Facebook smetterà di mostrarti annunci in base al tuo orientamento sessuale


Da gennaio 2022 gli annunci pubblicati sulle piattaforme dell'azienda fondata da Mark Zuckerberg non potranno più essere indirizzati agli utenti a seconda del loro orientamento sessuale e di altre caratteristiche sensibili come religione, stato di salute e orientamento politico. La misura è pensata per salvaguardare queste categorie da attacchi e persecuzioni, ma ha attirato anche critiche.
Continua a leggere

C’è già un’azienda che si chiama Meta, ma Zuckerberg non lo sapeva: “Dateci 20 milioni per il nome”


Il nuovo nome della multinazionale che include il social fondato da Mark Zuckerberg era già stato richiesto mesi fa da un'altra azienda statunitense, Meta PC, con sede in Arizona. Gli ambiti di pertinenza dei due soggetti sono simili e garantire a entrambi il diritto a utilizzare lo stesso marchio potrebbe non essere possibile.
Continua a leggere

Lo stop al riconoscimento facciale di Facebook non vale per il metaverso


Nell'annuncio che è stato dato nelle scorse ore dal gruppo Meta non viene assicurato che le tecnologie di riconoscimento facciale saranno bandite del tutto. All'interno di altre app e piattaforme — comprese quelle inerenti al metaverso che Mark Zuckerberg vuole costruire da qui ai prossimi 10 anni — l'uso di sistemi di riconoscimento biometrico continuerà a essere studiato.
Continua a leggere

I Facebook Papers raccontano come il social ha ignorato per anni disinformazione e violenza


Un consorzio di testate straniere ha pubblicato contemporaneamente una serie di articoli sui documenti interni a Facebook. Si tratta degli stessi studi che Frances Haugen, la whistleblower che ha denunciato i problemi della piattaforma, aveva già fornito al The Wall Street Journal. Sotto accusa gli avvisi sugli algoritmi che amplificavano la disinformazione e i discorsi di incitamento all'odio ignorati dalla dirigenza.
Continua a leggere

Così Facebook ha promosso per anni i contenuti che ti facevano arrabbiare


Alcuni documenti interni a Facebook mostrano come il social abbia utilizzato le reaction degli utenti per scovare i contenuti più controversi e promuoverli tra quelli che gli utenti vedono più facilmente sulle loro pagine. Alcuni dipendenti avevano capito che le reaction di rabbia si legavano spesso a disinformazione e violenza, ma sono rimasti ignorati a lungo.
Continua a leggere

TikTok e Instagram censurano le opere d’arte e i musei di Vienna le pubblicano su OnlyFans


Dopo aver subito gli effetti della mannaia censoria di Facebook, Instagram e TikTok, l'Ente del turismo viennese ha aperto un proprio canale su OnlyFans. Qui verranno pubblicate le immagini di celebri opere di nudo esposte nelle sale di quattro musei della capitale austriaca. Gli appassionati potranno osservare i vari capolavori pagando tre euro di abbonamento .
Continua a leggere

Facebook può sapere dove vai: come trovare (e controllare) la mappa degli spostamenti


La cronologia delle posizioni è una funzione del social network che segue gli spostamenti degli utenti, e memorizza i luoghi (negozi e aziende) in cui sono stati. I dati vengono ottenuti dagli spostamenti registrati dall'app Facebook per smartphone e caricati su una mappa digitale, alla quale è possibile accedere attraverso pochi passaggi sulla piattaforma.
Continua a leggere

Su Facebook stanno vendendo pezzi di Foresta Amazzonica (ma il social non riesce a impedirlo)


La piattaforma di Mark Zuckerberg ha annunciato che verranno aggiornate le politiche commerciali: scopo della scelta è vietare che sulla comunità digitale di compravendita vengano venduti terreni di aree protette. Nel febbraio 2020 la BBC aveva condotto un'inchiesta che denunciava il ricorso al canale del social network da parte degli speculatori edilizi.
Continua a leggere