Google Pay a disposizione dei clienti Intesa Sanpaolo

Si completa l'offerta delle soluzioni di pagamento in mobilità. La piattaforma è fruibile su tutte le carte di credito, le carte prepagate e le carte di debito con circuito internazionale emesse dal Gruppo.

Google Pay diventa disponibile per tutti i clienti Intesa Sanpaolo possessori di dispositivi Android. Con la novità fruibile dal 27 dicembre si completa dunque l’ampia proposta delle soluzioni che consentono i pagamenti in mobilità in modo semplice, veloce, sicuro e a costo zero. L’esperienza di attivazione di Google Pay è immediata e in completa sicurezza, grazie all’app Intesa Sanpaolo Mobile.

Già diffuso a livello internazionale, Google Pay è compatibile per i pagamenti su tutti i Pos contactless ed è utilizzabile anche su numerose app e siti web per gli acquisti online. È disponibile su tutte le carte di credito, le carte prepagate e le carte di debito con circuito internazionale emesse dal Gruppo Intesa Sanpaolo. Completata quindi l’offerta delle soluzioni di pagamento digitale con tecnologia NFC (Near Field Communication) che la banca mette a disposizione dei propri clienti.

Grazie alla nuova partnership con Google, Intesa Sanpaolo annovera nel proprio “catalogo” di offerta tutte le principali e innovative soluzioni di pagamento tramite smartphone e/o wearable disponibili sul mercato, offrendo ai propri clienti la possibilità di gestirle direttamente da XME Pay, il portafoglio digitale nell’app Intesa Sanpaolo Mobile. «L’accordo con Google Pay rende familiare il pagamento via smartphone a un pubblico sempre più vasto» – spiega Andrea Lecce, responsabile Direzione Sales and Marketing Privati e Aziende Retail – «Con il lancio di Google Pay, diamo l’opportunità ai tantissimi nostri clienti possessori di un device Android di disporre di un ulteriore strumento di pagamento all’avanguardia, per fare acquisti nei negozi e on line, con un’esperienza di attivazione e di uso veloce, semplice e sicura».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Intesa Sanpaolo ha nominato Elisabetta Pagnini nuovo Group General Counsel

La manager, entrata nel gruppo nel 2013, ha un master ad Harvard e numerose esperienze in studi legali e aziende. Dal 1° ottobre 2019 ha sostituito Elisabetta Lunati.

Elisabetta Pagnini è il nuovo Group General Counsel di Intesa Sanpaolo. Lo ha annunciato la stessa società, specificando che Pagnini ha sostituito Elisabetta Lunati il 1° ottobre 2019 nell’ambito di un piano di avvicendamenti previsti per il progressivo rinnovamento generazionale. Intesa ha espresso il più sincero ringraziamento a Lunati «per l’alto contributo professionale garantito al gruppo in oltre venti anni di attività». In qualità di Group General Counsel, Pagnini avrà competenze nella gestione dei soci e del management operativo della società, nella consulenza aziendale a 360 gradi, nel contenzioso e segreteria del consiglio d’amministrazione, nella corporate governance e nella Compliance.

inte sa-sanpaolo-elisabetta-pagnini-group-general-counsel
Elisabetta Pagnini

UN MASTER AD HARVARD, PAGNINI È IN INTESA SANPAOLO DAL 2013

Napoletana, laureata in legge, Fulbright Scholar e master alla Harvard Law School, Elisabetta Pagnini è in possesso dell’abilitazione alla professione di avvocato anche a New York e ha maturato una lunga esperienza presso affermati studi legali come Freshfields Bruckhaus Deringer. Ha poi ricoperto crescenti incarichi nel Gruppo Allianz Italia, anche in ambito internazionale, fino a raggiungere la responsabilità della Direzione Legale e Relazioni Istituzionali. La dottoressa è entrata in Intesa Sanpaolo nel 2013 in qualità di Responsabile Legale e Compliance di Intesa Sanpaolo Reoco, la company di Real Estate del gruppo bancario, seguendone anche i progetti strategici. È poi diventata responsabile della Consulenza Legale Bancaria e Nuovi Servizi all’interno della Direzione Legale e Contenzioso della capogruppo nel 2017.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it