Vinales guadagna la pole position al Gp di San Marino

Lo spagnolo, più veloce di tutti, soffia il tempo anche a uno strepitoso Pol Espargaro. Seconda fila per Marc Marquez mentre Valentino Rosso è costretto alla settima posizione.

È Maverick Vinales il più veloce di tutti al Gp di San Marino e Riviera di Rimini. Il pilota spagnolo a bordo della Yamaha ufficiale ha ottenuto la pole position e l’opportunità di partire davanti a tutti nella gara di domenica 15 settembre 2019.

E se Vinales ha ottenuto la prima posizione, alle sue spalle si è piazzato un sorprendente e quasi perfetto Pol Espargaro della KTM. Terzo tempo per Fabio Quartararo. La seconda fila è invece stata occupata da Franco Morbidelli, Marc Marquez e Andrea Dovizioso. Ad aprire la terza fila è invece Valentino Rossi ancora in difficoltà a bordo della Yamaha ufficiale.

UNA POLE POSITION ALL’ULTIMO RESPIRO

Quella di Maverick Vinales è stat auna pole position arrivata all’ultimo istante. Sì, perché Pol Espargaro è stato in prima fila sino a pochi secondi dal termine della Q2. Proprio allo scadere della prova lo spagnolo della Yamaha ha inflitto al connazionale della KTM un distacco di 0.295 millesimi. Ma il finale ha visto nuove scintille tra Marc Marquez e Valentino Rossi. I due piloti, famosi per la loro rivalità nata negli anni, si sono disturbati incrociando le traiettorie sciupando di fatto la loro ultima chance di ottenere un tempo migliore.

LA GRIGLIA DI PARTENZA DEL GP DI SAN MARINO

La prima fila vede Maverick Vinales (Spa/Yamaha) con 1’32″265, Pol Espargaro (Spa/KTM) +0.295 e Fabio Quartararo (Fra/Yamaha) +0.306. La seconda fila è stata occupata da Franco Morbidelli (Ita/Yamaha) +0.445, Marc Marquez (Spa/Honda) +0.477, Andrea Dovizioso (Ita/Ducati) +0.773. Nella terza fila c’è Valentino Rossi (Ita/Yamaha) +0.814, Johann Zarco (Fra/KTM) +0.858 e Alex Rins (Spa/Suzuki) +1″000. La quarta fila vede Joan Mir (Spa/Suzuki) +1″166, Takaaki Nakagami (Gia/Honda) +1″184 e Michele Pirro (Ita/Ducati) +1″196.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it