Assassinio nella cattedrale

Questa sera, alle ore 21, il quadriportico del Duomo di Salerno, ospiterà la “prima” di “Ho ucciso i Beatles” scritto da Stefano Valanzuolo, per il primo degli appuntamenti a Salerno del Napoli Festival

Di OLGA CHIEFFI

Ripercorrere la storia dei Beatles attraverso la voce allo stesso tempo potente e suadente di Sarah Jane Morris, ma secondo il punto di vista dell’assassino di John Lennon, è l’idea di fondo dell’atto unico di Stefano Valanzuolo: “Se qualcuno avesse chiesto a Mark David Chapman chi erano i Beatles, lui avrebbe certamente potuto parlarne per ore e ore, e forse avrebbe finito con il paragonare John al giovane Holden, il protagonista del suo romanzo di culto. Quando fu arrestato, la notte dell’8 dicembre 1980 a New York, davanti al Dakota Building, Chapman aveva ancora tra le mani il libro di Salinger. Poco distante da lui, a terra, il corpo di John Lennon. Con cinque colpi di pistola, l’ex bamboccione venuto da Honolulu aveva spezzato per sempre la vita di John, il sogno dei Beatles e, insieme a esso, quello di milioni di persone in tutto il mondo”. Stasera nel quadriportico, della cattedrale di Salerno, alle ore 21,  il Napoli Teatro Festival in trasferta, proporrà “Ho ucciso i Beatles”, un atto unico per cantante, attore e quartetto d’archi su testo di Stefano Valanzuolo, mentre Pierluigi Iorio ne firma la regia e il progetto scenico con Sarah Jane Morris e Solis String Quartet, mentre la voce recitante sarà quella di Paolo Cresta con colonna sonora le musiche dei Beatles trascritte e arrangiate da Antonio Di Franci. Consegnare i Beatles alla storia o forse, piuttosto, conferire gloria a se stesso per sentirsi importante, il motivo che ha armato la sua mano quell’otto dicembre 1980 fuori al Dakota Building di New York. Ex guardia giurata di Honolulu, per ciò che ha commesso ora è rinchiuso in carcere, le manette strette ai polsi e accanto una piccola radio gracchiante che trasmette brandelli di musica. L’infanzia di Mark non è stata felice: odio verso il padre, violenza, tanto dolore e rabbia accumulata sono i sentimenti che ne hanno accompagnato la crescita, forgiato i pensieri, la visione del mondo circostante. Solo la musica dei Fab Four, ieri come oggi, è riuscita a tenergli compagnia; a colmare quel baratro di solitudine sul cui precipizio si trovava e si trova ancora, come la sua mente labile, la sua anima angosciata. Eppure, neanche la musica è stata capace di salvarlo; neanche quelle canzoni tante volte ascoltate lo hanno riappacificato con se stesso e con gli altri. Probabilmente, anzi, sono state proprio loro a determinare l’inizio della fine. Cinque colpi di pistola, un rumore sordo, ed ecco che la vita del giovane Chapman e quella dei Beatles tutti è cambiata per sempre. Che l’appellativo “assassino” gli si è cucito addosso, così come le accuse e il disprezzo dei fan e del mondo intero privati, d’un tratto, del loro mito. Dei loro miti. Ma quanto in realtà – si domanda il venticinquenne omicida – egli è diverso dallo stesso Lennon, anche lui colpevole di aver “ammazzato” i Beatles molto prima di lui? E per quanto tempo ancora il perdono dovrà essere a lui negato, così come non è stato fatto, invece, per John, leader del gruppo rock inglese più noto al mondo, quando decise di abbandonare la band? Costretto nella sua piccola cella, domande senza risposta si affolleranno fino alla fine. Compito di Paolo Cresta sarà di  rendere con efficacia la schizofrenia del suo personaggio e le sue contraddizioni, mentre le note, quelle delle melodie beatlesiane, appunto, sono state affidate al Solis String Quartet, con Vincenzo Di Donna e Luigi De Maio al violino, Gerardo Morrone alla viola e Antonio Di Franci al cello, capolavori come Ticket to ride, Eleanor Rigby, Yesterday e ancora The Fool on the Hill («Un pezzo del ‘67 di Paul McCartney – spiega Valanzuolo – che, incredibile a dirsi, sembra profetizzare la follia di Chapman. Leggi il testo e guardi negli occhi quest’uomo che ucciderà l’altra metà dei Beatles, ponendo fine al sogno di una generazione»), Come togheter e molte altri esplodono, con tutta la loro forza, nell’universalità e versatilità che contraddistingue loro, grazie ai virtuosismi dei Solis. 

L’immagine della prova generale dello spettacolo è di Francesco Truono

Consiglia

25 aprile: la prima Festa della Liberazione in 75 anni che non festeggeremo in piazza


Per la prima volta in settantacinque anni non celebreremo la Festa della Liberazione in piazza o negli spazi pubblici. E i tradizionali omaggi del 25 aprile si spostano on line e sul web. A partire dalle testimonianze della Resistenza partigiana promossa dall'Istituzione Bologna Musei e dal Museo civico del Risorgimento.
Continua a leggere

10 febbraio, Giorno del ricordo: i 5 libri da leggere per capire le foibe


Per capire le foibe, cosa sono state e cosa rappresentano storicamente, ecco una lista di 5 libri, tra accurati saggi storici, ricostruzioni documentarie, ma anche libri fotografici e romanzi. Da "Sopravvissuto e dimenticati" di Marco Girardo, fino al racconto di Trieste specchio del Novecento in "La città interiore" di Mauro Covacich, meglio leggere un libro per sfuggire alla retorica.
Continua a leggere

Giorno della Memoria: la sorella di Anna Frank e il suo diario dimenticato


Oggi ricorre la Giornata della Memoria, scelta per commemorare le migliaia e migliaia di vittime dell’Olocausto. E, quando si parla di ricordo, il Diario di Anna Frank è senza dubbio l’opera più commovente che ci sia: ma c’è un personaggio, raccontato proprio dalla piccola scrittrice, che molti hanno dimenticato. È sua sorella Margot: anche lei scrisse un diario, mai trovato.
Continua a leggere

Oggi è il Capodanno Cinese: le origini e le leggende legate all’importante festività


Il 25 gennaio, inizia ufficialmente l’anno del Topo: cade oggi, infatti, l’inizio del nuovo anno tradizionale cinese. Il Capodanno, o Festa di Primavera, è una data estremamente significativa nel calendario orientale, che cambia ogni anno e ogni anno porta con sé un nuovo e diverso animale: perché? Qual è l’origine dell’importantissima festività che quest’anno rischia di essere dimenticata a causa dell’emergenza coronavirus.
Continua a leggere

Amedeo Modigliani: 100 anni fa moriva il grande artista livornese


La vita e l’arte di Amedeo Modigliani conservano ancora oggi, a distanza di un secolo esatto dalla morte, un fascino senza precedenti. Fascino derivato dall'immagine di artista "dannato" e reso ancor più emblematico da capolavori unici, che non ebbero paragoni nel clima artistico europeo del primo Novecento. Tanti i racconti di Modì: ecco quello, affettuoso, del pittore Jacques Lipchitz e quello, emozionante e illuminante, fatto da Angelo Longoni nell'ultima biografia pubblicata per Giunti Editore.
Continua a leggere

Perché Macao in Cina, dove c’è la coronavirus, è uno dei luoghi più importanti al mondo


Macao, in Cina, dove è stato annunciato un caso di coronavirus, è una località turistica, ricca di casino, uomini d'affari e storia. Dai tempi in cui era una colonia portoghese, la sua posizione è strategica per Pechino, da cui dipende amministrativamente. Con la vicina Hong Kong condivide un alto livello di autonomia dalla Repubblica popolare cinese, almeno fino al 2049.
Continua a leggere

Raffaello, dopo 500 anni la sua morte è ancora un mistero: sifilide o avvelenamento?


Il protagonista assoluto di questo 2020 sarà Raffaello: quest’anno, infatti, ricorre il quinto centenario dalla scomparsa del genio urbinate. Il 6 aprile 1520, lo stesso giorno del suo compleanno, il Sanzio muore dopo quindici giorni di febbre e salassi inutili. La reale causa della malattia resterà però un mistero: le ipotesi sono affascinanti, e contribuiscono a farci conoscere meglio anche la sua vita al di là dell’arte.
Continua a leggere

Osho: 30 anni fa moriva il controverso leader spirituale degli “uomini arancioni”


Il 19 gennaio del 1990 moriva una delle personalità più controverse dell’ultimo secolo: si tratta del Guru e maestro spirituale indiano Osho, noto ancora oggi in tutto il mondo per i suoi insegnamenti volti alla conquista di una vita assolutamente libera. Ma Osho, negli anni Ottanta, fu famoso anche per il legame con i suoi "uomini arancioni" e con alcuni fatti di cronaca che sconvolsero gli Stati Uniti. Ecco la sua storia.
Continua a leggere

‘O Sole mio: 100 anni fa moriva Giovanni Capurro, autore della famosissima canzone napoletana


Il 18 gennaio 1920 muore, a Napoli, Giovanni Capurro. Giornalista e poeta, Capurro muore in quella stessa città a cui aveva regalato uno dei suoi "inni" più celebri: 'O Sole mio. Una canzone leggendaria, portata al successo anche grazie al talento di Ernico Caruso: ma quando venne pubblicata, nel 1898, 'O Sole mio non ebbe tutto il successo sperato. Ecco la sua storia, e quella del suo dimenticato autore morto un secolo fa.
Continua a leggere

Harry e Meghan rinunciano alla corona: i 5 scandali a corte più famosi di sempre


La decisione di abbandonare la Famiglia reale britannica, da parte del Harry e di sua moglie Meghan, non è il primo colpo di scena che vede protagonista la Royal Family. Dall'abdicazione di Giorgio VIII alla morte della principessa Lady Diana, passando per "il discorso del Re" e il caso Epstein: tutti i momenti storici in cui la corona inglese ha rischiato grosso.
Continua a leggere

La Terza guerra mondiale: 5 volte in cui il mondo ha già rischiato grosso


Dopo l'uccisione di Soleimani in Iran da parte degli Usa e la "feroce vendetta" messa in atto da Teheran in queste ore contro le basi militari americane, è tornata di moda l'espressione Terza guerra mondiale. Lo scenario, giudicato improbabile dai maggiori esperti internazionali, in passato è stato sfiorato in diverse occasioni. Dalla guerra di Corea alla crisi dei missili a Cuba: tutte le volte che il mondo è stato sull'orlo dell'abisso.
Continua a leggere

Beethoven 2020: tutte le celebrazioni per i 250 anni del genio “sordo” della musica


Nel 2020 si festeggeranno i 250 anni dalla nascita di Ludwig Van Beethoven, il genio musicale che nonostante la sordità compose l"Inno alla gioia" pochi anni prima di morire, a Vienna, dove è tuttora sepolto. Dalla sua città natale, Bonn, a Parigi, Londra e New York: tutte le celebrazioni per il compleanno del grande compositore.
Continua a leggere

7 opere sulla strage di Piazza Fontana: libri, poesie, teatro, canzoni per non dimenticare


Il 12 dicembre ricorrono i cinquant’anni dalla strage di piazza Fontana. Capire un pezzo così complesso del mosaico che compone la storia dell’Italia dell’ultimo secolo, non è cosa facile: ci abbiamo provato ricordando le opere letterarie e poetiche attraverso le quali è possibile rileggere quella storia in modo diverso. Da Pasolini a Dario Fo, passando per i fumetti della Bonelli e per le ricerche di Deaglio e Cucchiarelli, ecco 7 opere da leggere per capire piazza Fontana.
Continua a leggere

La bomba di Enrico Deaglio: “Strage piazza Fontana può ripetersi, Pinelli eroe”


Intervista a Enrico Deaglio, autore per Feltrinelli de "La bomba. Cinquant'anni di Piazza Fontana". Il giornalista e scrittore racconta a Fanpage.it, in un libro denso di notizie e documenti inediti, cosa accadde il 12 dicembre del 1969 a Milano. E aggiunge: "Oggi l'Italia è più forte di allora. Ma il fatto di aver avuto Salvini ministro dell’Interno fino a pochi mesi fa, deve spaventare chiunque".
Continua a leggere

Il 10 dicembre è la Giornata mondiale dei Diritti Umani: ecco perché


Ogni 10 dicembre, dal 1950, si celebra la Giornata mondiale dei Diritti Umani. Una data importantissima, scelta all’indomani del secondo conflitto mondiale e alla luce dell’emanazione della Dichiarazione universale dei diritti umani, per ribadire il valore fondamentale di parole come “libertà” e “dignità”. Quest’anno l’attenzione è però rivolta in modo particolare ai giovani: sono loro a doversi alzare in piedi contro le discriminazioni e le iniquità a cui ancora oggi ci pieghiamo.
Continua a leggere

La vera storia di San Nicola di Bari, il Babbo Natale legato al “Sinterklaas” olandese


Un mistero internazionale avvolge la figura di Babbo Natale. Nei secoli, da San Nicola di Bari è arrivato in Olanda, dove sotto il nome di Sinterklaas è approdato negli Stati Uniti con la scoperta delle Americhe. Qui è diventato Babbo Natale che tutti conosciamo: ecco il mitico viaggio di Santa Claus in giro per il mondo e nei secoli.
Continua a leggere

Furto gioielli Dresda: perché la “Gruene Gewoelbe” è la più grande collezione in Europa


La sala dalle Volte Verdi nel Castello di Dresda è il museo dove è conservata la più grande collezione di gioielli antichi d'Europa. Dal Diamante verde alle corone di Sassonia e Polonia, sono diversi i tesori contenuti alla "Gruene Gewoelbe" che stanotte è stata presa di mira dai ladri per quello che è già stato definito il "più grande colpo d'arte dal Dopoguerra ad oggi".
Continua a leggere

Shakespeare and Company: 100 anni fa apriva la libreria più famosa del mondo


Il 19 novembre 1919 Sylvia Beach apriva i battenti della sua piccola libreria al numero 12 di Rue de l’Odéon, inconsapevole del grandioso successo che avrà negli anni successivi: la Shakespeare and Company diverrà infatti un punto d’incontro fra la cultura inglese e quella francese, rifugio preferito di Hemingway, Joyce, Valery e tanti altri. Ecco la storia di una delle librerie più famose di sempre.
Continua a leggere

L’affare Dreyfus e il “J’accuse”: la storia raccontata da Roman Polanski nel suo film


La storia del capitano Alfred Dreyfus, accusato ingiustamente di aver tradito l'esercito francese, è stato uno degli episodi più controversi della storia occidentale tra XIX e XX secolo. Il fallimento della giustizia, l'antisemitisimo e il pericolo di essere perseguitati ingiustamente sono al centro del film "L'ufficiale e la spia" di Roman Polanski.
Continua a leggere

Perché il 17 novembre è la Giornata internazionale degli studenti


Dal 1941, ogni 17 novembre, in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale degli studenti. Una ricorrenza fondamentale per la difesa della libertà d’espressione, nata dalla lotta antinazista degli universitari cecoslovacchi e caricata, negli anni, di tutte quelle rivendicazioni che porteranno alla cosiddetta "Rivoluzione di velluto”. Ecco l’origine di questa particolare Giornata.
Continua a leggere

Acqua alta a Venezia: i dipinti del Canaletto spiegano il disastro


Venezia è tornata nuovamente a fare i conti con l'acqua alta: e, mentre si contano i danni, si discute sul modo migliore per affrontare le conseguenze di un fenomeno con il quale la città convive da sempre. E interviene anche il Canaletto: è proprio a partire da alcuni suoi dipinti che gli studiosi hanno cercato di comprendere in che modo l’acqua ha cambiato il volto di Venezia nei secoli.
Continua a leggere

30 anni fa cadeva il Muro di Berlino: le storie di chi non vide mai quel giorno


Per quasi trent’anni la capitale tedesca è stata divisa in due da 3 metri di cemento e filo spinato che rendevano impossibile agli abitanti spostarsi da Est a Ovest. Perentorio l’ordine delle autorità: nessuno avrebbe mai più oltrepassato il Muro, nemmeno a costo della vita. E, negli anni, furono centinaia coloro che morirono nel tentativo di scappare: la prima donna si chiamava Ida, mentre l’ultimo uomo, morto appena 8 mesi prima del 9 novembre 1989, Winfried. Ecco le loro storie.
Continua a leggere

Storia – Forlì ospita dal 4 al 7 ottobre 2017 900fest (viaggiemiraggi)

viaggiemiraggi scrive nella categoria Storia che: “Libertà e uguaglianza, la Rivoluzione russa e il Novecento” è il tema della IV edizione del 900Fest, Festival di Storia del Novecento che si svolge a Forlì dal 4 al 7 ottobre 2017. Il festival s’int
vai agli ultimi aggiornamenti su: folrì
1 Voti

Vai all'articolo completo » .Forlì ospita dal 4 al 7 ottobre 2017 900fest.
Forlì ospita dal 4 al 7 ottobre 2017 900fest