La prima volta di Cristiano Ronaldo in Champions League: contro l’Inter


La stagione 2002/2003 segna il debutto di Cristiano Ronaldo in Champions. Nei preliminari il campione portoghese affronta l'Inter con lo Sporting: entra al 58° del match terminato 0-0 in patria, si limita a qualche timido guizzo senza lasciare il segno. Da lì in poi, farà la storia del calcio mondiale. Eppure a fine gara c'era chi non voleva scambiare la maglia con lui...
Continua a leggere

Andrea Pirlo e l’Inter, dal tifo a “vai a giocare altrove”: cosa è andato storto


Massimo Moratti volle Pirlo all'Inter, vi arrivò a 18 anni e convinto di aver realizzato un sogno. Da ragazzo sognava la maglia nerazzurra di cui era tifoso ma qualcosa non ha funzionato. Simoni lo elogiò: "Potenzialmente è uno dei più forti giocatori del mondo". Lippi gli consigliò: "Va a giocare altrove". Al Milan di Ancelotti trovò la giusta dimensione.
Continua a leggere

Come è finita tra Conte e la Juventus: stress e critiche, mercato e Milan


Dopo 3 anni ricchi di soddisfazione e successi, le strade di Antonio Conte e di Andrea Agnelli si divisero nel 2014. Tanti i motivi di una separazione, formalizzatasi in modo sorprendente, ma nata nella stagione precedente. Dallo stress, alle divergenze sul mercato, dalle critiche ricevute, all'inserimento del Milan, ecco la ricostruzione di quanto accaduto.
Continua a leggere

Lukaku dalla Juventus all’Inter, l’intreccio di mercato stravolto da un “no”


Il passaggio di Romelu Lukaku dal Manchester United all'Inter nell'agosto 2019 è potuto avverarsi unicamente per il 'gran rifiuto' di Paulo Dybala di trasferirsi in Premier. Il gigante belga aveva già l'accordo in tasca (9 milioni a stagione), poi la Joya tradì i bianconeri e spalancò le porte a Conte: "Ho esultato, quando ho saputo che avrei giocato per lui"
Continua a leggere

La prima sfida di Vidal alla Juventus: all’Inter con il bianconero nel cuore


Arturo Vidal non ha mai dimenticato i suoi anni alla Juventus. Il guerriero che Conte volle sempre per le sue battaglie (e che si è ripreso all'Inter), ha vissuto 4 anni di successi e gloria. Amato dai tifosi, protagonista dei tricolori e delle Coppe Italia, salutò anche per le eccessive intemperanze che ne hanno sempre costellato il suo vivere. Ma anche da lontano e da avversario, ha sempre tifato Juve.
Continua a leggere

Joe DiMaggio e Marilyn Monroe, l’unica storia d’amore tra due grandi miti


Il 14 gennaio 1954 si sposano due grandi miti, il miglior giocatore della storia del baseball, Joe DiMaggio e Marilyn Monroe, l'attrice più bella di tutte e icona di Hollywood nel mondo. Sarà una storia contrastata, passionale, anche violenta, che terminerà circa nove mesi dopo. Ma l'amore che il campione aveva per Marilyn non tramonterà mai, nemmeno dopo la morte.
Continua a leggere

Il giorno in cui nacque la legacy di Michael Jordan: “Il momento perfetto per abbandonare”


Il 13 gennaio 1999, allo United Center di Chicago, Michael Jordan, accompagnato da Jerry Reinsdorf e dal Commissioner NBA, David Sern, annuncia per la seconda volta il ritiro dal basket giocato. Nella conferenza stampa di addio lascerà alcune parole scolpite nel marmo che diventeranno legacy preziosa per tutti i campioni NBA che verranno dopo di lui.
Continua a leggere

Le ultime parole di Marco Pantani e quel condizionale impronunciabile che ci fa ancora male


Oggi Marco Pantani avrebbe compiuto 51 anni e questo condizionale terribile ci fa ancora tanto male. Pantani era il ribelle che sfida tutti, l'uomo che vuole accorciare la sofferenza arrivando alla vittoria. Le sue ultime parole invocano speranza, giustizia, verità, parole enormi ma le uniche possibili per chi si sente tradito dal mondo che ha sempre amato.
Continua a leggere

Francisco “Paco” Bru: difensore roccioso, primo Ct della Spagna, arbitro col revolver


La storia del primo uomo di calcio di Spagna, Francisco Bru, da tutti chiamato "Paco". Fu difensore del Barcellona, partecipando alla stagione 1909-10 passata alla storia come quella delle "dieci coppe". La sua carriera proseguì prima come arbitro, venendo ricordato perché usava portare con sé una pistola quando andava in campo, poi da allenatore: è stato il primo Ct della Nazionale spagnola, ma ha guidato anche il Perù nella prima edizione dei Mondiali di calcio, nel 1930 in Uruguay.
Continua a leggere

I 112 giorni di Marco Giampaolo al Milan, un’avventura da dimenticare


Marco Giampaolo con il suo Torino affronterà due volte nell'arco di quattro giorni il Milan. Dei rossoneri è stato allenatore per meno di quattro mesi di nel 2019. Venne esonerato dopo un successo sul Genoa. A distanza di mesi il tecnico si è rammaricato molto per lo scarso tempo che ha ottenuto al Milan: "Il mio Milan aveva giocatori giovani e di grande valore che sono venuti fuori dopo il lockdown, insieme a qualche nuovo innesto. Non posso parlare della mia esperienza, è stata troppo breve per poter fare una valutazione oggettiva, ho fatto appena 7 partite".
Continua a leggere

Luciano Spalletti tra Roma e Inter: nemici, risultati e anni turbolenti


Roma-Inter è il big match della 17sima giornata di Serie A. Luciano Spalletti è stato il tecnico sia dei nerazzurri sia dei giallorossi (in 2 momenti diversi): la sua carriera è stata sempre caratterizzata dai risultati del campo che hanno messo a tacere il brusio delle critiche. I casi Icardi e l'ultimo Totti hanno scandito le più recenti esperienze.
Continua a leggere

Juventus e Sassuolo, storia di una sinergia: tra mercato e amicizie


Juventus-Sassuolo è una delle partite previste nella 17a giornata di Serie A. Una sfida tra due società, quella bianconera e i neroverdi, che hanno collaborato sul mercato acquistando giocatori in sinergia favoriti anche dai rapporti di lavoro stretti negli anni dai vari Marotta e Paratici con Carnevali e Rossi. Questi ultimi però, negli ultimi anni hanno sempre ribadito come tra le due squadre non esista alcun canale preferenziale sul mercato.
Continua a leggere

Nicolò Zaniolo e l’Inter, poteva essere e non è stato: tra rimpianti e lacrime


Niccolò Zaniolo è stato il protagonista dell'estate 2018 con il suo discusso passaggio dall'Inter alla Roma. I nerazzurri allora allenati da Spalletti fecero di tutto per avere Nainggolan (pagato 24 milioni più Zaniolo e Santon) con Massara che completò il colpo di mercato perfetto valutando il ragazzo solo 4 milioni e obbligando l'Inter a non inserire alcuna clausola di recompra.
Continua a leggere

Il rapporto di odio-amore (e botte) tra Zlatan Ibrahimovic e Giorgio Chiellini


Zlatan Ibrahimovic e Giorgio Chiellini, l'eterna lotta tra due giganti del calcio moderno, due campioni che si sono sempre affrontati tra accese rivalità e profondo rispetto. "Ibra ha tirato fuori il meglio di me" disse una volta il difensore. "Chiellini? E' il difensore che stimo di più", disse lo svedese. Ma nessuno può dimenticare le botte, le liti e le dichiarazioni velenose tra i due.
Continua a leggere

Il gol di Muntari in Milan-Juventus visto dal protagonista che nessuno ricorda


Quando si parla di Milan-Juventus non si può non pensare all'episodio del gol di Muntari non assegnato nel 2012. In quell'occasione un protagonista, che nessuno ricorda, fu il guardalinee e collaboratore di Tagliavento, Roberto Romagnoli. L'assistente del direttore di gara visse una serata da incubo che di fatto, pose fine alla sua carriera.
Continua a leggere

Come è finita tra Andrea Pirlo e il Milan dopo 10 anni scintillanti e vincenti


Andrea Pirlo affronterà per la prima volta il Milan da allenatore dopo averlo già incontrato da calciatore, sempre con la maglia della Juventus. La separazione tra i rossoneri e l'attuale tecnico della Vecchia Signora non fu affatto difficoltosa ma l'ex centrocampista nella sua biografia ha raccontato così il suo addio al Diavolo: "Mi dissero che non potevo più giocare regista e che anche con me in tribuna vinsero lo Scudetto". Singolare il ricordo del regalo di Adriano Galliani e di Max Allegri, che poi ritrovò in bianconero.
Continua a leggere

Ibrahimovic alla Juventus, inizio e fine di una storia burrascosa


L'avventura italiana di Zlatan Ibrahimovic è iniziata nel 2004 con l'approdo alla Juventus. Una storia iniziata bene, per un calciatore cresciuto e non poco grazie all'ambiente bianconero e agli insegnamenti dell'allora tecnico Fabio Capello e ai consigli di Luciano Moggi, ma finita in malo modo dopo solo due stagioni a causa della retrocessione in Serie B per i fatti di Calciopoli.
Continua a leggere

Un anno di Zlatan Ibrahimovic al Milan: le due telefonate che hanno cambiato la storia


Un anno fa, il 26 dicembre 2019, la notizia dell'accordo per il ritorno di Zlatan Ibrahimovic al Milan. Dodici mesi più tardi, la misura del suo impatto sui rossoneri è impressionante: 22 gol in 30 partite e un effetto miracoloso sull'autostima di tutto il gruppo, oggi al comando (con pieno merito) della Serie A. Un'avventura scandita da due telefonate.
Continua a leggere

Da bambino a nonno, tutte le facce di Zio Bergomi che non dimenticheremo mai


Giuseppe Bergomi, detto Beppe e Zio, che oggi compie 57 anni, ha accompagnato il calcio italiano dal 1982, quando era poco più che un bambino, fino a oggi, quando commenta nel suo stile rigoroso e sapiente il calcio per Sky. In tutti questi anni la sua immagine è molto cambiata, ma la professionalità, la concentrazione e la volontà ne hanno sempre contraddistinto il carattere.
Continua a leggere

Federico Chiesa dalla Fiorentina alla Juventus, storia di una separazione traumatica


Juventus-Fiorentina è la partita di Federico Chiesa, il grande ex. Quella con il club viola è stata una storia d'amore finita molto male. Insulti, minacce di morte e striscioni da parte dei tifosi viola, delusi per il "tradimento" del capitano trasferitosi agli acerrimi rivali della Juventus. Sarà lui dunque l'osservato special del confronto diretto della 14a giornata di Serie A.
Continua a leggere

Sossio Aruta, la carriera da calciatore: Serie B, Campioni, la Champions


Noto al grande pubblico per aver partecipato a tre reality, il primo era sul calcio, Sossio Aruta è tutt'ora un grandissimo bomber. Un bomber di provincia che con i suoi gol ha scritto pagine importanti dei campionati di Serie B e Serie C. Ha avuto una carriera unica, ha esordito in Europa alla soglia dei 40 anni, quando ha disputato i preliminari di Champions League, nel 2018 ha giocato l'Europa League prima di partecipare al Grande Fratello Vip.
Continua a leggere

Guerre, furti e lingotti d’oro: le fantastiche avventure della Coppa Rimet


La Coppa Rimet ha vissuto una marea di avventura, dalla sua nascita fino al 19 dicembre 1983, giorno in cui viene rubata in Brasile e fusa in lingotti d'oro (forse). Creata dall'orafo Lafleur, è passata da Nasazzi a Carlos Alberto, dopo essere stata nascosta ai tedeschi in una scatola di scarpe ed essere ritrovata dal cane Pickles in Inghilterra nel 1966.
Continua a leggere

Il giorno in cui il mondo ha conosciuto il talento di Antonio Cassano


La notte del 18 dicembre del 1999 l'Italia e il mondo intero videro brillare per la prima volta la stella di Antonio Cassano. In Bari-Inter il giovane attaccante barese segnò un gol straordinario che, come lui stesso ha ammesso, gli cambiò la vita. Quella serata al San Nicola fu il trampolino di lancio della carriera di un campione che poteva vincere tutto ma negli anni ha deciso che gli sarebbe bastato ciò che aveva già.
Continua a leggere

In ricordo di Lev Jascin, l’unico portiere della storia a vincere il Pallone d’Oro


Il 17 dicembre 1963, superando Gianni Rivera, il Ragno Nero, Lev Jascin, vinse il Pallone d'Oro, unico portiere della storia a riuscirci. I motivi della sua vittoria sono da trovare nella sua capacità di parare anche tiri impossibili, nel saper intercettare i rigori e anche nella prestazione durante la Partita del secolo contro l'Inghilterra.
Continua a leggere