Anziana trovata morta nel Foggiano con ferita alla testa, i sospetti dei carabinieri su un ragazzo


Continuano le indagini dei carabinieri del comando provinciale di Foggia per dare un nome e un volto all'omicida dell'anziana donna ritrovata morta nel suo appartamento di San Marco la Catola nel pomeriggio di sabato scorso. I sospetti si sarebbero concentrati su un ragazzo del posto che sarebbe stato interrogato nel pomeriggio.
Continua a leggere

Estetista uccisa e data alle fiamme a Bari, pentito rivela: “L’amante confessò il delitto di Bruna”


Bruna Bovino, estetista italo-brasiliana, aveva 29 anni quando fu trovata morta nel suo centro estetico a Mola di Bari: nel processo bis di appello un pentito ha confermato di aver ascoltato la confessione dell’amante della donna, Antonio Colamonico. In carcere gli avrebbe detto "di essere stato l'autore dell'omicidio di Bruna per motivi di gelosia”.
Continua a leggere

Vignola, resta libero l’uomo che ha ucciso la moglie malata soffocandola con un cuscino


Il gip del tribunale di Modena Andrea Scarpa ha convalidato l'arresto del 73enne Franco Cioni, reo confesso dell'omicidio di Laura Amidei, la moglie di 68 anni gravemente malata, avvenuto mercoledì a Vignola (Modena), ma l'uomo resta libero in attesa del processo. Per il giudice non c’è il pericolo di fuga o inquinamento prove.
Continua a leggere

Nitrito di sodio nelle penne al salmone, 19enne avvelena il compagno della mamma: fermo convalidato


Convalida del fermo per Alessandro Leon Asoli, il 19enne di Ceretolo di Casalecchio di Reno nel Bolognese che avrebbe avvelenato la mamma e il suo compagno, Loreno Grimandi, servendo loro a cena giovedì scorso un piatto di penne al salmone a cui avrebbe aggiunto una sostanza risultata, da primi accertamenti, essere nitrito di sodio, che avrebbe acquistato su internet. L'uomo è morto mentre la donna è ricoverata in ospedale. È quanto ha deciso il Gip del Tribunale di Bologna, Gianluca Petragnani Gelosi.
Continua a leggere

Bologna, 19enne serve “penne al salmone avvelenate” a madre e compagno: morto l’uomo, grave la donna


Ha ucciso il compagno della madre e ridotto la donna in fin di vita, il 19enne di Ceretolo di Casalecchio, nel Bolognese, che ha preparato per i due una cena avvelenata. Sono stati i vicini, allarmati dal trambusto ad allertare i carabinieri: quando i militari sono giunti sul posto, il giovane ha confessato il tutto: ora dovrà rispondere dell'accusa di omicidio aggravato.
Continua a leggere

Avvelena il marito per stare con l’amante, 36enne arrestata a Termini Imerese


Svolta nelle indagini sulla morte improvvisa di Sebastiano Rosella Musico, il pizzaiolo di Termini Imerese deceduto a 40 anni a causa di quello che era inizialmente sembrato un malore dovuto a cause naturali: dall'autopsia sul corpo dell'uomo infatti sono emerse chiare tracce di cianuro che hanno portato all'immediato arresto della moglie per omicidio.
Continua a leggere

Strage nel Torinese, pensionato uccide moglie, figlio e proprietari di casa: poi tenta il suicidio


Strage la notte scorsa nel Torinese dove un pensionato di 83 anni ha ucciso a colpi d'arma da fuoco la moglie, il figlio disabile e l'anziana coppia, proprietaria di casa dell'appartamento di Rivarolo Canavese. All'arrivo dei carabinieri l'uomo ha poi tentato il suicidio sparandosi al volto: si trova ricoverato in gravi condizioni in ospedale.
Continua a leggere

Coniugi fatti a pezzi a Firenze, su una valigia trovato dna maschile


È quanto emerge dalle analisi dei carabinieri del Ris sui bagagli dove erano stati nascosti i resti dei coniugi Shpetim e Tauta Pasho, scomparsi a Firenze nel 2015. Un profilo di dna incompleto, appartenente a un uomo, è stato trovato sulla maniglia di una delle valigie. L'inchiesta vede indagati il figlio della coppia, la sua ex e il fratello di lei.
Continua a leggere

Albera Paola morta a Ferrara, il figlio si autoaccusa dell’omicidio: “Soffocata con un cuscino”


Sarebbe morta per asfissia Alberta Paola Sturaro, la donna di 75 anni trovata senza vita in via Ghiara a Ferrara lunedì scorso. È quanto emerge dai primi risultati dell'autopsia che confermerebbero la versione del figlio della vittima, Stefano Franzolin, 48 anni, che si è autoaccusato prima sul luogo del delitto e poi durante l'interrogatorio con gli inquirenti dell'omicidio.
Continua a leggere

Benno Neumair, accolta la richiesta del pm: sì alla perizia psichiatrica


Sono tre gli esperti nominati dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Bolzano per effettuare la perizia psichiatrica - psicologica nei confronti di Benno Neumair, il 30enne di Bolzano che ha ucciso i genitori Peter Neumair e Laura Perselli e ha poi gettato i loro cadaveri nel fiume Adige. Il gip ha così accolto la richiesta avanza dal pubblico ministero.
Continua a leggere

Ferrara, anziana trovata morta in casa: il figlio portato in caserma per essere interrogato


I carabinieri stanno interrogando in queste ore il figlio della donna di 75 anni trovata senza vita nel suo appartamento di Ferrara questa mattina. L'uomo, 48 anni, affetto da disagio psichico, si sarebbe accusato della morte dell'anziana. Ad allertare il 112 uno psichiatra che ha raccontato di aver ricevuto un messaggio: "Una donna è morta, è stata uccisa dal figlio".
Continua a leggere

Omicidio Saluzzo, Giuseppina uccisa a martellate dal figlio mentre era a letto


Giuseppina Moiso è stata massacrata in casa sua dal figlio 47enne Umberto Ciauri nel tardo pomeriggio di domenica a Saluzzo, in provincia di Cuneo. Il dramma scoperto solo quando l'uomo si è suicidato gettandosi dal balcone della stessa casa. Solo in quel  momento infatti è scattato l'allarme di passanti e residenti e l'intervento dei carabinieri.
Continua a leggere

Uccide moglie e suocera e si suicida, l’arma del delitto era nascosta tra gli abiti nell’armadio


Ci sono però pochi dubbi sul fatto che il coltello sia quello usato da Antonio Granata per uccidere la moglie Carolina Bruno, di 65 anni, e l’anziana madre di questa, la 95enne Lorenza Addolorata. La lama del coltello rivenuto infatti è spezzata nella parte superiore e risulta perfettamente combaciante con l'altra metà di lama rinvenuta la sera stessa del delitto.
Continua a leggere

Livorno: litigano per la cucina in disordine, il figlio accoltella e uccide il padre


Francesco Biagi, 28 anni, ha colpito il genitore Stefano Biagi, 64 anni, durante una lite nella cucina della loro casa a Venturina. Ora il 28enne, ricercatore in chimica, è in carcere a Livorno. Deve rispondere di omicidio volontario aggravato dai futili motivi. Non era la prima volta, secondo la ricostruzione dei carabinieri, che il ragazzo aggrediva il padre.
Continua a leggere

La chiesa in cui fu trovata Elisa Claps riaprirà al culto, il fratello: “Offesa alla sua memoria”


Dopo lavori di restauro la chiesa della Santissima Trinità di Potenza, dove fu trovato nel 2010 il cadavere di Elisa Claps, sarà riaperta al culto dopo essere rimasta chiusa per 11 anni. Il fratello della ragazza uccisa: “Non è ammissibile cancellare 17 anni di omissioni e di menzogne offendendo la memoria di Elisa e la sensibilità di quanti non vorrebbero mai che in quella Chiesa si tornassero a celebrare funzioni religiose”.
Continua a leggere

Torino, positivo al Covid scappa dall’ospedale: arrivato a casa si spara e muore


Tragedia nel Torinese. Un uomo di 37 anni era stato ricoverato in ospedale ed era risultato positivo al coronavirus. Era però riuscito ad allontanarsi dalla struttura, per fare ritorno a casa. Dove però ha compiuto un gesto estremo, sparandosi un colpo in testa. Subito soccorso, per lui non c'è stato nulla da fare: l'uomo è deceduto in ospedale.
Continua a leggere

Quartu, aggredisce la sorella e la trafigge con uno spiedo: arrestato. Grave la donna


È stata aggredita dal fratello al culmine di un violento litigio l'ex assessora del comune di Quartu Sant'Elena, in provincia di Cagliari, Luisa Carta. La donna è stata trafitta da uno spiedo e si trova ora ricoverata in fin di vita in ospedale: è stato il fratello, 49 anni, a chiamare i soccorsi subito dopo essersi scagliato contro di lei.
Continua a leggere

No all’attenuante della “tempesta emotiva”: condannato a 30 anni l’assassino di Olga Matei


Dopo più di quattro anni dal terribile omicidio è giunta la condanna definitiva a 30 anni per l'assassino di Olga Matei, l'allora fidanzato Michele Castaldo che nel 2016 strangolò la donna a Riccione. Nessun attenuante per l'uomo per nella prima sentenza d'appello ha visto la pena ridursi a 16 anni per una "soverchiante tempesta emotiva" causata dal suo vissuto: sentenza aspramente criticata che aveva portato a un appello bis.
Continua a leggere