Truffa agli anziani, arrestato il mago Candido: chiedeva soldi per esorcismi e togliere malocchio


Truffavano persone anziane promettendo esorcismi per togliere il malocchio e di metterle in comunicazione con i defunti, in cambio di somme di denaro. Un sedicente mago e due membri della sua famiglia sono stati arrestati dalla guardia di finanza di Lodi, che ha sequestrato loro beni per 3,6 milioni di euro. Il mago 'Candido' era un volto noto a livello locale e considerato un benefattore.
Continua a leggere

Borghetto Lodigiano, “Roberto vai via”: le urla dell’anziana accoltellata dal figlio poi suicida


Ha sconvolto il la piccola frazione di Borghetto Lodigiano la tragedia che martedì pomeriggio si è consumata nell'appartamento dove vivevano Roberto Bianchi, pizzaiolo 44enne di Casalpusterlengo e l'anziana madre 80enne. Quest'ultima è stata accoltellata dall'uomo al culmine di un litigio e si trova ora ricoverata al San Matteo in gravi condizioni mentre il figlio si è tolto la vita tagliandosi la gola.
Continua a leggere

Tragedia nel Lodigiano, 44enne accoltella la madre al collo e poi si uccide tagliandosi la gola


Un uomo di 44 anni è morto questo pomeriggio nel Lodigiano dopo aver accoltellato l'anziana madre e aver rivolto contro se stesso il coltello: l'uomo si sarebbe tagliato la gola. Inutili i tentativi dei soccorritori di rianimarlo. La donna è stata invece trasportata in codice rosso all'ospedale di Pavia a causa di una ferita al collo.
Continua a leggere

Casalpusterlengo, bambino di tre anni precipita dal quinto piano: è in fin di vita


Sarebbe in condizioni gravissime il bambino di appena tre anni che questa mattina è precipitato dal quinto piano di un condominio a Casalpusterlengo nel Lodigiano: soccorso dal personale medico del 118 è stato trasportato in codice rosso nel vicino ospedale di Codogno. Sul luogo dell'incidente anche i carabinieri al lavoro per ricostruire l'accaduto.
Continua a leggere

Frecce Tricolori a Codogno: l’omaggio alle vittime del virus nel cielo dell’ex zona rossa


Le Frecce Tricolori dell'Aeronautica Militare sorvoleranno Codogno e altri comuni della "zona rossa" lodigiana nella mattinata di lunedì 25 maggio. La pattuglia acrobatica volerà poi nel cielo sopra MIlano. L'iniziativa che vuole omaggiare le vittime del coronavirus e sostenere gli operatori che lottano contro l'epidemia, fa parte del calendario di celebrazioni per la festa della Repubblica.
Continua a leggere

“Su di me tante bugie, ma gli amici mi hanno aiutato”: parla Mattia, il paziente uno di Codogno


Mattia Maestri, il 38enne di Codogno che è stato primo contagiato lombardo, si è raccontato in un'intervista a a Sportweek. "L'etichetta di Paziente 1 non mi è mai pesata, le bugie sì. La cena con un cinese, le due maratone in una settimana: tutto falso". È diventato suo malgrado famoso, ma ora vuole tornare alla normalità e alla passione per la corsa condivisa con la moglie e con un gruppo di fedelissimi, che lo hanno sempre difeso.
Continua a leggere

Il prefetto di Lodi: “Codogno era la Wuhan italiana, la zona rossa decisa in una notte”


Il prefetto di Lodi, Marcello Cardona, in un'intervista a tre mesi dal primo caso italiano di Coronavirus a Codogno ha raccontato com'è nata, in una sola notte, la decisione di istituire la zona rossa che ha isolato dieci comuni del Lodigiano: "Medici e dirigenti sanitari sono stati subito chiari: Codogno andava considerata la Wuhan italiana e la Lombardia l'Hubei del Paese. Non c'era tempo da perdere: bisognava seguire l'esempio cinese e chiudere tutto".
Continua a leggere

Lodi, sfruttamento del lavoro, estorsione ed evasione fiscale: blitz contro famiglia di imprenditori


Un famiglia di imprenditori lodigiani al centro dell'operazione Spartaco che ha portato a un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque persone e al sequestro di beni per oltre 20 milioni di euro. Le accuse sono di sfruttamento del lavoro, estorsione ed evasione fiscale. Più di 100 i finanzieri impegnati nei blitz in corso da questa mattina all'alba.
Continua a leggere

Casaletto Lodigiano, Mario Cattaneo assolto per aver ucciso un ladro: per il giudice fu un incidente


Per il giudice Francesca Lisciandra del tribunale di Lodi la morte del 32enne Petre Ungureanu fu un incidente, per questo Mario Cattaneo è stato assolto dall'accusa di omicidio colposo per eccesso di difesa lo scorso 24 gennaio: è quanto si legge nelle motivazioni della sentenza rese note quest'oggi. L'oste di Casaletto Lodigiano impugnò dunque il fucile non per ferire il ladro introdottosi nella sua osteria il 10 marzo 2017 ma per intimidirlo.
Continua a leggere

Lodi, l’ospedale record per casi di coronavirus sommersi: 20% dei sanitari positivo senza sintomi


Un operatore sanitario su cinque all'ospedale di Lodi ha avuto il coronavirus senza rendersene conto. È il risultato delle analisi effettuate all'interno del presidio sanitario del territorio al centro dell'emergenza in Italia. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, i medici e gli infermieri con un tampone positivo sono 296. Quelli che hanno gli anticorpi salgono a 373. Ne risulta che 77 lavoratori dell'ospedale sono stati infettati pur non avendo i sintomi.
Continua a leggere

Lutto a Codogno e San Rocco: morto per Covid Emilio Casali, storico volontario della Croce rossa


Due paesi, San Rocco al Porto e Codogno, uniti nel lutto in provincia di Lodi per la morte di Emilio Casali, 66enne storico volontario della Croce rossa italiana. Emilio è morto a causa del coronavirus: "Era una persona buona, che si dava da fare per gli altri, che era sempre presente per aiutare il nostro paese", lo ha ricordato il sindaco di San Rocco.
Continua a leggere

Vigilante dell’ospedale di Lodi contagiato dal coronavirus: riconosciuto infortunio sul lavoro


Il vigilante di 40 anni era in servizio al pronto soccorso dell'ospedale di Lodi quando è scoppiata l'emergenza coronavirus. Un mese dopo si è sentito male e gli è stata diagnosticata una grave polmonite, con positività al covid-19. L'Inail ha riconosciuto l'infortunio sul lavoro: è il primo caso per un dipendente ospedaliero non sanitario.
Continua a leggere

Allarme per le vaccinazioni sospese a causa del coronavirus: caos tra Regione Lombardia e Ats


Apparentemente risparmiati dal Coronavirus, i bambini ne stanno in realtà pagando già le spese. Accade in Lombardia, a Lodi, dove, nonostante la saturazione degli ospedali sia rientrata dopo l'ondata epidemica della prima fase, le vaccinazioni sono sospese, incluse quelle obbligatorie, le più importanti, come l'esavalente: non più "tassative" ma "prorogabili". Ma dato che l'Ats e la Regione Lombardia si rimbalzano le responsabilità, se un bambino dovesse ammalarsi, di chi è la responsabilità? La testimonianza raccolta da Fanpage.it.
Continua a leggere

Ospedale Galeazzi di Milano: “Radiografia al torace rivela covid in pazienti senza sintomi”


Anche in pazienti asintomatici o con sintomi lievi una radiografia al torace può indirizzare verso una diagnosi di covid-19. Lo ha scoperto un team di ricercatori dell'Irccs Galeazzi e dell'Università Statale di Milano, che ha analizzato il primo focolaio di coronavirus svelato in Italia, quello di Codogno. In 100 lastre su 170 di pazienti della ex "zona rossa" le immagini sono riconducibili a una polmonite interstiziale bilaterale.
Continua a leggere

Il sindaco di Codogno attacca Conte: “Ci aspettavamo di più, non bastano le passerelle”


Parole contrariate quelle pronunciate dal sindaco di Codogno, Francesco Passerini, nei confronti del premier Conte dopo la sua prima visita in Lombardia dall'inizio dell'emergenza Coronavirus. Il primo cittadino ha accusato primo ministro di aver abbandonato i comuni del Lodigiano: "Dal premier Conte ci aspettavamo di più, siamo stati i primi a soffrire e gli ultimi a ricevere visite", si legge nella nota firmata tra gli altri da altri nove sindaci della ex zona rossa.
Continua a leggere

Selfie di gruppo senza mascherina, la sindaca di Lodi: “Mancanza momentanea, pronta a pagare multa”


La sindaca di Lodi Sara Casanova si è scusata per il selfie che la ritraeva assieme ai suoi famigliari e ai dipendenti del Parco tecnologico padano durante un brindisi, senza mascherine e non a distanza di sicurezza: "Esclusivamente nel momento dello scatto le misure di distanziamento e utilizzo delle mascherine purtroppo non sono state rispettate e per questa mancanza mi scuso con i cittadini, sono pronta a pagare la sanzione".
Continua a leggere

Sindaco di Lodi nella bufera: brindisi di gruppo senza mascherina al “Parco Tecnologico Padano”


Il sindaco di Lodi Sara Casanova è al centro di una bufera dopo che un dipendente del Parco Tecnologico Padano della città ha pubblicato un post che ritraeva una piccola festa in corso nel weekend nella struttura con la presenza di 15 persone, tra le quali proprio il primo cittadino. Quasi tutti senza mascherina e vicini, compresi diversi minori. Poco dopo è arrivato un post di scuse del presidente della struttura che si occupa di processare i tamponi mentre il sindaco non ha ancora commentato l'accaduto.
Continua a leggere

Codogno: nell’ospedale in cui venne ricoverato il paziente 1 un reparto torna Covid-free


Un reparto dell'ospedale di Codogno, dove venne ricoverato e scoperto il "paziente 1" di Coronavirus in Italia, è diventato nuovamente Covid-free. Si tratta del reparto di Ortopedia, che come avvenuto anche altrove durante la fase più acuta dell'emergenza sanitaria era stato completamente adibito alla cura di pazienti Covid-19. "Un passo sostanziale verso la normalità che però è ancora lontana", ha detto il sindaco Passerini.
Continua a leggere

Anziani morti nelle Rsa, nelle case di riposo della provincia di Lodi 279 decessi da inizio pandemia


Dall'inizio della pandemia di Coronavirus nelle residenze sanitarie assistenziali della provincia di Lodi sono morte 279 persone: 22 sono risultate positive al tampone, mentre 143 sono morte con sintomi riconducibili al Covid-19. Sono i dati comunicati all'Agenzia per la tutela della salute da 23 tra case di riposo e strutture per anziani del Lodigiano. Anche la procura di Lodi indaga sull'elevato numero di decessi all'interno di alcune Rsa.
Continua a leggere

L’anestesista che ha scoperto il paziente 1: “Non ho più sentito Mattia, se vuole sono qui”


"Non ho più cercato Mattia, non voglio essere invadente. Ma se lui vuole, sono qui". Così ha detto in un'intervista Annalisa Malara, l'anestesista dell'ospedale di Codogno che per prima ha diagnosticato un caso di Coronavirus nell'ormai noto paziente 1, il 38enne Mattia. A due mesi da quel momento l'anestesista racconta di come la sua vita non sia molto cambiata, nonostante l'aumento di popolarità.
Continua a leggere

Stragi nelle Rsa, procura di Lodi apre fascicolo per case di riposo di Melegnano e Mediglia


Il caos legato alle stragi di anziani ospiti nelle Rsa lombarde ha toccato anche diverse case di riposo nel Lodigiano dove la procura della Repubblica di Lodi sta indagando sull'alto numero dei decessi. La procura ha acquisito dati statistici delle morti registrate, oltre a quelli dei ricoveri delle presenze all'interno delle Rsa sotto la sua giurisdizione, compresi molti comuni in provincia di Milano.
Continua a leggere

Tromba d’aria a Lodi e venti forti a Pavia: alberi crollati e tetti danneggiati


A causa di una tromba d'aria che si è abbattuta su Lodi, tetti, insegne e cancelli sono stati danneggiati. A Pavia invece il forte vento ha causato l'abbattimento di numerosi alberi, il cui crollo ha richiesto l'intervento dei vigili del fuoco. Numerosi sono stati gli interventi dei Vigili del Fuoco, che proseguono anche nella tarda serata.
Continua a leggere

Pieve Fissiraga, tulipani su tutte le tombe del cimitero in vista della Pasqua in lockdown


A causa del lockdown imposto dal governo per far fronte all'emergenza Coronavirus, domenica della Pasqua 2020 costringerà tutti a casa. Per questo motivo il comune di Pieve Fissiraga, paesino in provincia di Lodi, ha annunciato di aver recuperato una quantità sufficiente di tulipani da Tulipani Italiani, ad Arese, da disporre sulle tombe del cimitero locale.
Continua a leggere

Donatori di sangue positivi al Covid-19, screening a tappeto per i cittadini di Castiglione d’Adda


Il professore Massimo Galli, primario di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, ha fatto sapere di voler avviare uno screening sull'intera popolazione di Castiglione d'Adda, comune del Lodigiano tra quelli della zona rossa: la decisione dopo che il 70 per cento delle persone che Avis ha sottoposto a prelievo di sangue è risultato avere gli anticorpi contro il coronavirus pur non avendo mai avuto i sintomi della malattia.
Continua a leggere

Castiglione D’Adda è un caso di studio sul coronavirus. Avis: “Il 70% dei donatori è positivo”


A Castiglione d'Adda, nel Lodigiano, il 70 per cento delle persone che Avis ha sottoposto a prelievo di sangue è risultato avere gli anticorpi contro il coronavirus pur non avendo mai avuto i sintomi della malattia. Un dato che rivela come la diffusione del contagio nell'ex zona rossa sia molto più ampia di quanto riportato dalle statistiche. Lo studio potrebbe condurre, come riporta il quotidiano La Stampa, allo sviluppo di "farmaci plasmaderivati da somministrare ai pazienti più fragili".
Continua a leggere