Maturità 2020, a Pompei la classe dei piccoli geni: in 9 hanno ottenuto voto 100


La classe di liceali più brava d'Italia nel 2020 è a Pompei, in provincia di Napoli. Nella V A del Liceo Scientifico “Ernesto Pascal”, diretto dalla preside Filomena Zamboli, sono ben 9 gli studenti che hanno conseguito la maturità con 100, il massimo dei voti. Tra questi quattro hanno ottenuto anche la Lode.
Continua a leggere

Scavi di Pompei, il mistero della bimba di nome Mummia e del fiore bianco a lei dedicato


Una nuova scoperta quella effettuata dagli archeologi sempre al lavoro nel Parco Archeologico di Pompei: in una villa situata nell'area nord degli Scavi - che già in passato aveva regalato sorprese, come i resti di alcuni cavalli - è stato trovato un murale raffigurante un fiore bianco e il nome Mummia, appartenuto a una bambina.
Continua a leggere

Rapinò Rolex da 25mila euro a turista a Pompei, arrestato dai carabinieri


Aveva rapinato nel 2019 un turista del Rolex da 25mila euro davanti agli Scavi di Pompei, 37enne arrestato dai carabinieri del posto fisso Scavi Archeologici. È accusato di rapina aggravata in concorso a un altro complice, al momento non ancora identificato. Il Rapina-Rolex arrestato è residente al Rione Sanità, aveva seguito la vittima fin da Napoli.
Continua a leggere

Paura Coronavirus Campania, chiusi Scavi di Pompei ed Ercolano fino al 3 aprile


Da oggi, domenica 8 marzo, il Parco archeologico di Pompei ha disposto la chiusura al pubblico degli Scavi di Pompei, Oplontis, Stabia e Boscoreale fino al 3 aprile, secondo quanto previsto dalle disposizioni. I visitatori che hanno avuto accesso al sito questa mattina - riferisce una nota - sono stati regolarmente rimborsati.
Continua a leggere

Tragedia a Pompei, Alessandra Maronelli muore dopo il parto in clinica


Una giovane mamma di 32 anni, Alessandra Maronelli, di Pagani (Salerno), è deceduta nella clinica Maria Rosaria di Pompei (Napoli) poco dopo aver dato alla luce una bambina. È stata stroncata da un malore sulle cui cause sono in corso accertamenti; le cartelle cliniche sono state sequestrate, indagini in corso della Polizia di Stato.
Continua a leggere

Pompei, esplorati i cunicoli sotterranei dell’antica città

Documentata per la prima volta la vasta rete di cunicoli, oltre 457 metri di percorso, scavata nel sottosuolo del Foro nella città antica per raccogliere le acque piovane. Le foto.

Una fitta rete di cunicoli e canali – che si dirama da una coppia di cisterne al di sotto del Foro dell’antica città di Pompei, corre sotto via Marina e termina nei pressi della Villa Imperiale – è stata identificata e perlustrata da un gruppo di speleologi dell’Associazione Cocceius, con la quale il Parco Archeologico di Pompei ha stipulato nel 2018 una convenzione finalizzata alla ricognizione e allo studio del sistema di drenaggio delle acque piovane della città, a partire dal Foro Civile.

Il sistema di drenaggio, 457 metri di percorso sotterraneo, permetteva di scaricare l’acqua piovana in eccesso nel condotto di Via Marina per essere drenata fuori dalla città antica, verso il mare. «Il progetto di esplorazione dei cunicoli fa parte delle attività del Parco Archeologico di Pompei, finalizzate ad ampliare la conoscenza del sito, base imprescindibile di ogni intervento di monitoraggio e tutela dello stesso», ha spiegato il direttore generale Massimo Osanna.

«Questa prima ma completa esplorazione del complesso sistema di canali sotterranei», ha sottolineato il dirigente, «conferma il potenziale conoscitivo che il sottosuolo di Pompei conserva, e dimostra quanto ancora ci sia da indagare e studiare». Secondo Osanna, molte lacune del passato su alcune aree della città antica «si stanno colmando» grazie alla collaborazione di esperti nei vari settori, che rendono l’acquisizione dei dati sempre più accurata.

Questa prima ma completa esplorazione del complesso sistema di canali sotterranei conferma il potenziale conoscitivo che il sottosuolo di Pompei conserva

LEGGI ANCHE: A Pompei scoperto il Tesoro della fattucchiera

«È stato inoltre possibile indicare, in via preliminare, una cronologia delle strutture indagate e del sistema nel suo insieme consentendo di ipotizzate tre fasi principali di vita di questo esteso complesso di drenaggio sotterraneo», ha concluso il direttore generale, «una prima fase di età Ellenistica (fine III – II sec. a.C.); la seconda di età tardo repubblicana (inizi/fine I sec. a.C.) e la terza fase, corrispondente all’ età Augustea ed imperiale (fine I sec. a.C. – 79 d.C.)».

GUARDA LE FOTO

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Castellammare, sequestrata la Engy Service: l’impresa di fiori era del clan Cesarano


Carabinieri e Guardia di Finanza hanno sottoposto a sequestro preventivo la Engy Service, società di intermediazione attiva nel Mercato dei Fiori tra Castellammare di Stabia e Pompei: secondo le indagini era diretta dal clan Cesarano ed era stata imposta dalla camorra a commercianti e trasportatori, realizzando un monopolio illegale.
Continua a leggere

Pompei, donna tenta di buttarsi dal balcone con i figli in braccio: salvati da un carabiniere


Una donna di 29 anni ha tentato il suicidio, cercando di lanciarsi dal balcone della sua abitazione con i due figli di 2 e 5 ani in braccio: è successo a Pompei, nella provincia di Napoli. Sul posto sono giunti i carabinieri, che hanno trovato la donna in bilico sulla ringhiera: il maresciallo maggiore Angelo Esposito non ci ha pensato due volte e ha afferrato la giovane madre e i due bimbi e li ha tratti in salvo.
Continua a leggere

Maximall Pompeii, apre nel 2021 il centro commerciale più grande del Sud Italia


Apre nel 2021 il centro commerciale del Sud Italia: è il Maximall Pompeii. Sorgerà sull'area dell'ex-Italtubi di Torre Annunziata, su una superficie di 200mila metri quadri, e si calcola che porterà almeno 1.500 posti di lavoro. Costo complessivo oltre 170 milioni di euro, tutti privati: all'interno anche un hotel 4 stelle, un teatro ed un cinema.
Continua a leggere