Australian Open 2020, Sandgren elimina Fognini al quarto turno

Dopo Berrettini, il tennista americano fa fuori anche il numero 12 al mondo. E non è la prima volta.

L’avventura di Fabio Fognini agli Australian Open finisce qui. Il tennista azzurro è stato battuto per tre set a uno (6-7, 5-7, 7-6, 4-6) dall’americano Tennys Sandgren agli ottavi di finale. Dopo Matteo Berrettini (numero 8 nel ranking Atp), quindi, un altro italiano è stato eliminato nel primo slam della stagione sempre per mano dell’atleta del Tennessee. Ma c’è di più. Questa non è la prima sconfitta di Fognini (numero 12 al mondo) contro Sandgren.

LA SCONFITTA DI WIMBLEDON

Era il 6 luglio 2019. A Wimbledon, terzo grande slam della stagione, il tennista di Arma di Taggia incontrò Sandgren al terzo turno. Sulla carta, un partita “tranquilla”, visto che Fognini si trovava nelle zone alte della classifica Atp, mentre lo sportivo americano sostava alla posizione numero 94. Invece, il campo decretò un risultato diverso: 6-3, 7-6, 6-3. Fognini a casa. Con la seconda sconfitta agli Australian Open, si può dire: Tennys Sandgren è la nemesi sportiva di Fabio Fognini.

AUSTRALIAN OPEN 2020, I MATCH DEL 27 GENNAIO

Senza più italiani in gara nel singolare maschile agli Australian Open, ecco il calendario delle gare del 27 gennaio:
– Monfils (10)-Thiem (5)
– Medvedev (4)-Wawrinka (15)
– Rublev (17)-Zverev (7)
– Nadal (1)-Kyrgios (23)

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le cose da sapere sugli Open d’Australia del 2020

Tutto pronto a Melbourne per uno dei principali incontri del tennis mondiali. Presenti i big Nadal, Djokovic e Federer. Ma anche l'Italia spera. Tanto nel maschile quando nel femminile.

Scongiurato il pericolo rinvio per paura degli incendi, gli Australian Open possono finalmente iniziare. Salvifiche le piogge abbondanti cadute a Melbourne e nelle zone degli incendi. L’acqua ha migliorato la qualità dell’aria e soprattutto che le fiamme avanzassero senza però spegnere del tutto i roghi che stanno tenendo sotto scacco il Paese sin dalla fine del 2019. Aria pulita – per ora – e animi rasserenati. Almeno quel tanto che basta per non rinviare una delle classiche del tennis mondiale.

I BIG IN GARA

Si parte lunedì 20 gennaio, in campo il numero due del ranking Novak Djokovic contro il tedesco Jan Lennard Struff, 37esimo. Sembra una semplice formalità invece il passaggio del turno per Rafa Nadal, che al primo turno trova il boliviano Hugo Dellien (numero 72 nel ranking), e per l’altro big Roger Federer, terzo, che se la dovrà vedere con l’americano Steve Johnson (81esimo).

DUE GLI ITALIANI TESTE DI SERIE

Sono solo due gli italiani inseriti nelle teste di serie. Si tratta di Matteo Berrettini, ottavo nella classifica dei migliori tennisti al mondo, e Fabio Fognini (12esimo). Al primo è toccato il sudafricano Lloyd Harris (91) avversario certamente abbordabile, mentre al secondo non è andata così bene. Fognini, infatti, è atteso dall’americano Reilly Opelka che occupa il 38esimo posto del ranking mondiale. Entrambi sono nello stesso spicchio di tabellone e nel caso di arrivo agli ottavi di entrambi si prospetterebbe un possibile derby tutto italiano.

LA PROMESSA SINNER

Grande attesa per la presenza del promettente Jannik Sinner. Il 18enne è stato inserito nel tabellone principale. Per lui non si sa ancora chi sarà lo sfidante dato che arriverà direttamente dalle qualificazioni. Per l’altoatesino c’è grande curiosità visto anche l’exploit avuto nel 2019 che lo ha portato a essere uno dei tennisti italiani più promettenti.

GLI ALTRI ITALIANI IN GARA

Sorteggio poco fortunato per gli altri italiani impegnati nella competizione. A Marco Cecchinato è toccato il numero sette al mondo Alexandr Zverev. Per Lorenzo Sonego è l’idolo locale Nick Kyrgios l’ostacolo da superare, mentre Salvatore Caruso avrà un compito proibitivo con il fenomeno greco Stefanos Tsitsipas numero sei al mondo. Leggermente meglio è andata ad Andreas Seppi che se la vedrà con il serbo Kecmanovic (numero 53).

L’AUSTRALIAN OPEN DELLE DONNE

In campo femminile il primo turno riserva un’inedita e interessante sfida tutta americana tra l’atleta più giovane, la 15enne Coco Gauff e quella più anziana, la 39enne Venus Williams. Anche la regina del tennis mondiale Serena Williams, ormai 38enne, se la dovrà vedere debutterà contro una giovanissima e promettente 18enne: la russa Anastasia Potapova. Esordio facile per la numero uno in carica e beniamina di casa Ashleigh Barty. L’australiana è attesa dalla sfida con Lesia Tsurenko che a Melbourne non è mai riuscita a fare grandi prestazioni. La giapponese Naomi Osaka, a lungo numero uno e oggi numero 3 del ranking, deve scontrarsi con la ceca Marie Bouzkova (numero 59) e in avanti potrebbe trovare Serena Williams.

LE ITALIANE A MELBOURNE

Ci sono anche due italiane in campo a Melbourne: Jasmine Paolini, numero 94, che al primo turno giocherà contro la russa Anna Blinkova (numero 58) e Camila Giorgi pronta a dare battaglia a un’avversaria proveniente dalle qualificazioni.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Federer risponde a Greta Thunberg: “Parlerò con lo sponsor, siamo dalla stessa parte”


Il campione svizzero ha deciso di rispondere a Greta Thunberg e a tutti gli attivisti che nelle scorse settimane lo avevano accusato di avere rapporti commerciali con Credite Suisse che dal 2016 avrebbe investito 57 miliardi di dollari sull’industria fossile una delle principali cause per il cambiamento climatico. "Parlerò con lo sponsor, ho a cuore i problemi climatici. Siamo dalla stessa parte"
Continua a leggere

Tennis, esibizione benefica per l’Australia: in campo Federer, Nadal e Serena Williams


Mercoledì 15 gennaio, alla 'Rod Laver Arena', a Melbourne si sfideranno in un'esibizione benefica sette grandissimi tennisti. Giocheranno per aiutare l'Australia, devastata dagli incendi, quattro grandi tennisti: Rafa Nadal, Roger Federer, Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas, e tre grandi giocatrici: Serena Williams, Naomi Osaka e Caroline Wozniacki.
Continua a leggere

Lo splendido gesto di Kyrgios: donerà 200 dollari per ogni ace per le vittime degli incendi


Le immagini dell'Australia devastata dalle fiamme sono sotto gli occhi di tutti. In Australia inizia la stagione del tennis e Nick Kyrgios, il giocatore più talentuoso tra gli australiani, ha lanciato un'iniziativa di solidarietà a cui hanno aderito anche i connazionali De Minaur e Millman. Per ogni ace che realizzerà nell'ATP Cup e negli Australian Open Kyrgios donerà 200 dollari.
Continua a leggere

Sport, il calendario del 2020: 10 cose da seguire, dall’Europeo alle Olimpiadi di Tokyo


Dieci eventi sportivi del 2020 più attesi tra quelli in programma nel nuovo anno. Dal primo Campionato Europeo di calcio itinerante della storia ai Mondiali di Ciclismo che si terranno in Svizzera, dai tornei continentali di nuoto e d’atletica alle nuove entusiasmanti stagioni del Mondiale di Formula 1 e di MotoGP fino alle attesissime edizioni 2020 della Coppa Davis di tennis, della Ryder Cup di golf e del Sei Nazioni di rugby, saranno dunque tantissimi gli eventi sportivi di rilievo che ci attendono in questo nuovo anno che sta per arrivare e che avrà come evento clou i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.
Continua a leggere

Dalla Pellegrini a Berrettini, 10 personaggi sportivi del 2019 da ricordare


Leo Messi, Jurgen Klopp e Sinisa Mihajlovic hanno segnato il 2019 del calcio, come Megan Rapinoe, capitano degli Usa campioni del mondo al femminile. E' l'anno di Federica Pellegrini, Dorothea Wierer e Matteo Berrettini per lo sport italiano, di Marc Marquez e Lewis Hamilton nei motori, dei Toronto Raptors che hanno fatto la storia in NBA.
Continua a leggere

Bahmet perde 6-0 6-0 senza fare un punto. La peggior sconfitta di sempre del tennis


Nel torneo ITF di Doha l'ucriano Artem Bahmet ha perso 6-0 6-0 contro il tailandese Krittin Koaykul. L'incontro è durata appena 22 minuti. Bahmet non ha fatto nemmeno un punto e per questo il ko di Bahmet rappresenta la peggior sconfitta di sempre nella storia del tennis. Ci sono però grossi sospetti su questo incontro. In Spagna c'è chi pensa che dietro il ko dell'ucraino ci sia stato un giro di scommesse.
Continua a leggere

Roger Federer su una moneta da 20 franchi, è il primo omaggio a uno svizzero vivente


Roger Federer, uno dei grandi sportivi di tutti i tempi, tennista vincitore di 20 tornei del Grande Slam e numero 1 per oltre 300 settimane, è stato celebrato dalla zecca di stato svizzera che ha messo l'effigie di Federer mentre sta per colpire di rovescio su una moneta da 20 franchi. Questa è la prima volta che la Svizzera celebra una persona in vita su una moneta.
Continua a leggere

Italia eliminata dalla Coppa Davis

L'Australia si ritira e regala al Belgio un 6-0 6-0 che esclude gli azzurri dal ripescaggio. Bolelli e Fognini ko dopo tre set.

Italia eliminata dalla Coppa Davis, ancor prima di terminare la sfida con gli Stati Uniti. L’Australia ha infatti abbandonato il suo doppio, regalando al Belgio un 6-0 6-0 che ha escluso matematicamente gli azzurri dalla possibilità di un ripescaggio.

Gli americani hanno comunque chiuso la sfida con l’Italia vincendo 2-1 nel gruppo F: dopo il successo di Fabio Fognini ed il ko di Matteo Berrettini, è arrivata la sconfitta nel doppio, con Simone Bolelli e lo stesso Fognini che hanno ceduto a Sam Querrey e Jack Sock dopo tre set: 6-7(4-7) 7-6(7-2) 6-4 il punteggio.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le cose da sapere sulla Coppa Davis 2019 di tennis

Il nuovo formato. Il programma. Le chance dell'Italia. Le nazionali favorite. Guida all'evento (ripensato dal difensore del Barcellona Piqué) che strizza l'occhio al Mondiale di calcio.

La prima volta della nuova Coppa Davis. La competizione di tennis per nazionali, la cui edizione del 2019 è al suo atto finale dal 18 al 24 novembre, fa il suo esordio a Madrid nel rinnovato format che ricorda da vicino il Mondiale di calcio. E non è un caso se a pensarlo è stato Gerard Piqué, difensore del Barcellona, che col suo fondo di investimento Kosmos ha siglato un accordo venticinquennale del valore di 2,5 miliardi di euro con la Federazione Internazionale Tennis (Itf). Ai nastri di partenza anche un’Italia rinfrancata dagli ottimi risultati di Matteo Berrettini, numero otto del ranking mondiale e fresco di partecipazione alle Atp Finals di Londra.

Coppa Davis: i gironi della fase finale.

IL NUOVO FORMAT: SEI GIRONI, POI GLI SCONTRI DIRETTI

Sui campi indoor in cemento e con tetto mobile della Caja Magica di Madrid sono pronte a sfidarsi 18 nazionali divise in sei gironi: l’Italia è nel gruppo F, con Canada e Stati Uniti. La fase a gironi si svolge da lunedì 18 novembre a giovedì 21 novembre. Passano ai quarti di finale le sei vincenti dei gironi e le due migliori seconde. I quarti, a eliminazione diretta, cominciano giovedì nella sessione serale con la prima sfida, mentre le altre tre sono in programma venerdì. Sabato le semifinali e domenica la finale che assegnerà l’Insalatiera d’argento. Per snellire il torneo, ciascun incrocio prevede due singolari e un doppio e tutti i match sono al meglio dei tre set (non più cinque come in passato).

GLI AZZURRI: BERRETTINI-FOGNINI CONTRO CANADA E USA

A difendere i colori dell’Italia (in diretta tv su Supertennis) sono Berrettini, Fabio Fognini, numero 12 del mondo, Lorenzo Sonego, alla prima chiamata in azzurro, e i veterani Andreas Seppi e Simone Bolelli. Il capitano è Corrado Barazzutti, che firmò nel 1976 l’unico trionfo italiano in Davis nella storia. Il primo impegno è il 18 novembre contro il Canada, rappresentato nel singolare dagli enfant prodige Denis Shapovalov e Felix Auger-Aliassime. In squadra anche Vasek Pospisil, specialista del doppio, mentre non c’è l’ex top ten Milos Raonic, infortunato alla schiena. Al suo posto il capitano Frank Dancevic ha chiamato Brayden Schnur. Il 20 novembre, poi, l’Italia sfida gli Stati Uniti, che hanno sì conquistato per 32 volte il torneo che si assegna dal 1900, ma non arrivano in finale da 12 anni. Il team statunitense è ancora nel bel mezzo di un ricambio generazionale che ha in Taylor Fritz e Frances Tiafoe giovani di buona prospettiva, ma non futuri top player. Per l’Italia, un girone non facile, ma nemmeno proibitivo.

GLI ALTRI GRUPPI: FARI SU SPAGNA, FRANCIA E SERBIA

Gli altri gironi vedono la Francia insieme alla Serbia del numero due del mondo Novak Djokovic e al Giappone; la Croazia con la Spagna del numero uno Rafa Nadal e con la Russia del numero quattro Daniil Medvedev; l’Argentina nel gruppo di Germania e Cile; il Belgio con Australia e Colombia; il Regno Unito assieme a Kazakhstan e Paesi Bassi. La Spagna, forte anche del fattore campo, è data dai bookmaker come favorita. Alle sue spalle, tra le altre, Francia, Serbia e Russia. L’Italia parte in seconda fila, dietro Australia, Regno Unito, Usa, Croazia, Argentina e Germania, e davanti al Canada. Più staccati Belgio, Giappone, Cile e Kazakhstan. Fanalini di coda Colombia e Paesi Bassi.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Chi è Jannik Sinner, vincitore delle Next Gen Finals

Cosa sappiamo del tennista azzurrino che da numero 95 nella Top 100 del ranking ATP ha letteralmente spazzato via il numero 18 del mondo, Alex De Minaur.

La stella di Jannik Sinner per il momento brilla nel cielo di Milano, presto però risplenderà anche nel firmamento del tennis mondiale. Il 18enne nato in provincia di Bolzano (a San Candido), infatti, al termine di un incontro senza storia, ha vinto la terza edizione delle Next Gen Finals disputate nell’Allianz Cloud. Da numero 95 del mondo – ma ancora per poco – l’azzurrino ha letteralmente spazzato via il 20enne australiano e numero 18 del mondo, Alex De Minaur. Di 3-0 il punteggio finale, frutto di un doppio 4-2 e di un secco 4-1, che vale il primo titolo Atp per un ragazzo che farà molto parlare di sé e fa già sognare giustamente il movimento tennistico italiano. L’australiano era un avversario proibitivo in finale, dall’alto dei 3 titoli Atp in stagione (Sydney, Atlanta e Zhuhai), ma Sinner non ne ha tenuto conto, giocando un tennis aggressivo e concreto, brillante e assai preciso. Contro Tiafoe, Ymer, Humber e Kecmanovic era stato bravissimo, ma la sera del 9 novembre si è elevato al ruolo di fuoriclasse con un futuro di altissimo profilo tecnico. Ecco cosa sappiamo su di lui.

È APPASSIONATO DI SCI

Da buon abitante della Val Pusteria è appassionato di sci. Fino al 2013 il tennis era solo un passatempo.

È IL PIÙ GIOVANE TENNISTA ITALIANO ENTRATO NELLA TOP 100 DEL RANKING ATP

Quello che era solo un passatempo è diventato in breve tempo una fonte di soddisfazioni e record: Sinner è infatti il più giovane italiano di sempre ad avere vinto un Challenger e a entrare nella Top 100 del ranking ATP.

NEL 2019 HA GIÀ GUADAGNATO 258 MILA DOLLARI

Risultati che negli anni l’hanno portato a vincite sempre più ricche tanto che nel 2019 ha già guadagnato 258 mila dollari. Cifra che esclude il premio delle Next Gen ATP Finals.

È TESTIMONIAL DELLA NIKE

Ma le entrate di Sinner non sono solo legate ai vari tornei a cui partecipa: a maggio 2019 ha firmato anche un contratto di sponsorizzazione con la Nike per quanto riguarda il suo abbigliamento.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Nadal primo e Berrettini ottavo nel ranking Atp di tennis

Nuova classifica mondiale: lo spagnolo ha scavalcato Djokovic ed è sul trono. Ma il n.1 della stagione si decide alle Finals di Londra. Il romano nella terza migliore posizione di sempre per gli italiani. In tutto otto azzurri fra i primi 100.

Il trono Atp ha un nuovo padrone, con una buona notizia azzurra nella top 10. La principale novità arrivata dal ranking pubblicato il 4 novembre riguarda Rafa Nadal, tornato in testa alla classifica del tennis mondiale: a Novak Djokovic non è bastato trionfare nel “1000” di Parigi-Bercy, visto che la semifinale raggiunta dal maiorchino (e poi non disputata per via di un infortunio) è stata sufficiente per interrompere dopo un anno esatto la sua leadership.

SOLO PANATTA E BARAZZUTTI MEGLIO DI BERRETTINI

Ma il ranking suona anche “storico” per il tennis italiano che dopo aver ottenuto il pass di Matteo Berrettini al Masters londinese, a coronamento di una stagione straordinaria, vede proprio il 23enne tennista romano salire all’ottavo posto in graduatoria, la terza migliore posizione di sempre dopo la quarta piazza di Adriano Panatta (agosto 1976) e la settima di Corrado Barazzutti (agosto 1978) e migliore anche di Fabio Fognini, numero 9 a luglio 2019.

Matteo Berrettini.

PER NADAL 640 PUNTI DI MARGINE

Nadal ha riconquistato per l’ottava volta in carriera la prima posizione mondiale e ora ha 640 punti di margine, da difendere alle “Finals” di Londra, su Djokovic il quale ha aritmeticamente la possibilità di chiudere l’anno in testa se dovesse raggiungere la finale da imbattuto.

FEDERER SUL PODIO, SALE TSITSIPAS

In terza posizione si è confermato Roger Federer, con 485 punti di margine sul russo Daniil Medvedev, seguito da Dominic Thiem. Grazie alla semifinale nell’ultimo “1000” della stagione il greco Stefanos Tsitsipas ha scavalcato al sesto posto Alexander Zverev che precede a sua volta Berrettini, il quale è già sicuro di chiudere il 2019 tra i primi 10.

Roger Federer.

BALZO DI 13 GRADINI PER IL CANADESE SHAPOVALOV

Da record personale anche il nono posto dello spagnolo Roberto Bautista Agut, mentre a chiudere la top ten è il francese Gael Monfils. La finale a Bercy ha consentito invece un balzo di 13 posizioni al canadese Denis Shapovalov, per la prima volta fra i top 15, mentre si rivede nei primi 20 del mondo il bulgaro Grigor Dimitrov.

jannik-sinner-atp-ranking
Jannik Sinner.

DA CECCHINATO A SINNER, GLI ALTRI AZZURRI

Fognini, come detto, ha consevato la 12esima posizione mentre è risalito di un gradino Lorenzo Sonego (ora 53esimo) ed è sceso di uno Marco Cecchinato (72esimo), con Andreas Seppi stabile al 74esimo posto. Considerati anche Stefano Travaglia (86esimo), il 18enne Jannik Sinner (95esimo) e Salvatore Caruso (97esimo), sono otto gli azzurri fra i primi 100 del mondo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Matteo Berrettini si è qualificato per le Atp Finals di tennis

Il tennista romano è il primo italiano a raggiungere il torneo dal 1978, il terzo in assoluto dopo Panatta e Barazzuti. Decisiva la sconfitta di Monfils contro Shapovolov.

La sconfitta contro Jo-Wilfred Tsonga nel secondo turno del torno di Parigi Bercy è stata indolore. Matteo Berrettini parteciperà alle Atp Finals in programma a Londra dal 10 novembre, terzo italiano della storia dopo Adriano Panatta e Corrado Barazzutti. Il romano ha ottenuto l’ultimo posto nella Race to London ed è riuscito ad entrare tra i migliori otto giocatori dell’anno grazie alla sconfitta di Gael Monfils nei quarti di finale del torneo di Bercy. Il francese era rimasto l’unico a potergli strappare il pass, in caso di accesso alla semifinale, ma nella sfida con Denis Shapovalov è stato sconfitto per 6-2, 6-2.

ZERO VITTORIE AZZURRE NEI DUE PRECEDENTI

Shapovolov aspetta ora il vincente della sfida tra Rafa Nadal e Tsonga, per scoprire il suo avversario nella semifinale di Parigi. Intanto l’Italia, che ha addirittura cullato il sogno di portare due tennisti alle Finals, con Fabio Fognini terminato non molto distante dai primi otto, può festeggiare un traguardo storico. La prima volta di un italiano alle Atp Finals fu nel 1975, a Stoccolma, con Adriano Panatta. Tre anni dopo toccò a Corrado Barazzuti, a New York 1978. Entrambi terminarono la loro esperienza con zero vittorie, un successo renderebbe dunque Berrettini il miglior italiano di sempre nella storia del torneo. Gli altri sette qualificati per Londra sono il serbo Novak Djokovic, lo spagnolo Rafa Nadal, lo svizzero Roger Federer, il russo Daniil Medvedev, l’austriaco Dominick Thiem, il greco Stefanos Tsitsipas e il tedesco Alexander Zverev. È la prima volta dal 1970 che le Finals hanno un campo partenti interamente composto di giocatori europei.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Chi è Andrea Gaudenzi, il nuovo presidente del circuito Atp di tennis

Un italiano al vertice del massimo organismo mondiale della racchetta. Già numero 18 del mondo, dopo il ritiro si è laureato ed è diventato un manager di successo nel Regno Unito. Il profilo.

L’Italia è sempre più al centro del tennis mondiale. Dopo l’assegnazione delle Atp Finals a Torino dal 2021 al 2025, ora il movimento tricolore esulta per la nomina di Andrea Gaudenzi a presidente dell’associazione che riunisce i giocatori professionisti di tutto il mondo.

IL NOME DI GAUDENZI SCELTO ALL’UNANIMITÀ

Ex tennista azzurro, arrivato a numero 18 del mondo nel 1995, Gaudenzi è stato scelto all’unanimità dal board dei direttori dell’Atp. Entrerà in carica dal primo gennaio 2020 per un mandato di quattro anni. «L’Atp è stato centrale in tanti modi nella mia vita», ha detto Gaudenzi, «perciò avere l’opportunità di diventarne presidente è un onore. Non vedo l’ora di impegnarmi per guidare il futuro del circuito e rendere sempre più forte il successo globale e la popolarità di questo sport, in una delle epoche più straordinarie nella storia del tennis maschile».

MANAGER E IMPRENDITORE DOPO IL RITIRO

Romagnolo di Faenza, 46 anni, Gaudenzi nel 1990 ha vinto i tornei junior del Roland Garros e degli Us Open, nella sua carriera ha vinto tre titoli Atp, con 31 partite in Coppa Davis (tra cui la finale del 1998). Una volta ritiratosi, si è laureato in giurisprudenza a Bologna eHA conseguito un master in Business administration, diventando poi manager e imprenditore. Ha lavorato con Bwin gestendo le sponsorizzazioni di Milan e Real Madrid, ha creato una propria società di management che ha gestito per anni Fabio Fognini e Andreas Seppi. Oggi vive a Londra, come tanti italiani di successo, e ha creato varie start-up nel settore musicale e dei giochi online.

LA COLLABORAZIONE SVILUPPATA CON LA FEDERTENNIS

Negli anni ha sviluppato una collaborazione ad alto livello anche con la Federtennis. Anche in virtù di questa esperienza è diventato consulente di Atp Media, la società che cura, tra vari aspetti, anche i diritti televisivi dei tornei Atp 250 e 500. Cosa di cui Gaudenzi si è occupato, con buoni risultati, e che lo ha portato sulla poltrona più ambita. Tra i complimenti arrivati al neoeletto anche quelli della sindaca di Torino, Chiara Appendino, anche lei ‘fresca’ di successo nel mondo del tennis dopo l’assegnazione delle Finals: «Congratulazioni ad Andrea Gaudenzi» – ha scritto la prima cittadina su Facebook – «sono certa che la collaborazione con lui e con Atp sarà estremamente positiva».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Tennis – LORENZI ELIMINATO DAL TORNEO DI SAN PIETROBURGO , AVANZA IL TEDESCO KOHLSCHREIBER (stefanocalzol)

stefanocalzol scrive nella categoria Tennis che: Al "St. Petersburg Open", torneo Atp 250 dotato di un montepremi di un milione di dollari, che si disputa sul campo veloce indoor di San Pietroburgo, in Russia, Paolo Lorenzi si arrende al...
vai agli ultimi aggiornamenti su: tennis grand slam lorenzi kohlschreiber
1 Voti

Vai all'articolo completo » .LORENZI ELIMINATO DAL TORNEO DI SAN PIETROBURGO , AVANZA IL TEDESCO KOHLSCHREIBER.
LORENZI ELIMINATO DAL TORNEO DI SAN PIETROBURGO , AVANZA IL TEDESCO KOHLSCHREIBER

Tennis – TENNIS NEWS : LE NUOVE CLASSIFICHE ! LE ULTIME SU ROGER FEDERER ! (stefanocalzol)

stefanocalzol scrive nella categoria Tennis che: Queste sono le classifiche Atp e Wta aggiornate ad oggi, lunedì 18 settembre 2017 : ATP : 1. Rafael Nadal (Esp) 9465 (--); 2. Roger Federer (Sui) 7505(--); 3. Andy Murray (Gbr) 6790 (--); 4...
vai agli ultimi aggiornamenti su: tennis slam news federer classifiche
1 Voti

Vai all'articolo completo » .TENNIS NEWS : LE NUOVE CLASSIFICHE ! LE ULTIME SU ROGER FEDERER !.
TENNIS NEWS : LE NUOVE CLASSIFICHE ! LE ULTIME SU ROGER FEDERER !

Tennis – WTA INTERNATIONAL , QUEBEC CITY : PRIMO TITOLO IN CARRIERA PER ALISON VAN UYTVANCK (stefanocalzol)

stefanocalzol scrive nella categoria Tennis che: Alison Van Uytvanck trionfa alla "Coupe Banque Nationale", torneo WTA International da 250mila dollari di montepremi, giunto alla 25esima edizione, che si é concluso sul campo indoor ...
vai agli ultimi aggiornamenti su: tennis grand slam alison van uytvanck
1 Voti

Vai all'articolo completo » .WTA INTERNATIONAL , QUEBEC CITY : PRIMO TITOLO IN CARRIERA PER ALISON VAN UYTVANCK.
WTA INTERNATIONAL , QUEBEC CITY : PRIMO TITOLO IN CARRIERA PER ALISON VAN UYTVANCK

Tennis – TENNIS NEWS : MARGARET COURT E I MATRIMONI GAY … (stefanocalzol)

stefanocalzol scrive nella categoria Tennis che: Benjamin Becker ha deciso di ritirarsi ufficialmente dal tennis e di tornare sui libri, all’università di Baylor, per completare il semestre finale di studi e laurearsi. Nel 2004 come giocatore
vai agli ultimi aggiornamenti su: tennis grand slam court gay
1 Voti

Vai all'articolo completo » .TENNIS NEWS : MARGARET COURT E I MATRIMONI GAY ....
TENNIS NEWS : MARGARET COURT E I MATRIMONI GAY ...