Auguri a Federica Moro, l’indimenticabile Arianna di College festeggia 55 anni


A 17 anni è diventata Miss Italia e, subito dopo, Adriano Celentano l’ha voluta per Segni particolari: bellissimo. Federica Moro, 55 anni il 20 febbraio, negli anni ’90 è diventata poi una stella della tv grazie alla serie cult College in cui interpretava il ruolo di Arianna Mancini. In seguito, l’abbiamo rivista ancora al cinema e in tv, ma da molti anni l’attrice vive in Svizzera dove ha cambiato totalmente vita.
Continua a leggere

Permette? Alberto Sordi: trama, trailer e curiosità del biopic con Edoardo Pesce


Luca Manfredi è il regista di questo atteso biopic con protagonista un irriconoscibile e fenomenale Edoardo Pesce . La pellicola è uno dei tanti eventi che si stanno organizzando nel nostro paese in occasione dei 100 anni dalla nascita del leggendario Alberto Sordi, nato il 15 giugno 1920, e infatti il film racconta 20 anni della sua vita, carriera, dei suoi amori, amicizie e lavori, partendo dal debutto nel 1937 fino al 1957. Al cinema solo il 24, 25 e 26 febbraio 2020.
Continua a leggere

Buon compleanno a Leonardo Pieraccioni, il mattatore fiorentino compie 55 anni


Grazie alla lunga gavetta in radio, teatro, tv e poi all’esplosione al cinema, è diventato uno dei mattatori dello spettacolo più amati in assoluto. Leonardo Pieraccioni, il 17 febbraio, compie 55 anni, e ha già al suo attivo 13 film da regista. L’ultimo, Se son rose, risale al 2018 ma, attraverso i suoi social, ha fatto sapere che le riprese della nuova pellicola inizieranno il prossimo giugno, per la gioia di tutti i suoi fan.
Continua a leggere

Il mattatore, la commedia di Dino Risi con il leggendario Vittorio Gassman, usciva 60 anni fa


L’11 febbraio 1960, nelle sale milanesi usciva una delle commedia più belle di sempre, diretta da Dino Risi e interpreta da un magistrale Vittorio Gassman. Il mattatore, scritta da Ettore Scola, Sandro Continenza e Ruggero Maccari, mostra tutto l’eclettismo, l’ironia, il talento e anche il fascino magnetico del divo, che vennero fuori con una forza dirompente e che, a 60 anni dall’uscita, sono ancora un faro per i registi e gli interpreti contemporanei.
Continua a leggere

Oscar 2020, Bong Joon-ho miglior regista: “Vorrei una motosega per poterlo condividere”


I pronostici lo davano come super favorito, e così è stato. Bong Joon-ho ha vinto l’ambito Oscar come Miglior regista per il film "Parasite", sbaragliando gli “avversari” Sam Mendes (1917), Todd Phillips (Joker), Martin Scorsese (The Irishman) e Quentin Tarantino (C’era una volta a… Hollywood). Molto apprezzato il discorso per gli altri candidati, per lui dei maestri: "Mi piacerebbe avere una motosega per condividere questo Oscar con tutti voi".
Continua a leggere

Oscar 2020: Laura Dern migliore attrice non protagonista, la dedica ai genitori “eroi”


E’ Laura Dern la Migliore attrice non protagonista agli Oscar 2020 per il film Storia di un matrimonio. L'attrice ha convinto l’Academy che l’ha preferita a Kathy Bates (Richard Jewell), Scarlett Johansson (Jojo Rabbit), Florence Pugh (Piccole donne) e Margot Robbie (Bombshell – La voce dello scandalo). Un successo annunciato e strameritato.
Continua a leggere

Oscar 2020, Toy Story 4 è il Miglior film d’animazione, niente da fare per Klaus


"Toy Story 4" è il Miglior film d’animazione alla 92esima edizione degli Oscar. La pellicola ha vinto sulla concorrenza di Missing Link, di Chris Butler; Dov’è il mio corpo? diretto da Jérémy Clapin; Dragoin Trainer – Il mondo nascosto, di Dean DeBlois; e il pluripremiato Klaus – I segreti del Natale, per la regia di Sergio Pablos, vincitore di 7 Annie Awards.
Continua a leggere

Oscar 2020, Brad Pitt miglior attore non protagonista: “Leonardo DiCaprio inseguo i tuoi successi”


Brad Pitt ha fatto l’en plein portando a casa l’Oscar come Miglior attore non protagonista per il ruolo di Cliff Booth in C’era una volta a… Hollywood, di Quentin Tarantino. Il divo ha lasciato a mani vuote il poker d’assi costituito da Tom Hanks, Anthony Hopkins, Al Pacino e Joe Pesci, mettendo la ciliegina sula torta ad un’annata straordinaria.
Continua a leggere

Oscar 2020: Renée Zellweger migliore attrice protagonista: “Per Judy Garland, che non lo vinse mai”


Renée Zellweger è la Migliore attrice protagonista della 92edizione degli Academy Awards. La diva ha vinto, praticamente, tutti i premi cinematografici in circolazione per la sua performance in Judy, biopic diretto da Rupert Goold incentrato sugli ultimi mesi di vita dell’indimenticabile Judy Garland. Al suo secondo Oscar, ha lasciato a mani vuote Scarlett Johansson (Storia di un matrimonio), Saoirse Ronan (Piccole donne), Charlize Theron (Bombshell) e Cynthia Erivo (Harriet).
Continua a leggere

Oscar 2020: Joaquin Phoenix miglior attore protagonista per Joker, la dedica al fratello River


Il re degli Oscar 2020 è Joaquin Phoenix. L’Academy gli ha assegnato la meritata e attesa statuetta come Miglior attore protagonista per la sua straordinaria performance in Joker, blockbuster diretto da Todd Phillips, lasciando a mani vuote Antonio Banderas (Dolor y gloria), Leonardo DiCaprio (C’era una volta a… Hollywood), Adam Driver (Storia di un matrimonio) e Jonathan Pryce (I due papi).
Continua a leggere

Oscar 2020, Parasite vince il premio come Miglior film


È "Parasite", di Bong Joon-ho, il Miglior film agli Oscar 2020. I pronostici della vigilia si sono avverati e, così, la pellicola ha battuto 1917 (di Sam Mendes), The Irishman (di Martin Scorsese), C’era una volta a Hollywood (di Quentin Tarantino), Jojo Rabbit (di Taika Waititi), Joker (di Todd Phillips), Le Mans ’66 – La grande sfida (di James Mangold), Piccole donne (di Greta Gerwig) e Storia di un matrimonio (di Noah Baumbach).
Continua a leggere

Nomination Razzie Awards 2020, a Cats e Rambo: Last Blood 8 candidature tra i peggiori dell’anno


Cats, il musical di Tom Hooper e Rambo: Last Blood con Sylvester Sallone primeggiano tra le nomination dei peggiori film dell’anno con 8 candidature, tra cui Peggior film e Peggior regia. A fargli compagnia, la commedia A Madea Family Funeral, di e con Tyler Perry, inedita in Italia. Tra i Peggiori attori protagonisti spiccano i nomi dei premi Oscar Anne Hathaway e Matthew McConaughey, ma anche quelli di James Corden e Bruce Willis, tra i non protagonisti.
Continua a leggere

I vincitori dei BAFTA 2020, trionfa 1917 di Sam Mendes con 7 premi


1917, di Sam Mendes, ha fatto incetta di BAFTA, gli Oscar inglesi del cinema, portandone a casa ben 7: Miglior film, Miglior film britannico, Miglior fotografia, Miglior regia, Miglior scenografia, Miglior sonoro e Migliori effetti speciali. Joker, di Todd Phillips si è dovuto accontentare del premio al Miglior attore, andato a Joaquin Phoenix e alla Migliore colonna sonora, composta dal grande Hildur Guðnadóttir mentre la Migliore attrice protagonista è Renée Zellweger, avviata ormai al 99% anche verso la vittoria dell’Oscar.
Continua a leggere

60 anni fa usciva La dolce vita, eterno capolavoro di Federico Fellini


Il 3 febbraio 1960 si teneva la première romana del celeberrimo film di Federico Fellini, con Marcello Mastroianni e Anita Ekberg. Attraverso il personaggio di Marcello Rubini, giornalista di servizi scandalistici che sogna di diventare scrittore di romanzi, ma intanto vive la sua “dolce vita” fatta di contrasti, tragedie e amori fatui, in perenne bilico tra perdizione e redenzione. Un cult che vinse l’Oscar ai Migliori costumi, la Palma d’oro a Cannes e una valanga di altri premi.
Continua a leggere

Buon compleanno ad Alvaro Vitali, l’inimitabile Pierino compie 70 anni


Alla fine degli anni ’60, fu Federico Fellini a volerlo in alcuni suoi cult e per lui fu un trampolino di lancio enorme. Alvaro Vitali, il 3 febbraio, compie 70 anni e negli anni ’70 diventò uno degli attori di punta della commedia sexy all’italiana per esplodere poi negli ’80 con il personaggio di Pierino. Purtroppo, passato quel periodo, la sua stella ha cominciato ad affievolirsi e, negli ultimi anni, lo abbiamo visto in un reality, poi ospite nei salotti tv e in alcune commedie di scarso seguito.
Continua a leggere

I 60 anni di Giorgio Tirabassi, dall’esordio con Gigi Proietti a re delle fiction televisive


La gavetta nella compagnia di Gigi Proietti lo ha fatto diventare uno degli attori più amati di cinema e fiction. Giorgio Tirabassi, il 1° febbraio, compie 60 anni e ha al suo attivo 26 pellicole e decine di serie tv di grandissimo seguito tra cui Ultimo, Distretto di Polizia, Paolo Borsellino, Squadra Mobile e Liberi tutti. Nel mese di novembre 2019, ha avuto un infarto m, per fortuna, si è ripreso alla grade e, nel corso del 2020, lo vedremo nel nuovo film di Gabriele Mainetti, Freaks Out.
Continua a leggere

Auguri ad Anna Bonaiuto, 70 anni dedicati al teatro e al cinema con i più grandi registi


La straordinaria Anna Bonaiuto, il 28 gennaio, compie 70 anni e nella sua carriera ha lavorato con i più grandi registi italiani. Partendo dal teatro, l’attrice ha collezionato quasi 40 film girando con Lina Wertmüller, Pupi Avati, Mario Martone, Paolo Sorrentino e Ferzan Ozpetek riuscendo a portare a casa un David di Donatello, un Nastro d’argento, un Globo d’oro e la Coppa Volpi a Venezia.
Continua a leggere

Tutti i vincitori dei SAG Awards 2020


La 26esima edizione dei SAG Awards ha visto trionfare ancora Joaquin Phoenix e Renée Zellweger. Brad Pitt è il Miglior attore non protagonista per C’era una volta a… Hollywood mentre Laura Dern ha portato a casa il premio come Migliore attrice non protagonista per Storia di un matrimonio. Il Miglior cast è quello di Parasite invece sul fronte TV si sono imposti Sam Rockwell, Jennifer Aniston e le serie The Crown e La fantastica signora Maisel.
Continua a leggere

40 anni fa usciva al cinema Un sacco bello, la commedia cult d’esordio di Carlo Verdone


Il 19 gennaio 1980 usciva nelle sale italiane il primo film da regista, sceneggiatore e interprete di Carlo Verdone, all’epoca appena 30enne. Voluto fortemente da Sergio Leone, attraverso le storie del bulletto Enzo, del timido Leo e dell’hippie Ruggero fornisce un ritratto vivido della società italiana dell’epoca che, tra l’altro è sempre attuale. L’umorismo intelligente, il talento mimico e l’essere politicamente scorretto ma non garbo, sono gli ingredienti con cui Verdone si presentava 40 anni fa al suo pubblico e che non lo hanno mai abbandonato.
Continua a leggere