Ragazzi attenti all’ecologia acustica grazie ad Amplifon


Dal '700 in poi i compositori hanno tratto ispirazione dai suoni che li circondano per tradurli in emozioni musicali. Ma se Vivaldi, Bach, Beethoven avessero vissuto nelle nostre società immerse nel rumore, a che tipo di suoni si sarebbero ispirati? Senza contare i danni che un'esposizione continua al rumore provoca al nostro udito e alla nostra salute. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2050 oltre 900 milioni di persone soffriranno di problemi uditivi. Correre ai ripari si può, partendo dall'educazione dei più giovani. Amplifon da anni stimola una riflessione condivisa sui disturbi dell’udito e sulle loro ricadute a livello sociale e, parlando soprattutto alle nuove generazioni, fa capire loro quanto sia importante attribuire all'udito la stessa attenzione che riversiamo agli altri nostri sensi e imparare ad ascoltare in maniera responsabile.
Continua a leggere

A rischio l’udito di un miliardo di giovani, ma correre ai ripari si può


Nell'immaginario collettivo i problemi di udito interessano gli anziani o, al massimo, gli over 55 ancora attivi nel lavoro e nella vita pubblica. Ma è una visione parziale: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità oltre un miliardo di giovani tra i 12 e i 35 anni è a rischio a causa dell’esposizione incontrollata al rumore quotidiano. Entro il 2050 oltre 900 milioni di persone soffriranno di una perdita uditiva. Per questo è importante sensibilizzare soprattutto i più giovani a un ascolto responsabile.
Continua a leggere