Fallo di mano in Lecce-Spal, per Valeri al Var non è rigore (come con la Juventus)


L'episodio accaduto in Lecce-Spal ha alimentato polemiche per la valutazione da parte dell'arbitro Guida e del Var (Valeri) che non hanno ritenuto punibile il tocco di braccio di Bonifazi su colpo di testa dell'avversario. Anche il difensore degli estensi era di spalle come Calabria del Milan, allora però l'arbitro Valeri concesse il penalty alla Juventus.
Continua a leggere

Lecce, gol e record per Mancosu: è il miglior bomber ‘neopromosso’ in Europa


Grazie alla rete che ha realizzato contro la Spal, l'ottava in stagione e la seconda consecutiva dopo quella di Napoli, il trentunenne centrocampista sardo è diventato il giocatore che ha segnato di più, per una squadra neopromossa, nei cinque maggiori campionati europei. Al suo record si aggiunge anche quello delle vittorie della formazione salentina: era infatti dalla primavera del 2004 che il Lecce non riusciva a conquistare nove punti in tre gare.
Continua a leggere

Le pagelle di Napoli-Lecce 2-3: Milik e Callejon non bastano, è Lapagol al ‘San Paolo’


Lapadula fa molto male al Napoli con una doppietta che spezza le fragili certezze azzurre. Ci prova MIlik col punto dell’1-1 ma i salentini, guidati da un ottimo Saponara e da un sapiente Falco, fanno bottino pieno con precise azioni costruite dal basso. Nel Napoli si salvano in pochi con Politano, il solito Demme e il bomber Milik a meritarsi un voto sufficiente.
Continua a leggere

Moviola Napoli-Lecce, perché l’arbitro non dà rigore su Milik e non va al Var


L'episodio da moviola che fa discutere nel corso di Napoli-Lecce capita al 25° della ripresa con i salentini in vantaggio per 2-1. Un intervento di Donati su Milik a pochi passi dalla porta viene ritenuto dall'arbitro Giua regolare tanto da punire l'attaccante polacco con il cartellino giallo per simulazione. Niente Var, il direttore di gara decide di non andare a rivedere l'azione alla moviola.
Continua a leggere

Napoli-Lecce, dieci anni dopo: dal salvataggio di Grava all’eurogol di Cavani


In occasione della gara tra Napoli e Lecce al San Paolo abbiamo premuto sul tasto “rewind” e siamo tornati indietro di dieci anni. Il 19 dicembre 2010 al 93’ della sfida tra azzurri e salentini Edinson Cavani fece esplodere lo stadio che pochi secondi prima aveva visto Grava salvare sulla linea un tiro di Corvia. Dall’inferno al paradiso in pochi attimi, era la famosa "zona Mazzarri".
Continua a leggere

Calciomercato, tutti gli affari conclusi nella sessione di gennaio 2020


Ecco tutti gli acquisti e le cessioni ufficiali delle 20 squadre di Serie A che hanno animato questa sessione di mercato invernale: dal ritorno in Serie A di Zlatan Ibrahimovic al Milan fino all'arrivo di Eriksen all'Inter passando per gli investimenti del Napoli e l’affaire Kulusevski targato Juventus.
Continua a leggere

Riccardo Saponara al Lecce, ufficiale l’arrivo in prestito dalla Fiorentina


Riccardo Saponara è un nuovo giocatore del Lecce. Il club salentino ha depositato il contratto del calciatore come si legge sul sito della Lega Serie A. Nuovo rinforzo dunque per mister Liverani che potrà puntare sulla voglia di riscatto del calciatore reduce da una prima parte di stagione in prestito al Genoa. La Fiorentina, proprietaria del suo cartellino, ha detto sì al trasferimento a titolo temporaneo di Saponara fino al termine del campionato.
Continua a leggere

Striscioni e insulti contro Conte, perché i tifosi del Lecce lo odiano


Antonio Conte è tornato nella sua Lecce alla guida dell'Inter ma l'accoglienza che ha ricevuto è stata tutt'altro che amichevole. E gli striscioni esposti sugli spalti del "Via del Mare" durante la partita sono la testimonianza diretta di come buona parte della tifoseria salentina non veda di buon occhio l'allenatore. "Uomo senza identità. Sei la m... della nostra città".
Continua a leggere

Il Lecce frena la Juventus con un rigore di Mancuso

Si è conclusa con un pareggio 1-1 la partita tra i bianconeri e i padroni di casa. Per la squadra di Sarri ha segnato Dybala sempre dal dischetto.

Non è bastato il rigore di Paulo Dybala per regalare i tre punti alla Juventus che, in campo senza Cristiano Ronaldo, si è dovuta accontentare di un pareggio con il Lecce dopo il tiro, sempre dal dischetto, di Marco Mancosu al 56′. Un risultato l’1-1 finale non meritato dai bianconeri che adesso rischiano il sorpasso dell’Inter.

LA JUVE CONDUCE IL PRIMO TEMPO

La squadra di Maurizio Sarri infatti, dopo qualche errore all’inizio del primo tempo, si è subito ripresa. Numerose le occasioni oltre a un gol annullato a Higuain per fuorigioco. Tra tutti un tiro di Dybala deviato in angolo da Gabriel. Poi le proteste per un rigore non concesso alla squadra ospite: l’arbitro Valeri ha infatti deciso di non rivedere alla Var un contatto tra Tachtsidis ed Emre Can.

DUE RIGORI NEL SECONDO TEMPO

La ripresa si è aperta con le discussioni per un altro rigore, questa volta assegnato alla Juve per fallo di Petriccione su Pjanic. Valeri prima ha concesso una punizione, poi il penalty dopo aver rivisto l’azione. Al dischetto Dybala realizza il vantaggio. Immediata la reazione del Lecce prima con un tiro di Mancosu parato magistralmente da Szczesny e poi il rigore del pareggio assegnato per un tocco di mano in area di De Ligt. Continuano le occasioni per la Juve con Bernardeschi e Bonucci, mentre il Lecce si difende. Fuori prima Pjanic per problemi muscolari, il risultato non cambia nonostante il recupero extralarge di sette minuti. Subito dopo il fischio finale Higuain è uscito dal campo in barella per sottoporsi a una tac dopo che al 37′ Gabriel l’ha colpito col gomito sulla fronte.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it