Il sisma del 2016 e i militari al servizio dei terremotati

Da oltre 1.100 giorni presidiano le zone del Centro Italia colpite dalle scosse. Con la ricostruzione a rilento, gli abitanti hanno smesso di fidarsi dei politici. E si affidano a esercito, polizia, carabinieri e vigili del fuoco. Il reportage di L43.

Sono passati oltre 1.100 giorni dal sisma che ha squassato il Centro Italia. E dura da tre anni il calvario dei terremotati, quelli che hanno visto davanti ai loro occhi case sgretolarsi in polvere o sventrate. Hanno visto in faccia la morte. Il monte Vettore, rilievo più alto dell’Appennino umbro marchigiano con i suoi 2.476 metri di altezza, si è squarciato per 22 chilometri dopo la scossa del 30 ottobre del 2016.

Sisma 2016 esercito
Le macerie e i detriti lasciati dal sisma.

SENSO DI IMPOTENZA E CASI DI SUICIDIO

Quando si parla con un terremotato, hanno tutti lo stesso viso. Segnato fisicamente e psicologicamente da quell’evento così distruttivo. Affranto, disperato. Nei loro occhi lucidi, ricordi indelebili perché in una manciata di secondi hanno perso tutto. Alcuni di loro si sono suicidati in questi tre anni, perché il dolore ha preso il sopravvento sulla voglia di vivere. Hanno un pesante senso di impotenza. Non credono nei politici, perché disillusi da tante promesse e aspettative vane. Quel filo flebile di speranza è attaccato alla presenza di militari che presidiano le loro zone.

IN UN ANNO IMPIEGATI 50 MILA MILITARI

Attualmente sono oltre 400 carabinieri di prossimità in rinforzo alle organizzazioni territoriali, forestali oltre ai raggruppamenti mobili che sono accanto a loro. Gli uomini dell’esercito fanno avanti e indietro dalle caserme nei luoghi terremotati per non far mancare la loro presenza, con presidi. In totale sono stati impiegati circa 50 mila militari in 365 giorni di operazioni l’anno.

PREVENZIONE DELLO SCIACALLAGGIO

La polizia di Stato con pattuglie fa sorveglianza per la prevenzione dello sciacallaggio, secondo i turni stabiliti dalle questure. Sono uomini delle forze armate e di pubblica sicurezza al fianco dei terremotati, dove il tempo si è fermato da agosto del 2016.

ALCUNI TERREMOTATI ANCORA IN ALBERGO

Il cratere sismico è un territorio che comprende 138 comuni per 250 chilometri quadrati. Ancora macerie per terra, case ancora pericolanti, zone rosse con borghi e paesi fantasma. Una desolazione. Alcuni terremotati in attesa delle casette sono ancora in albergo, spostati come pacchi postali da un residence a un altro. La popolazione è arrabbiata. Esasperata. Si sente abbandonata dai politici. Una donna a Caldarola, nella provincia di Macerata, si sfoga: «Basta selfie, passerelle elettorali, promesse mai mantenute. Non credo più a loro».

Non mi importa che siano di sinistra o di destra. Vengono qui solo per prenderci in giro. Quando fa comodo a loro. Per i voti


Una donna di Caldarola

E poi continua: «Non mi importa che siano di sinistra o di destra. Vengono qui solo per prenderci in giro. Quando fa comodo a loro. Per i voti. Poi spariscono. Di noi non gliene importa nulla a nessuno. I nostri angeli custodi sono i vigili del fuoco, i carabinieri, i ragazzi dell’esercito. Fantastici. Sempre presenti. Loro non ci hanno mai abbandonato. Stanno lì ore e ore accanto a noi. Giorno e notte. Qui ci sono ancora scosse. Ma con loro ci sentiamo più tranquilli. Sono veramente angeli scesi in terra».

FRENATI DAGLI OSTACOLI BUROCRATICI

Aleandro Petrucci, sindaco di Arquata del Tronto, spiega: «Abbiamo avuto quattro governi, ma non sappiamo ancora chi sono i nostri interlocutori». Il primo cittadino di Castelsantangelo su Nera, Mauro Falcucci, racconta: «Nessuno rimuove gli ostacoli burocratici. Dopo tre anni siamo dimenticati».

Rivoglio la mia vita! Questa non lo è! È tanto difficile da far capire a Roma?!


Giulio, di Norcia

Giulio, 68 anni di Norcia, che prima delle scosse aveva una casa e un salumificio, ora completamente distrutti, sbotta: «Non vogliamo che venga a trovarci nessuno politico. Non li vogliamo! Non vogliamo vedere le loro facce ipocrite a presenziare cerimonie commemorative, per darci una pacca sulla spalla. Poi loro comodi nelle loro case e noi in mezzo al niente. Perché è pura presa per i fondelli. Solo i carabinieri e i militari dell’esercito che stanno qui sanno quante lacrime versiamo ogni giorno. Lo scriva pure, che siamo incavolati neri. Rivoglio la mia vita! Questa non lo è! È tanto difficile da far capire a Roma?!».

«SI PARLA DI RICOSTRUZIONE NEL 2049»

Rosella, 47 anni, si avvicina e ci racconta: «Prima speravo in qualcosa. Ora non più. Speravo in una casa degna di essere chiamata tale. Speravo in una ricostruzione veloce, ma se ne parla forse nel 2025. Ho letto che per il 2049 queste zone risorgeranno. Nel 2049, ha capito bene?! Quando io avrò quasi 80 anni! Ci hanno ripetuto in tanti, in giacca e cravatta o con felpe, che ci sarebbero stati vicino. Che non ci avrebbero lasciati soli. Si giri intorno e guardi come è Norcia. Mi dica cosa vede e chi vede… militari, solo loro».

Sisma 2016 esercito
Le operazioni sui luoghi del sisma stanno andando avanti da anni.

LA VICINANZA DEGLI UOMINI IN DIVISA

Isabella, di Camerino, dice: «Erano passati pochi giorni dalla scossa del 30 ottobre. Ero dentro una Panda rossa, insieme con quattro vigili del fuoco, quattro omoni, che mi accompagnavano per la prima volta nel mio negozio in centro sventrato. Varcammo la zona rossa. Avevo attacchi di panico. Stavo malissimo. Non sapevo cosa avrei trovato. Aprirono il negozio a forza e entrarono per primi. Uno di loro rimetteva con cura e un rispetto tale gli oggetti delicati dentro una scatola. Sapeva che rappresentavano il mio lavoro. Una sensibilità mai vista». La donna continua a ricordare: «Ci hanno visti piangere. Ci hanno visti tremare di paura. Pietrificati e frastornati. Uomini come noi, nascondevano i loro timori sotto quei caschi e dentro quelle divise, per farci coraggio. La loro presenza, come quella dell’esercito ci ha dato garanzia di sicurezza. Ci rassicuravano e ci tranquillizzavano con fare affettuoso. Gentile e professionale. Non li ho più visti. Auguro a questi uomini il meglio della vita, perché la loro è una vera missione d’amore». Ecco allora la stima di quanti sono gli uomini delle forze armate e di pubblica sicurezza che, in tre anni di scosse, sono stati accanto ai terremotati.

VIGILI DEL FUOCO: ANCHE SOLO PER SUPPORTO ALLA POPOLAZIONE

All’alba del 24 agosto del 2016, subito dopo la scossa ad Amatrice, erano già 1.000 sui luoghi della tragedia con 400 mezzi e sei elicotteri. Il giorno dopo altri 1.300 con 600 mezzi nella ricerca delle persone sotto le macerie oltre ai nuclei cinofili. Le squadre, supportate dal personale Usar (acronimo di Urban search and rescue, ossia i vigili del fuoco specializzati nel soccorso in disastri da Amatrice all’hotel Rigopiano, da Ischia al ponte Morandi di Genova) hanno salvato 449 vite. Altre squadre, in sinergia con le forze armate, hanno liberato le strade, per permettere ai mezzi di soccorso di raggiungere i luoghi isolati, coadiuvandosi nella ricerca di persone disperse. Oltre 1.200 interventi al giorno. Molti uomini sono stati impiegati solo per il supporto alla popolazione attraverso il recupero di beni di prima necessità nelle case sventrate o nei centri commerciali inagibili. Per la prima volta in una emergenza così critica e devastante, hanno utilizzato i droni che hanno permesso di effettuare aeromappature panoramiche dei centri colpiti dal sisma, un’area di 250 chilometri, per coadiuvare al meglio i soccorsi. Oltre a individuare gli edifici lesionati.

CARABINIERI: MEDIA GIORNALIERA DI 500 UOMINI

Ancora nel container la stazione dei militari di Pievetorina, nel Maceratese, in attesa della ricostruzione.

Sisma 2016 esercito
La stazione-container dei carabinieri nel comune di Pieve Torina.

Il giorno della prima scossa, l’Arma è intervenuta con oltre 420 militari, dei quali 180 dalle Legioni Umbria, Marche e Lazio, altri 150 invece dall’organizzazione mobile (8° Reggimento Lazio, 7° Reggimento Trentino Alto Adige, 11° Reggimento Puglia, e 13° Reggimento Friuli-Venezia Giulia). Secondo i dati forniti dallo Stato maggiore Difesa, altri carabinieri sono intervenuti da reparti speciali o con incarichi specialistici, con la presenza di unità cinofile, ambulanze, due elicotteri, due carri ristoro, altri carri soccorso e stazioni mobili. Nei giorni seguenti dalla scossa che ha colpito il Centro Italia il numero dei militari è aumentato con una media giornaliera di 500 carabinieri nei luoghi colpiti dal sisma, oltre il personale dei reparti speciali, tra cui quello medico per il supporto sanitario e psicologico, quello del Ris, della tutela patrimonio Culturale, tutela Ambiente e tutela Salute. I carabinieri che hanno fornito supporto nella fase emergenziale del sisma provenivano maggiormente dai reparti del Centro Italia, cioè le legioni Umbria, Lazio e Marche, oltre al 5° Reggimento Emilia-Romagna, 6° Battaglione Toscana aggiungendosi così agli altri militari già stabili nei luoghi terremotati, aiutando la popolazione anche allestendo cucine da campo a Muccia, nel Maceratese.

ESERCITO: TASK FORCE E RINFORZI

Dopo la prima botta l’esercito era già sul luogo dalle prime ore dell’alba con unità di pronto intervento per le pubbliche calamità del Genio che ha operato congiuntamente con la protezione civile e i vigili del fuoco. Nella fase emergenziale è stata avviata l’operazione “Sabina”, una task force denominata “raggruppamento sisma” con un rinforzo di 1.000 uomini, 300 mezzi e assetti speciali come i droni. Oltre alla ricerca e soccorso di persone sotto le macerie, i militari hanno contribuito in sinergia con le altre forze armate alla rimozione di macerie e al ripristino della viabilità, come nel caso della realizzazione di una struttura con materiale da ponte Bailey nella zona Ponte delle Rose, nel Reatino. Inoltre su richiesta del ministero dell’Interno e nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” è stata schierata una task force di sicurezza con 215 uomini per presidiare le zone inagibili e disabitate come contrasto allo sciacallaggio, oltre al supporto per la creazione di soluzioni abitative d’emergenza (Sae). Con le repliche del 26 e 30 ottobre del 2016, l’esercito ha inviato altri rinforzi arrivando così a 1.454 uomini con 551 mezzi che hanno aiutato i terremotati soprattutto marchigiani con supporto diretto e lo schieramento di quattro cucine campali a Cingoli, Visso, Pioraco e Norcia e si predispongono presidi fissi nelle zone rosse del cratere sismico. Su richiesta della protezione civile il 7 agosto del 2017, l’esercito ha inviato altre 300 unità, per accelerare la fase della ricostruzione con la verifica di agibilità, la demolizione di case e la rimozione delle macerie.

Sisma 2016 esercito
Paesi ridotti in polvere e ancora tutti da ricostruire dopo il terremoto del 2016.

POLIZIA: CON PICCONI, GUANTI E TELI

Secondo i dati forniti dal Viminale a distanza di tre anni dalla prima scossa sono stati impiegati 15.805 uomini del reparto Mobile, 18.946 unità del reparto Prevenzione crimine, 23.960 poliziotti della Stradale e 21.502 agenti territoriali. Fianco a fianco ai terremotati. Solitamente li vediamo in servizio con scudo, sfollagente e lacrimogeni. Durante il sisma erano con picconi, guanti e teli per scavare. Erano nelle strade spaccate con città collassate a cercare di fare un varco percorribile per i soccorsi. Dopo la fase emergenziale sono sempre lì nell’anti-sciacallaggio.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it