Maria Giuseppa Vigorito: “La Dad per il Covid va bene e per il maltempo invece no, assurdo”

di Monica De Santis

Tiene ancora banco la proposta fatta dal vice presidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola che aveva chiesto negli giorni scorsi il ritorno in Dad per tutti gli studenti dal 8 dicembre al 10 gennaio. Una proposta che non trova il consenso dei dirigenti scolastici, che continuano a voler esprimere la loro opinione in merito, ma soprattutto a difendere la scuola in presenza. Proprio come fa la dirigente scolastica del Liceo Galiza di Nocera Inferiore Maria Giuseppa Vigorito… “Credo che nessuno ad oggi possa smentirmi se dico che la scuola in presenza è diventata fondamentale per tutti i nostri ragazzi”. La dirigente pone l’attenzione più che sull’aspetto didattico, che resta comunque di primaria importanza, sull’aspetto sociale… “Mi spiace dirlo ma purtroppo, parlo per la mia scuola, ma so che casi simili ci sono anche in altri istituti, registriamo casi di ragazzi che si sono completamente isolati. Ragazzi che prima erano socievoli e pieni di vita, ora vengono a scuola, seguono le lezioni e poi tornano a casa per chiudersi nella loro stanza e non uscire prima del mattino successivo. Ecco la scuola ora deve stare vicino a questi ragazzi e anche gli altri, deve essere per loro un punto di riferimento ed uno stimolo per ritornare alla vita di prima”.La Vigorito spiega che oggi più che mai la scuola in presenza serve per dare ai ragazzi una nuova consapevolezza, ovvero che si può stare insieme se si accetta di mantenere i dispositivi di protezione e si rispettono le norme di distanziamento. Dobbiamo e devono i ragazzi tornare a convivere e al tempo stesso imparare a proteggersi perchè la Dad non è positiva”. Sull’aumento dei casi Covid la dirigente del liceo di Nocera Inferiore spiega… “Rispetto allo scorso anno i casi sono molto molto rari. Ad oggi non abbiamo avuto nessun ragazzo contagiato, piuttosto si sono contagiati i loro genitori ed è capitato qualche caso tra i docenti. Ma in questi casi ho attivato la Dad per le classi coinvolte ed è rimasta attiva fino a quando non abbiamo avuto gli esiti dei tamponi. Il resto delle classi sono state in presenza, anche perché abbiamo adottato tutte le misure di sicurezza possibili e tra pochi giorni avremo anche i sanificatori in tutte le aule, dunque la scuola è sicura”. Tornano alla proposta di Bonavitacola la dirigente risponde con un’altra proposta… “Il vice presidente della Regione Campania rivuole la Dad per un mese? Ma invece di fare proposte assurde come queste non chiede al Governo di sedersi al tavolo con i sindacati dei docenti e di rivedere il loro contratto. Lo sapete che se ci sono casi Covid le scuole possono far rimanere gli studenti a casa e attivare la Dad, ma se invece c’è un’allerta meteo che impedisce alle scuole di rimanere aperte allora le scuole non possono attivare la Dad perché il contratto dei docenti non lo prevede. Non vi sembra questa un’assurdità? Insomma la Dad va bene solo per il Covid per altre problematiche che impediscono agli studenti di vivere la scuola non va bene. Se Bonavitacola vuole fare una cosa utile lottasse per questo. Abbiamo aperto le scuole da tre mesi e questa è già la seconda emergenza maltempo che affrontiamo, o meglio che ci porta a tenere le scuole chiuse”.

Consiglia

Nocera Inferiore, Pizzo, bombe e riciclaggio: In dieci finiscono in manette

Dieci arresti (di cui 7 in carcere e tre ai domiciliari su richiesta della procura Antimafia salernitana) e 4 indagati a piede libero per due operazioni diverse aventi come collante Michele Cuomo, il ras di Nocera Inferiore finito in carcere dopo il blitz di Firenze per la camorra d’esportazione. Sugli uomini dei clan si abbatte la mannaia delle forze dell’ordine e della magistratura inquirente con due ordinanze firmate dai gip salernitani Alfonso Scermino e Carla Di Filippo che hanno accolto le richieste del pm Guglielmo Valenti.  Estorsione a suon di bombe al riciclaggio per finire a  violenze fisiche e vessazioni psicologiche ai danni di una negoziante con interessamento del clan Mazzarella di Napoli: sono gli episodi di due differenti inchieste per le quali i  carabinieri della sezione Operativa del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore hanno eseguito le rispettive ordinanze. La prima è iniziata a gennaio 2020, l’altra 8 mesi più tardi. Gli accertamenti, seppur distinti, hanno interessato soggetti che hanno attinenza al contesto della criminalità organizzata di Nocera e, in particolare, con il clan di  Michele Cuomo (ai domiciliari per questo reato). I reati contestati aggravati dal metodo mafioso, sono  di estorsione, danneggiamento, detenzione e porto abusivo di materiale esplodente, riciclaggio, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato e lesioni personali. La prima indagine è scaturita dall’esplosione di una bomba carta avvenuta la notte 21 gennaio 2020 che ha danneggiato gravemente il Teca Bar di in via Matteotti a Nocera Inferiore. L’attentato dinamitardo, secondo l’accusa, rientra in un disegno estorsivo finalizzato ad impedire alla stessa società di aprire un ulteriore punto vendita in Corso Vittorio Emanuele. L’intimidazione, attuata con la regia di Cuomo, aveva lo scopo di preservare dalla concorrenza un altro esercizio commerciale, anch’esso ubicato in Corso Vittorio Emanuele, luogo di ritrovo abituale dei componenti del gruppo Cuomo e il cui titolare è risultato in contatto con il vertice del sodalizio. L’atteggiamento degli indagati (in 3 ai domiciliari il quarto è deceduto per complicanze da Covid), alla fine, è servita per giungere all’obiettivo: i soci, alla luce delle minacce subite, hanno rinunciato a realizzare il secondo punto vendita. Per questa inchiesta sono finiti ai domiciliari: Michele Cuomo, Domenico Rese e Francesco Gambardella. Per tutti l’interrogatorio è stato fissato per la mattinata di lunedì.
La seconda indagine, invece, è legata ad un’operazione di riciclaggio di liquidità per un ammontare a 25mila euro che, a causa dell’improvvisa e inattesa impossibilità di riappropriarsi del valore, è sfociata in dinamiche estorsive caratterizzate da atti di violenza fisica e vessazioni psicologiche. La vicenda è emersa nell’agosto 2020 quando la titolare di una rivendita di abbigliamento da cerimonia di Cava de’ Tirreni, tramite una sua conoscente, è stata coinvolta da un gruppo di persone tra i quali Leontino Cioffi (personaggio in rapporti con il gruppo Cuomo) a convogliare mediante bonifico su un conto corrente estero riconducibile a Cioffi, dietro promessa di un compenso pari al 15% della somma, liquidità cedutale attraverso pagamenti a mezzo Pos con carte di credito Superflash. L’entità delle transazioni, però, ha spinto l’istituto bancario a bloccare l’accredito. Il congelamento della somma aveva determinato una crescente fibrillazione del gruppo e sono iniziate vessazioni e minacce all’incolumità della donna e all’integrità della sua attività commerciale. Avrebbero prospettato gravi ripercussioni fisiche (in un caso effettivamente manifestatesi con percosse e lesioni personali), sia la distruzione del negozio. Il tutto rafforzato dall’interessamento all’operazione da parte del clan Mazzarella di Napoli con Simone Iacopino, detenuto, che agiva dal carcere tramite Giovanni Ascione da Portici collegati proprio ai Mazzarella. In carcere Domenico Alfano (Castel San Giorgio), Giovanni Ascione (Portici), Leontino Cioffi (Nocera Inferiore), Simeone Iacomino (San Giorgio a Cremano), Anna Rita Iuliano (Nocera Inferiore), Emanuele Perrella (Nocera Inferiore), Roberto Ruggiero (Parete, Caserta). Indagati a piede libero invece, Carmine Angrisani (Nocera Inferiore), Anna Petrosino (Nocera Inferiore), Giuseppina Pintozzi (Salerno), Franca Battipaglia (Cava de’ Tirreni). Lunedì al via gli interrogatori di garanzia.
Consiglia