Rc auto ai minimi storici: l’assicurazione costa 405 euro

Il prezzo medio delle polizze per le automobili è il più basso mai registrato: l'1,5% in meno dal 2018. Sconti per la presenza di scatole nere, che aumentano in tutta Italia.

Continua il calo dei prezzi delle assicurazioni auto. Gli ultimi dati del bollettino Ivass relativi al secondo trimestre 2019 indicano un calo su base annua dell’1,5% (dal -0,9% del primo trimestre), con un premio medio rc auto su base nazionale di 405 euro. Si tratta del prezzo più basso dal 2012, da quando cioè è iniziata la rilevazione statistica. Il calo è più intenso al Sud e nelle isole: a Enna, Caltanissetta, Catanzaro e Vibo Valentia le riduzioni sono state superiori al 4,5% (fino al 5,7%). A Roma i prezzi sono diminuiti del 4%.

ALTRI SCONTI SE SI INSTALLA LA SCATOLA NERA, IN CRESCITA IN TUTTA ITALIA

La flessione si registra da vari trimestri per tutte le categorie di assicurati ed è legata anche alla diffusione della scatola nera: il 21,5% delle polizze rc auto stipulate nel secondo trimestre del 2019 prevede uno sconto per chi sceglie di installare il dispositivo sulla propria vettura. Negli ultimi 12 mesi il trend di penetrazione del dispositivo ha nuovamente accelerato: rispetto al 2018 i sistemi che registrano stili di guida e dati di percorrenza sono aumentati di 1,4 punti percentuali, contro il +0,5% dello scorso anno. Il successo della black box è eterogeneo: la popolarità maggiore si riscontra al Sud con valori superiori al 40% (Reggio Calabria, Crotone e Napoli) ed è massima a Caserta (63%).

I PROBLEMI: COSTI ELEVATISSIMI PER I GIOVANI E DISEGUAGLIANZE TRA PROVINCE

Continuano, comunque, le principali criticità del mercato italiano: la differenza tra Nord e Sud, le diseguaglianze tra province (tra Napoli e Oristano c’è una differenza di trecento euro) e i costi elevatissimi per i neopatentati: gli under 24 pagano in media 735 euro, cifra che poi va riducendosi con l’età. Per gli over 60, invece, il premio medio è di circa 379 euro.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it