Salgono a sette le vittime dell’incidente in valle Aurina

Morta in ospedale una ragazza di 21 anni. Restano ancora tre persone in terapia intensiva. Una è grave.

Sale a sette il conto delle vittime del terribile incidente accaduto la notte tra il 4 e il 5 gennaio a Lutago, in valle Aurina, dove un 27enne con un tasso alcolemico circa quattro volte superiore ai limiti di legge ha travolto un gruppo di turisti. È infatti deceduta alla clinica universitaria di Innsbruck, J.S.H. ragazza di 21 anni. La giovane era stata portata ancora di notte in gravissime condizioni con l’elisoccorso Aiut Alpin in Austria, oggi è deceduta per le ferite riportate nell’incidente. Altri tre restano in terapia intensiva, uno in pericolo di vita.

LECHNER: «VORREI ESSERE AL POSTO LORO»

«Vorrei essere io al posto di quei ragazzi», ha detto Stefan Lechner, l’automobilista 27enne che ha provocato l’incidente. A riferirne le parole è l’avvocato Alessandro Tonon. Il giovane ha anche raccontato di non essersi allontanato dal luogo dell’incidente. «È sceso dalla macchina e ha tentato di rianimare uno dei ragazzi e quando sono arrivati i carabinieri e andato da loro dicendo: ‘Sono stato io’», ha affermato Tonon.

TRASFERITO IN CARCERE

Lechner si trova in carcere a Bolzano. In un primo momento il giovane era stato ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Brunico. Il 27enne, hanno appurato le analisi, guidava con un tasso alcolemico di 1,97 grammi per litro, mentre il limite di legge è dello 0,5, quando la sua auto ha investito 17 persone che stavano attraversando la strada per raggiungere il loro albergo. I rilievi sono stati effettuati dai carabinieri e sul luogo dell’incidente si è recato anche il pm Axel Bisignano. «Sulla base della dinamica finora accertata è da ritenere che l’autovettura procedesse in eccesso di velocità», ha confermato in serata la procura di Bolzano

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Due donne uccise da un guidatore ubriaco a Senigallia

Attraversavano la strada fuori dalla discoteca Megà, quando sono state travolte da un uomo positivo all'alcoltest.

Due persone sono state investite e uccise nella notte sulla strada provinciale 360 Arceviese, a Senigallia. Si tratta di due donne di Pesaro, di 34 e 40 anni che erano appena uscite dalla discoteca “Megà”. Camminavano a bordo strada quando sono state travolte da un’auto condotta da un uomo del posto, risultato positivo all’alcoltest, che è stato arrestato dalla polizia stradale di Ancona intervenuta sul posto assieme al 118.

SBALZATE A QUALCHE METRO DI DISTANZA

Il fatto è avvenuto tra le 4 e le 5, tra Bettolelle e Casine di Ostra: le due donne stavano probabilmente raggiungendo la loro automobile, quando sono state travolte dal mezzo in transito e sono state sbalzate a qualche metro di distanza. Sarebbe stato lo stesso investitore a chiamare i soccorsi, risultati però inutili: i corpi sono stati recuperati su un campo ai margini della strada. Sul luogo i vigili del fuoco, il 118 e la polizia stradale.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

I numeri sulle stragi del sabato sera nel 2019

Secondo i dati di Polizia stradale e Carabinieri quest'anno sono diminuite le vittime. Boom di conducenti ubriachi e multe per eccesso di velocità.

Le stragi del sabato sono in diminuzione ed anche le vittime, ma aumentano nei fine settimana i conducenti ubriachi. Polizia stradale e Arma dei Carabinieri nel 2019 hanno rilevato 148 incidenti mortali con 178 vittime: 11 in meno dello scorso anno. Nei week end i conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 195.533, il 5,7% dei quali (pari a 11.063, di cui 9.432 uomini e 1.631 donne) è risultato positivo al test per tasso alcolemico, mentre nel 2018 la percentuale era stata del 5,2%. Dal venerdì alla domenica le persone denunciate per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti, invece, sono state 408 e i veicoli sequestrati per la confisca 613. Da ottobre è iniziata anche una campagna sperimentale della Polizia Stradale di controlli per il contrasto dell’uso di stupefacenti alla guida di veicoli nelle notti del sabato e della domenica sulla rete autostradale, con utilizzo di un laboratorio mobile per l’esecuzione, direttamente su strada, delle analisi di secondo livello della saliva.

NEL CONFRONTO PESA LA TRAGEDIA DEL MORANDI NEL 2018

Più in generale, secondo i dati diminuiscono del 2,9% le vittime di incidenti stradali nel corso dell’anno. Il numero complessivo degli incidenti (70.801) è in lieve diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018 (-1,3%), mentre i sinistri con esito mortale (1.430) sono pressoché invariati (8 meno dello scorso anno, -0,6%). Si riduce più sensibilmente – del 2,9%, appunto – il numero delle vittime (1.566, 46 in meno), e questo anche perché nel dato del 2018 sono compresi i 43 morti del crollo del viadotto di Genova sul Polcevera.

IN UN ANNO CONTESTATE OLTRE 2,3 MILIONI DI INFRAZIONI

Dal 1° gennaio al 15 dicembre 2019 Polizia Stradale ed Arma dei carabinieri hanno effettuato 3 milioni 859.538 pattuglie di vigilanza stradale e contestato 2 milioni 376.484 infrazioni al Codice della strada. Le violazioni accertate per eccesso di velocità sono state complessivamente 685.778, ritirate 61.322 patenti di guida e 74.087 carte di circolazione. I punti patente decurtati sono 3 milioni 581.140. I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 1 milione 264.314, di cui 23.800 sanzionati per guida in stato di ebbrezza alcolica (+2,2% rispetto al 2018), mentre quelli denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono stati 2.156 (- 6,7%). Per quanto riguarda nello specifico i controlli effettuati dalla Polizia stradale su circa 1.000 chilometri di autostrada (dal 1° gennaio al 30 novembre), le violazioni per eccesso di velocità sono state 657.804 ed hanno registrato un vero e proprio boom, con un incremento del 35,7% rispetto al 2018. Il cosiddetto Tutor ha consentito di accertare 306.971 violazioni dei limiti di velocità.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Gli sviluppi dell’incidente di Roma tra dubbi su domiciliari ed effetto degli stupefacenti

Genovese agli arresti con l'accusa di omicidio stradale plurimo. Ma per il Gip le sostanze trovate nel sangue potrebbero essere state assunte in un'epoca precedente. Chiesa gremita per i funerali a Roma di Gaia e Camilla.

Omicidio stradale plurimo. Questa l’accusa con cui è stato arrestato il 20enne che era alla guida dell’auto che, nella notte tra il 21 e il 22 dicembre ha travolto e ucciso le due 16enni Gaia e Camilla a Corso Francia, a Roma. Pietro Genovese, figlio del regista Paolo, è ora ai domiciliari, misura giudicata sin troppo lieve dai familiari delle vittime, L’ordinanza gli è stata notificata al termine dei primi accertamenti condotti dalla polizia locale di Roma Capitale e in base alla relazione trasmessa alla procura. La posizione del ragazzo si era aggravata già immediatamente dopo l’incidente mortale costato la vita alle due giovani. Le analisi alle quali era stato sottoposto, infatti, avevano rivelato un tasso alcolemico tre volte superiore al consentito e tracce di sostanze stupefacenti.

GLI STUPEFACENTI FORSE ASSUNTI IN UN’ALTRO PERIODO

Eppure, proprio queste tracce non sono sufficienti a dimostrare che Genovese la fosse alla guida sotto effetto di quelle sostanze. È questo il ragionamento fatto dal Gip di Roma per escludere nei confronti del 20enne l’aggravante dell’alterazione psicofisica dovuta all’uso di stupefacenti. Per il giudice «le sostanze riscontrate, sebbene presenti, ben potevano essere state assunte dal Genovese in epoca precedente».

CHIESA GREMITA PER I FUNERALI DI GAIA E CAMILLA

Intanto, in una chiesa gremita di Collina Fleming gremita si sono tenuti i funerali di Gaia e Camilla. Tantissimi i ragazzi presenti, con decine le corone di fiori per le due amiche. Sul luogo dell’incidente è stato affisso uno striscione “Ciao angeli”. «Da giorni ci chiediamo il perché. Ci interroghiamo sull’insensatezza di quanto accaduto. Brancoliamo nel buio», ha detto il sacerdote nel corso delle esequie. « Ecco quello di oggi è il grande abbraccio che diamo ai genitori di Gaia e Camilla, in questa ora così buia». E ancora parole forti nell’omelia di don Matteo: «Il senso della vita, lo aveva chiesto giorni fa Camilla alla sua famiglia. Ecco, magari quando sei sbronzo o sei fatto ti metti a guidare? Questa è la vita? In fondo ci sentiamo onnipotenti e poi non riusciamo a seguire le regole base della convivenza. Ci riscopriamo tutti un po’ palloni gonfiati. Il senso della vita non è bere e fumarsela».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Uccisa da un’auto fuori dalla chiesa alla vigilia di Natale

La ragazza di 26 anni si stava recando a messa col padre quando la loro macchina è stata centrata da una Giulietta nel parcheggio.

Stava andando in chiesa per la messa della Vigilia, Ilaria Lai, la giovane volontaria laureata in sociologia rimasta uccisa la notte del 24 dicembre in un tragico e assurdo incidente. Mentre entrava nel parcheggio con la Lancia Y del padre, la ragazza di 26 anni è stata centrata in pieno da una Alfa Romeo Giulietta lanciata ad alta velocità. È successo ad Arce, nel Frusinate.

IL PADRE È RIMASTO FERITO

Lo scontro tra le due auto, su una delle quali viaggiava la 26enne con suo padre, sarebbe avvenuto a pochi metri dalla chiesa di Sant’Eleuterio, lungo la regionale ‘Valle del Liri’, poco prima della mezzanotte. Il padre e il conducente dell’altra auto, un 26enne residente a Colli, nella frazione di Monte San Giovanni Campano, sono rimasti feriti, il primo con una prognosi di 30 giorni, l’altro lievemente. La comunità è sotto choc: la 26enne era una volontaria della protezione civile di Fontana Liri.

NEGATIVI A DROGHE E ALCOL

Secondo una prima ricostruzione, la Lancia Y stava svoltando per poter parcheggiare vicino alla chiesa, quando si è scontrata con la Giulietta che, nell’altro senso di marcia, si stava dirigendo verso Fontana Liri. Dopo essere stati sottoposto agli accertamenti, il conducente della Giulietta e lo stesso padre della giovane sono risultati negativi ai test tossicologici su alcol e droga. Il 26enne al momento non sarebbe indagato per omicidio stradale, ma i carabinieri della stazione di Arce e della compagnia di Pontecorvo stanno indagando per stabilire l’esatta dinamica.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le indagini sulla morte delle ragazze investite e uccise a Roma

Dall'autopsia è emerso che Gaia e Camilla sono morte su colpo. E gli esami tossicologici hanno accertato per il giovane alla guida un tasso alcolemico oltre il consentito.

Due giorni dopo la tragedia, Roma e i suoi abitanti ancora non si capacitano dell’assurda morte di Gaia e Camilla, le due ragazze di 16 anni travolte e uccise mentre attraversavano Corso Francia. «Adesso non ho ragioni per andare avanti, Gaia era la mia forza dopo l’incidente che avevo subito», è stato il disperato messaggio affidato dal padre di Gaia al suo legale, l’avvocato Giovanni Maria Giaquinto. «Voglio giustizia, non vendetta», sono state invece le sole parole della mamma di Camilla. «Il padre, la madre e la sorella di Camilla sono distrutti per quanto accaduto», ha detto l’avvocato Cesare Piraino. «Una famiglia unita, colpita in modo tragico da questa vicenda».

GAIA E CAMILLA MORTE SUL COLPO

Intanto, la procura di Roma ha autorizzato l’autopsia sui corpi delle due ragazze. L’atto istruttorio è stato disposto dal pm Roberto Felici, titolare del fascicolo in cui è indagato per omicidio stradale Pietro Genovese che era al volante dell’auto. Gaia e Camilla sono morte per lo sfondamento della scatola cranica causato dall’impatto con l’auto guidata da Pietro Genovese. Sul corpo sono state trovate altre fratture, ma non segni di trascinamento. il che farebbe supporre che le due ragazze, che sono morte sul colpo, non sarebbero state colpite da altre auto.

ALCOL E STUPEFACENTI NEL SANGUE DI GENOVESE

E gli accertamenti tossicologici su Genovese hanno rivelato che il giovane aveva un tasso alcolemico pari a 1,4 grammi per litro (per la normativa vigente è consentito mettersi alla guida con un tasso di alcolemia di massimo 0,5 g/litro). Stabilita anche la non negatività ad alcune sostanze stupefacenti.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Due ragazze di 16 anni uccise in da un’auto a Ponte Milvio

Gaia e Camilla stavano attraversando Corso Francia. A investirle è stato un giovane di 20 anni che se le sarebbe trovate davanti all'improvviso.

Avevano 16 anni e passavano un sabato come tanti, nella zona della movida romana, a Ponte Milvio. Gaia Vonfreymann e Camilla Romagnoli , residenti poco distanti alla Collina Fleming, stavano attraversando il viadotto di corso Francia, quando, all’altezza del McDonald’s, sono state investite e uccise da una Renault Koleos guidata da un giovane di 20 anni, Pietro Genovese, figlio del regista Paolo, che si è immediatamente fermato per prestare soccorso. L’autista è stato trasportato sotto choc in ambulanza in ospedale dove è stato sottoposto agli esami del sangue per capire se fosse sotto l’effetto di alcol o droghe.

STRADA BAGNATA

La strada era bagnata dalla pioggia che è scesa copiosa sulla città già da ieri sera. I vigili urbani indagano sulla dinamica dell’incidente. Dai primi accertamenti pare che il ragazzo di 20 anni fosse appena ripartito dall’incrocio con il semaforo verde e che all’improvviso si sia ritrovato davanti le due giovani in un tratto a visibilità ridotta, non riuscendo a evitarle. L’impatto è stato molto violento e le ragazze sono morte sul colpo. Sul posto, poco dopo l’impatto, sono giunti gli amici con cui Gaia e Camilla erano uscite, i familiari sono stati avvisati dagli stessi e dagli agenti della Municipale. I pm hanno aperto un’indagine per omicidio stradale.

123 MORTI IN UN ANNO

Poche ore dopo, intorno alle 7 di mattina di domenica 22 dicembre, un altro incidente mortale è avvenuto in via Marco Polo, in zona Ostiense, dove un’auto ha travolto un motorino elettrico uccidendo il conducente dello scooter. Le morti per incidenti stradali a Roma sono salite a 123 nel 2019, 45 delle vittime sono pedoni. Se si include la provincia di Roma, i decessi salgono a 142.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Scontro tra filobus e camion a Milano, indagati i conducenti dei mezzi

I Pm indagano per omicidio stradale aggravato e lesioni colpose. Nell'incidente ha perso la vita una donna di 49 anni.

La Procura di Milano ha iscritto nel registro degli indagati per omicidio stradale aggravato e lesioni colpose i conducenti del filobus e del camion dei rifiuti coinvolti nello scontro di sabato mattina nel quale sono rimaste coinvolte in totale 18 persone, tra cui una donna di 49 anni che è morta l’8 dicembre in ospedale. Le iscrizioni sono atti a garanzia per ricostruire la dinamica dell’incidente. Il pm Rosario Stagnaro ha dato una delega alla Polizia locale per le indagini.

Il pm Stagnaro ha proceduto con le iscrizioni di entrambi i conducenti dei due mezzi che si sono scontrati, come atto dovuto a garanzia degli indagati per svolgere tutti gli accertamenti e come avviene sempre in questi casi. Il pm ha poi disposto gli esami tossicologici sui conducenti (i risultati sono attesi per i prossimi giorni) e ha dato una delega ampia alla Polizia locale milanese per effettuare una serie di indagini al fine di ricostruire la dinamica esatta dell’incidente.

Lo scontro tra il filobus e il camion di rifiuti, avvenuto all’incrocio tra viale Bezzi e via Marostica, nella zona nord-ovest di Milano, è stato ripreso, tra l’altro, da una telecamera privata di un palazzo nelle vicinanze del luogo dell’incidente. Il video mostra che l’autista del bus della linea 90/91, che procedeva a velocità elevata, non si è fermato al semaforo rosso e per questo il mezzo è andato a schiantarsi contro il camion che, invece, avanzava con il verde. Stando a quanto chiarito, ad ogni modo, gli inquirenti dovranno valutare ancora diversi elementi, tra cui anche la velocità esatta dei due mezzi, prima di avere delle risposte certe sul terribile. Per capire, poi, il motivo per il quale l’autista del filobus, che ha bruciato il ‘rosso’, si sia distratto ci saranno anche accertamenti sul suo cellulare che è stato sequestrato, così come i due mezzi.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

L’incidente a Milano causato dal filobus Atm ha fatto un morto

È deceduta la donna di 49 anni coinvolta nello scontro e apparsa subito gravissima. Altre 11 persone ferite. È stato il mezzo dell'azienda dei trasporti milanesi a passare col rosso centrando il camion per la raccolta rifiuti dell'Amsa. La ricostruzione.

L’incidente stradale a Milano tra un filobus dell’Atm e un camion per la raccolta rifiuti dell’Amsa ha assunto i contorni della tragedia: c’è una vittima, la donna di 49 anni che era rimasta coinvolta ed era apparsa subito gravissima, in coma. Il giorno dopo lo scontro è morta.

L’AZIENDA «VICINA AL DOLORE DEI FAMILIARI»

L’episodio ha fatto registrare il ferimento di altre 11 persone. L’azienda dei trasporti milanesi «nell’apprendere che la passeggera gravemente coinvolta nell’incidente stradale è deceduta», ha espresso «la sua profonda vicinanza ai familiari in questo momento di grande dolore».

incidente atm amsa milano cause
Le condizioni del filobus dopo l’incidente a Milano. (Ansa)

APERTA UN’INDAGINE INTERNA: IN ARRIVO PROVVEDIMENTI

Ma di chi è la colpa? Sarebbe stato proprio il filobus dell’Atm a non rispettare il semaforo rosso e a causare l’impatto. Atm ha spiegato che «dalla ricostruzione della dinamica è emerso che il filobus non ha rispettato la precedenza semaforica». L’azienda poi ha assicurato di aver già «aperto un’indagine interna» e si è detta «pronta a prendere tutti gli opportuni provvedimenti». Atm ha ribadito infine di essersi «impegnata da subito a fornire tutto il supporto necessario alla famiglia colpita da questo grave lutto».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Incidente tra bus e camion dell’Amsa a Milano

Un mezzo della linea 90 contro un camion dell'Amsa. Impatto fortissimo, numerosi feriti. La più grave è stata sbalzata fuori dal filobus.

Uno scontro tra un bus e un camion avvenuto la mattina del 7 dicembre in via Egisto Bezzi, a Milano, ha coinvolto 18 persone, di cui 12 in ospedale e altre sei curate sul posto, con la più grave finita in coma. Si tratta di una donna di 49 anni, passeggera sul filobus della linea 90, che è stata sbalzata dal mezzo dopo l’impatto ed è ricoverata in ospedale. Il conducente del bus, un uomo di 47 anni, secondo il 118 ha riportato un trauma cranico commotivo ma non è in condizioni gravi. Altre nove persone hanno subito contusioni e un’altra la sospetta frattura del femore.

SULLA 90 C’ERANO 15 PERSONE

Sul mezzo dell’Atm si trovavano 15 persone e l’autista di uno dei mezzi, per quanto cosciente, è rimasto incastrato nell’abitacolo. Il mezzo dell’Amsa, l’azienda municipalizzata che si occupa della raccolta dei rifiuti a Milano, è rimasto completamente distrutto. Il 118 che ha diffuso la notizia, ha dichiarato una maxiemergenza e ha inviato alcuni mezzi. Secondo quanto riferito dal 118, all’arrivo dei soccorritori una persona era in arresto cardiaco ed è stata rianimata sul posto e trasportata all’ospedale Sacco dove è in gravi condizioni. Altri quattro sono stati portati in ospedale e 12 sono in valutazione. Sul posto anche vigili del fuoco e agenti della Polizia locale.

BUS SBALZATO DALLA CORSIA PREFERENZIALE

L’impatto con il mezzo dell’Amsa sarebbe stato così forte che il filobus dell’Atm sarebbe stato sbalzato dalla corsia preferenziale su quella normale. È ancora da chiarire la dinamica dell’incidente che ha sconvolto il capoluogo lombardo nel giorno della festa del patrono Sant’Ambrogio.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Incidente sulla A13: morti padre, madre e figlia di 5 mesi

La famiglia era originaria della provincia di Vicenza. L'uomo aveva 32 anni, la donna 29. Il camper su cui viaggiavano è stato tamponato due volte e si è ribaltato.

Grave incidente stradale nella notte tra l’1 e il 2 novembre sull’autostrada A13 Bologna-Padova, nel tratto tra Bologna Interporto e Altedo in direzione Padova: tre persone sono morte e altre quattro sono rimaste ferite. Le vittime sono padre, madre e figlia di 5 mesi. La famiglia era originaria della provincia di Vicenza. L’uomo aveva 32 anni, la donna 29. Viaggiavano su un camper e stavano probabilmente tornando verso casa. Il mezzo è stato tamponato da un’utilitaria e, dopo aver urtato il newjersey, si è ribaltato in mezzo alla carreggiata dove è stato nuovamente tamponato da un pullman che stava sopraggiungendo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it