Non accettiamo che Vittorio Feltri riduca lo stupro a un dibattito da bar

Ha detto in radio e ribadito su Twitter che violentare una donna «è difficile e comporta una fatica bestiale». Una banalizzazione grave e insopportabile, ancor più da parte del direttore di un giornale. Perché il grado di resistenza della vittima non è un parametro in caso di abusi.

«Io sostengo che stuprare una donna sia uno schifo che comporta una fatica bestiale, mentre Parenzo dice che si fa facilmente. Chi ha ragione?». A parlare di violenza sessuale come fosse una partita di calcio di cui discutere al bar tra un rutto e una birra media è purtroppo un direttore di giornale: Vittorio Feltri, la cui misoginia è affare piuttosto noto. Parliamo sia dei suoi titoli – chi si ricorda il tristemente famoso “Patata bollente” in prima pagina su Libero riferito alla sindaca di Roma Virginia Raggi? – ma non solo: un paio di anni fa in un collegamento televisivo riuscì a parlare di «atto eroico» e di «pelo sullo stomaco» riferendosi allo stupratore di una senzatetto 74enne avvenuto a Roma. Parole offensive che fecero discutere. Feltri però non è cambiato di una virgola: nemmeno il #MeToo è riuscito a scalfire di un briciolo la sua volgarità, e il rispetto non è qualcosa che si impara.

LA «FATICA» PURE NEL SESSO CONSENZIENTE

Così l’11 febbraio il direttore di Libero è tornato a parlare di stupro – sarà un’ossessione? – in diretta a La Zanzara su Radio24. «Parenzo si è molto incazzato la settimana scorsa per una frase che tu hai detto sullo stupro: Si fa una grande fatica a scopare, figuriamoci a stuprare una persona», lo ha incalzato Cruciani. «Personalmente faccio fatica a scopare una che me la dà volentieri, figurati se posso scopare una che non me la vuole dare. Bisogna usare tutti i muscoli per tenerla ferma», risponde Feltri.

LO STUPRO «TECNICAMENTE DIFFICILE»

Parenzo, turbato, lo ha accusato di stupidaggine e di grezzume. Ma Feltri noncurante ha rincarato la dose. «Lo stupro è tecnicamente difficile, molto difficile. Bisogna usare la forza per piegarla alla sua volontà, ammetto che non saprei farlo».

Viene da chiedersi innanzitutto che senso abbia questa disgustosa conversazione e perché non è stata troncata sul nascere per rispetto di un tema serissimo e delle vittime di violenza sessuale che nel nostro Paese stanno salendo, come sottolineato dal rapporto Eures 2019 su femminicidio e violenza di genere. Solo quelle denunciate – quindi una minima parte – sono in costante aumento negli ultimi cinque anni: nel 2018 hanno raggiunto i 4.886 casi, con una crescita del 5,4% sul 2017 e del 14,8% sul 2014.

UNO STUPRO NON SI MISURA CON LA RESISTENZA DI UNA DONNA

Le parole offensive di Feltri non solo ignorano il dolore di queste vittime, banalizzando lo stupro, ma sembrano persino dare poca credibilità a questi episodi. Sembrano lasciar intendere: Se è così difficile violentare una donna, sarà vero che lo fanno in così tanti? Siamo sicuri che non ci sia un po’ di consenso? Siamo sicuri che lei si ribelli? Perché se si ribella non è facile andare fino in fondo… Pensieri inqualificabili e privi della minima cognizione di causa visto che sappiamo che ogni donna reagisce in modo diverso a un’aggressione, che lo choc e la paura possono immobilizzarci, ma che se in quel momento non abbiamo la forza di urlare o di provare a divincolarci non stiamo certo dicendo . Il consenso non si misura con il grado di resistenza della vittima. E no, per stuprare una donna non si fa nessuna fatica. La fatica la fa la vittima. Fatica nell’elaborare quello che è successo, nel riuscire a trovare la forza di raccontarlo, nel riviverlo nelle aule di tribunale, o nel tenerlo per sé se non ci si riesce. Il resto non meriterebbe nemmeno un commento. Ma non possiamo accettare che un direttore di un giornale si esprima in questi termini, e anziché scusarsi ne faccia persino un goliardico dibattito su Twitter.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it