Mancata consegna del certificato di abitabilità e risoluzione della vendita


Cassazione 17.10.2019 n 26335 Nella vendita di immobili destinati ad abitazione, la mancata consegna del certificato di abitabilità costituisce un inadempimento solo se non ci sono le condizioni per l'ottenimento del certificato con risoluzione della vendita, mentre nelle altre ipotesi l'omissione del venditore deve essere valutata (di volta in volta) ai fini della verifica delle gravità dell'inadempimento.
Continua a leggere

Proprietà del lastrico solare di uso esclusivo


Cassazione 6.9.2019 n 22339 Il principio previsto dall'art. 1117 cc (che qualifica il lastrico solare come bene condominiale) non è modificato dalle modalità di accesso al lastrico solare, in particolare, ai fini dell'individuazione del proprietario del lastrico solare non ha rilevanza la circostanza che il lastrico sia raggiungibile da una sola unità immobiliare o serva all'uso esclusivo di un singolo condomino.
Continua a leggere

Cessione dell’azienda e debito tributario


Cassazione 4.12.2019 n 31654 In tema di cessione di azienda, l'art 14 del d.lgs. n 472 del 1997, prevede la responsabilità solidale del cessionario per le obbligazioni tributarie del cedente, introduce una disciplina speciale rispetto l'art 2560 cc. Il d.lgs. n 472 del 1997 art 14 cerca di evitare che il trasferimento dell'azienda serva a perdere la garanzia patrimoniale del contribuente in pregiudizio dell'interesse pubblico.
Continua a leggere

Preliminare e prova della regolarità urbanistica del bene


Cassazione 19.9.2019 n 23338 Per ottenere la sentenza ex art. 2932 cc di un preliminare occorre verificare la regolarità urbanistica del bene. Se il promittente alienante, inadempiente, si rifiuti di produrre i documenti attestanti la regolarità urbanistica ovvero rendere la dichiarazione sostitutiva di atto notorio ex art 40 legge n 47 del 1985, il promissario acquirente può provvedere a tale produzione o di rendere la dichiarazione per ottenere la sentenza ex art 2932 cc.
Continua a leggere

Esecuzione erariale in presenza di fallimento o concordato preventivo


Cassazione 5.9.2019 n 22211 L'inizio dell'azione esecutiva, vietata dall'art 168 Legge Fallimentare debba ricondursi, non alla emissione ed alla notifica della cartella di pagamento, rappresentando quest'ultima un atto assimilabile al precetto, ma soltanto all'inizio della vera e propria procedura esecutiva. Identico discorso deve farsi nel fallimento ex art 51 e 52 Legge Fallimentare.
Continua a leggere