Treviso, 20enne cade nel Sile: il padre si tuffa per salvarlo, ritrovato 4 ore dopo


Giallo a Treviso, dove un ragazzo di 20 anni è scomparso dopo essere caduto nel fiume Sile. Il padre, testimone della scena, pare si sia tuffato per salvarlo ma senza trovare traccia del figlio. A quel punto è scattato l'allarme: il ragazzo è stato poi ritrovato quattro ore più tardi a Istrana, su segnalazione di alcuni avventori di un bar dove sarebbe entrato bagnato fradicio.
Continua a leggere

Treviso, 20enne cade nel Sile: il padre si tuffa per salvarlo, ritrovato 4 ore dopo


Giallo a Treviso, dove un ragazzo di 20 anni è scomparso dopo essere caduto nel fiume Sile. Il padre, testimone della scena, pare si sia tuffato per salvarlo ma senza trovare traccia del figlio. A quel punto è scattato l'allarme: il ragazzo è stato poi ritrovato quattro ore più tardi a Istrana, su segnalazione di alcuni avventori di un bar dove sarebbe entrato bagnato fradicio.
Continua a leggere

Roberta Ragusa, la figlia Alessia sulle nozze di Antonio e Sara: “Felice che ci sposino”


"Sono felice si sposino: se mio babbo è felice, io sono felice per lui". Così a 'Live - Non è la d'Urso', Alessia Logli, la 19enne aspirante modella figlia di Roberta Ragusa e Antonio Logli. "Mi è stata vicina e avevo bisogno di una figura femminile - spiega - mancando mamma, ha cercato di aiutarmi come meglio poteva a crescere. Adesso le voglio bene". Logli ha chiesto la mano di Sara Calcolaio dal carcere dove sconta la pena per l'omicidio della moglie.
Continua a leggere

Incidente a Condofuri, intrappolato in macchinario per lavori sulla ferrovia: muore operaio 49enne


Un operaio di 49 anni, Francesco Venturi, è morto mentre era impegnato in un'attività di manutenzione per la sua azienda, la quale a sua volta lavora per conto di Rfi, della linea ferrata a Condofuri: pare sia rimasto incastrato, a fine turno, per cause che sono in corso di accertamento, tra gli ingranaggi del nastro trasportatore di un macchinario. Lascia la moglie e due figli di 19 ed 11 anni.
Continua a leggere

Lecce, triplice fischio degli arbitri al funerale di Daniele De Santis: “Fai buon viaggio”


Si è svolto questa mattina presso la cattedrale di Lecce il funerale di Daniele De Santis, l'arbitro 30enne ucciso insieme alla fidanzata Eleonora Manta nella loro abitazione nei pressi della stazione ferroviaria della città salentina. Al termine della celebrazione il feretro è stato salutato dai suoi colleghi direttori di gara, e aspiranti tali, con il triplice fischio. Il vescovo Seccia al killer: "Costituisciti".
Continua a leggere

Lacrime e rabbia ai funerali del piccolo Andrea, ucciso dal padre con un colpo di pistola


Sulle note di 'Angels' di Robbie Williams è andato in scena l'ultimo saluto al piccolo Andrea Baima Poma, il bimbo di undici anni ucciso dal padre domenica scorsa nella villetta di famiglia a Rivara. I funerali del piccolo si sono celebrati nel parco di Villa Ogliani, sede del municipio del piccolo comune in provincia di Torino.
Continua a leggere

Delitto di Lecce, la criminologa: “Eleonora e Daniele vittime di una punizione”


Il delitto di Lecce, il duplice omicidio di Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, i due fidanzati assassinati sull'uscio di casa, ha sconvolto la città salentina. Mentre continuano nel massimo riserbo le indagini della procura, a Fanpage.it, parla Isabel Martina, criminologa leccese esperta di cold case nonché persona vicina alla famiglia. "Il killer ha deciso che Daniele ed Eleonora dovevano morire. Era arrivata loro di punirli".
Continua a leggere

Eleonora e Daniele uccisi a Lecce: l’immagine del killer nelle videocamere di sorveglianza


È il killer, l'individuo che ha accoltellato con inusitata ferocia Eleonora e Daniele, la figura stinta che si vede nelle immagini della videosorveglianza. Su questo fotogramma gli inquirenti stanno lavorando per dare un volto all'autore della mattanza di via Montello, a Lecce, dove lunedì i due giovani fidanzati sono stati assassinati.
Continua a leggere

“Accompagnateci con le Harley”: il no dei bikers ai funerali del padre omicida


"Mi rivolgo ai bikers, accompagnateci con le Harley, vogliamo sentire il rombo dei motori". Così aveva scritto su Facebook Claudio Baima Poma prima di uccidere il figlioletto e uccidersi nella casa di Rivara del Canavese, riferendosi alle esequie. Non andrà così. "Il giorno dei funerali la mia Harley resterà in garage - scrive Marco, un biker - ma mi fermerò tre minuti per dedicare una preghiera ad Andrea".
Continua a leggere

Quindici anni senza Federico, il dolore di papà Aldrovandi: “Ogni anno rivivo l’incubo”


Il 25 settembre 2005, quindici anni fa, il diciottenne Federico Aldrovandi veniva ucciso dalla polizia in via dell'Ippodromo a Ferrara. Le parole di papà Lino nell'anniversario dell'omicidio: "Ogni anno, giunta l’alba, si ripete l'incubo, il ricordo orribile dell’uccisione di un figlio da parte di chi avrebbe dovuto proteggerlo. Quello che non mi darà mai pace sono le urla di Federico con quelle sue parole di 'basta' e 'aiuto' sentite anche a centinaia di metri".
Continua a leggere

Fidanzati uccisi a Lecce, la chiave del giallo nei biglietti insanguinati in cortile


Una manciata di biglietti imbrattati di sangue potrebbe contenere la soluzione al giallo di Lecce, nonché il DNA dell'assassino di Daniele De Santis ed Eleonora Manta, pugnalati con estrema ferocia sull'uscio del loro appartamento in via Montello. Eleonora è stata colpita 30 volte, Daniele circa la metà. Prima di morire la ragazza avrebbe gridato: 'Andrea, no!'.
Continua a leggere

Verona, morto nonno Antonio: era caduto in una scarpata tenendo la nipotina per mano


Tragedia a Marano di Valpolicella, dove Antonio Sartori, nonno di 77 anni, è morto dopo 3 giorni di agonia in seguito ad una caduta. L'uomo, infatti, si trovava con la figlia e la nipotina di 4 anni quando ha perso l'equilibrio mentre passeggiava sul percorso che da Malga Biancari scende al ponte tibetano ed è finito in una scarpata. Illesa la bambina, che teneva per mano.
Continua a leggere

Un silenziatore e 70 proiettili in casa: forse Baima Poma pianificava da tempo l’omicidio


Settanta munizioni sono state ritrovate in una busta conservata nella cucina della casa di Rivara dove è Claudio Baima Poma ha ucciso suo figlio e si è ucciso. Ha usato un'arma con matricola abrasa di provenienza illegale e dotata di un silenziatore fabbricato artigianalmente. Non voleva che qualcuno sentisse quando avrebbe fatto fuoco.
Continua a leggere

Caso Ragusa, Logli chiede la mano di Sara dal carcere: “Ci sposeremo e avremo un figlio”


"Antonio mi ha chiesto di sposarlo in carcere. Io vorrei un figlio". Sono le parole di Sara Calzolaio, compagna di Antonio Logli, 57 anni, recluso in carcere dal 10 luglio per l'omicidio della moglie Roberta Ragusa, avvenuto nel 2012 a San Giuliano Terme (Siena). "Abbiamo abbracciato da un paio d'anni la dottrina della Chiesa Evangelica, che non ammette la convivenza. Quindi oltre al forte sentimento che ci induce a fare quel passo, avvertiamo anche l'esigenza di regolarizzarci davanti a Dio".
Continua a leggere

Omicidio-suicidio Prato: la bambina era in casa mentre la mamma veniva uccisa dal papà


Quando Leonardo Santini ha ucciso la compagna Claudia Corrieri, per poi suicidarsi da un ponte, in casa con loro c'era probabilmente anche la figlia di 2 anni. Il particolare emerge dalle indagini sull'omicidio-suicidio avvenuto a Briglia di Vaiano, in provincia di Prato. Solo dopo il delitto l'uomo avrebbe accompagnato la bambina dai nonni.
Continua a leggere

Dramma a Partinico, bimbo nasce morto dopo cesareo d’urgenza: “Qualcosa non andava”


Dramma a Partinico, a pochi passi da Palermo, dove un bambino è nato morto in seguito ad un parto cesareo d'urgenza. Qualche giorno prima la mamma 25enne sentiva che qualcosa non andava, così ha chiamato il ginecologo che le ha consigliato il ricovero. Ignote le cause di quanto successo: un'inchiesta è stata aperta e oggi sarà effettuata l'autopsia sul corpo del piccolo per risolvere il mistero.
Continua a leggere

Offese Valentina Pitzalis su Facebook: condannata per diffamazione la mamma dell’ex marito


Roberta Mamusa, la mamma di Manuel Piredda, il giovane muratore morto nel 2011 nel rogo della sua casa di Bacu Abis, nel quale rimase sfigurata anche la sua ex moglie, Valentina Pitzalis, è stata condannata dal tribunale di Cagliari per diffamazione nei confronti della ex nuora, che aveva più volte offeso sui social. L'amarezza di Valentina: "Sono contenta che abbia ricevuto l’ennesima condanna, tuttavia trovo ridicola la pena che le è stata inflitta".
Continua a leggere

Duplice omicidio Lecce: chi era Eleonora Manta, la fidanzata dell’arbitro Daniele De Santis


“Non mi capacito. Una ragazza straordinaria vittima di una tragedia simile, sono sconvolta” dice, tra le lacrime, un’amica della ragazza, 30 anni, uccisa ieri sulle scale del palazzo dove viveva con il fidanzato a Lecce. Da poco aveva vinto un importante concorso dell'Inps, dopo essersi specializzata per la magistratura.
Continua a leggere

Duplice omicidio a Lecce, un uomo e una donna accoltellati dopo una lite: caccia al killer


Duplice omicidio in via Montello a Lecce, nei pressi della stazione ferroviaria dove un uomo e una donna sono stati uccisi a coltellate probabilmente al culmine di una lite. Le indagini sono in pieno svolgimento per ricostruire quanto successo. Le forze dell’ordine al momento cercano un uomo che sarebbe stato visto allontanarsi a piedi dall’edificio in cui sono stati ritrovati i corpi.
Continua a leggere

Uccide il figlio e si toglie la vita, la madre dell’uomo: “Lo amava così tanto da portarselo con lui”


"Si era separato un anno e mezzo fa, e da allora non è stato più lo stesso. È andato in depressione, senza più riuscire ad uscire da questo tunnel", dice Fernanda Baima Poma, madre di Claudio e nonna di Andrea, commentando il terribile omicidio-suicidio di Rivara. Tra padre e figlio c'era un rapporto molto stretto assicura la donna.
Continua a leggere

Torna a casa dai genitori per il weekend, trovata morta nella doccia: mistero sulle cause


Si chiamava Immacolata Bisanti la ragazza di 38 anni trovata morta nella doccia della casa familiare di Gagliano del Capo, nel Salento. Di professione insegnante, Imma viveva in Emilia Romagna ed era rientrata a casa dai suoi per il weekend. Sarà l'autopsia a stabilire la causa della morte. "Tornare a casa è meraviglioso", scriveva sulla sua pagina Facebook.
Continua a leggere