Col flight shaming se voli low cost sei il nuovo untore

Nel 2020 arriva un'ondata di puritanesimo ambientale: viaggiate meno, solo se necessario. Da Greta in giù, i Paesi scandinavi sono pronti a sensibilizzarci. E giudicarci. Così sentiremo molto parlare delle "impronte" che ognuno di noi lascia sulla Terra.

Anno nuovo, nuova vergogna. Credevate che quattro foto di modelle plus size avessero cancellato il body shaming, vergogna del 2019, e che per questo non ne sentiate più parlare? Macché, il bullismo contro l’estetica e il peso ponderale dei nostri simili è solo passato di moda; un argomento noioso, e se nella vostra taglia 50 non vi sentite a vostro agio sono affari vostri. Nel 2020 il comportamento scorrettissimo da non tenere, quello per il quale tutti verremo guardati male e compatiti, è il volo aereo. Il flight shaming.

SIETE DEGLI ORRENDI INQUINATORI

Siete fra quelli che 20 anni fa hanno benedetto l’avvento dei voli low cost e vi sottoponete al rito del solo-bagaglio-a-mano e ginocchia-in-bocca-causa-mancanza-di-spazio pur di trascorrere almeno due weekend al mese in una capitale europea a 40 euro? Siete degli orrendi inquinatori, esattamente come gli acquirenti compulsivi di moda low cost, il famoso fast fashion che non sa più come uscire dall’aura negativa che ormai lo circonda, schiacciato dallo stesso modello di business che l’ha lanciato. Comprate meno, comprate meglio; viaggiate meno, viaggiate solo se necessario.

RECUPERA CONSENSO IL TRASPORTO SU ROTAIA

Verrete giustificati, parzialmente, solo se salirete su un aereo per lavoro e sarete in grado di dimostrarlo: in caso contrario, tenetevi pronti ad acquistare ricchi carnet ferroviari e a esibirli non solo al controllore. Se muoversi e viaggiare è necessario, il trasporto su rotaia, il meno inquinante ancorché in Val di Susa la pensino diversamente, sta infatti recuperando quota e consensi ovunque. Di sicuro, le istituzioni nazionali non hanno pensato a questo specifico punto quando hanno ipotizzato l’acquisizione di Alitalia da parte di Ferrovie, ma dovrebbero farlo: il capitale di immagine delle seconde è destinato ad aumentare vertiginosamente, mentre quello delle compagnie aeree a declinare, anno dopo anno.

DISAPPROVAZIONE ANCHE DA PARTE DEGLI AMICI

«Nei prossimi 10 anni viaggeremo di meno», ha dichiarato al Guardian la più famosa delle analiste predittive, Li Edelkoort, segnalando che nei Paesi scandinavi, molti fra i ricchissimi hanno venduto le proprie case Oltreoceano, nei Caraibi e nelle Bahamas, perché non riuscivano a sostenere la disapprovazione dei propri amici. Sul New Yorker, una delle eredi dell’impero Disney ha raccontato di aver smesso di volare sul Boeing 737 Max di famiglia (sic) perché, mentre si allacciava la cintura «attorno al letto queen size» per un volo Los AngelesNew York in cui viaggiava da sola, si era resa conto del footprint che stava lasciando e non è riuscita a chiudere occhio.

E VOI CHE IMPRONTA LASCIATE SULLA TERRA?

Il tema di cui sentirete parlare ad libitum quest’anno è proprio il footprint, cioè l’impronta che lasciamo sulla Terra con le nostre attività ma, in realtà, anche con la nostra stessa esistenza: per produrre emissioni nocive al Pianeta non abbiamo nemmeno bisogno di salire sull’auto, come sanno tante aziende di moda che hanno preso l’abitudine di piantare un albero per ogni invitato a un qualsiasi evento che abbia comportato spostamenti ed emissioni di gas. In realtà, ci basta respirare. Tutti siamo emettitori costanti di emissioni nocive, produciamo il nostro personale Co2 (tante mogli direbbero che i loro mariti producono un Co2 speciale, particolarmente tossico, ogni sera sotto le coperte, ma lasciamo stare).

NUOVA TENDENZA DI ORIGINE SCANDINAVA

Dunque, in questa nuova ondata di puritanesimo ambientale che, per ragioni soprattutto storiche e filosofiche è guidato dai Paesi scandinavi e di cui Greta Thunberg è l’esponente più famoso, ma non certo l’unico, la bicicletta, il trasporto pubblico (purché funzionante, Roma al momento può dirsi ancora esentata), il car sharing e il turismo modello “mogli-e-buoi-dei-paesi-tuoi” saranno la grande tendenza degli anni a venire. Quando penso che, un paio di anni fa, dissi allo studente finlandese che si lamentava dello smog e della confusione di Roma senza riuscire ad apprezzarne la straordinaria ricchezza artistica di tornarsene pure nelle foreste di abeti di cui tanto sentiva la mancanza, non avevo capito di avere di fronte il nuovo Savonarola.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Viaggio da Nord a Sud tra i dolci tipici di Natale

Le ricette tradizionali che resistono alla dittatura del panettone. Accomunate dal fil rouge del recupero. E spesso a base di pane o polenta.

Se pensate di avere già raggiunto il picco glicemico con l’assaggio di panettoni random, pre feste, sappiate che il meglio deve ancora arrivare. Natale significa anche zuccheri a go-go. Ricordate che dopo abbuffate di pasta fresca, carne, pesce, frutta secca e chi più ne ha più ne metta, dovrete lasciare spazio ai tanti, tantissimi dolci che bisognerà mangiare in maniera sistematica. In tutte le regioni italiane c’è uno zoccolo duro di pasticceria tradizionale che resiste alla dittatura del panettone e del pandoro. Specialità locali che si tramandano da generazioni e che sono accomunate dal fil rouge del recupero. Nella maggior parte dei casi, infatti, si tratta di ricette povere e contadine, nate dalla necessità di non sprecare gli avanzi. Spesso a base di pane o polenta, arricchiti di frutta secca, canditi e uvetta. Iniziamo il nostro giro d’Italia per scoprirli, regione per regione.

LA FLANTZE VALDOSTANA E LA PINSA VENETA

In Valle d’Aosta potrete assaggiare la Flantze, un pane di forma rotonda, fatto con farina integrale, di solito di segale o di frumento, burro, zucchero, uvetta, mandorle, noci e scorza d’arancia. In Piemonte non può mancare il Tronchetto, il cui nome, secondo la leggenda, deriva dall’usanza di mettere sul fuoco, durante le feste, un ceppo di legno più grosso del solito perché durasse tutta la notte. Viene preparato con farina, burro, uova, marroni, brandy, panna e cioccolato. Ma c’è anche il Crumbot, un dolce piemontese povero: una pasta frolla antropomorfa che riproduce il bambin Gesù e viene fatta con farina del grano San Pastore, uova, burro, zucchero, un pizzico di lievito, arance, ciliegie candite e gocce di cioccolato. Tonda o rettangolare, la Pinsa veneta è un dolce antispreco, figlio di una cultura contadina che faceva del recupero virtù. Nato povero, veniva fatto con pane raffermo o polenta avanzata, poi nel tempo è stato arricchito di ingredienti. Oggi si prepara con farina bianca, farina gialla, lievito, latte, zucchero, uova, fichi, semi di finocchietto e uva passa.

LA BISCIOLA, IL PANETTONE VALTELLINESE

Oltre a essere la patria del panettone, la Lombardia ha dato i natali anche a Bisciola e Miascia. La Bisciola è considerato il panettone valtellinese: farina di grano saraceno, fichi, frutta secca e uvetta. La Miascia nasce come ricetta di riciclo per recuperare il pane secco ammollato nel latte e impastato con uova, frutta e frutta a guscio. In assenza del pane, si preparava una pasta di semplice farina, bianca e gialla. Ancora oggi è un dolce casalingo diffuso nel Comasco e nella Brianza e presenta varianti, sia nelle farine (in alcune città viene usata quella di castagne), sia negli ingredienti (scorze di agrumi, polvere di cacao, fichi secchi, ma anche liquore e amaretti). Farina, uova, burro, zucchero e lievito sono alla base dello Zelten, il pan dolce del Trentino Alto Adige, insaporito di frutta secca e canditi. Le varianti sono tante, ma si può distinguere tra la versione trentina, che prevede più pane e quella suditirolese che privilegia la frutta. Il Natale friulano si traduce con Gubana, un antico dolce lievitato a forma di chiocciola, ripieno di noci, uvetta, pinoli, zucchero, grappa, scorza grattugiata di limone.

In tutte le province emiliane è diffusa la Spongata, una torta di pasta brisée, farcita di marmellata di mele e pere, frutta candita, pinoli e mandorle e ricoperta da un secondo strato di sfoglia

Al Pandöçe o Pan Döçe natalizio i liguri non rinuncerebbero mai. Un pane impreziosito da pinoli, uvetta e frutta candita, un tempo molto diffuso tra i marinai grazie al plus della sua lunga durata. In Emilia il panettone ha molti competitor. Il Pampepato o Pampapato di Ferrara (da pan del papa, perché a lui dedicato) ha la forma di zuccotto, è fatto con mandorle o nocciole finissime, gustosi canditi, spezie profumate; la calotta è ricoperta da cioccolato fondente. A Bologna il Certosino, o Pan Speziale, è una ciambella bassa insaporita da mandorle, pinoli, cioccolato fondente e canditi, miele e mostarda. Simile, ma arricchito da Cognac o vino bianco passito, è il Panone, sempre made in Bologna. Nelle tavole natalizie bolognesi, inoltre, si può trovare la Pinza, dolce da forno figlio della tradizione contadina: un rotolo di farina, burro e uova che stringe, come una pinza, un ripieno di mostarda (confettura tipica preparata con cotogne e prugne). In tutte le province emiliane è diffusa la Spongata, una torta di pasta brisée, farcita di marmellata di mele e pere, frutta candita, pinoli e mandorle e ricoperta da un secondo strato di sfoglia.

Dalla forma rotonda e dalla superficie rugosa con ostia alla base, bianco o nero (a seconda che venga spolverato con zucchero a velo o cacao), il Panforte è tipico del Senese, ma diffuso in tutta la Toscana. Presenta un forte gusto di spezie e di frutta candita, è consistente e si presenta leggermente gommoso al palato. Oltre al Panforte, in Toscana troviamo anche i Ricciarelli, biscotti di pasta di mandorla, con agrumi e cannella. La Cicerchiata (piccole sfere di pasta di farina, uova e zucchero, unite dal miele) è diffusa in tutto il Centro (Abruzzo, Marche, Lazio, Umbria, Toscana) e deve il suo nome a un legume antichissimo che ha trovato in questa parte della penisola il tuo terreno d’elezione e che richiama le dimensioni delle palline fritte, la cicerchia. Di forma rotonda è anche il Panpepato, specialità popolare umbra a base di noci, nocciole, mandorle, cannella, noce moscata, cioccolato, miele, uvetta, cacao e pepe.

UN NATALE A BASE DI MANDORLE E CIOCCOLATO

Il Natale marchigiano è a base di Bostrengo che, con nomi diversi, domina la scena. Anche questa volta alla base c’è la volontà di non sprecare, quindi pane raffermo arricchito di frutta secca (fichi in primis) e candita, mosto cotto, scorza di agrumi e uvetta. In Abruzzo è il Parrozzo il re incontrastato delle feste: una pagnotta semisferica a base di farina di mandorle, uova e cioccolato. L’invenzione si deve a Luigi D’Amico, un pasticcere di Pescara che fu ispirato dal pane di granturco dei contadini. La prima persona alla quale Luigi D’Amico fece assaggiare il parrozzo fu Gabriele d’Annunzio, che, estasiato dal nuovo dolce, scrisse un madrigale “La Canzone del Parrozzo”. Di origini nobili è il Pangiallo romano, che risale alla Roma Imperiale. Veniva preparato durante la festa del solstizio d’inverno, in modo che con il suo colore dorato, potesse favorire il ritorno del sole. Tradizionalmente il pangiallo era realizzato con frutta seccamiele e cedro candito, che veniva sottoposto a cottura e ricoperto da uno strato di pastella d’uovo. Oggi si aggiunge anche lo zafferano. Fino a poco tempo fa, le massaie romane, per risparmiare, mettevano i noccioli essiccati della frutta estiva, ora sostituiti da mandorle e nocciole.

LE ZEPPOLE E GLI STRUFFOLI CAMPANI

Nella tradizione campana spiccano gli Struffoli: stesso concetto della Cicerchiata, quindi palline di pasta fritta, tenute insieme dal miele e sistemate a mo’ di montagnetta. A Napoli si fanno notare anche i Roccocò e i Susamielli. I primi, a forma di ciambella, sono a base di mandorle, farina, zucchero, cacao, canditi e spezie varie. Pare siano stati inventati nel 1320, dalle monache del Real Convento della Maddalena, mentre il nome deriva dal francese “rocaille”, elemento decorativo a forma di roccia o conchiglia. I Susamielli sono dei biscotti duri di forma rotonda o a esse, fatti con farina, miele, noci tritate e un grammo di ammoniaca. In Campania non possono mancare inoltre le Zeppole, ciambelle fritte, profumate e colorate dai diavulilli, confettini colorati. In Puglia Natale significa soprattutto Cartellate. Delle piccole rose, fatte da un semplice impasto di olio, vino bianco e farina: vengono fritte e poi passate nel vincotto, di vino o di fichi. Friabili e croccanti, hanno origini molto antichi, la leggenda narra che venissero fatte in Egitto per i faraoni, la tradizione popolare attribuisce loro un alto valore simbolico e le paragona alle lenzuola di Gesù.

In Molise imperversano i Cippillati, mezzelune di pasta frolla ripieno di marmellata di amarene

In Molise imperversano i Cippillati, mezzelune di pasta frolla ripieno di marmellata di amarene. Si può riempire di marmellata di amarene anche il Calzoncello fritto lucano che, nella sua forma più tradizionale, è ripieno di castagne e cioccolato. La Pitta ‘Nchiusa (o ‘mpigliata) è un dolce natalizio identitario della Calabria. Ha la forma di torta di rose ed è diffuso, con varianti, soprattutto nelle province di Cosenza e di Crotone. L’impasto dell’involucro prevede l’utilizzo di farina di grano duro, zucchero, olio extravergine d’oliva, succo di arancia, liquore dolce, cannella, chiodi di garofano. Nel ripieno l’uva passa viene resa ancora più gustosa da noci tritate, Mandarinetto, liquore all’anice, succo di arancia, cannella e chiodi di garofano.

IN SICILIA NON MANCANO BUCCELLATI E CUDDUREDDI

Il Natale calabro prevede anche tanti altri dolci: Susumelli o Susumelle (biscotti di farina, miele, mandorle tritate, uvetta, ricoperti di glassa o cioccolato), Lumini (biscotti rotondi di mandorla, ricoperti di glassa e ripieni di cioccolato), Muicate (paste di mandorle), ‘Mpignolata (palline di pasta fritta legate con il miele, più piccole degli Struffoli), Zeppole (bocconcini di pasta lievitata fritta e insaporita con uvetta), Curuje dolci (ciambelle di pasta lievitata, fritte e zuccherate), Crocette di fichi (fichi secchi, ripieni di noci, mandorle e scorza d’arancia). Nella provincia di Cosenza non possono mancare gli stratosferici Turdilli: gnocchi dolci di farina, vino cotto e miele. Il Natale siciliano è all’insegna dei Buccellati, dolci che possono assumere diverse forme a seconda della provenienza e sono a base di pasta frolla con un ripieno ricco di fichi secchi. Simili ai buccellati, i Cuddureddi o Cuddrureddi, fatti con farina e sugna e ripieni di marmellata di fichi, mandorle o melone.

I DOLCI ISOLANI, DALLA CUBAITA ALLE TIRICCAS

Sulle tavole siciliane non manca la Cubaita, un torrone isolano, a base di frutta secca o sesamo, miele e scorza d’arancia. In Sardegna vanno forti le Seadas, ravioli di pasta dolce fritta, ripiena di formaggio e condita con il miele; i Papassinos, grossi biscotti preparati con un impasto di pasta frolla, uva passa, mandorle, noci, scorza di limone grattugiata, miele e le Tiriccas, fatti con farina e strutto, e ripieni di sapa, il caratteristico mosto cotto sardo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il nuovo lusso del Natale è stare a casa per stanchezza

Niente voli lontani verso Paesi al caldo. Dopo un anno di stress da super lavoro la tendenza chic è sedersi a tavola il 24 dicembre per rialzarsi attorno al 5 gennaio. In mezzo, due settimane di letto a guardare Netflix, dormire e giocare coi bambini. Chi ci sta?

Forse l’avrete notato, i viaggi di Natale nei Paesi caldi sono finiti anche al cinema. Il cinepanettone dell’anno è un viaggio a ritroso nel tempo siglato Ficarra e Picone, che di certo non assomiglia neanche lontanamente a quella meraviglia del Pinocchio di Matteo Garrone, ma non è nemmeno un cattivissimo film. Non che non si vada ai Caraibi o alle Maldive, naturalmente, per chi può e chi vuole e magari in un resort non troppo affollato. Ma la tendenza chic e snob del momento è un’altra e ha molto a che vedere con il suo dato sociale speculare, e cioè con un tasso di disoccupazione nazionale che, pur sceso dello 0,2% da settembre, veleggia ancora al 9,7%, uno fra i più alti di tutta Europa. Dunque, lo stress da super lavoro, e il viaggiare molto tutto l’anno per attendere ai vari impegni, si è trasformato nel segno del benessere.

AL MASSIMO SI VOLA DALLA FAMIGLIA

L’altra mattina, alla prima colazione di Natale organizzata da Diego Della Valle per i saluti di fine anno (quasi scomparse le cene e le colazioni di auguri; la brioche e il wholegrain stellati del primo mattino sono il corollario di quanto si va postulando) non si è sentito evocare un solo viaggio lontano: chi avesse preso l’aereo, l’avrebbe fatto solo per raggiungere la famiglia in Sicilia, sedersi dichiaratamente a tavola il 24 e rialzarsene attorno al 5 gennaio, giusto in tempo per sedersi alla cena di gala della nuova edizione di Pitti Uomo il 6 (lamenti pur soddisfatti d’obbligo).

ANCHE IL MONDO DELLA MODA AGOGNA IL RITORNO A CASA

Per tutti gli altri, l’orizzonte prevedeva nell’ordine: due settimane di letto a vedere serie su Netflix, o in alternativa tre sciate nella casa di famiglia in montagna, molto giocare con i bambini (sensi di colpa d’obbligo) e molto dormire. D’altronde, il mondo un po’ meno ma ancora viziatissimo della moda e del lusso, che nell’ultimo anno ha viaggiato continuamente fra New York, Parigi, Shanghai, Marrakech, Miami, Los Angeles, Roma più addentellati ed excursus, che cosa potrebbe ancora agognare se non la propria casa?

GRAZIE MILLE PER QUELLA SCATOLA DI TISANE SPECIALI

E dunque ecco i ringraziamenti affettuosissimi al department store sempre più sostenibile che ha regalato un overall raffinato in cashmere per rilassarsi, all’amica che ha esagerato con il buono per la spa di Armani, all’altro amico che ha esagerato con la scatola di tisane speciali. Se solo fino a 15 anni fa il massimo del lusso era avere tempo per sé e 10 anni fa, in piena crisi post-bolla dei mutui subprime, ricevere in dono olio e generi alimentari di prima necessità in vista di qualche guerra civile che, almeno per il momento, non pare dover scoppiare, il massimo dell’eleganza è lo stare a casa.

PERCHÉ STAYING HOME IS THE NEW GOING OUT

Come diceva il New York Times di recente, con una di quelle antitesi che in inglese riescono sempre meglio “staying home is the new going out”. Dunque, in caso doveste rimanere a casa per Natale per mancanza di fondi, sappiate che non sareste mai più chic e in tendenza. Potrete perfino vantarvi un po’.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Come funziona nugo, l’app su misura per i viaggiatori

Lanciata da Fs, permette di pianificare uno spostamento con più mezzi di trasporto ma un solo clic. La guida.

Tra i settori più rivoluzionati negli ultimi anni dalla digitalizzazione c’è sicuramente quello dei viaggi. Con gli smartphone sempre a portata di mano è diventato via via più facile personalizzare i propri spostamenti in anticipo. In questo contesto, si inserisce una nuova app, lanciata a giugno 2018 dal Gruppo Fs Italiane, che vuole promuovere il trasporto collettivo e sostenibile. Si chiama nugo e ha come obiettivo quello di facilitare i viaggiatori negli spostamenti, integrando diverse modalità di trasporto: treno, autobus,metropolitana, traghetto, car e bikesharing.

DIVERSE COMBINAZIONI DI MEZZI DI TRASPORTO

Ma come funziona precisamente l’app? Attraverso il Journey planner, e dopo che è stata selezionata la città di partenza e di arrivo, nugo elenca tutte le possibili soluzioni per raggiungere la destinazione, combinando diversi mezzi di trasporto e indicando per ognuno di essi la durata del viaggio e il prezzo del biglietto.

Il controllo avviene tramite un codice univoco attraverso il quale i controllori sui mezzi pubblici possono accertare la validità del biglietto

Una volta scelto il mezzo, o la combinazione di mezzi proposti, è possibile acquistare con un clic tutti i biglietti. I titoli di viaggio acquistati tramite nugo non hanno sovrapprezzo e possono essere salvati sul cellulare. Il controllo avviene tramite un codice univoco attraverso il quale i controllori sui mezzi pubblici possono accertare la validità del biglietto.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Leonardo da Vinci primo aeroporto al mondo ad installare le lampade Biovitae

Installate al pronto soccorso di Fiumicino, le lampade sono in grado di ridurre i rischi di infezioni per operatori e passeggeri e limitare i fenomeni di antibiotico-resistenza.

L’aeroporto Leonardo da Vinci si conferma sempre più attento all’ innovazione e servizi per i passeggeri. Lo scalo, infatti, è il primo al mondo ad aver installato presso il proprio Pronto Soccorso (sala accettazione, sala visita medica emergenza con tavolo operatorio, sala report visita, sala degenza pazienti) i dispositivi di illuminazione battericidi Biovitae, in grado di ridurre i rischi di infezioni per operatori e passeggeri e limitare i fenomeni di antibiotico-resistenza.

Biovitae è l’unica tecnologia brevettata Led che, grazie a una combinazione di frequenze luminose, uccide tutti i batteri (Gram+, Gram-, spore, muffe e funghi) e sanifica gli ambienti senza renderli sterili e senza, quindi, indebolire il sistema immunitario. Biovitae è una luce Led che, a differenza degli UV, è totalmente sicura per l’uomo e non richiede protezioni speciali. La resistenza antibiotica è, infatti, una delle più grandi emergenze sanitarie del nostro tempo.

Delle 33 mila morti che avvengono ogni anno nei Paesi dell’Ue per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici, oltre diecimila si registrano nel nostro Paese. Un record negativo, stando ai dati forniti dall’Istituto superiore di sanità (Iss) in occasione della Settimana mondiale per l’uso consapevole degli antibiotici. Il rispetto delle norme igieniche e l’individuazione di azioni di prevenzione sono quindi sempre più importanti.

ADR A FAVORE DELLA LOTTA CONTRO LE INFEZIONI

La società Aeroporti di Roma con l’installazione di Biovitae ha deciso di intraprendere un serio cammino nella lotta alle infezioni recependo l’allarme lanciato dai ricercatori del progetto Pand Hub, realizzato dal VTT (Technical Research Centre) – principale centro di ricerca pubblico finlandese – in collaborazione, tra gli altri, con l’Università di Nottingham e lanciato nel novembre 2014 per valutare i rischi di diffusione di malattie all’interno degli hub di trasporto in tutto il mondo. Obiettivo finale del progetto triennale di ricerca, finanziato con 3,1 milioni di euro di Fondi Europei, è quello di sviluppare un modello di prevenzione e un piano d’azione in caso di crisi. Oggi a Fiumicino sono stati presentati i brillanti risultati di questa sperimentazione.

 “Grazie alla tecnologia di Biovitae – ha dichiarato l’amministratore delegato di Adr, Ugo de Carolis – l’abbattimento della carica batterica nei locali della sperimentazione è stato superiore al 60 % e gli spazi con buona igiene batterica sono quasi raddoppiati, passando dal 42 all’82%. Da oggi possiamo considerare il Pronto Soccorso dell’aeroporto di Fiumicino un luogo in cui il rischio microbiologico per passeggeri e operatori sanitari è sostanzialmente azzerato”.

“Sono molto contento che un brevetto 100% italiano sia stato adottato da ADR che, primo aeroporto al mondo, ha compreso l’importanza di fare qualcosa di concreto per la lotta alle infezioni e alla resistenza antibiotica. Spero questo sia il primo passo di una collaborazione continuativa e che questo virtuoso percorso possa essere uno stimolo per gli scali di tutto il mondo” ha dichiarato Mauro Pantaleo, amministratore delegato di P&P Patents and Technologies, società titolare del brevetto.

ADR sta valutando le opportunità di sperimentazione all’interno dei Terminal e delle aree d’imbarco e sbarco dei passeggeri.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Ambiente, così la traversata di Greta sta cambiando le vacanze

L'impresa atlantica dell'attivista svedese fa tendenza. Sempre più ragazzi snobbano l'aereo per abbattere le emissioni di CO2 preferendo il treno e il bus. Boom di richieste in Italia anche per i campi scuola di Legambiente.

Dopo due settimane di traversata atlantica Greta Thunberg è arrivata a New York per il summit sul clima dell’Onu del 23 settembre. Ha raggiunto gli Stati Uniti con una barca a emissioni zero, per non unirsi a chi inquina i cieli con i voli aerei.

Come sempre da quando il venerdì ha smesso di andare a scuola per attirare l’attenzione sul riscaldamento globale e sulle responsabilità dell’uomo, la baby attivista lascia dietro di sé una scia di polemiche. Contrapposta alla scia di entusiasmi del popolo dei suoi sostenitori, soprattutto tra i giovani. La si accusa di essere integralista, di non avere mezze misure ma è con questi modi tranchant che la 16enne svedese ha innescato un movimento globale che la imita, cambiando le abitudini.

Greta traversata ambiente aereo Italia
I Fridays for future Italia protestano contro i roghi dell’Amazzonia. GETTY.

LEGGI ANCHE: Non solo Greta Thunberg: chi sono gli altri baby ambientalisti

IN VACANZA MA SENZA AEREO

Con i Fridays for future, soprattutto nel Nord Europa ma anche in Italia, tanti ragazzi evitano l’aereo per spostarsi nel continente. Quest’estate, finita la scuola, hanno trascorso le vacanze ai raduni e alle manifestazioni sul clima in Svizzera, Germania e in altri Paesi. O impegnati nei campi e in altri progetti ambientali. I primi dati sui mesi delle ferie confermano le impressioni sulla tendenza che nel Nord Europa contagia ormai genitori e nonni. La Frankfurter Allgemeine Zeitung ha scritto di biglietti interrail «venduti come mai» in Germania, anche «tra adulti e anziani» che, anziché i voli low cost, hanno scelto mezzi più ecologici e un po’ più costosi per attraversare l’Europa. Il settimanale Die Zeit ha aperto un dibattito tra generazioni – anche di ambientalisti – su viaggiare in aereo o meno, quanto spesso e anche per lunghe distanze. Suggerendo modi per fare le vacanze alla maniera di Greta.

Da gennaio circa 6.500 studenti italiani hanno partecipato alle attività didattiche e di monitoraggio del nuovo programma di cittadinanza attiva Volontari per natura

Legambiente

L’ECOTASSA DI MACRON

A muoversi al suo passo sono stati per primi i Paesi nordici, scossi nel 2018 da una catena di incendi per temperature record: in Svezia e in Norvegia presto il tam tam dei Fridays for future ha raggiunto la politica e il mondo dei vip. Alcuni personaggi pubblici e famosi hanno smesso di prendere l’aereo, anche per lavoro. Come pensano di fare dei politici locali in Svizzera e i Verdi in ascesa in Germania – tacciati di doppia morale per il loro volare troppo. In Francia il governo ha piazzato una ecotassa sui biglietti aerei nazionali (esclusi dalla Corsica e per le lunghe percorrenze) nella Finanziaria del 2020. E anche l’Italia non è lontana da trend europeo.

L’IMPEGNO DEI BABY AMBIENTALISTI

Da gennaio 2019, sull’onda delle discussioni nelle scuole e nelle università per gli scioperi del venerdì, Legambiente ha contato «oltre 2400 studenti che hanno partecipato agli infoday nelle scuole e circa 6.500 alle attività didattiche. Cioè anche di monitoraggio nei territori» per il nuovo progetto di cittadinanza attiva Volontari per natura, spiegano dall’associazione a Lettera43.it. Tra questi ragazzi c’è Domenico Placanica, 19enne calabrese all’ultimo anno di liceo, che ha segnalato gli abusi alle miniere di Roccella Jonica e, superata la maturità, ha contribuito alla campagna Spiagge pulite. Anche grazie ai Fridays for future, ci racconta di essere diventato «molto attivo sui social, per sensibilizzare i coetanei sui rischi per l’ambiente». A Palermo Emanuele Genduso, 24enne studente universitario di Botanica, in questi mesi ha cercato di «aumentare la percezione tra le famiglie della natura che è presente anche in città». Con la divulgazione scientifica nelle giornate informative di Legambiente e girando alcuni documentari.

Greta traversata ambiente aereo Italia
Greta all’arrivo in treno al World Economic Forum del 2019 di Davos, in Svizzera. GETTY.

LEGGI ANCHE: Che rapporto c’è in Brasile tra industria della carne e deforestazione

I FRIDAYS FOR FUTURE ITALIA

Aumentando la consapevolezza sui danni ambientali, questi giovani attivisti puntano a far ridurre le emissioni CO2 e altre cattive pratiche. Nelle loro interviste per iscriversi ai campi di volontariato di Legambiente, «pieni questa estate anche nelle liste di attesa», diversi minorenni hanno confessato di essere stati «spinti a questa esperienza dalle azioni di Greta Thunberg». A Torino si è creato un nucleo molto attivo dei Fridays for future Italia che sta protestando contro il presidente brasiliano Jair Bolsonaro per i roghi in Amazzonia. E che dalla primavera, con gruppi di adolescenti e 20enni da tutta Italia (alle dimostrazioni a Milano erano in migliaia), manifesta con il movimento internazionale a Bruxelles, in Germania, al raduno in Svizzera di questo agosto e ovunque ci si possa spostare in treno o in autobus.

Sull’ambiente nel Nord Europa i ragazzi stanno facendo scuola ai genitori

Beate Lenzbauer, Sts

IMPARARE LE LINGUE ALL’ESTERO MA NO FLY

Tra i 18enni in Italia – prima per candidature tra i Paesi dell’Ue – fa anche grande presa il programma di biglietti gratuiti interrailDiscover Eu, lanciato dal 2018 e rinnovato anche questa estate per festeggiare attraverso l’Europa l’anno della maggiore età. Per intercettare questo mood, anche dal nostro Paese l’organizzazione svedese di scambi culturali e soggiorni studio Sts organizzerà, dal prossimo anno, vacanze di lingua a Brighton no fly prenotabili, è l’anticipazione, «già da ottobre per giugno-luglio 2020». I teenager che lo vorranno potranno spostarsi in treno verso la località inglese, dal Nord e anche dal Sud Europa, facendo tappa a Parigi. «Un modo di viaggiare slow che rimanda alle ferie del primo 900», commenta la responsabile per l’Italia Beate Lenzbauer. «Ed è nuovamente richiesto nel Nord Europa. Dove sull’ambiente i ragazzi stanno facendo scuola ai genitori».

L’AGENDA DI GRETA NEGLI USA

In Svezia questo tipo di ferie le chiamano Tågsemester (vacanze in treno) e la campagna virale contro l’aereo – 10 volte più inquinante di CO2 dei mezzi su rotaia nelle rilevazioni scientifiche di EcoPassengerFlygskam (paura di volare). Intanto da Oltreoceano Greta, che nel suo anno sabbatico viaggerà in difesa dell’ambiente solo con mezzi ecologici, dal 20 al 27 settembre lancerà il terzo sciopero globale per il clima. Poi altre mobilitazioni negli Usa, in Canada, Messico. Fino alla Conferenza Onu sul clima (Cop 25) dal 2 al 13 dicembre a Santiago del Cile.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Viaggi – Un bellissimo viaggio virtuale alla scoperta dell’america (dayking)

dayking scrive nella categoria Viaggi che: Il tour ha inizio a New York: appena si arriva qui non si può non rimanere folgorati dalle mille luci che caratterizzano la città: sembra un quadro su tela realizzato al momento! La mia avventura inc
vai agli ultimi aggiornamenti su: new york travel viaggi america usa
1 Voti

Vai all'articolo completo » .Un bellissimo viaggio virtuale alla scoperta dell'america.
Un bellissimo viaggio virtuale alla scoperta dell

Viaggi – L’isola dell’Eremita di Polignano a Mare e la sua leggenda (italianiafiji)

italianiafiji scrive nella categoria Viaggi che: Siamo nell'undicesimo secolo, o forse due o tre cento anni prima, non ci sono documenti che raccontino con esattezza la storia dell'eremita dell'isola di San Paolo a Polignano a Mare. Una storia tram
vai agli ultimi aggiornamenti su: viaggi leggenda borgo puglia isola
1 Voti

Vai all'articolo completo » .L'isola dell'Eremita di Polignano a Mare e la sua leggenda.
L