Alla mia piccola Sama è un film potente come le bombe su Aleppo

Il documentario della regista Waad al-Kateab racconta la scelta di restare in Siria e di fare una figlia. Nonostante la repressione del regime, gli attacchi agli ospedali, la distruzione e la disperazione. Una testimonianza dura, straziante e che suscita emozioni sincere. La recensione.

Alla mia piccola Sama, documentario nominato agli Oscar e vincitore ai British Academy Film Awards (Bafta), è la lettera d’amore realizzata dalla regista Waad al-Kateab nei confronti della figlia e della città di Aleppo, raccontata in italiano dalla voce di Jasmine Trinca.

ASSEDIO NEL 2016 ANCHE CONTRO GLI OSPEDALI

Il progetto mostra la scelta della giovane protagonista di rimanere in Siria durante la repressione del regime e gli attacchi che colpirono persino gli ospedali durante l’assedio avvenuto nel 2016.

UN AMICO MEDICO CON CUI NASCE L’AMORE

Sul grande schermo si assiste così alla scelta di restare ad Aleppo di Waad e del suo amico medico Hamza, con cui nasce successivamente l’amore. La coppia, nonostante la tragedia che li circonda, si sposa e ha una figlia, Sama, dovendo però prendere delle decisioni difficili e apprezzando le piccole cose come una nevicata inaspettata o i momenti di leggerezza vissuti con gli amici.

La regista con il marito medico e la figlia.

IMMAGINI STRAZIANTI DI MORTE

Il film colpisce per la capacità di aver trovato un ottimo equilibrio tra le emozioni sincere suscitate dalla bellezza di chi lotta per la vita e la durezza e le immagini strazianti dei corpi, del sangue, delle case che vanno in mille pezzi e di madri e ragazzini straziati dalla perdita di figli, fratelli, parenti e amici a causa dei bombardamenti e delle sparatorie.

MOMENTI DI DEBOLEZZA E FRUSTRAZIONE

La progressiva distruzione di Aleppo che non risparmia nessuno, nemmeno gli ospedali, viene raccontata in modo onesto tramite lo sguardo e la voce di Waada che non esita a rivelare i momenti di debolezza e i ripensamenti, fino a seguire la disperazione causata dalla consapevolezza che sia necessario abbandonare Aleppo, situazione che fa emergere la frustrazione e ulteriori timori dopo tutti i sacrifici compiuti per rimanere a dare aiuto e speranza alla propria comunità. Alla mia piccola Sama diventa così una testimonianza necessaria ed emotivamente coinvolgente, grazie all’ottimo lavoro compiuto da Edward Watts al montaggio.

Immagini della distruzione ad Aleppo.

ALLA MIA PICCOLA SAMA IN PILLOLE

LA SCENA MEMORABILE

Un parto cesareo di emergenza lascia tutti i presenti con il fiato sospeso.

LA FRASE CULT

«Sama, potrai mai perdonarmi?».

TI PIACERÀ SE

Ami i film che affrontano la realtà.

DEVI EVITARLO SE

Sei particolarmente sensibile alle scene di violenza e morte.

CON CHI VEDERLO

Assieme a chi vuole capire meglio una drammatica pagina della storia contemporanea.

Regia: Waad Al-Khateab, Edward Watts; genere: documentario (Regno Unito, 2019).

1. CINQUE ANNI DI GIRATO: 500 ORE RIDOTTE IN 95 MINUTI

Waad al-Kateab ha raccontato che molti spettatori, dopo aver visto il documentario, sono convinti di conoscere bene lei e la sua famiglia, ma di non provare la sensazione di aver condiviso troppo della sua vita privata. La regista ha infatti sottolineato di aver girato in cinque anni circa 500 ore di materiale, ridotto in soli 95 minuti. Waad ha però espresso la sua soddisfazione per la reazione delle persone messe di fronte al racconto di quanto le è accaduto perché Alla mia piccola Sama permette di avvicinarsi ai motivi per cui molte famiglie avevano deciso di rimanere ad Aleppo e gettare le basi per il proprio futuro nonostante una situazione molto precaria e drammatica.

Un momento delle riprese di Waad al-Kateab.

2. L’ASILO NEL REGNO UNITO: DIFFICOLTÀ CON LA SECONDA FIGLIA

La regista e suo marito Hamza, dopo aver lasciato la Siria, hanno trascorso del tempo in Turchia, dove è nata la seconda figlia Taima. Grazie al suo lavoro per Channel 4 nel maggio del 2018 è arrivata a Londra, dove ha chiesto asilo. Anche in quel caso Waada ha dovuto fare una scelta difficile: la piccola Taima non aveva dei documenti validi e, senza l’aiuto dell’ambasciata siriana, non ha potuto andare con i genitori e la sorella. Dopo aver ottenuto l’asilo nel Regno Unito la famiglia è riuscita a ricongiungersi con la bambina a distanza di cinque mesi dall’ultima volta che avevano potuto abbracciarla.

Waad al-Kateab felice per le piccole cose, come una nevicata siriana.

3. UN AIUTO ALL’ONU: MATERIALE PER LE INDAGINI SUI CRIMINI SIRIANI

Il materiale girato dalla regista nei cinque anni prima di lasciare Aleppo è stato consegnato ai responsabili delle Nazioni unite che indagano su potenziali crimini di guerra. Le immagini dei bombardamenti e degli attacchi con vittime civili potrebbero quindi contribuire a dimostrare la responsabilità dei vertici siriani e russi nella morte di persone innocenti e nelle violazioni dei diritti umani.

alla mia piccola sama foto
La piccola Sama con il padre e una squadra di medici.

4. DEFINIZIONE RESPINTA DALLA REGISTA: GUERRA SÌ, MA NON «CIVILE»

Waad al-Kateab e suo marito Hamza hanno voluto chiarire in più occasioni che non considerano la situazione della Siria come una «guerra civile» per vari motivi che comprendono il fatto che gli scontri sono nati contro un regime autoritario senza alcuna differenza etnica, razziale e sociale. Successivamente sono intervenute nella complessa situazione anche forze iraniane, turche, americane e internazionali che hanno agito sul territorio siriano. La regista ha quindi invitato i giornalisti e le persone che intervengono per parlare del film di definire quanto accaduto come «un conflitto, una lotta, una guerra» senza aggiungere il termine «civile».

La protagonista per le strade della città siriana.

5. MESSAGGIO SUL RED CARPET: UNA FAMOSA POESIA ARABA

Sul red carpet degli Oscar la regista Waad al-Kateab ha portato avanti il suo messaggio indossando un elegante abito che riportava in rosa la frase di una famosa poesia araba: “Abbiamo osato sognare e non rimpiangiamo di aver chiesto la nostra dignità”.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it