indagine non sono stati sufficienti a consegnare la verità alla famiglia di Maria Giovanna.
Continua a leggere

Cadavere riaffiora dal mare: scioccante ritrovamento sulla spiaggia in Sardegna


Scioccante ritrovamento in mare a Quartu, in Sardegna. Un corpo senza vita è stato ritrovato in mare al Poetto. Il cadavere è stato avvistato all'altezza del McDonald's. Sarà l'autopsia, disposta dall'autorità giudiziaria, a fare luce sulle cause della morte. Per il momento, fanno sapere gli investigatori, nessuna ipotesi è esclusa, neanche quella del delitto.
Continua a leggere

Carini, malore durante battuta di pesca subacquea: Giovanni muore davanti agli occhi del figlio


Un uomo di 65 anni, Giovanni Zampardi, è morto dopo essersi immerso in mare, per praticare, secondo una prima ricostruzione, una battuta di pesca subacquea nei pressi di Villagrazia di Carini, nel Palermitano. La vittima avrebbe accusato un malore che gli è risultato fatale. La tragedia davanti agli occhi del figlio, che ha soccorso il padre e lo ha trascinato a riva, ma non è riuscito a salvarlo.
Continua a leggere

Torino, il patrigno abusò di lui e delle sue fidanzatine: ora deve pagare i suoi debiti


Un ragazzo di 25 anni sarà costretto a pagare i debiti, per un totale di circa 15mila euro per utenze mai pagate, del patrigno condannato a 14 anni di carcere per aver abusato di lui e di alcune sue amiche quando erano ancora minorenni. La decisione di Atc: "Comprendiamo la situazione di disagio, ma questa è la conclusione di una procedura stabilita per legge che la nostra Agenzia è tenuta ad applicare".
Continua a leggere

Gianluca e Flavio uccisi da mix di droghe, l’avvocato del pusher: “Gli ha venduto solo metadone”


Proseguono le indagini sulla morte di Gianluca e Flavio, i due adolescenti di Terni trovati morti dai genitori la mattina del 7 luglio dopo aver trascorso insieme la serata precedente. Ad ucciderli forse un mix di droghe. Un pusher di 41 anni è stato fermato: "Ha ammesso di aver venduto loro solo metadone, è distrutto". Ma c'è il giallo della codeina. Domani prevista l'udienza di convalida del fermo.
Continua a leggere

Venezia, uccide l’ex della compagna a colpi di pistola, poi cerca di rianimarlo


Andrebbe ricercato nel conflitto tra Simone Meggiato e l'ex marito della compagna, Antonio Baldan, da questa denunciato per stalking, il movente del delitto che ha sconvolto Mira, in Veneto. Baldan è stato colpito dal Meggiato con due proiettili ai fianchi mentre i due lottavano davanti alla casa della donna. Dopo aver sparato il Meggiato avrebbe tentato di rianimare il rivale con la respirazione bocca a bocca, per poi chiamare i soccorsi. È accusato di omicidio volontario.
Continua a leggere

Lega la madre una branda e la lascia a morire di freddo: condannato all’ergastolo


Ha immobilizzato l'anziana madre legandola a una branda e l'ha lasciata a morire nella villa di famiglia. Mauro Traverso, 48 anni, è stato condannato dalla Corte d'Assise per la morte della madre Igina Fabbri, di 71, trovata nella vecchia casa in una borgata di Arquata Scriva (Alessandria), su una brandina e con i polsi legati, il 6 febbraio 2018.
Continua a leggere

Bangladesh, condannato a morte il serial killer della catena: ha ucciso sette donne


Vestito con abiti alla moda e curato nell'aspetto, Sarkar si faceva aprire la porta di casa con il pretesto di prendere le letture del contatore elettrico e poi le stuprava e le strangolava con una catena da bicicletta: condannato a morte il serial killer della catena. L'uomo, 42 anni, sposato e padre di tre figli è indagato in altri 15 casi. Le vittime hanno un'età compresa tra i 16 e i 75 anni.
Continua a leggere

L’omicidio di Valerio Gentile, aggredito a sassate e lasciato cadavere nel bosco a 17 anni


Trovato nei boschi in zona 'Monacelle' con il cranio sfondato a pietrate, a faccia in giù. Così, dopo 48 ore dalla scomparsa un gruppo di ragazzini ha trovato il cadavere del diciassettenne Valerio Gentile, liceale ed ex seminarista, il 14 maggio del 1993. Da allora, nonostante le accuse verso due coetanei, il caso è rimasto senza colpevoli.
Continua a leggere

Cerignola, Nunzia uccisa dal marito davanti ai figli. All’avvocato lui ha chiesto: “È morta?”


Angelo Di Meo, 44enne di Cerignola (Foggia), è stato arrestato con l'accusa di omicidio della moglie Nunzia Compierchio, di 41 anni. La donna è stata uccisa domenica sulla porta di casa davanti ai figli minorenni della coppia, due bambini di 11 e 12 anni. Di Meo, a quanto emerso, ha problemi di tossicodipendenza e in passato è stato ricoverato nei Cim.
Continua a leggere

Frullati all’erba cipollina contro il cancro: così è morto un medico versiliese


Frullati di erba cipollina contro il cancro al fegato, un male da cui sarebbe guarito scacciando il demonio. Così è morto Francesco Del Po, medico anestesista che ha rinunciato alle cure che salvavano i suoi pazienti. Nella vicenda sono ora indagati un frate, sua sorella e una sedicente 'mistica'. Il sospetto è che De Po sia stato persuaso da loro a comprare gli intrugli 'contro il diavolo', pagandoli diverse migliaia di euro, nella convinzione che lo avrebbero guarito.
Continua a leggere

Forte dei Marmi, 18enne si tuffa dal pontile con gli amici ma non riemerge: ricerche in corso


Ricerche in corso nelle acque di Forte dei Marmi, in provincia di Lucca, dove da ieri è disperso un ragazzo di 18 anni, di origini ghanesi ma residente a Parma, che non è più riemerso dopo essersi tuffato dal famoso pontile della città mentre si trovava con gli amici. Per perlustrare le acque si è anche alzato l'elicottero Drago dei vigili del fuoco di Arezzo. Non è escluso che il giovane abbia avuto un malore.
Continua a leggere

Uccide la moglie e la compagna in Austria, poi si suicida in Italia con tre colpi di pistola


Ernst Johann Brunner è l'autore del doppio femminicidio verificatosi ieri in Austria: ha ucciso prima la sua attuale compagna a colpi di pistola e poi la sua ex moglie con un tirapugni. Fuggito in Italia, si è infine suicidato a Tarvisio con tre colpi di arma da fuoco in un parcheggio dopo aver bevuto un caffè al bar con gli amici.
Continua a leggere

Chi è Christian Stefan Brückner, sospettato del rapimento e dell’omicidio di Maddie McCann


Rapinatore, trafficante di droga, stupratore: ecco chi è Christian Stefan Brückner, il criminale tedesco condannato per pedofilia ritenuto sospettato del sequestro e dell'omicidio di Maddie McCann, la bimba britannica di 3 anni scomparsa in Portogallo nel 2007. La procura tedesca indaga Brückner anche per il rapimento della piccola Inga, ribattezzata 'German Maddie.'
Continua a leggere

Uccise figlioletto di un anno durante una lite in famiglia: 20 anni a Niccolò Patriarchi


Uccise a coltellate il figlioletto di un anno e ferì gravemente la moglie: sono stati confermati 20 anni di carcere a Niccolò Patriarchi, il responsabile del delitto avvenuto a Scarperia (Firenze) il 17 settembre 2018.  Assolto invece dall'accusa del tentato omicidio della moglie, Annalisa Landi, che ha perso l'uso del braccio colpito dalle coltellate nel tentativo di difendere il piccolo Michele.
Continua a leggere

Città Sant’Angelo, bimba di tre mesi e mezzo muore soffocata a causa di un rigurgito


Dramma a Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara, dove una bambina di soli tre mesi e mezzo è morta soffocata a causa di un rigurgito. A lanciare i soccorsi sono stati genitori che l'hanno trovato priva di conoscenza nel suo lettino. Indagini in corso: il magistrato di turno ha disposto l'autopsia. Il sindaco Perazzetti: "La sua scomparsa ci lascia sgomenti".
Continua a leggere

Dramma a Bardolino, soffoca la moglie malata e si suicida gettandosi nel lago di Garda


Un uomo di 78 anni ha prima ucciso la moglie, da tempo gravemente malata, e poi si è suicidato gettandosi nelle acque del lago di Garda dove il suo corpo è stato recuperato sabato mattina. Secondo le prime informazioni disponibili, a scatenare la follia omicida dell'anziano sarebbero state proprio le condizioni di salute della donna.
Continua a leggere

Pensionato pestato a morte a Manduria: condanne dagli otto ai dieci anni per tre giovani


Tre giovani, tutti maggiorenni del gruppo che concorse a procurare la morte di Antonio Stano il pensionato di 66 anni di Manduria, sono stati condannati a pena tra gli otto e i dieci anni. Per loro il pm ne aveva chiesti 20. Assolti dal reato di sequestro di persona. Caduta anche l'aggravanti della morte per vessazione. Quanto ai 13 minorenni che parteciparono alle angherie contro Stano era già stato concesso loro il beneficio della messa alla prova.
Continua a leggere

Ferrara, folgorato mentre fa una manutenzione: operaio ucciso da uno scarica elettrica


Un operaio di 60 anni di Porto Tolle è morto folgorato mentre stava faceva manutenzione all'impianto elettrico di una cartiera a Mesola, in provincia di Ferrara. Sotto choc i colleghi che hanno assistito all'incidente. Il decesso è avvenuto per arresto cardiocircolatorio ma probabilmente verrà fatta l'autopsia. Sul posto carabinieri e personale di medicina del lavoro.
Continua a leggere