Perché Tik Tok preoccupa il Garante per la privacy

L'authority italiana ha chiesto al Comitato europeo per la protezione dei dati personali di attivare una task force specifica sul social network, molto popolare tra i giovanissimi.

Il Garante per la privacy italiano ha chiesto al Comitato europeo per la protezione dei dati personali, che riunisce tutte le authority nazionali in materia, di attivare una specifica task force per analizzare i rischi derivanti dall’uso del social network Tik Tok. Il Garante ha segnalato la necessità di procedere «in maniera forte e coordinata, anche in considerazione della delicatezza e della rilevanza» della piattaforma e della sua popolarità tra gli utenti più giovani.

Nella lettera inviata al Comitato, il presidente Antonello Soro ha ricordato che il Garante italiano ha già ricevuto «alcune segnalazioni in merito alle possibili vulnerabilità» di Tik Tok. E che anche altre autorità, come l’Ico britannica e la Ftc americana, hanno avviato «indagini autonome».

Soro ha chiesto quindi che la questione venga trattata in occasione della prossima riunione plenaria del Comitato europe, che si terrà a Bruxelles il 28 e 29 febbraio.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il Garante della privacy contro l’archiviazione integrale delle fatture elettroniche

Secondo l'authority i dati memorizzati dall'Agenzia delle entrate comprendono anche informazioni non rilevanti ai fini tributari. Parlamento invitato a modificare la norma contenuta nel decreto fiscale.

L’archiviazione integrale per otto anni di tutte le fatture elettroniche emesse e ricevute da parte dell’Agenzia delle entrate, compresi i dati non fiscalmente rilevanti e quelli relativi alle prestazioni fornite, per il Garante delle privacy è «sproporzionata». L’authority ha quindi invitato il parlamento a «vagliare l’effettiva necessità» di questa norma, valutando la possibilità di sostituirla con procedure «meno invasive» per i cittadini o semplicemente di «oscurare i dati non fiscalmente rilevanti».

LA NORMA È CONTENUTA NEL DECRETO FISCALE

Nella memoria che il Garante ha trasmesso alla commissione Finanze della Camera, dove sono in corso le audizioni sul decreto fiscale, ci si concentra sull’articolo 14 del provvedimento, che consente per l’appunto all’Agenzia delle entrate di memorizzare i file delle fatture elettroniche per gli otto anni successivi alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

ARCHIVIAZIONE FINALIZZATA ALL’ANALISI DEL RISCHIO-EVASIONE

L’archiviazione è finalizzata all’analisi del rischio-evasione e all’esecuzione di controlli sia da parte della stessa Agenzia delle entrate, sia da parte della Guardia di finanza in caso di inchieste giudiziarie. Ma secondo il Garante per la privacy, quantità e qualità dei dati archiviati sarebbero eccessive. Anche perché l’intero patrimonio di informazioni sarebbe esposto a rischi di «esfiltrazione o attacchi informatici», per fronteggiare i quali servirebbero apposite leggi.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it