La quarantena secondo Cristina Donadio: «Impariamo a vivere nel presente»

Per l'attrice che dà il volto a Scianel di Gomorra ai tempi del coronavirus non possiamo che pensare all'oggi senza mai dimenticare il passato. E prenderci cura di noi stessi affrontando «quegli errori che continuano a far rumore nel nostro cervello». L'intervista dalla sua casa di Posillipo.

La chiamo con un po’ di ritardo rispetto all’orario che avevamo stabilito. Conosco Cristina Donadio soprattutto attraverso Scianel di Gomorra e ho il timore di beccarmi un cazziatone. Dall’altra parte del telefono invece trovo una persona molto rilassata e accogliente: «Ma si figuri, non c’è problema». A quel punto posso rilassarmi pure io e le chiedo dove sta trascorrendo la sua quarantena per coronavirus. Si trova nella sua casa Posillipo, di fronte al mare, con il suo compagno: «Vedesse come è trasparente l’acqua! Il pianeta sta tornando a respirare. Pensi agli animali tornati nella laguna di Venezia. Un momento di grande bellezza che avevamo perso per colpa nostra. Sarebbe meraviglioso ripartire da qui e mantenere questa bellezza dopo aver sconfitto la malattia».

NON INDOSSA PIÙ L’OROLOGIO

Prima che scoppiasse il putiferio era impegnata con le prove dello spettacolo La chunga diretto da Pappi Corsicato: «Il debutto era previsto al Teatro Stabile di Napoli il 25 marzo, ma abbiamo dovuto interrompere dopo 12 giorni di prove. Speriamo di poterlo riproporre durante la prossima stagione». Mentre mi documentavo su Cristina ho scoperto che lei ha sempre amato rimanere a casa. Lo spiegava in un video che ha pubblicato sulle sue pagine social per invitare i suoi fan a rispettare le indicazioni del governo. Indicazioni che inizialmente ha vissuto quasi come un regalo: «Ho provato una sorta di senso di sollievo. In questi ultimi anni, per fortuna, non mi sono mai fermata un attimo. Ma rimango una persona pigra e lo stare a casa senza orari mi dà una grande felicità». Tanto che ormai non indossa più nemmeno l’orologio. Certo non si aspettava che tutto questo sarebbe durato così tanto: «Pensavo si trattasse di una o due settimane», mi dice.

IL DONO DI POTER FARE LE COSE CON CALMA

Della sua vita pre reclusione si porta dietro il tempo trascorso tra musica, letture, film e, perché no, fornelli: «Cucinare mi diverte. In questo periodo gli orari sono un po’ saltati. Finisce che facciamo un pasto vero al giorno e tanti piccoli spuntini». Sperimenta nuove ricette, ma anche quelle più classiche con la differenza che ora fa tutto con calma: «Fosse anche un omelette». Un po’ come con le piante della sua terrazza: «Prima lo facevo in modo quasi automatico», continua.

Posted by Cristina Donadio on Thursday, March 12, 2020

DOMANDA. Andavamo troppo di fretta?
RISPOSTA. Sì anche nei nostri stessi confronti. Adesso abbiamo tutto il tempo per prenderci cura di noi stessi. Possiamo resettare il cervello che tende ad accumulare cose che non riordiniamo mai. Possiamo eliminare o affrontare errori che continuano a far rumore nel nostro cervello, spostare i pensieri negativi e soprattutto riscoprire le nostre priorità.

Un lavoro di esercizio mentale che forse verrebbe meglio se non fossimo inseriti in questo contesto di emergenza. Lei non è spaventata?
Certo che lo sono. Se non lo fossi sarei un robot. Come si può non provare ansia vedendo tutte queste persone che muoiono come mosche?

L’informazione peggiora questo stato d’ansia?
Mia sorella fa la giornalista per il Tg3 regionale e sono arrivata a credere non sia facile fare informazione in una situazione del genere. Ci sono tante notizie che si sovrappongono e magari vanno in contrasto l’una con l’altra. Episodi che vanno raccontati ed altri che forse sarebbe meglio evitare. È talmente tutto nuovo che diventa difficile dire cosa è giusto e cosa è sbagliato. Non ci può essere giudizio in questo momento. Forse non ci dovrebbe essere mai.

Questo discorso vale anche per la politica?
Sì. Penso però che le misure che l’Italia ha deciso di prendere siano giuste. Poi ogni Regione le ha rivisitate a modo suo. In Campania Vincenzo De Luca ha scelto una linea dura che forse all’inizio la gente ha vissuto come un’esagerazione, ma pare stiano dando i suoi frutti.

Il vostro governatore intanto è diventato un’icona dei social, ha visto?
Credo che il suo modo di dire le cose entrerà tra i ricordi divertenti di questo periodo di emergenza sanitaria per l’Italia.

Cristina donadio quarantena
Cristina Donadio (Riccardo Piccirillo).

Anche il patriottismo dei balconi?
Può darsi. Anche se tutto questo cantare l’inno italiano mi ha messo un po’ a disagio, mi commuove di più vedere l’amore per il nostro Paese che arriva da tante parti del mondo. I balconi che cantano, invece, mi sono sembrati più una reazione di pancia che un qualcosa di veramente sentito. Spero che succeda anche una volta che non ci sarà più il problema del coronavirus.

Succede già molto meno anche ora.
Dai balconi adesso si affacciano per puntare il dito contro chi esce.

Insomma non siamo diventati e non diventeremo tutti più buoni.
Io credo che questa situazione porti e porterà a galla l’indole di ognuno di noi: se uno è generoso potrebbe diventarlo ancora più. Chi è chiuso potrebbe chiudersi ulteriormente.

Molti gesti di solidarietà sono forzati?
Qualcuno lo fa solo perché si sente in dovere di farlo.

Donazioni comprese.
Posso dire una cosa a riguardo? La beneficenza è fondamentale, ma dovrebbe essere un di più. Non ci si dovrebbe basare su quella per far partire le cose o per finanziare qualcosa che già dovrebbe esserci, come una sanità statale funzionante o la produzione di mascherine. Se adesso stiamo riconvertendo le fabbriche alla produzione di questi strumenti di protezione, forse il know how ce l’avevamo già.

Il coronavirus ci rende tutti diversamente uguali o egualmente diversi

Che poi qualcuno fa, sì, donazioni, ma intanto, per paura del contagio, abbandona gli animali. Lei ha firmato un appello che condanna questa stupidità collettiva.
Sì perché questo fenomeno, non solo mi ha messo una tristezza infinita, ma mi fa proprio orrore. I cani e i gatti sono portatori sani di amore. Ci vuole ignoranza o un animo mostruoso per pensare di abbandonarli anche perché da quello che ci dicono i virologi siamo noi a infettare loro e non viceversa.

Sono gli effetti collaterali di una paura che forse ci rimarrà addosso anche quando la malattia sarà sconfitta?
Lo penso anche io. Ci porteremo dietro una sorta di fragilità interiore che è normale in una situazione come questa: nel 2020 dovrebbe essere tutto già scoperto, già studiato eppure c’è questo virus.

Questa fragilità ci rende tutti uguali?
Diversamente uguali o egualmente diversi. Ci pensa che, mentre noi stiamo parlando, dall’altra parte del mondo sta avvenendo la stessa chiacchierata? Ogni volta che ci guardiamo intorno ci accorgiamo che il cerchio si sta allargando, che è ormai un qualcosa di globale che interessa quasi tutta l’umanità. Il coronavirus è arrivato anche alle isole Grenadine dove vive mio figlio. Sono 12 case. È un qualcosa di talmente grande e inaspettato che è spaventoso e cambierà il mondo e i suoi confini.

Come?
Nelle fasi di riassestamento tenderemo a chiuderci nel piccolo che sia il quartiere, il paese o la città e a tendere all’autosufficienza. Anche nel cinema si tornerà a raccontare storie di perdenti, di persone che devono ricostruire. Come nel dopoguerra. Perché questa è una guerra da cui tutto uscirà ridimensionato. E credo ci farà bene.

Che cosa dovremmo cambiare?
Il rapporto verso il senso della vita. Che, non solo è una, ma va affrontata giorno per giorno nel presente. Il futuro non c’è, è difficile pensare anche al dopo domani. Bisogna vivere l’oggi, aiutati da ieri. Il passato rassicura, ci fa sentire accolti, protetti. Pensi all’effetto che fa rivedere le foto di famiglia.

Cristina donadio quarantena
Per Cristina Donadio la quarantena per coronavirus è l’occasione per imparare a vivere il presente (Riccardo Piccirillo).

Cosa le manca del suo passato pre quarantena?
L’idea di poter uscire, prendere il motorino e andare a comprare qualcosa di inutile. Decidere liberamente della mia giornata. Vedersi con le amiche e fare aperitivo. Quando mi chiedono quale sarà la prima cosa che farò quando tutto sarà finito rispondo sempre: «E poi ci troveremo come le star a bere del whisky al Roxy Bar». Infine, chiaramente, ho nostalgia per il palcoscenico ed il set.

Per quelli probabilmente ci vorrà un po’ di tempo.
Sì. Prima dovrà passare la paura, di cui parlavamo prima, per la propria incolumità e per quella degli altri. Il primo passo sarà tornare alle cose indispensabile e necessarie. Per me il teatro lo è, però bisogna pensare con un sentire comune.

Probabilmente gli spettatori dovranno stare a una o due poltrone di distanze tra loro quando i teatri riapriranno. E gli attori?
È un bel problema. In palcoscenico non possiamo rispettare le distanze di sicurezza e non possiamo nemmeno recitare con le mascherine.

Problemi che non si possono aggirare nemmeno con gli spettacoli online.
Ma il teatro non può essere online: ha bisogno del fiato che diventa parola ed emozione verso il pubblico e poi torna sul palco. Ha bisogno della verità della realtà. Teatro è quando hai una persona o due di fronte che ti ascoltano. Può essere ovunque (non per forza in palcoscenico) ma, c’è bisogno di questo. Online si possono vedere degli spettacoli, ma è una cosa totalmente diversa. Forse più da addetti ai lavori, per documentazione. Anche in televisione il teatro non funziona da sempre. Mi mette tristezza quando vedo attori che si autoriprendono da casa. C’è qualcosa di stonato.

Spesso lo fanno per i Instagram, lei no?
Non amo particolarmente fare stories e dirette. Forse dovrei farlo di più, ma mi stanca e non mi affascina.

Non è vero che gli artisti vivono solo d’arte: abbiamo bisogno di tutti il resto come gli altri

Insomma mi pare di capire che non le piacciono molto i social.
Tutti scrivono tutto a volte anche in maniera orrenda o provocatoria. C’è un mettersi in mostra che non serve a nulla. Ogni pretesto è buono: cose private, piatti cucinati. C’è chi ci manca poco che si metta ad insegnarci come fare la pastina o altre cose cretine di questo tipo.

Per non parlare delle sfide!
Mi rendo conto che tutte queste ore in casa possano annoiare, ma basta! Forse lo fanno spinti dall’ansia di sentirsi vivi che in questo periodo rispetto, ma chi lo fa ora lo faceva anche prima. Mi fa terrore l’autoreferenzialità, soprattutto in chi fa il nostro mestiere.

A proposito del vostro mestiere, questa crisi lo sta mettendo a rischio e non poco.
Gli artisti per definizione sono dei precari, dei funamboli che camminano sul vuoto. L’arte in generale è così. Siamo alla stregua di chi lavora in nero. Non è vero che gli artisti vivono solo d’arte: abbiamo bisogno di tutti il resto come gli altri. È tempo di cambiare: serve un sindacato che funzioni e faccia le sue battaglie. Era così quando ho iniziato io a fine Anni ’70. In momenti di necessità come questi vedi che i più deboli vengono lasciati a loro stessi.

Per supportare l’arte come prima cosa dobbiamo usufruirne. Cosa sta leggendo lei in questo periodo?
Un libro meraviglioso che si intitola Il bufalo della notte. L’ho comprato perché mi aveva colpito la copertina (sfondo nero, faccia ambigua di un giovane uomo molto bello che fuma). A casa mi sono accorta che l’autore è Guillermo Arriaga che ha scritto i libri da cui sono tratti Amores perros, 21 grammi e Babel, i film della Trilogia sulla morte di Alejandro González Iñárritu (uno dei miei registi preferiti). Sono tre pellicole che ho amato tantissimo. Soprattutto la prima. Se non li avete ancora visti dovete assolutamente recuperarli.

Ci ha consigliato un libro e tre film. Manca un po’ di musica!
Nonostante mi piacciano il jazz e la classica, io un’anima rock. Ascolto una volta al giorno, tipo pillole salvavita, Memory motel dei Rolling Stones e Life on Mars in una versione dal vivo di David Bowie accompagnato da un jazzista al piano.

Prima di salutarci però deve dirci come avrebbe vissuto la quarantena Scianel.
Avrebbe giocato molto con la mimica facciale per continuare a dare degli ordini affacciandosi da casa. Direbbe a tutti: «Guagliò n’ascite, stateve a casa vostra e facite ‘e bravi».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La quarantena secondo Stefano Bollani: «La musica non deve fermarsi»

Molti artisti hanno deciso di rimandare l'uscita dei loro album. Non il compositore e pianista che dalla sua casa di Roma in cui sta condividendo la reclusione forzata con la moglie spiega: «Spero che sia di buon auspicio. Inizia ad uscire lui, poi magari toccherà a noi». L'intervista.

«Come sta andando la sua quarantena? Dove si trova?», mi chiede a bruciapelo il compositore, pianista e cantante Stefano Bollani a inizio intervista.

«Sono a Milano. Da solo, ma con una lunga lista di videocall e cose da fare. E lei?». A lui va sicuramente meglio. Con la sua voce entusiasta mi spiega infatti che è nella sua casa di Roma e sta trascorrendo questa reclusione per coronavirus con la moglie Valentina e il loro cagnolino. «Di questi tempi lui è preziosissimo», dice, mentre nella mia mente compaiono i meme che girano sul web con persone che pur di mettere il naso fuori casa porterebbero a passeggio anche un peluche. «Usciamo tre volte al giorno (onde evitare polemiche chiariamo che quando esce col cane Stefano non c’è anche la moglie e viceversa, ndr)».

HA DECISO DI FAR USCIRE IL SUO DISCO, NONOSTANTE LA QUARANTENA

Che poi a uscire non è solo lui col cane, ma anche il suo nuovo disco. Piano Variations on Jesus Christ Superstar era previsto per il 3 aprile e così è rimasto. Una decisione abbastanza controcorrente visto che la maggior parte degli artisti sta rimandando la pubblicazione o distribuzione delle loro opere. Glielo faccio notare, ma per Bollani il problema non si pone: «Intanto spero che sia di buon auspicio. Inizia a uscire lui, poi magari toccherà a noi». Poi per il compositore questo album è come un figlio: «Sarebbe stato un peccato tenerlo rinchiuso».

FAN DI JESUS CHRIST SUPERSTAR FIN DALL’ADOLESCENZA

Come suggerisce il titolo, il disco è la personale rilettura solo al pianoforte delle musiche del film Jesus Christ Superstar. «Avevo 14 anni quando l’ho visto la prima e sono rimasto folgorato sia dalla pellicola che dalla colonna sonora. C’era Gesù che cantava musica rock!». L’idea del progetto però gli è balenata nella testa solo nel 2019 mentre era steso su un’amaca. «Ho pensato: perché non fare una versione intima? Che è un po’ il contrario dell’originale». Per farlo ha ricevuto il permesso di Andrew LIoyd Webber che ha composto le musiche originali. Gli chiedo se si sono sentiti in qualche modo e se ha ricevuto un feedback: «Non ancora, mi ha dato il permesso a scatola chiusa. Sono davvero curioso di sapere cosa ne pensa».

DOMANDA. Visto che parliamo di musica ai tempi del coronavirus non posso non chiederle se le è piaciuta l’iniziativa dei balconi canterini.
RISPOSTA.
Li hanno fatti anche qui. È l’ennesima dimostrazione di quanto la musica sia è importante per tutti. Che poi questo lo sapevamo già, più o meno inconsciamente tutti.

Ci ha fatto sentire più uniti?
Assolutamente sì. La musica è condivisione fin dagli albori dell’umanità. Pensi a quella che si faceva intorno a un fuoco, a un tempio, o in ocassione di una nascita o di una morte. Per chi ci crede, ci permette di comunicare con spiriti più alti.

Anche se in questo momento la possiamo condividere solo a distanza.
In questi giorni sarei dovuto essere in giro a suonare. Il concerto live è una cosa importante per un musicista. Proprio perché ti permette di entrare in comunicazione con il tuo pubblico. Per fortuna ci sono le dirette Instagram.

Lei e tanti altri artisti state intrattenendo il pubblico in questo modo. Un regalo a tutti i fan?
In realtà abbiamo un grosso tornaconto. Ci guadagniamo entrambi: trasmettiamo calore e ne riceviamo indietro altrettanto.

E un po’ tutti evadiamo dalla tempesta di notizie da cui siamo bombardati.
Posso dire una cosa a riguardo?

stefano bollani quarantena
Il compositore Stefano Bollani.

Certo, la ascolto.
Ho letto su alcuni testi di linguistica che l’informazione è quella cosa che porta una novità. Se non c’è novità è solo comunicazione. Quando accendiamo la tivù non riceviamo solo novità. Quindi quando non è così spengo. Io ho bisogno di materiale su cui riflettere, altrimenti faccio altro.

Di cosa sono fatte le sue giornate quindi?
Leggo, suono, medito, faccio ginnastica.

E cosa le manca fare oltre ai concerti?
Guardi mi tengo talmente impegnato che non ho ancora pensato alle cose a cui sto rinunciando. In realtà era come se fossi già in una specie di quarantena. Io e Valentina venivamo già da due mesi di vacanza a casa.

E poi immagino che lei, per il lavoro che fa, abbia un buon rapporto con la solitudine. Sbaglio?
Ho un ottimo rapporto con la solitudine! Anche perché spesso viaggio da solo.

E appena saremo tutti liberi, quale è la prima cosa che farà?
Non ci ho ancora pensato. Anzi sì. Io e Valentina andremo al mare. Bisognerà scegliere bene il posto perché sarà pieno ovunque.

Un bel modo per ricominciare. Proverò a farlo anche io. Qual è il sentimento che sta vincendo in questo periodo di emergenza sanitaria mondiale?
Mi sento in attesa, come tutti.

In attesa di cosa?
Credo che ci aspetti una sorta di dopo guerra. La storia ci insegna che, di solito, durante il dopo guerra c’è un rifiorire delle arti. Perché chiusi in casa abbiamo avuto tempo per pensare, per fare un salto evolutivo in avanti. Tutti parleremo di grandi temi.

Ci saluti consigliandoci un disco da recuperare durante la quarantena.
Più che un disco vi suggerisco una canzone che mi mette allegria e mi tira sempre su.

È utile. Ci dica!
Cheek to cheek nella versione di Ella Fitzgerald e Louis Armstrong.

Grazie! Allora buona quarantena.
Anche a lei. Si diverta.

LE PUNTATE PRECEDENTI

LEGGI ANCHE La quarantena secondo Ornella Vanoni: «Godiamoci la pigrizia»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Lidia Ravera: «La pandemia ci insegna il concetto di limite, meglio farci amicizia»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Dacia Maraini: «Un’occasione per riscoprirsi»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Natalia Aspesi: «Niente sesso e lamentele»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Franca Leosini: «Sveglia presto e studio»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Davide Oldani: «Faccio il papà e rifletto»

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

L’ipocrita pantomima della preghiera del duo Salvini-D’Urso

Hanno recitato in diretta tivù l'Eterno riposo in memoria delle vittime del coronavirus. Uno show giudicato offensivo dal teologo Vito Mancuso: «Si prende il sacro e lo si funzionalizza al profano».

Domenica sera, su Canale 5 c’è Live – Non è la D’urso, che continua ad andare in onda in piena emergenza coronavirus.

La scena madre è questa: Barbara D’Urso con un abito azzurro in paillettes e le mani giunte si rivolge a Matteo Salvini in collegamento, che aveva appena detto di volersi prendere qualche secondo per ricordare le vittime italiane della pandemia: «Io tutte le sere faccio il rosario, non me ne vergogno, anzi sono orgogliosa di dirlo».

E in coro: «L’eterno riposo dona loro, o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua. Riposino in pace. Amen».

Una preghiera recitata di fronte a milioni di spettatori da una conduttrice televisiva e un leader politico in un momento delicatissimo per il nostro Paese, in cui le paure delle persone sono quasi incontrollate. Inevitabile l’ondata di proteste social che il video, diventato immediatamente virale, ha scatenato. L’indignazione, leggendo i tweet, sembra unanime. Eppure la puntata ha radunato 2 milioni e 988 mila spettatori, pari al 13.4% di share.

«Chi cavalca la morte per un voto in più non merita l’indulgenza plenaria, ma solo pietà», scrive un utente.«Mio nonno è mancato a due mesi esatti dalla morte di mia nonna. Mi sento profondamente offesa. Lasciate il dolore vero (e le preghiere) fuori dalla tivù spazzatura», scrive un’altra. E ancora: «Una materia tanto delicata affrontata come in una parodia di una soap opera sudamericana», o «è stata una delle pagine più indegne della storia della televisione».

IL TEOLOGO MANCUSO: «NEL VANGELO SI PARLA DI ‘IPOCRISIA’»

Quando ho chiesto un commento a Vito Mancuso, teologo, docente universitario e scrittore, mi ha risposto: «Premetto di non aver visto la puntata, non per fare lo snob ma non ho mai guardato programmi della D’Urso. Però ho fatto immediatamente un collegamento con il discorso della montagna di Gesù, capitolo 6 del Vangelo, uno dei brani a me più cari. Glielo leggo:

  • E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

«MOSTRARE UN ROSARIO IN TIVÙ? PIÙ GRAVE CHE IN POLITICA»

«Nell’antica Grecia l’ipocrita, l’ypokrites, era l’attore», commenta Mancuso. «In questo caso le sinagoghe e gli angoli delle piazze citate dal Vangelo sono gli studi televisivi. Se a questo si aggiunge anche la speculazione che indubbiamente si fa del dolore delle persone, il mio giudizio non può che essere fortemente negativo. Trovo quello che è andato in onda inopportuno e molto distante dall’autentica spiritualità». Il teologo precisa di non conoscere Barbara D’Urso, ma Matteo Salvini sì.

La storia ci insegna, da Costantino in poi, che c’è sempre stato uno stretto legame tra fede e potere

«Quello che abbiamo visto non è molto diverso dal rosario che veniva brandito nei comizi elettorali. La storia ci insegna, da Costantino in poi, che c’è sempre stato uno stretto legame tra fede e potere, e soprattutto in momenti come questo, in cui le persone sono disorientate, brandire i simboli religiosi può essere un’azione che per un certo tipo di pubblico paga». Per Mancuso, anche se farlo in campagna elettorale è ingiustificato, è comunque «meno grave di farlo in televisione sul dolore delle persone. Sia spiritualmente che umanamente ne prendo le distanze».

LA RICERCA DI AUDIENCE E CONSENSI APPARTIENE AL PROFANO

La preghiera, sottolinea, per essere autentica richiede intimità. «Ogni forma di esibizione di questa diventa uno strumento politico, una propaganda, un’ipocrisia nel senso etimologico del termine: una forma teatrale di esibizione che cerca ricompense». Mancuso spiega che tutto si gioca «a livello terreno»: «Una per avere audience l’altro per ottenere voti e consensi nei sondaggi. Ma tutto questo non ha niente a che fare con la preghiera, che è vera nella misura in cui perfora per così dire l’orizzonte terreno e trasporta chi la fa compie in una dimensione diversa da quella del rendiconto immediato. Quando si va a battere cassa, come faceva la Chiesa nel Rinascimento che vendeva le indulgenze per costruire la Basilica di San Pietro, si prende il sacro e lo si funzionalizza al profano» .

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La quarantena di Michele Alessandrino: «Re dei flashmob solo per hobby»

Grazie alle sue imitazioni (direttamente dal balcone di casa) di Morgan, Achille Lauro, Elettra Lamborghini e Loredana Bertè ha conquistato più di 60 mila follower su Instagram. Ma il 20enne di Caserta non vuole trasformare questo successo in un lavoro. E ha già rifiutato la richiesta di molti manager.

In pochi giorni ha superato i 60 mila follower su Instagram e si è guadagnato il titolo di ‘re di flashmob‘. Un successo del tutto inaspettato e totalmente homemade, quello di Michele Alessandrino. 20 anni, originario di Caserta, è diventato virale grazie alle sue esibizioni sul balcone di casa. In un’Italia che, in piena emergenza coronavirus, alle ore 18 si è riscoperta canterina non è facile farsi notare. Eppure lui ce l’ha fatta. Merito dell’idea di imitare nel look i cantanti che omaggia.

«CHE SUCCEDE? DOV’È BUGO?»

Tutto è iniziato con Sincero di Morgan e Bugo, nella controversa versione rivisitata dall’ex Bluvertigo sul palco dell’Ariston. Michele esce sul balcone in occhiali da sole e abito nero: «Le brutte intenzioni, la maleducazione, la tua brutta figura di ieri sera…». Dopo l’ultima nota si guarda in giro e saluta il pubblico del suo quartiere (affacciato alle finestre e sulle terrazze) con l’ormai iconico: «Che succede? Dov’è Bugo?». Ed era solo il quinto giorno di quarantena.

View this post on Instagram

Quinto giorno di quarantena, i risultati.

A post shared by Michele Alessandrino (@michele_alessandrino) on

NON VUOLE LAVORARE NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

Mi chiede di chiamarlo dopo le 18. Immagino che sia perché debba registrare un nuovo video. La realtà è ben diversa: «Avevo lezione online e poi c’è un tempaccio. Non si può nemmeno uscire sul balcone», mi spiega. Perché, a dispetto di quello che possono aver pensato in tanti, Michele non ha intenzione di trasformare queste esibizioni in un lavoro. Da grande vuole lavorare nella sicurezza. Studia infatti a Narni Scienze per l’investigazione e la sicurezza. Quando l’università ha chiuso, però, è tornato in famiglia a Caserta. Ed è da quella terrazza che è partito tutto.

DOMANDA. Come le è venuta l’idea di fare queste imitazioni?
RISPOSTA.
Per caso. Vedevo flashmob ovunque in tivù e sui social.

Un po’ se lo aspettava questo successo?
Assolutamente no. Volevo solo intrattenere il mio vicinato.

Ed è finito ad intrattenere l’Italia dei social. Come ci è riuscito?
Credo sia merito di una mia amica che ha segnalato la mia story a molte pagine.

Quanto tempo le richiede la preparazione?
A livello canoro, come potete sentire, davvero poco. Mi impegno un po’ di più per la ricerca dei look negli armadi di casa. Anche perché non si può uscire.

Si fa aiutare?
Mia mamma mi dà una mano con i costumi, papà nel montaggio delle casse, mentre mio fratello mi riprende.

Dopo Morgan sono arrivati Achille Lauro, Elettra Lambroghini e Loredana Bertè. Chi le è piaciuto di più interpretare?
Forse mi sono divertito di più a (s)vestirmi da Achille Lauro (l’esibizione, che omaggia la partecipazione del cantante a Sanremo 2020, inizia con Michele che indossa una coperta o un lenzuolo a mo di mantello che poi si toglie per rimanere in slip e canottiera, ndr). Che forse è quello che ha avuto più visualizzazioni.

View this post on Instagram

CI SON CASCATO DI NUOVO. @achilleidol

A post shared by Michele Alessandrino (@michele_alessandrino) on

Si è fatto sentire qualcuno dei quattro artisti che ha portato sul balcone?
No. Solo Elettra Lamborghini mi ha ripostato nelle sue stories.

Come sceglie chi interpretare?
Devono essere particolari sia dal punto di vista vocale sia dell’immagine.

Quindi non fanno per forza parte dei suoi ascolti quotidiani?
No però i brani di Morgan e di Loredana Bertè mi piacciono molto. Quelli di Lauro ed Elettra non sono il mio genere, ma li ascolto volentieri.

Che cosa ascolta volentieri?
Il rap e la trap americana. Però sono abbastanza onnivoro musicalmente parlando. Il mio cantante preferito è David Bowie che non c’entra nulla con il rap e la trap.

Anche Bowie amava i look appariscenti. Vedremo anche lui?
Ho una rosa di nomi, ma non ho ancora deciso chi fare e quando.

View this post on Instagram

E il resto? @elettramiuralamborghini

A post shared by Michele Alessandrino (@michele_alessandrino) on

Insomma effetto sorpresa. Che rapporto aveva prima con i social network?
Pubblicavo pochi contenuti. Usavo Instagram per vedere i profili che mi interessano. Quelli dedicati al calcio e ai meme soprattutto.

È appassionato di calcio quindi. Per quale squadra tifa?
Per il Milan. Pensi che una volta che i video hanno iniziato a girare sono stato contattato direttamente dal capitano Alessio Romagnoli che voleva farmi i complimenti.

Da tifoso deve essere una bella soddisfazione. Altri personaggi famosi che le hanno scritto?
Leonardo Pieraccioni mi ha inviato un audio in cui mi spronava a continuare. Poi Tommaso Paradiso ha ripostato una delle mie esibizioni.

Questa esposizione mediatica (è stato anche in tivù, ndr) le sta cambiando la vita?
Io rimango sempre quello. Certo la gente mi scrive, mi chiede altri video. Molti si aspettano delle cose da me.

Ormai è il re dei flashmob. Mi sorprenderebbe il contrario.
Questo titolo mi diverte molto.

View this post on Instagram

Chiedo umilmente scusa a @loredanaberteofficial

A post shared by Michele Alessandrino (@michele_alessandrino) on

Eppure, mi pare di capire, che non ha intenzione di cavalcare questo successo.
Mi hanno contattato alcuni manager, ma ho rifiutato.

Perché? C’è chi farebbe carte false al posto suo.
Io non ho talento, è solo divertimento. Posso pure inventarmi qualcos’altro, ma non andrei molto lontano. Ironicamente ho scritto su Instagram che sono un artista da balcone. Nulla di più.

Cosa le hanno proposto i manager che l’hanno cercata?
Collaborazioni con aziende.

Poteva diventare un passatempo remunerato, non ci ha pensato?
Sì, però avrei dovuto iniziare a fare anche i miei video in un certo modo. Sarebbe diventato più impegnativo. E, visto che la mia priorità rimane l’università, devo essere libero di farli come e quando voglio. Non sotto pressione. Poi, farne uno al giorno diventerebbe pesante per me e per gli altri. Uno o due a settimana sono più che sufficienti. Per lo meno fino a che continuerò a divertimenti e ad avere tempo.

Non è fatto per la vita da influencer. Come sta vivendo, invece, questo clima di apprensione generale per il coronavirus?
Con apprensione appunto. Sa, soffro di asma e mia mamma non mi permette di uscire da più di due settimane.

Sarebbe bello non dover cambiare autocertificazione ogni giorno perché tra un po’ dovremo uscire anche per comprare il toner della stampante

E, oltre a studiare, come occupa le sue giornate?
Mi tengo in forma in giardino, guardo video calcistici e serie tv.

Una che le è piaciuta particolarmente?
Sabrina.

Cosa le manca di più?
Vedere e stare con i miei amici. Le videochiamate non sono la stessa cosa. Poi da un anno non vivo a Caserta. Mi fa un po’ strano stare a casa dei miei genitori. Non che non mi trovi bene. Ma è strano appunto.

Quindi la prima cosa che farà quando ne usciremo sarà una rimpatriata dal vivo con gli amici?
Credo proprio di sì. Anche se penso ci sarà ancora molta paura e cautela per lo meno per qualche mese.

È molto giovane, ma, immagino, stia seguendo quello che succede in Italia anche a livello politico.
Tutto. Mi sembra che il governo stia facendo un grande lavoro vista la situazione d’emergenza. Chiaramente va fatto altro per le partite iva e le piccole aziende. Però dobbiamo lasciarli lavorare. Conte si sta impegnando al massimo.

Non mi dica che anche lei è un bimbo di Giuseppe Conte!
Assolutamente sì. Ecco, però, sarebbe bello non dover cambiare autocertificazione ogni giorno perché tra un po’ dovremo uscire anche per comprare il toner della stampante (ride, ndr).

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La quarantena secondo Cristina D’Avena: «La musica come antidoto per l’ansia»

La cantante è a Milano con la sua famiglia. Ha paura, ma evade da questo senso di frustrazione tenendosi impegnata con i fan sui social, in cucina e guardando serie tivù. «Vorrei riuscire a trovare le parole giuste per confortare i miei amici medici e infermieri». L'intervista.

Cristina D’Avena non si vergogna ad ammettere che il coronavirus le fa paura. «Sono in ansia. Vivo reclusa con la famiglia e seguiamo le notizie ogni giorno», mi dice.

Eppure la sua voce non perde quel non so che di rassicurante e vivace a cui le sigle che canta ci hanno abituati. «Sono a Milano con la mia famiglia, rispettiamo le regole in modo da ridurre il rischio di contagio, ma la situazione è paradossale», spiega.

La sensazione della cantante è quella di chi dalla sera alla mattina si ritrova in un tunnel buio: «Cerco di barcamenarmi sperando di vedere in fondo la luce. Perché sono certa che ci sia. Bisogna solo trovarla». A darle speranza sono i dati sui contagi e i decessi degli ultimi giorni, ma non è facile.

TRA SERIE TIVÙ E FORNELLI

Il suo antidoto per evadere da questo senso di frustrazione è tenersi occupata: «Avrò sistemato l’armadio quattro o cinque volte», racconta ridendo mentre fa la lista di tutte le altre cose che le riempiono la giornata. «Scrivo. Leggo. Penso a nuovi progetti. Faccio tante videochiamate». E poi, da quando ha scoperto di avere una collezione di libri di ricette, cucina. Le chiedo se si sente pronta per Masterchef o qualche altro cooking show, ma non mi sembra convinta. Però la televisione la guarda. Le piacciono molto le serie tivù, meglio se thriller. «Adesso sto guardando The Outsider: è un po’ lenta, ma mi appassiona. Poi mi sto portando in pari con The good doctor e La casa di carta».

NON SOLO SIGLE DI CARTONI ANIMATI

E la musica? Da quello che mi dice non manca mai. Nella sua playlist ci sono artisti italiani come Tiziano Ferro, Antonello Venditti, Renato Zero, ma anche nomi più inaspettati come Enya. O ancora dj del calibro di David Guetta e Bob Sinclair: «Sinclair mi fa impazzire, lo metto sempre quando ho voglia di ballare».

cristina-davena-quarantena
La cantante Cristina D’Avena.

DOMANDA. Se Cristina D’Avena non va alla discoteca è la discoteca che va da Cristina D’Avena. E i vicini non si lamentano?
Ormai sono abituati. Pensi che una di queste sere ho cantato col microfono «Ciurma, andiamo tutti all’arrembaggio, forza!» (intona la sigla All’arrembaggio, ndr) alle 23.30.

Col microfono?
Stavo facendo una diretta con i miei fan. Credo sia giusto fare loro compagnia in questi giorni di isolamento. Loro la fanno a me. Almeno alterniamo l’informazione alla spensieratezza. Poi sa, mi dispiace per tutti quei ragazzi che avevano preso i biglietti per i miei concerti, che avevano chiesto le ferie, programmato voli e spostamenti magari facendo sacrifici. E da un momento all’altro si sono visti cancellare tutte la date previste.

Non solo i concerti annullati, ma anche la quarantena.
Infatti, magari anche da soli. Per questo provo a regalare a loro qualche momento di leggerezza. Cantiamo tutti insieme. Ognuno da casa propria. O per lo meno questa è l’impressione che io ho durante questi incontri virtuali. Perché la musica arriva ovunque. Anche in questa situazione.

Lo testimonia anche l’iniziativa dei balconi canterini. Lei partecipa?
Dove mi trovo io ci sono davvero poche abitazioni. Ci sono soprattutto uffici. È una zona molto silenziosa. Però quest’abitudine mi piace tanto. Penso sia utile. A volte davvero non sappiamo nemmeno il nome di chi vive nel nostro palazzo e in questo modo abbiamo la possibilità di conoscerci. Sa, i social sono tanto utili (come stiamo vedendo in questi giorni), ma alla fine spesso ci allontanano.

Non l’allontano però dai suoi fan dicevamo. Di che cosa parla con loro?
Di tutto. Anche di come stanno vivendo la quarantena. Per molti è davvero difficile.

Vorrei trovare le parole per confortare i miei amici medici e infermieri

Cosa le dicono?
Molti vivono in case molto piccole, senza magari determinati comfort. Certo l’emergenza c’è. E dobbiamo aiutare chi ci aiuta.

Medici e infermieri?
Ne conosco diversi e quando mi raccontano quello che vivono quotidianamente non riesco a non piangere. Mi sento a disagio perché vorrei confortarli, ma non riesco a trovare le parole giuste. Mi sembra tutto riduttivo. Quindi finisce che li faccio sfogare e li ascolto piangendo.

Forse è spaventata anche per quello che le dicono loro. Non esce nemmeno per fare la spesa?
Andiamo a turno, ma il meno possibile. Peccato che ormai non si trovi mai tutto ciò che ci serve e che gli acquisti online abbiano delle tempistiche di consegna molto dilatate.

È riuscita a trovare le mascherine?
Fortunatamente le ho prese un po’ di tempo fa. E, siccome sono ormai introvabili, le teniamo disinfettate.

Come giudica l’azione del governo in questa situazione d’emergenza?
Non vorrei essere al loro posto. Non è facile. Io non me la sento di esprimere un’opinione in merito. Non credo di avere le competenze per farlo.

Stiamo riscoprendo il valore degli affetti e del contatto fisico che forse davamo per scontati

Ci cambierà quest’esperienza?
Credo di sì. Forse lo sta già facendo.

Come?
Stiamo riscoprendo certe cose che davamo per scontate. La famiglia, la casa, gli affetti, il senso di comunità. E il contatto fisico. Pensi agli abbracci, i baci, la stretta di mano. A me mancano tantissimo gli abbracci dei fan.

Diventeremo anche più patriottici?
Io credo di sì e magari al posto di andare all’estero (io lo faccio poco perché ho paura dell’aereo) visiteremo i luoghi del nostro Paese. Dobbiamo iniziare a valorizzarci ed essere uniti tra di noi.

Cosa farà appena finirà la quarantena?
Chiamerò tutte le persone a cui voglio bene e cercherò di vederle tutte. E poi io amo molto camminare all’aria aperta.

Per salutarci ci consigli uno dei cartoni di cui ha cantato le sigle che dovremmo recuperare durante questo periodo di reclusione.
Pollyanna perché è un personaggio sempre positivo e ottimista. Ritrova sempre il sorriso.

LE PUNTATE PRECEDENTI

LEGGI ANCHE La quarantena secondo Franca Leosini: «Sveglia presto e studio»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Davide Oldani: «Faccio il papà e rifletto»
LEGGI ANCHE
La quarantena secondo Dacia Maraini: «Un’occasione per riscoprirsi»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Natalia Aspesi: «Niente sesso e lamentele»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Cicciolina: «Medito un ritorno in politica»
LEGGI ANCHE
La quarantena secondo Antonio Razzi, l’auto-recluso modello
LEGGI ANCHE

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le cose da sapere sul La Casa di Carta 4

Più dramma e meno azione. Così il suo creatore ha descritto la quarta stagione della serie spagnola in uscita il 3 aprile su Netflix. E mentre i fan aspettano di scoprire il destino di Nairobi, l'attrice che dà il volto a Lisbona ha detto di essere positiva al coronavirus.

Come le persone chiuse in casa per l’emergenza coronavirus anche il Professore e i suoi sono bloccati all’interno della zecca dello Stato in attesa. Per lo meno questo suggerisce il trailer ufficiale della quarta stagione de La Casa di Carta disponibile dal 3 aprile su Netflix. Trailer che nel giro di poco tempo ha conquistato i media in ogni angolo del pianeta ottenendo decine di migliaia di visualizzazioni.

Bisogna pazientare quindi solo una manciata di giorni per scoprire il futuro del Professore (µlvaro Morte) e della sua banda, sperando che la controffensiva dell’ispettrice Alicia Sierra (Najwa Nimri) non abbia la meglio su di loro. Lui è convinto che Lisbona sia stata giustiziata, Rio e Tokio hanno distrutto un carro armato e Nairobi lotta tra la vita e la morte. Insomma, la squadra di rapinatori sta affrontando uno dei momenti più difficili di sempre e la presenza di un nemico tra i suoi stessi ranghi ostacola seriamente la riuscita del colpo.

IN ATTESA DI SCOPRIRE IL DESTINO DI NAIROBI

Nel rocambolesco e commovente finale della parte 3 Nairobi era caduta nella trappola dell’ispettrice Alicia Sierra la quale, facendo leva sull’affetto che Nairobi nutre verso suo figlio, l’aveva attirata e l’aveva colpita al petto con una pallottola. Negli ultimi secondi del teaser si vede Nairobi, dotata di una mascherina per l’ossigeno, aprire gli occhi. D’altro canto, però, si sente anche il suono continuo della macchina che rileva i parametri vitali, secondo molti segno che la donna perderà inevitabilmente la vita. Nel frattempo, Raquel sarà costretta dalla Sierra a collaborare con la polizia. Il Professore si troverà a dover gestire tutto questo caos quando la vita di tutti i membri della banda sarà messa in serio pericolo.

PIÙ DRAMMA E MENO AZIONE

Sul resto della trama sappiamo poco. Se non quello che ha anticipato il creatore della serie µlex Pina: «Gli otto nuovi episodi saranno incentrati più sul dramma e meno sull’azione».

UNA DELLE ATTRICI

Nel corso degli anni La casa di carta ha aumentato sempre di più la sua notorietà portando quindi anche a un graduale aumento della popolarità degli attori principali. Tra questi la spagnola Itziar Ituno, volto dell’ispettrice Raquel Murillo e Lisbona, che ha annunciato sul suo profilo Instagram di essere positiva al coronavirus: «Il mio caso è lieve e sto bene però è molto molto contagioso e super pericoloso per le persone più deboli», ha tranquillizzato i fan l’artista, postando anche una sua foto sorridente ma un po’ provata.

View this post on Instagram

Aupa danoi!! Ofiziala da, bariku arratsaldetik sintomekaz nabil (sukarra ta eztul lehorra) eta gaur iritsi jaku azterneta epidemiologikoaren konfirmaziñoa. Koronabirusa da. Nire kasuan arina da ta ondo nago baina oso oso kutsakorra eta super arriskutsua ahulago dagoen jendearentzako. Hau ez da tontakeria, izan konsziente, ez hartu arinkeriaz, hildakoak dauz eta bizi asko jokoan eta ondiño ez dakigu noraiño helduko dan kontua, beraz, arduratsuak izateko txertoa ipinteko garaia da danon hobebeharrez. Elkartasun garaia da! Etxean geratzekoa eta babestu besteak! Orain 15 egun berrogeialdi eta aurrerago ikusiko da✊❤.Zaindu zaitezte!!😙😙😙😙/ Hola a tod@s!! Ez oficial, desde el viernes por la tarde tengo los síntomas (fiebre y tos seca) y hoy nos ha llegado la confirmación del test epidemiológico. És coronavirus. Mi caso es leve y estoy bien pero es muy muy contagioso y superpeligroso para la gente que está más debil. Ésto no es tontería, ser conscientes, no lo tomeis a la ligera, hay muertos, muchas vidas en juego y aún no sabemos hasta donde va a llegar ésto por lo que ha llegado la hora de ponerse la vacuna de la responsabilidad por el bien común. Es tiempo de solidad y generosidad! De quedarse en casa y proteger a los demás. Ahora me tocan 15 dias en cuarentena y después ya se verá✊❤! Cuidaros mucho😙😙😙😙/ Olá galera! Ez oficial, desde sexta-feira à tarde tenho sintomas (febre e tosse seca) e hoje recebemos confirmação do teste epidemiológico. É um coronavírus. Meu caso é leve e estou bem, mas é muito muito contagioso e super perigoso para pessoas que são mais fracas. Isso não é bobagem, esteja ciente, não leve a sério, há mortos, muitas vidas em jogo e ainda não sabemos até que ponto isso vai dar, então chegou a hora de ser vacinado pela responsabilidade pelo bem comum . É um tempo de solidão e generosidade! Ficar em casa e proteger os outros. Agora tenho 15 dias em quarentena e depois será visto✊❤! Cuide-se😙😙😙😙 #etxeangeratu #yomequedoencasa #quedatencasa

A post shared by Itziar Ituño (OFIZIAL) (@itziarituno) on

«Questa non è una sciocchezza. Siate coscienziosi, non prendetela alla leggera, ci sono morti, molte vite in gioco e non sappiamo ancora dove si arriverà», ha concluso.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La quarantena secondo Cicciolina: «Medito un ritorno in politica»

Critica verso Conte («Sulle tasse che fa?»), l'ex pornostar Ilona Staller è reclusa per il virus: «L'avevo detto che saremmo morti come mosche». Intanto dipinge, balla e pensa a rilanciare il suo partito Dna (Democrazia, Natura e Amore). Il sesso può attendere: «Siamo così arrapati da stare male?». L'intervista.

Ha dovuto rinunciare alla sua passione per lo shopping. Ma non è rimasta certo con le mani in mano. Perché Ilona Staller, in arte Cicciolina, ha 12 gatti persiani cincillà a cui badare. «Sono una grande famiglia», mi racconta dalla sua casa in zona Cassia a Roma. Casa da cui esce solo per andare a fare la spesa o in farmacia (invito che estende a tutti gli italiani). Rigorosamente con gli occhiali da sole per proteggere gli occhi. D’altronde non ha ancora trovato una mascherina, se non quella che ha fatto una sua vicina. «È un bel problema che il governo Conte dovrebbe risolvere subito», aggiunge stizzita.

SOCIAL, TERRAZZA, PITTURA E GINNASTICA

I gatti, dicevamo. Loro le fanno compagnia sulla terrazza che ha intenzione di imbiancare in questi giorni di reclusione forzata causa coronavirus. Ma anche al computer tramite il quale si tiene informata – ama molto Twitter – e in contatto con i suoi fan. Lei però non è una da dirette Instagram. Almeno per ora: «Sono troppo pigra. Fare una cosa del genere vuol dire lavarsi i capelli, truccarsi, vestirsi bene, trovare la luce giusta. Finisce sempre che rimando». Quello che non rimanda è invece il suo appuntamento con la pittura (dipinge), la ginnastica e lo studio dello spagnolo. Con lei vive un’amica. Insieme ascoltano la musica e ballano: «Non lo sa? Il ballo permette di rimanere in forma», mi spiega mentre provo a immaginarmi le feste a due nella discoteca di casa Staller.

A FEBBRAIO COMMENTAVA: «MORIREMO COME LE MOSCHE»

Cicciolina e il coronavirus però hanno un rapporto di lunga durata, come si nota anche dai suoi profili social. A chi fosse sfuggito, già a febbraio era finita nel mirino di molti per aver commentato un lancio dell’agenzia Ansa sul tema così: «Moriremo come le mosche d’estate. Situazione molto grave». E quando le chiedo a cosa fosse dovuto tutto quell’allarmismo quando il problema sembrava ancora molto limitato nel nostro Paese, lei risponde: «Il governo italiano fu avvertito dai servizi di Intelligence del rischio pandemia poco dopo che il malattia ha iniziato a diffondersi in Cina. La cosa è stata sottovalutata perché si pensava fosse un problema asiatico». Sta riportando una notizia lanciata dal canale Fox News che i Servizi segreti del nostro Paese hanno poi smentito.

Restiamo in casa .interesse nostri .buonasera amici. Cicciolina

Posted by Ilona Staller Cicciolina on Friday, March 20, 2020

DOMANDA. L’hanno attaccata in molti per quelle parole.
RISPOSTA.
Si sono scandalizzati, ma mi pare che si sia avverato purtroppo. Quante persone sono morte finora? Migliaia. È una guerra. E se rivogliamo indietro la nostra normalità dobbiamo stare a casa. Altro che andare ai rave party!

È ancora così angosciata o nel frattempo è riuscita a tranquillizzarsi?
Anche se sembro una donna fragile, non sono una fifona. Ne ho passate talmente tante nella mia vita personale che non mi spaventa quasi nulla. Quest’epidemia però un po’ mi impaurisce. Quindi esco il meno possibile e tento di condurre una vita molto sana. Frutta e verdura a volontà. E tante vitamine.

Attenzione però. Non è che le vitamine ci rendano immuni dal coronavirus o guariscano. Non sono né una cura né un vaccino. Non facciamo passare messaggi sbagliati.
Non intendo quello. Solo che un organismo forte e sano aiuta. Chi dice che la vitamina C è miracolosa dice stronzate.

Chiarito questo, altri consigli per sopravvivere alla reclusione forzata?
A parte quelli che ci vengono ripetuti continuamente, credo che ascoltare la musica sia di sollievo. Sa, non tutti hanno delle case grandi o i comfort che abbiano noi. Per loro è ancora più tosta. Il rischio di andare incontro a uno stato depressivo è alto.

Quindi l’iniziativa dei balconi canterini le piace?
È meravigliosa. È un momento di liberazione. E chi vorrebbe vietarlo sbaglia. Cantiamo che ci tiriamo un po’ su.

Mancano le risposte del governo. La soluzione non è il rinvio delle imposte di pochi giorni

Mi sembra che invece non le piaccia granché l’approccio del governo Conte all’emergenza sanitaria. O sbaglio?
Mancano ancora troppe risposte. Se non si lavora, la gente non guadagna. Come possiamo pagare le tasse? Cosa ha fatto la maggioranza dopo la Finanziaria? Litigano per il potere e pensano ai loro lauti stipendi mensili. La soluzione non è il rinvio delle imposte di pochi giorni. Come verranno utilizzati i soldi del Fondo di solidarietà europeo a cui il premier ha giustamente chiesto di poter ricorrere?

Arriveranno nuovi decreti che daranno le risposte che ci mancano.
Lo spero. Bisogna appoggiare la proposta della Lega sulla sospensione delle tasse.

Facile parlare quando si è all’opposizione. Non crede che sia campagna elettorale?
Sono tutti in campagna elettorale. Non solo Matteo Salvini. Guardi i cinque stelle che sono incollati alle poltrone. E poi bisognerebbe pensare meno ai migranti o a distribuire il reddito di cittadinanza a chiunque.

Sento puzza di sovranismo.
E che vuol dire sovranista?

Gliela riassumo con uno slogan: «Prima gli italiani».
Attenzione. Non sono razzista. Ma penso che ogni Paese o continente prima debba guardare alla sua popolazione.

cicciolina-quarantena
I quadri dipinti da Cicciolina.

Insomma è sovranista. Dire che la vedo lanciatissima, mi pare riduttivo. Sogna un ritorno in politica?
Io sono sempre stata una donna politica. Anche prima di entrare in parlamento.

Con chi si candiderebbe?
Io e il mio avvocato Luca Di Carlo abbiamo fondato il partito Dna (Democrazia, Natura e Amore) qualche anno fa.

E che fine ha fatto?
Stiamo facendo delle piccole cose per ora. Vedremo. Non sarebbe male scendere in politica, perché siamo gente onesta. Non come certi politici corrotti. Sa quanti ce ne sono? Ma per favore!

Quale sarebbe il vostro programma?
Vogliamo un’Italia in cui tutti sorridono. E non vedere più gente che va a cercare da mangiare nei cassonetti. Ma poverini! Aiutiamoli!

Sarebbe meraviglioso. Se trovate la ricetta per farmi sorridere sempre io vi voto. Ma sinceramente mi pare un’utopia. L’onestà non è abbastanza. Non crede?
Perché utopia? Se tutti si mettessero una mano sulla coscienza l’Italia migliorerebbe.

Trovo ridicolo che il referendum per la riduzione del numero dei parlamentari sia saltato

Sarà, continuo ad avere i miei dubbi. Ma ci dica dove vi posizionereste. A destra?
Guardi ancora non lo so. A me interessa la politica. Quella per tutti. Al di là degli schieramenti. Per esempio trovo ridicolo che il referendum per la riduzione del numero dei parlamentari sia saltato.

Poteva essere fatto? Era in programma a fine marzo. Periodo in cui saremo ancora in quarantena.
All’inizio non si sapeva che saremmo stati in quarantena.

Ma il referendum andava comunque spostato per la salute pubblica.
Spero che venga fissato di nuovo in tempi brevi. I politici italiani guadagnano troppo e sono troppi. Più degli americani. Ma stiamo scherzando? Per non parlare di gente come Rocco Casalino che porta a casa la bellezza di quasi 170 mila euro lordi all’anno. Almeno faccia una bella donazione.

Magari l’ha fatto e non lo sappiamo. In compenso ci sono diversi vip che hanno lanciato campagne di beneficenza.
Non abbastanza. Posso fare un appello?

Certo.
A tutti chiedo di ricordarsi degli anziani e dei disabili che magari vivono soli. Portategli la spesa e lasciategliela fuori dalla porta. Mentre ai calciatori che guadagnano palate di soldi e agli imprenditori più ricchi chiedo di mettere mano al portafogli come ha fatto Silvio Berlusconi che ha dato 10 milioni di euro. Fantastico.

Buongiorno amici ,buongiorno Italia. Con il nuovo decreto che durerà fino il 3 Aprile 2020 dobbiamo conviverci…

Posted by Ilona Staller Cicciolina on Tuesday, March 10, 2020

Sicuramente poteva permetterseli. E comunque non è stato l’unico.
E i parlamentari che prendono 15 mila euro al mese? E i senatori che ne prendono 25? Senza parlare dei ministri. So perfettamente quanto intascano.

La beneficenza non deve per forza essere sbandierata.
Io invece credo di sì. Quando si fa si viene sempre a sapere.

Allora parliamo di progetti come quello di Chiara Ferragni e Fedez. Le è piaciuto?
Io sono dalla parte di Heather Parisi (che ha accusato, tramite social, la coppia di aver destinato i fondi raccolti a una struttura privata, piuttosto che alla sanità pubblica, ndr).

Il rapper però ha chiarito che le terapie intensive saranno destinate al sistema sanitario pubblico a cui il San Raffaele è iscritto. E ha anche posto i riflettori sulla mancanza di interlocutori statali che coordinassero questo tipo di raccolte fondi.
Non è vero che non ci sono interlocutori. Io so perfettamente che ci sono. Anche quando non ero in parlamento se dovevo parlare con Nilde Iotti, lei mi riceveva.

Siamo in una fase di emergenza.
Dovevano chiedere un appuntamento al ministero della Sanità e glielo avrebbero dato.

Proviamo ad andare oltre le polemiche. Niente sesso in questo periodo di reclusione. Per lo meno per chi non convive. Le manca?
Non penso che moriremo. Siamo talmente arrapati da stare così male? Una volta passata l’emergenza si riprenderà a farlo. Che sarà mai! E poi, appunto, molti convivono e possono farlo tranquillamente. Anzi la reclusione a loro fa solo che bene. Magari ritrovano intimità dopo anni di corna. E fanno figli.

Una visione abbastanza cinica e triste dei rapporti a due. Anche il mondo del porno si dovrà fermare in queste settimane.
Immagino di sì. Sarebbe una pazzia stare sul set.

LE PUNTATE PRECEDENTI

LEGGI ANCHE La quarantena secondo Dacia Maraini: «Un’occasione per riscoprirsi»
LEGGI ANCHE La quarantena secondo Natalia Aspesi: «Niente sesso e lamentele»
LEGGI ANCHE
La quarantena secondo Franca Leosini: «Sveglia presto e studio»
LEGGI ANCHE
La quarantena secondo Antonio Razzi, l’auto-recluso modello

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

È morto il mito del jazz McCoy Tyner

Il pianista si è spento a Filadelfia a 81 anni. Era l'ultimo membro vivente del John Coltrane Quartet.

È morto nella sua Filadelfia, in cui era nato 81 anni fa, il pianista americano Alfred McCoy Tyner, una delle leggende del jazz, celebre per il suo stile innovativo e per aver fatto parte del John Coltrane Quartet. L’annuncio è stato dato dalla famiglia. Tyner è stato un pianista tra i più influenti nella storia del suo genere musicale – è stato sempre incluso nel ristretto novero di giganti come Herbie Hancock, Chick Corea e Bill Evans – e veniva considerato uno dei padri del piano jazz contemporaneo.

UN TALENTO PRECOCE

Nato l’11 dicembre del 1938 a Filadelfia, Alfred McCoy Tyner fu un talento decisamente precoce. Iniziò a prendere lezione di piano all’età di 13 anni grazie alla spinta della madre, e a poco più di venti er già nel Jazztet di Benny Golson e Art Farmer. L’apice della carriera all’inizio degli Anni 60, quando sostituì Steve Kuhn unendosi al quartetto di John Coltrane, suonando su album classici come A love supreme e My favorite things. Era l’ultimo membro ancora in vita del Quartet – che includeva Jim Garrisson al contrabbasso ed Elvin Jones alla batteria, oltre a lui e Coltrane.

L’ADDIO A COLTRANE

Dopo aver litigato con Coltrane per divergenze artistiche, lasciò il quartetto e intraprese una carriera da solista, fondando un trio di cui sarebbe diventato leader. In quegli anni avviò una forte sperimentazione, partendo dal jazz degli anni con Coltrane e aggiungendoci elementi di musica africana e asiatica. Una perfetta sintesi della sua storia musicale è rappresentata dal suo ultimo album, Solo, un live registrato nel 2007 e pubblicato nel 2009.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Più dei vecchi Scarface sono da temere i Tigre

Al Pacino è stato scaricato dalla sua giovanissima compagna. Ma il vero dramma per le donne non è il decadimento del proprio partner quanto il suo terrore di invecchiare. Un po' come Gassman nel film di Dino Risi.

Il ritratto forse più realistico e crudo dell’uomo anziano alle prese con una compagna molto più giovane, è quello interpretato da Anthony Hopkins nel film di Woody Allen Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni.

Cercando di sottrarsi dallo spettro della vecchiaia, il protagonista si mette con una bionda palestrata e sgallettata, conosciuta in veste di escort. Consapevole della propria sopravvenuta impotenza senile, tristemente vivificata con pillole di Viagra, copre la donna di regali costosi, pellicce e gioielli, anche se questo non eviterà che lei finisca rapidamente tra le braccia di un aitante personal trainer. 

SCARFACE? «VECCHIO E TIRCHIO»

Un problema – quello di trattenere una scalpitante femmina in età sessualmente attiva – che non si dev’essere posto Al Pacino, il divo hollywoodiano appena scaricato dalla fidanzata di 36 anni più giovane, alla quale avrebbe regalato, nel corso dei due anni di liaison, solamente «qualche mazzo di fiori», come ha dichiarato lei stessa in un’intervista alla rivista israeliana LaIsha, che ha subito fatto il giro del mondo. «È vecchio e pure tirchio», ha detto in sostanza la 43enne Meital Dohan, la cui assenza al fianco di Pacino era stata notata durante la notte degli Oscar. La 36enne ha ammesso che «la differenza di età si sente», con tutto ciò che questa frase può suggerire. Eppure, la fidanzata precedente, Lucila Solá, 36 anni meno dell’attore, era resistita accanto a lui per ben otto anni, chissà, forse qualche braccialetto a lei l’aveva comprato.

QUELL’INTERVISTA ALLA MOGLIE DI MICHELE PLACIDO

Stessa differenza di età anche per una coppia italiana dello spettacolo, che fece parlare di sé per lo stesso motivo e che pare sempre sull’orlo di scoppiare: quella tra Michele Placido e la compagna Federica Vincenti, una storia iniziata quando lui ne aveva 54 e lei 17. A lanciare il sasso fu Vincenti che senza alcun pudore raccontò nel 2017 la non proprio soddisfacente routine coniugale a Vanity Fair: la vecchiaia «si è allargata, piano piano. Fino a farsi voragine, non a distruggerci, ma a governare lei». E poi, nel dettaglio: «Cambia il corpo, cambiano i muscoli, le forze. Cambia la testa […] Cambiano i desideri. Le voglie non sono più comuni». Problemi che però possono insorgere anche quando il divario di età è inferiore, come nel caso della coppia Johnny Depp (55 anni) e Amber Heard (32 anni), una vicenda amorosa cominciata coi toni più romantici e finita nel peggiore dei modi, con accuse reciproche di violenza e una causa giudiziaria da milioni di dollari.

LE NOZZE MARTELLI-QUARTAPELLE

Tornando in Italia, il caso più recente di coppia sbilanciata per età (ma felice) e appena convolata a nozze (in Israele) è quella formata da Claudio Martelli, 76 anni, e la deputata 37enne del Pd, Lia Quartapelle, o Quartamoglie visti i tre matrimoni sulle spalle del socialista. I migliori auguri, naturalmente, e complimenti a entrambi per il coraggio. 

I TORMENTI DELLE MOGLI ORDINARIE

Ora, se sono i divi del cinema e i vip a fare notizia per questo tipo di avventure e disavventure amorose, ci sono però migliaia di mogli normali e non famose che assistono allo spettacolo di un marito terrorizzato di invecchiare, che si incartoccia con una ragazza dell’età della propria figlia, salvo scoprire che – a parte la favola del sesso, per il tempo che dura – l’abisso può spalancarsi in ogni momento, quando la conversazione fa emergere modi di pensare diversi, riferimenti culturali lontanissimi tra loro, lei non capisce di chi lui stia parlando, lui non sa chi sia il cantante o l’attore per il quale lei impazzisce. Un cliché, insomma, su cui il cinema lavora fin dagli Anni 60, come nel film Il tigre di Dino Risi, del 1967, in cui il 45enne Vittorio Gassman veste i panni di un dirigente d’azienda sposato e frustrato, che si innamora dell’amica 20enne della figlia, salvo tornarsene con la coda tra le gambe a casa, dove la moglie saggia e borghese finge di non sapere nulla e lo accoglie sorridente, circondata dai figli. Nel caso di Al Pacino, comunque, mi piace pensare che sia stato lui a farsi lasciare. A breve si fidanzerà infatti con la fioraia alla quale ordinava gli omaggi per l’insoddisfatta compagna.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

McGowan contro Portman tradisce ancora il senso del #MeToo

Una delle prime accusatrici di Weinstein ha attaccato la collega definendola ipocrita. Perché agli Oscar aveva indossato un mantello con i nomi delle registe escluse dalle candidature. Non basta un abito per essere femministe, ok. Ma anche i simboli contano. E la guerra tra donne non serve alla causa.

A tre anni dalla sua esplosione, il #MeToo, movimento che avrebbe voluto unire le donne di tutto il mondo in nome della sorellanza, si porta ancora dietro strascischi velenosi. Lo dimostrano gli attacchi nei confronti di Natalie Portman che alla cerimonia degli Oscar si è presentata con i nomi delle registe escluse (nessuna donna candidata) ricamati sul soprabito.

ROSE, UNA DELLE PRIME A PARLARE

Lo avevamo visto tante volte con il caso Weinstein: attrici che dopo aver ascoltato le testimonianze delle colleghe le incolpavano di non aver parlato prima. Tra quelle che al #MeToo hanno dato quasi i natali c’è l’americana Rose McGowan, una delle prime ad aver raccontato di aver subìto uno stupro dal magnate di Hollywood, una donna che ha sempre alzato la voce con coraggio, ma che sembra non aver mai afferrato del tutto il senso del movimento: unite in nome della stessa causa, non una contro l’altra.

QUANDO SPARÒ A ZERO SU MERYL STREEP

Invece a McGowan, personaggio piuttosto tormentato ed ex amica di Asia Argento, la guerra tra donne piace eccome. Una delle sue nemiche fu Meryl Streep, accusata nel 2018 per aver preso parte alla protesta in nero delle donne dei Golden Globes. «Attrici come Meryl Streep», scrisse in un tweet poi rimosso, «che hanno felicemente lavorato per il Pig Monster (così veniva apostrofato Harvey Weinstein, “il mostro porco” ndr) vestiranno di nero in una protesta silenziosa. Il vostro silenzio è il problema. […] Disprezzo la vostra ipocrisia». Streep rispose tramite una lettera in cui assicurava di non essere mai stata a conoscenza, prima dello scandalo, degli abusi di Weinstein.

LE ACCUSE DI IPOCRISIA AL MANTELLO DI PORTMAN

Nel 2020 agli Oscar i candidati alla miglior regia erano tutti uomini, esattamente come nel 2019. Così domenica 9 febbraio, sul red carpet, Natalie Portman ha reso omaggio alle donne registe snobbate, indossando sopra l’abito da sera un mantello con i loro nomi ricamati, tra cui Greta Gerwig (Little Women), Lorene Scafaria (Hustlers) e Lulu Wang (The Farewell). «Volevo dare un riconoscimento, per quanto sottile, a queste donne il cui lavoro incredibile non è stato preso in considerazione». Un gesto che non è andato giù a Rose McGowan: l’attrice americana ha accusato la collega di essere «un’ipocrita» che non traduce con i fatti quel che predica sul tappeto rosso.

Il soprabito di Natalie Portman alla cerimonia degli Oscar il 9 febbraio 2020. Sulla destra si vedono i nomi delle registe.

«È proprio il tipo di protesta che attira recensioni estasiate sui media, mentre era solo un’attrice che recitava la parte di quella a cui queste cose importano», ha tuonato su Facebook: «Trovo questo tipo di attivismo profondamente offensivo per quante tra noi fanno il vero lavoro». Per poi sparare ancora più alto: «Smetti di fingere di essere una campionessa di altro che non è te stessa. Hai lavorato con due registe donne nella tua lunga carriera, e una eri tu».

LA DISPUTA SUL CONCETTO DI “CORAGGIO”

All’ira della McGowan, la Portman ha replicato in una intervista al Los Angeles Times, invitando il pubblico a non considerarla coraggiosa per i nomi ricamati sulla cappa: «Coraggio è un nome che associo alle donne che nelle ultime settimane hanno testimoniato contro Weinstein nonostante incredibili pressioni». E a Rose che l’ha accusata di aver fatto pochi film diretti da donne ha risposto osservando che «purtroppo i film non fatti che ho cercato di fare sono una storia di fantasmi. Ho cercato in passato di aiutare registe donne a entrare in progetti da cui poi sono state escluse. E anche quando riescono a essere realizzati, i film di registe donne hanno difficoltà a arrivare ai festival e ad essere distribuiti a causa di ostacoli che si frappongono in ogni momento. Voglio dire che ho provato e continuerò a provarci, sperando che stiamo entrando in una nuova era», ha spiegato l’attrice che anche nel 2018 aveva protestato pubblicamente per la quasi inesistente partecipazione delle registe donne agli Oscar.

Natalie Portman con il marito Benjamin Millepied sul red carpet degli Oscar 2020.

Il soprabito di Portman, Mc Gowan a parte, non è piaciuto a molti: l’editorialista australiana Rita Panahi ha scritto che «sia come attrice sia come produttrice, Natalie Portman ha sempre preferito lavorare con uomini» e parlato di «sfoggio di inutile virtuosismo da celebrity». Non ci sono dubbi sul fatto che non basti un abito per dirsi femministe, che contino più le azioni dei simboli, ma va detto che Portman è stata l’unica a portare, in un modo seppur discutibile, i riflettori sul gender gap agli Oscar 2020. E se le donne anziché spalleggiarsi in nome della stessa battaglia, ognuna con i propri tempi e le proprie modalità, continueranno a sputare veleno una sull’altra in stile McGowan, il rischio è che del #MeToo resterà ben poco.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le pagelle della quarta serata di Sanremo 2020

Il Festival è un trionfo di perbenismo. Amadeus senza ironia, Novello senza talenti. Meglio Fiorello e Clerici. E tra i cantanti in gara si salvano Tosca, Gualazzi, Anastasio e la veterana Pavone.

Vanitas vanitatum et omnia Festival. Sanremo schizoide non rinuncia a ciò che gli riesce meglio: predicare dal pulpito sbagliato. Non è più un Festival, è un catechismo, un oratorio, un convento, un confessionale, un eremo, un corso di educazione civica, una lezione di comportamento sociale, un trionfo del perbenismo borghese, un’orgia di politicamente corretto mascherato da trasgressione. Pipponi travestiti da monologhi anche sciatti, imprecisi, approssimativi ma da ascoltare in religiosa contrizione; e questa è per l’appunto la vanità del cardinale.

Vanità sono i 300 mila euro pretesi da Benigni per recitare un Cantico dei Cantici liofilizzato. Vanità è il vecchio istrione che si atteggia a “Diablo” ma si vergogna “di essere uomo”, tutti qui ostentano vergogna per quello che sono ma la vergogna è estroflessa, mi vergogno per come siete, per la categoria cui appartengo senza colpa, mi vergogno per voi e di voi. Vanità è la megalomania di Fiorello che dice: Tiziano Ferro mi manda l’odio, offesissimo da un tweet di Tiziano il quale si è superbamente offeso perché l’altro la tira in lungo e ci vuole la diplomazia di Amadeus per risolver tutto a tarallucci e baci, roba da asilo Mariuccia, con tanto di vanitose letterine di scuse vergate a mano e diffuse via social.

Vanità è la mamma di Diletta Leotta, autrice di un disastroso discorso sulla bellezza – la sua; vanità è la madre che difende la figlia, «attacchi sessisti e invidiosi proprio dalle donne», che è una squisita logica di cosca. Vanità sono le tre generazioni di Leotta ritoccate, si vede che hanno qualche chirurgo estetico in famiglia. Vanità è l’artista allo sfascio che pretende dirigere l’orchestra e alle critiche replica: siete degli stronzi, anche Mozart arrivava ultimo, io sono come i Beatles. Tutto è vanità, a partire da questa presunzione di avere la verità rivelata e di poterla imporre a 10 milioni di capri espiatori. E così, vanità per vanità, omelia dopo omelia, ogni serata dura più della precedente, ormai siamo a sei ore.

CONDUTTORI

AMADEUS: 5. Che emozione, sono ragazzi fortissimi, che evento, che meraviglia, che donna meravigliosa, sono particolarmente felice. A presentare così son buoni tutti, non serve neanche il gobbo. E poi: ironia, non pervenuta. Preciso, ma ti fa cascare il naso, il mento e anche più giù.

FIORELLO: 6+. Vestito da Bianconiglio (questa è sottiletta, la capiranno gli insider) torna ai tempi del Villaggio Vacanze. Un po’ impermalosito, a tratti imbolsito, ma ogni tanto il Walter Chiari che riposa in lui torna ad agitarsi.

ANTONELLA CLERICI: 6+. Ormai si porge a tutti come avessero da 10 anni in giù. Però è anche l’unica vera conduttrice vista quest’anno. E col pappagallo, che fa un passo indietro da Amadeus. Da donna vera e da vera donna, giustamente.

FRANCESCA SOFIA NOVELLO: 2. File under: modella, ma soprattutto ex “ombrellina”, poi promossa fidanzata, di Valentino Rossi. Presentare no, manco le basi del mestiere, forse perché non l’ha fatto mai. Però strimpella il piano: pare il saggio di fine anno. Prova a dire che non sa far niente.

GIOVANI

TECLA (8 Marzo): 2. È in odore, pungente, di plagio – “Un senso” di Vasco Rossi, ma si sa come funziona qui: se sei predestinato, puoi clonare pure il Padreterno. Insulsa, del resto. «Ci vuole forza e coraggio» lo diceva sempre la prof di matematica, Iride Milza, chiamandoci a interrogazione. Poi ci ammazzava, però.

MARCO SENTIERI (Billy Blu): 6. A parte i capelli a casco da ciclista, il suo recitativo racconta una storia tragica di bullismo riscattata dalla Nemesi del bene. Molto orchestrata, un po’ alla Cristicchi. Non male, meritava di più. Ma non era un predestinato.

LEO GASSMAN (Vai Bene Così): 3. A proposito di predestinati. No ma il cognome mica c’entra, basta con questa storia, non perché è figlio e nipote di, è che è il nuovo Jim Morrison e mica ci ha colpa lui. C’ha un risucchio che tre minuti che lo senti e ti viene il reflusso gastrico. Bravo, hai vinto, chi l’avrebbe detto, l’anno prossimo tra i Big, Brancaleon, Brancaleon, Brancaleon.

FASMA (Per Sentirmi Vivo): 3/4. Cos’è, un nome d’arte o una crasi? La vedo bene al supermercato, mentre faccio la fila. Ma poi, se vuoi andar via da questa città, chi te lo impedisce? Gli archi vorrebbero essere drammatici, ma sono solo vecchi.

BIG

PAOLO JANNACCI (Voglio Parlarti Adesso): 5/6. Pianista, tanta esperienza, la musica la conosce e la canzone, grondante romanticismo, è ben costruita. Però non può cantare. Neanche Enzo, il padre, sapeva cantare. Però era un’altra cosa, ed erano altre canzoni.

RANCORE (Eden): 4. Se l’è, ‘sto tac tac tac? E poi, ‘ste infiorettature di piano tardoromantico non si usavano negli anni ’90? Dico la verità, non capisco niente di quello che dice, anzi che rappa, ma mi fido. Il flow, quella roba lì.

GIORDANA ANGI (A Mia Madre): 2. La piccola Angi parla festivalissimevolmente di mamma, cuore, amore, insicurezze. Sarò io una vecchia carogna, ma sui toni gravi mi ricorda Maria, pensa te; sugli acuti, pare il raglio di un somaro.

FRANCESCO GABBANI (Viceversa): 4. Ah, ma c’è di mezzo Pacifico, apposta mi pareva così brutta. Ma il problema è un altro, è “sciè dovesscimo schpiegare in pochisscime parole”, ma cos’ha in bocca? Una patata? p.s. Non so se l’ho già scritto, comunque è un bluff. Grosso. Bluffone.

RAFAEL GUALAZZI (Carioca): 6+. E Tropicana, jè. Punta, è chiaro all’estate pigliando la rincorsa, ma meglio l’estate delle menate. Viva il disimpegno, che poi disimpegno non è (ricordati di Carosone). Semel in Festival licet de bailar.

PINGUINI TATTICI NUCLEARI (Ringo Starr): 5. Finisse così, amen, quando tornate a casa date una carezza ai ragazzi e ditegli che è la carezza Del Papa. Invece si nasce cazzari e si finisce coscienze civili. Tutto nel girone che va da un Festivalone a un Concertone. E questo mi indispone.

ANASTASIO (Rosso di Rabbia): 6+. Ve lo ricordate il film Anastasia, mio fratello, con Sordi? Duro, eh? Anche il nostro Anastasio è duro. Pure troppo. Sì, lui è bravo. Però, per qualche motivo, questo riffaccione hard lascia un po’ di amaro in bocca. Manca qualcosa, e c’è qualcosa di troppo.

ELODIE (Andromeda): 3. Scusate, eh: ma se io ho voglia di sentirmi Mahmood, sento Mahmood. Se sento Elodie e viene fuori Mahmood, è inutile che sento Elodie. Che è pure stonata.

RIKI (Lo Sappiamo Entrambi): 2. Oddio, ma è il “filosofo” Fusaro! No, è Riki. Vabbè è uguale. Facciamo Riki Riki insieme?

DIODATO (Fai Rumore): 5. Nuovo Indie? Autore? Ma dai: sanremese senza un domani. «Non lo so se mi conviene se il tuo rumore mi fa bene» è uno dei versi più insidiosi in 70 anni di nefandezze festivaliere; «Pem Pem», risponde Elettra Miura.

IRENE GRANDI (Finalmente Io): 4. Non sarà neanche colpa sua, che se le dai qualcosa di decente la regge: ma questa canzonettina qui la rende un po’ patetica. «Se vuoi fare sesso facciamo adesso oppure è lo stesso», è quanto di più imbarazzante. C’è chi dice no, Irene: la prossima volta, a Vasco digli di no.

ACHILLE LAURO (Me ne frego): 2. Ah, voi dite che copio Bowie? E io lo rifaccio o giù di lì. Ah, voi dite che copio Zero? E io lo ricalco pari pari (stagioni 1977, 1984, 2020). Ad libitum, Gary Glitter, Marc Bolan, Sweet, Slade, hai voglia. Lui dice che no, stasera ha la Marchesa (Casati). Bòn, ma tu, di tuo, cosa ci metti? Ullallà, oddio, per chi si accontenta dei succedanei, per chi non nutre memoria ma disperate nostalgie.

PIERO PELÙ (Gigante): 4. Lo sapete che vi dico? Che ‘sta tamarrata di mash up I was made for loving you dei Kiss/Furia cavallo del West di Mal è la canzone perfetta per Sanremo: gli starebbe proprio bene, a Pelù, di vincerlo il Festival. Proprio bene, capite a me.

TOSCA (Ho Amato Tutto): 6+. Piace agli artisti, piace all’orchestra, piace a chi mastica musica. Proposta classica o datata? Raffinata o stilizzata? Comunque al palco dovrebbe arrivarci, senza scandalizzare nessuno (anzi, sarebbe scandaloso il contrario).

MICHELE ZARRILLO (Nell’Estasi O Nel Fango): 5/6. Cerca di svecchiarsi, ma passando sempre di qua. Una sua storia ce l’ha: forse questo poppettino screziato di soul gli porta qualche pagina nuovamente fortunata.

JUNIOR CALLY (No Grazie): 3. Adesso che si è tolto la maschera abbiamo capito: non c’era da preoccuparsi, c’era da ridere. Dicono che, alla lunga, ricalchi il grande Ugolino (Ma che bella giornata, 1968); verissimo: lo insegue: ma mica lo raggiunge. Il titolo interpreta il sentimento comune, una volta che lo si è ascoltato.

LE VIBRAZIONI (Dov’è): 1. La canzone forse più insulsa, più vecchia, più fanfarona, più banale, più “lialosa” del Festival, rischia di vincere il Festival. Perché è puro Festival, puro Sanremo.

ALBERTO URSO (Il Sole Ad Est): 2. È l’1:34 del mattino, sto seguendo il maledetto Festival da 5 ore secche, mi tocca sentire Piero Mazzocchetti reincarnato in Scialpi. Odio il mondo, odio tutti e soprattutto odio chi mi dice di non odiare. Perché parlate bene, voi al caldo sotto le fottute coperte.

LEVANTE (Tikibombom): 6. Al secondo ascolto, quel minimo effetto sorpresa è già svanito: ti accorgi che la signorina “vissi d’arte” ha pensato al 90% alle radio e il resto al fatidico impegno. Però, siccome anche le paraculate bisogna saperle fare, considerato il livello medio, vai, Levante, ti do la sufficienza e sparisci prima che cambi idea.

BUGO E MORGAN (Sincero): S.V. Dicono Morgan sia andato di traverso agli orchestrali con la sua megalomania malata. Certo questa pagliacciata è stata la sua ultima: cambia le parole, forse alludendo al socio, Bugo, che la prende male e lo sfancula. L’unico momento vivo del Festival sta nel suicidio degli ultimi annunciati: l’importante è finire male.

RITA PAVONE (Niente – Resilienza 74): 6+. E non si può far cantare il Pel di Carota alle due di mattina, su! Ha 74 anni, è stata pure male, bisogna essere delle carogne. E invece, carica come una pila, spazza via tutto e tutti ed è l’unica vera esibizione rock della nottata. Altro che Pelouche. E pazienza se la canzone non è granché.

ENRICO NIGIOTTI (Baciami Adesso): 4. Una lagna petalosa da far cascare gli zuccheri, poi improvvisamente imbraccia la chitarra e spara un curioso assolo alla Guns and Roses. Rob de matt.

ELETTRA LAMBORGHINI (Musica – E Il Resto Scompare): 0. Elettra Miura mette il turbo: pem pem, e non ce n’è per nessuno. Il resto scompare. Soprattutto la musica, scompare.

MARCO MASINI (Il Confronto): 5/6. Ascolta, si fa giorno: ti parla padre Masini. Ormai la sua scelta è netta, è chiara: una eterna confessione, canzoni sempre più scoperte, dolenti e, in fondo, non brutte. Sempre snobbato dalla critica, Masini si è ricavato un suo ruolo d’autore, e merita rispetto. Sono le 2:20, la messa è finita, è durata sei ore, andate in pace a morire tutti ammazzati.

OSPITI

TIZIANO FERRO: 5-. Sì ma una settimana intera di Tiziano Ferro farebbe arrugginire anche il Padreterno.

DUA LIPA: 2. Ed è subito fashion concept. La youtuber è amica dei Ferragnez, quindi i contenuti forti sono assicurati. Un modello, un inno per le donne, così difese in questo Festival.

GHALI: 3. Un quarto d’ora di licenza, a mezzanotte suonata, manco fosse Sinatra. Poi ancora dal palco della Nutella: troppo Ghali nel pollaio. Qui Ghali ci cova.

GIANNA NANNINI: 6. Un buon disco, ma poco fortunato. A Sanremo ne propone l’estratto forse più debole, poi non si capisce che bisogno abbia di zavorrarsi con questo tipo che non vale un Coez. Lasciamola riscattarsi con qualche classicone in salsa orchestrale, che va bene così.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Chi era Kirk Douglas, attore simbolo della Hollywood degli anni d’oro

Protagonista di oltre 80 film, raggiunse la notorietà grazie a due pellicole di Stanley Kubrick, "Orizzonti di gloria" e "Spartacus". Il 9 dicembre scorso aveva compiuto 103 anni.

È stato probabilmente l’ultimo dei ”duri’ della Hollywood degli anni d’oro e la leggenda vuole che si sia spaventato una volta sola quando è stato colpito da un ictus all’inizio del 1996 e arrivò in ospedale «letteralmente terrorizzato’» come si affrettarono a raccontare i medici ai cronisti. Ma poi è arrivato alla meravigliosa età di 103 anni, ictus a parte, Issur Danielovitch, vero nome di Kirk Douglas unico maschio di sette figli emigrati ebrei russi, che ha interpretato nella vita vita più o meno gli stessi personaggi nei circa 80 film che lo hanno visto protagonista in oltre 50 anni di carriera.

DAGLI INIZI IN POVERTÀ ALL’ACCADEMIA

Fisico roccioso, carattere spigoloso come ben sanno i registi che lo hanno diretto, Douglas ha affrontato con orgogliosa caparbietà la difficoltà che la vita gli ha posto davanti: dalla cronica povertà dell’infanzia ai rapporti difficile con il padre che pure lo incoraggiò nella sua carriera, alla non facile gestione dei quattro figli maschi Michael, Joel, Peter ed Eric dei quali fu padre-padrone egocentrico ed invadente. Ma il ruolo di ‘macho’ non è stato l’unico che amava ricordare in una lunga ed articolata carriera. Nato ad Amsterdam nello stato di New York il 9 dicembre 1916 da una famiglia di russi analfabeti (il padre, come ricorderà nella sua autobiografia era un “venditore di stracci”) si mantenne agli studi facendo il cameriere, poi il lottatore, poi finalmente il direttore dell’Accademia d’arte drammatica lo ammise gratuitamente per merito.

L’ESORDIO AL CINEMA GRAZE A LAUREN BACALL

Il suo esordio nel cinema dopo l’apprendistato a Broadway si deve a Lauren Bacall. Fu infatti la moglie di Bogart a segnalarlo al produttore de Lo strano amore di Marta Ivers, che segnò l’inizio della sua carriera nel 1946. Proprio ai suoi primi film faceva riferimento per parlare della versatilità della sua carriera, accanto alla Stanwyck era stato infatti un procuratore alcolizzato in Letterá a tre mogli, poi nel 1949 sarà nel film che gli darà la popolarità e una candidatura all’Oscar (Il grande campione), nei panni di un pugile egoista. Intanto due anni prima sul set de Le vie della città aveva incontrato Burt Lancaster, l’amico di una vita con cui girerà altri sedici film fino a Due tipi incorreggibili. Tutti film nei quali incarnava il classico duro. Fino alla consacrazione in film iconici come Spartacus, Orizzonti di Gloria, Il bello e il brutto.

OSCAR ALLA CARRIERA NEL 1996

Il giorno del suo compleanno da anni lo festeggiava donando agli altri: «Dare in beneficenza è un atto egoistico», diceva, «perchè mi fa stare bene». Nel 2015 insieme alla moglie Anne Buydens – anche lei centenaria -, con la quale aveva condiviso la vita per oltre 60 anni, ha donato 15 milioni di dollari ad una clinica di Los Angeles per ex attori e lavoratori di Hollywood colpiti dal morbo di Alzheimer. Nominato all’Oscar tre volte, Douglas ha ricevuto l’onorificenza più prestigiosa dell’Academy: l’Oscar alla carriera nel 1996.

IL RICORDO DEL FIGLIO MICHEAL

Dopo la morte del figlio Eric per overdose, altre tragedie colpirono l’attore negli anni Novanta: nel 1991 Douglas sopravvisse per miracolo ad un incidente di elicottero dove due dei suoi compagni di volo persero la vita. Nel 1996 un ictus gli tolse la parola. Ma tenace come sempre, con ore ed ore di terapie riabilitative, Kirk riprese almeno un po’ la capacità di comunicare fino a conquistare l’oscar e superare il secolo. Di lui, tra gli ultimi rappresentanti della Hollywood degli anni d’oro, rimane il fisico atletico, lo sguardo azzurrissimo e un inconfondibile fossettá in mezzo al mento. La notizia della morte della leggenda del cinema è stata data da suo figlio, l’attore Michael Douglas, con un post su facebook: «È con grandissima tristezza che io ed i miei fratelli annunciamo che Kirk Douglas ci ha lasciati, all’età di 103 anni. Per il mondo era una leggenda, un attore dell’epoca d’oro del cinema che ha vissuto a lungo nei suoi anni d’argento, un attivista umanitario la cui dedizione alla giustizia ha indicato uno standard al quale tutti noi possiamo aspirare. Ma per noi era solo un papà».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Cosa è successo tra Brad Pitt e Jennifer Aniston ai Sag Awards

I due si sono incontrati durante la premiazione. Ma soprattutto sono stati attentissimi ai discorsi l'uno dell'altra. Scatenando così il gossip.

I Sag Awards hanno regalato qualcosa che il mondo del gossip non sognava nemmeno lontanamente che potesse accadere. Ovvero un gioco di sguardi tra Brad Pitt e l’ex Jennifer Aniston. Che si è poi trasformato in un bacio accidentale tra i due. E la cosa, ma era facile da immaginarsi, ha scatenato i fan della coppia di attori. Ma cosa è successo veramente tra i due? Proviamo a riassumerlo brevemente.

LA TENSIONE PRE RED CARPET

Era logico che la stampa scandalistica ne parlasse. Perché quando si tratta dell’ex coppia da sogno d’America i tabloid non lesinano inchiostro e carta. Ecco che la possibilità che i due si incontrassero sul red carpet era davvero alta. E questo provocava tensione, tanto nei protagonisti quanto tra il pubblico. Per fortuna ci aveva pensato Aniston a bloccare ogni possibile pettegolezzo con alcune battute

IL DISCORSO DI BRAD PITT

Ma a scatenare nuovamente il pettegolezzo è stato il discorso di Brad Pitt per ringraziare dopo il premio vinto per il suo lavoro in C’era una volta a… Hollywood. Jennifer Aniston è stata ripresa dalle telecamere mentre guardava ammirata l’ex. Quasi godendosi il suo successo e quello che stava raccontando sul palco. Il tutto mentre l’attrice lo guardava con il sorriso stampato in faccia.

IL DISCORSO DI JENNIFER ANISTON

Finito il suo discorso Brad Pitt sarebbe dovuto andare in conferenza stampa dove i giornalisti lo stavano aspettando. Peccato che l’attore abbia preferito fermarsi dietro le quinte. Per cosa? Semplice, guardare e ascoltare l’ex parlare sul palco come lei aveva fatto con lui. In barba a chi lo stava aspettando nelle sale accanto per poterlo intervistare e raccogliere le sue impressioni. Aniston era stata premiata come miglior attrice femminile per il ruolo avuto in The Morning Show.

DIETRO LE QUINTE

Poi i due si sono incontrati dietro le quinte dove si sono salutati fugacemente. Ma anche in quei pochi istanti si è vista ancora la grande sintonia tra i due con risate, un abbraccio e un bacio di commiato. Il tutto sotto gli obbiettivi delle telecamere e dei fotografi che hanno raccontato questo incontro che sta facendo sognare i fan di questa ex coppia di Hollywood.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il prequel di Game of Thrones è pronto a debuttare nel 2022

La nuova serie si intitola House of the Dragon ed è ambientata 300 anni prima dei fatti narrati da George R.R. Martin. Protagonista? La casata Targaryen.

Il prequel della fortunata serie Game of Thrones potrebbe essere pronto al debutto nel 2022. Ad annunciare il lancio di House of the Dragon al TCA Winter Tour di mercoledì 15 gennaio 2020 è stata la stessa HBO. Casey Bloy, presidente della programmazione della rete, ha accennato un laconico «suppongo che lo vedremo in onda nel ’22».

UN PREQUEL GIÀ PROGRAMMATO

Non è comunque una completa novità quella di House of the Dragon. Infatti mentre HBO stava registrando le ultime stagioni di Game of Thrones, aveva commissionato già cinque episodi pilota a diversi scrittori. La rete ha inoltre ordinato un pilota per un altro progetto, uno spin-off di Game of Thrones, attualmente ancora senza titolo, che dovrebbe essere ambientato 8000 anni prima degli eventi narrati nel libro di George R.R. Martin. A prevalere – almeno per ora – è stato House of the Dragon in attesa di capire se anche lo spin-off vedrà la luce o meno. Il via libera effettivo al prequel era arrivato a novembre del 2019, da qui la lunga attesa prima di vederlo sui piccoli schermi.

DI COSA PARLA HOUSE OF THE DRAGON

Il prequel di HBO, firmato da George R.R. Martin e Ryan Condal, parla dell’ascesa della casata dei Targaryen di cui Daenerys, la madre dei draghi, discende. Gli eventi qui raccontati sono ambientati circa 300 anni prima di quelli visti nelle otto stagioni di Game of Thrones.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La lite tra Gabriele e Silvio Muccino è finita

Il regista ha ritirato la querela per diffamazione nei confronti di Silvio. Così il giudice ha dichiarato il procedimento chiuso.

I fratelli Muccino hanno fatto pace. Le vicende giudiziarie sono terminate il 14 gennaio 2020 nella prima prima udienza del processo nato dalla querela per diffamazione del regista Gabriele nei confronti di Silvio, imputato. Gli avvocati hanno comunicato al giudice che le parti sono arrivate a un accordo. La querela è stata quindi ritirata e il giudice ha dichiarato il procedimento chiuso.

LA STORIA DELLA LITE TRA GABRIELE E SILVIO MUCCINO

Al processo si era arrivati dopo le parole di Silvio, del 3 aprile 2016, che nel corso di una trasmissione televisiva accusò il fratello, che non era presente in studio, di avere aggredito la moglie Elena Majoni nel 2012. «Gabriele è una persona violenta – aveva sostanzialmente detto Muccino jr – ha colpito sua moglie con uno schiaffo perforandole il timpano». Parole che avevano portato il regista a presentare una querela per diffamazione. «Il mio assistito ha deciso di ritirare la querela – ha detto Longari, il legale del regista – Si è comportato da fratello maggiore chiudendo una vicenda che lo aveva molto ferito». Dal canto suo, il difensore di Silvio Muccino, l’avvocato Michele Montesoro ha affermato che «la lite tra fratelli è stata composta: adesso potranno continuare la loro professione senza dover comparire in tribunale».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Tutte le nomination agli Oscar 2020

Joker è il film con maggiori candidature. A sorpresa escluso Robert De Niro anche se The Irishman conquista nove papabili piazzamenti.

Il 9 febbraio il Dolby Theatre di Hollywood si appresta a ospitare la cerimonia di premiazione degli Oscar edizione 2020. In vista di uno degli eventi più attesi del mondo, l’Academy ha reso note nella giornata di lunedì 13 gennaio le nomination per il conseguimento della prestigiosa statuetta. di film, registi e attori candidati a una statuetta. Joker, il film di Todd Phillips con Joaquin Phoenix nei panni del rivale di Batman, è stato candidato a 11 statuette. Segue con 10 C’era una volta Hollywood di Quentin Tarantino e The Irishman di Martin Scorsese con nove nomination. Ma non sono mancate nemmeno le sorprese. Come ad esempio l’assenza di Robert De Niro tra i papabili vincitori di una statuetta o le sei candidature per 1917.

LE NOMINATION AGLI OSCAR 2020

Miglior film
1917
The Irishman
Piccole donne
Jojo Rabbit
Joker
Storia di un matrimonio
C’era una volta… a Hollywood
Parasite
Le Mans 66 – La grande sfida

Miglior attore protagonista
Joaquin Phoenix – Joker
Adam Driver – Storia di un matrimonio
Leonardo DiCaprio – C’era una volta… a Hollywood
Jonathan Pryce – I due papi
Antonio Banderas – Dolor y Gloria

Miglior regia
Martin Scorsese – The Irishman
Sam Mendes – 1917
Quentin Tarantino –  C’era una volta… a Hollywood
Bon Joon Ho – Parasite
Todd Phillips – Joker

Miglior attrice protagonista
Scarlett Johansson – Storia di un matrimonio
Saorsie Ronan – Piccole donne
Charlize Theron – Bombshell
Renee Zellweger – Judy
Cynthia Erivo – Harriett

Miglior attore non protagonista
Tom Hanks – Un amico straordinario
Anthony Hopkins – I due papi
Al Pacino – The Irishman
Joe Pesci – The Irishman
Brad Pitt – C’era una volta… a Hollywood

Miglior attrice non protagonista
Laura Dern – Storia di un matrimonio
Scarlett Johansson – Jojo Rabbit
Margot Robbie – Bombshell
Kathy Bathes – Richard Jewell
Florence Pugh – Piccole donne

Miglior sceneggiatura originale
C’era una volta… a Hollywood
Storia di un matrimonio
Parasite
Cena con delitto – Knives Out
1917

Miglior sceneggiatura non originale
Jojo Rabbit
Joker
Piccole donne
The Irishman
I due papi

Miglior film di animazione
Dov’è il mio corpo?
Klaus
Dragon Trainer – Il mondo nascosto
Toy Story 4
Missing Link

Migliore film straniero
Les Misérables (Francia)
Honeyland (Macedonia del Nord)
Corpus Christi (Polonia)
Parasite (Corea del Sud)
Dolor y Gloria (Spagna)

Miglior documentario
American Factory
The Cave
The Edge of Democracy
For Sama
Honeyland

Miglior cortometraggio documentario
In the Absence
Learning to Skateboard in a Warzone (Id You’re a Girl)
Life Overtakes Me
St. Louis Superman
Walk Run Cha-Cha

Miglior cortometraggio
Brotherhood
Nefta Football Club
The Neighbor’s Widow
Saria
A Sister

Miglior cortometraggio animato
Dcera
Hair Love
Kitbull
Memorable
Sister

Migliore colonna sonora
Joker
Piccole Donne
Storia di un matrimonio
1917
Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Migliore canzone originale
“I’m standing With You” da Atto di fede
“Into the Unknown” da Frozen II – Il segreto di Arendelle
“Stand Up” da Harriet
“(I’m Gonna) Love Me Again” da Rocketman
“I Can’t Let You Throw Yourself Away” da Toy Story 4

Miglior fotografia
1917
C’era una volta… a Hollywood
Joker
The Irishman
The Lighthouse

Miglior effetti speciali (“visual effects”)
Avengers: Endgame
The Irishman
Il re leone
1917
Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Miglior trucco e acconciature
Bombshell
Joker
Judy
Maleficent – Signora del Male
1917

Migliore scenografia
The Irishman
1917
C’era una volta… a Hollywood
Parasite
Jojo Rabbit

Migliori costumi
Joker
Piccole donne
C’era una volta… a Hollywood
The Irishman
Jojo Rabbit

Miglior montaggio
Le Mans 66 – La grande sfida
The Irishman
Parasite
Jojo Rabbit
Joker

Miglior sonoro (“sound editing”)
1917
Le Mans 66 – La grande sfida
Joker
C’era una volta… a Hollywood
Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Miglior montaggio sonoro (“sound mixing”)
1917
Le Mans 66 – La grande sfida
Joker
C’era una volta… a Hollywood
Ad Astra

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il senso di Rula Jebreal al Festival di Sanremo

Il veto Rai alla presenza della giornalista ha scatenato le polemiche. Ma cosa ci faceva la Jebreal in una kermesse canora? Quale sarebbe stato il suo ruolo? E in quanti si sono chiesti «che ci azzecca»?

Quando ha cominciato a montare – sui giornali e sui social – la polemica sulla partecipazione di Rula Jebreal al prossimo Festival di Sanremo, in non pochi ci siamo chiesti «che ci azzecca?», Che ci azzecca la polemica (con tutto quel che sta succedendo nel mondo), ma anche che ci azzecca Rula con il Festival.

CANTANTE O VALLETTA?

Rula cantante? Rula valletta? Non sembrerebbe il ruolo adatto per questa giornalista ormai di profilo internazionale, cittadina del mondo, consulente del presidente Macron per il gender gap, stabilmente insediata nell’élite intellettuale ed ebraica newyorchese, ma spesso di ritorno in Italia per partecipare a talk show televisivi in cui non le manda certo a dire.

PERCHÉ ACCETTARE?

Cioè, ancora prima di chiedersi perché è stata invitata, ci si domanda perché lei avrebbe accettato, con quale intento e con quale scopo. Tanto più che il direttore artistico del Festival, Amadeus, ha precisato in un’intervista a Repubblica che quello di Jebreal «non sarà un intervento politico, chi viene a Sanremo non farà politica. Non mi interessa». E allora, che cosa farà? Sfilerà indossando preziose creazioni degli stilisti Made in Italy? Presenterà le canzoni? Reciterà un monologo teatrale? Danzerà? Nemmeno il tempo di approfondire la questione, che già erano partiti i razzi della polemica, dopo la decisione dei vertici Rai di sospendere la firma del contratto e non confermare i voli per la discussa ospite.

LA POLITICA CHE SI DIVIDE

Da un lato, coloro che inneggiano alla decisione della Rai, contestando la Jebreal soprattutto per la veemenza con cui esprime le sue critiche a un’Italia gretta, razzista e fascisteggiante; dall’altra i suoi difensori, che sbandierando l’hashtag #iostoconRula denunciano censura e discriminazione contro la giornalista, segno della sottomissione della Rai alle volontà sovraniste e leghiste. «La Jebreal potrebbe essere incaricata a Sanremo di spiegarci quanto le facciamo schifo» (Daniele Capezzone). «Sarebbe “discriminazione di Stato” non dare a Rula Jebreal il palco dell’Ariston con i soldi degli italiani. Gli stessi italiani accusati dalla signora di essere fascisti, razzisti, impresentabili» (Daniela Santanché). Sul fronte opposto, soprattutto esponenti di Italia Viva, come per esempio Gennaro Migliore («L’estromissione di #RulaJebreal dal festival di Sanremo puzza lontano un miglio di epurazione sovranista») e Davide Faraone («Vergognoso che la Rai, la tv pubblica si pieghi al diktat di Salvini. Porterò il caso in vigilanza Rai. Non possiamo stare zitti»).

LA SOLIDARIETÀ FEMMINISTA

E naturalmente non manca la solidarietà femminile e femminista: «Si esclude un’ottima giornalista per le proteste dei sovranisti. Dimenticando che la presenza di Rula al Festival avrebbe dimostrato che le persone non si scelgono per il genere o per il colore della pelle, ma solo per competenza e professionalità», (Teresa Bellanova); «Se è vero che sulla decisione hanno pesato le polemiche scatenate sui social dai sovranisti allora non ci siamo. Il servizio pubblico deve valutare le competenze di una persona non piegarsi alla prepotenza di chi la insulta», (Laura Boldrini). Già, ma torniamo a bomba. Di quali competenze parliamo, nell’ambito del Festival di Sanremo?

UNA TOP TEN DI DONNE PER AMADEUS

Secondo le anticipazioni di Amadeus, Rula Jebreal avrebbe fatto parte di una top ten di donne che dovrebbero affiancarlo sul palco, donne speciali per meriti e talenti particolari, dunque rappresentative di un universo femminile positivo e vincente. Peccato che delle altre nove non si sia saputo nulla. Tranne di una, la co-conduttrice Diletta Leotta, indubbiamente una ragazza di successo. I cui meriti e talenti sono ben chiari nella mente e nelle fantasie di milioni di maschi italiani, che pur di accarezzarne le curve per tre o quattro serate, si beccherebbero pure le rampogne antirazziste della Jebreal, peraltro non meno bella e fascinosa della Leotta. Al limite, il sovranista toglierà l’audio, il democratico di sinistra posterà sui social #iostoconRula e qualcuno risponderà al volo «sì, ti piacerebbe».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Film e serie tv premiati ai Golden Globe 2019

Sam Mendes e Quentin Tarantino conquistano i premi per i migliori film. Netflix esce ridimensionata dopo le 34 nomination.

Due grandi firme sui Golden Globe 2019. I premi più ambiti, quelli per il miglior film drammatico e la migliore commedia cinematografica, sono andati a Sam Mendes, con 1917 e Quentin Tarantino, con C’era una volta…a Hollywood. Mendes e Tarantino si sono portati a casa anche un altro premio a testa, il primo come miglior regista, il secondo per la sceneggiatura. C’era una volta… a Hollywood è poi valso a Brad Pitt il riconoscimento come migliore attore non protagonista. Beffata Netflix, che per la prima volta sembrava superfavorita della vigilia con le sue produzioni e che aveva messo insieme ben 34 candidature, e che invece è uscita ridimensionata dai premi.

LA SALA BATTE LO STREAMING

«Spero che significhi che la gente vada a vedere questi film sul grande schermo, nel modo che era inteso», ha detto Mendes inserendosi nella lunga e infinita diatriba tra sala e streaming. Solo due i premi per Netflix, quello a Laura Dern per Marriage Story e quello a Olivia Colman per The Crown, che però è una serie tv, quindi decisamente fuori dal perimetro della distribuzione cinematografica.

MENDES BATTE IL JOKER

Marriage Story e Due Papi, altre due produzioni Netflix, hanno subito la sconfitta da 1917, esattamente come Joker di Todd Phillips. Quattro premi su 15 candidature per Hbo, con Chernobyl e Succession, due per Amazon, grazie a Fleabag, che si è aggiudicata il globo come miglior serie comica e quello come migliore attrice per Phoebe Waller-Bridge. Successo di Parasite del sudcoreano Bong Joon-Ha nella categoria dei film stranieri, mentre Renée Zellweger e Joaquin Phoenix hanno vinto come migliori attori protagonisti.

LA POLITICA NEI DISCORSI DELLE STAR

Spizzichi di politica nella serata condotta dal britannico Ricky Gervais: Michelle Williams ha fatto appello per la difesa dei diritti di scelta delle donne in fatto di aborto accettando il premio come migliore attrice in una miniserie per Fosse/Verdon, mentre Joaquin Phoenix ha chiesto ai vip dell’entertainment di far di più per combattere il clima impazzito. Nicole Kidman è apparsa in lacrime sul red carpet per gli incendi che stanno devastando la sua Australia.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La Rai verso l’esclusione di Rula Jebreal da Sanremo

Secondo Repubblica l'azienda di viale Mazzini avrebbe respinto la proposta di Amadeus di invitare la giornalista palestinese. E Iv prepara la battaglia in commissione vigilanza.

La Rai sembra intenzionata a tenere fuori da Sanremo Rula Jebreal. Secondo quanto scrive Repubblica, l’azienda di Viale Mazzini sarebbe intenzionata a respingere l’idea di Amadeus, direttore artistico del Festival, di avere la giornalista come ospite in una delle serate della kermesse. Stando a quanto scrive il quotidiano la decisione sarebbe maturata per le polemiche arrivate sopratutto dal fronte sovranista che si è scagliato contro la giornalista palestinese naturalizzata italiana nel timore che la gara canora venisse politicizzata.

VERSO LA BATTAGLIA IN COMMISSIONE VIGILANZA

Il caso però non è chiuso. Il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone, ha già annunciato battaglia in commissione Vigilanza. «Dieci donne a Sanremo 2020 ma non Rula Jebreal. Nessuno spazio ad una nuova italiana di successo», ha attaccato, «Nella narrazione sovranista stona e anche parecchio. La Rai, la tv pubblica, si piega al diktat di Salvini. Credo sia semplicemente vergognoso. Ho deciso di portare il caso in vigilanza Rai ed intanto denuncio pubblicamente un’autentica discriminazione di Stato. Non possiamo stare zitti».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Nessuno si salva da solo, nemmeno nella moda maschile

Ai piccoli nomi servono i grandi per crescere. E a questi ultimi serve un sistema compatto che garantisca loro un humus fertile per continuare a svilupparsi e anche a scippare talenti ed eccellenze, all’occorrenza.

L’unico vantaggio di avere 15670 messaggi nella memoria e 4446 mail ancora da leggere in uno solo degli account di posta elettronica di cui siamo disgraziatamente titolari è la possibilità di verificare fatti ormai remoti per la velocità e le capacità mnemoniche di oggi. Per esempio, che cosa ci venisse proposto come moda maschile di tendenza nel 2010 e 2011 attraverso i comunicati delle aziende espositrici di Pitti Uomo. La nuova edizione, la numero 97, aprirà ufficialmente domani sera, 6 gennaio, con una cena presso il Maggio Musicale Fiorentino (neanche il tempo di ammirare l’Arno, ed ecco il nuovo sovrintendente Alexander Pereira pronto a replicare la formula-Scala dell’evento sponsorizzato a go-go, nell’obiettivo di allontanare gli spettri del profondo rosso di bilancio prodotti dal mastodontico edificio): la data dimostra in via inequivocabile quanto il business conti davvero per questo settore e come i calendari internazionali se ne infischino delle “Befane”.

L’EVOLUZIONE DEL LINGUAGGIO

L’edizione di Pitti Uomo del 2010, la numero 77, venne inaugurata il 12 gennaio (si apre sempre il secondo martedì dell’anno nuovo, con cena di gala la sera precedente), prevedeva il nuovo allestimento di Patricia Urquiola nel Padiglione Centrale, concentrato sul tema dei Pop Up Store e delle “moderne combinazioni” dell’abbigliamento maschile fra i temi forti. Marina Yachting aveva allestito fra la ghiaia dell’antico forte militare un porto di derive d’epoca, e ricordiamo che accorremmo per vedere il primo Skiff inglese, (anno 1860), e il mitico Dinghy di George Cockshott, icona degli appassionati dal 1913. Il tutto era sintetizzato dalla società organizzatrice, Pitti Immagine, in un paio di pagine. Il lessico delle aziende espositrici ruotava attorno a concetti come “tradizione e innovazione”, “molteplici esigenze dell’uomo metropolitano”, “nuovo appeal in tagli classici”.

FENOMENOLOGIA DI UN GIGANTE

Essendo il linguaggio dell’edizione 97, cioè di un decennio dopo, perfino invecchiato, tanto da risultare incredibilmente ancorato agli Anni 80 (pesco a caso dalle decine di comunicati giunti in queste ore: “appeal pratico ma raffinato”, “innovazione e lusso in un unico tessuto”, “una collaborazione che stupisce e affascina”), ed essendo i giacconi impermeabili e high tech di dieci anni fa non proprio diversissimi, ecosostenibilità a parte, da quelli che ci verranno mostrati dopodomani e sui quali i più sgraneranno gli occhi come davanti a un’apparizione (la moda è business per tutti, bellezza), ci domandiamo dunque che cosa sia cambiato in un decennio di moda maschile per far sì che Pitti Uomo da Firenze sia diventato un gigante in grado di dettare legge all’intero sistema mondiale, che il suo comunicato abbia assunto le dimensioni di un saggio monografico, i suoi eventi muovano circa 20 mila persone e il presidente della Camera della Moda Carlo Capasa abbia dato fondo a tutte la propria vis diplomatica per riportare Gucci non solo a sfilare a Milano, cosa che farà il 14, ma a dividere nuovamente le presentazioni delle collezioni uomo e donna nel tentativo di difendere quella che appariva fino a ieri come la progressiva e ineluttabile estinzione del calendario milanese maschile.

LA CAPACITÀ DI FARE SPETTACOLO E CULTURA

Possiamo buttare a mare le nostre dissertazioni, più o meno competenti e dotte, sulle sfilate co-ed e sulle tante ragioni logistiche, ecologiche, industriali, commerciali, per cui le presentazioni congiunte della moda uomo e donna, lanciate cinque anni fa, avessero tanto senso (e continuiamo a pensarlo): i nostri articoli resteranno negli annali come prova, quelli sì, di un mondo che fu e di una stagione davvero finita di fronte alle esigenze di un business che, per sostenersi a moltiplicarsi in nome di quel bene superiore che è il made in Italy, deve continuare ad andare in scena il più spesso possibile e con il maggior sfarzo possibile. Le ragioni per le quali Pitti Uomo e in generale tutto il network di Pitti Immagine chiude bilanci in crescita ogni anno e sia abbastanza liquido da essersi potuto comprare a fine 2018 la Stazione Leopolda dove ogni anno Matteo Renzi organizza i propri stati generali, risiedono in questa capacità di fare spettacolo e cultura attorno alla banalità del giaccone impermeabile high tech, cioè dell’azienda che non può permettersi il geniale estensore delle cartelle stampa di Gucci e fa accorpare quattro luoghi comuni dalla nipote laureata in comunicazione, corso triennale.

BRET EASTON ELLIS DIXIT

La forza risiede nel benchmark, nel marchio di garanzia, negli eventi speciali come saranno, per questa edizione, il ritorno di Sergio Tacchini, la sfilata di Jil Sandr, brand di culto nonostante un percorso societario e commerciale non sempre semplice, le celebrazioni per il 190esimo anniversario di Woolrich, il debutto di Chiara Boni nel maschile (e se mai le sue giacche “trailblazer” dovessero “fittare” come i suoi abitini femminili e non sgualcirsi mai, darà certamente del filo da torcere ai competitor), la presentazione di un raffinato “naso” come Sileno Cheloni. Lo spostamento e l’adeguamento progressivo dell’asse del potere nella moda maschile, unico fatto davvero rilevante del decennio in Italia, dimostra senza ombra di dubbio che ai piccoli nomi servono i grandi per crescere, e che a questi ultimi serve un sistema compatto che garantisca loro un humus fertile per continuare a svilupparsi e anche a scippare talenti ed eccellenze, all’occorrenza. Per usare una di quelle formule sentimentali che piacciono tanto in questi anni e che Bret Easton Ellis ha infilzato in quella meraviglia di saggio che è Bianco, nessuno si salva da solo.

I GRANDI MARCHI A RACCOLTA

Per questo, dopo aver visto la rilevanza della settimana della moda maschile milanese assottigliarsi sempre di più, Capasa ha chiamato a raccolta i grandi marchi, le aziende potenti, mettendo a disposizione tutte le risorse di cui dispone e che non sono pochissime, e per questo ha fatto molto bene: perché la moda, più di ogni altro settore, non può permettersi di non fare sistema. Ne va dell’indotto che genera (alberghi, ristoranti, shopping, anche per gli stessi turisti, attirati ed eccitati dalla speciale “fauna” del comparto) e della sua stessa esistenza. «Caro Carlo, grazie per il tuo invito: le sfilate di Milano incarnano la forza e la bellezza del Made In Italy, rappresentano un appuntamento fondamentale per il mondo della moda e riconfermano a ogni appuntamento stagionale il ruolo fondamentale, creativo e manifatturiero, dell’Italia», scriveva il ceo di Gucci Marco Bizzarri qualche mese fa a Capasa, e non faccia specie l’evidenza che nessuno più di lui, membro del consiglio di Camera Moda e figura di spicco nel sistema mondiale, dovrebbe saperlo. Dirlo era una riconferma e un riconoscimento, e pure una certa, vogliamo dire magnanima, acquiescenza al famoso bene superiore.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

I cantanti in gara a Sanremo 2020 svelati da Amadeus

Per la prima volta Piero Pelù. Ma c'è anche Bugo (in coppia con Morgan) e il ritorno di Francesco Gabbani.

Amadeus, conduttore e direttore artistico di Sanremo 2020, ha annunciato in un’intervista a Repubblica i nomi dei cantanti in gara al Festival.

I Big sono: Marco Masini, Michele Zarrillo, Alberto Urso (il tenore pop vincitore di Amici), Elettra Lamborghini, Achille Lauro, Anastasio (vincitore di X Factor), Bugo e Morgan, Diodato, Elodie, Enrico Nigiotti, Francesco Gabbani.

Ci sono anche Irene Grandi, Le Vibrazioni, Levante, Junior Cally, Paolo Jannacci, Piero Pelù e Giordana Angi (da Amici). Infine Pinguini Tattici Nucleari, Rancore, Raphael Gualazzi e Riki (anche lui da Amici).

Tutti gli artisti saranno ospiti il 6 gennaio nello speciale di Rai 1 de I Soliti ignoti dedicato alla Lotteria Italia, e annunceranno loro i titoli delle canzoni.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le polemiche per la possibile partecipazione di Rula Jebreal a Sanremo 2020

Bufera dopo l'indiscrezione di Dagospia sulla possibile partecipazione della giornalista palestinese alla kermesse musicale. Bordate da Capezzone a Gervasoni. Dubbi del consigliere Rai Rossi: «Sarebbe divisiva».

Con l’arrivo di Sanremo arrivano anche le immancabili polemiche. L’ultima in ordine di tempo è arrivata dopo un’indiscrezione uscita su Dagospia sulla possibile partecipazione alla kermesse canora della giornalista Rula Jebreal al fianco di Amadeus per condurre una delle serate. Secondo il sito online di Roberto D’Agostino, il conduttore Rai avrebbe incontrato Rula in un albergo milanese proponendole di affiancarlo per una sera sul palco dell’Ariston. E lei avrebbe dato la sua disponibilità. Subito dopo la pubblicazione della notizia, giornali e social dell’area sovranista sono insorti contro la reporter palestinese.

L’ATTACCO DELLA DESTRA SOVRANISTA

In prima linea Daniele Capezzone, cronista de La Verità, che ha attaccato a testa bassa su Twitter: «Mi par di capire che con i soldi del canone #Rai #RulaJebreal potrebbe essere incaricata a #Sanremo di spiegarci quanto le facciamo schifo. Se poi qualcuno si lamenterà sui social, seguiranno accuse di: -razzismo -sessismo – machismo. Pure nel 2020, ci avete già rotto….». Per gli haters, la eventuale presenza di Rula sul palco di Sanremo sarebbe «un insulto a tutti gli italiani». Durissima anche la presa di posizione di Marco Gervasoni docente dell’Università del Molise (noto alle cronache per aver pubblicato tweet offensivi nei confronti della senatrice a vita Liliana Segre) che sempre su Twitter ha commentato: «Mitica la definizione che ne diede in un talk show anni fa Sapelli “gnocca senza testa”. Aspettatevi un Sanremo pro clandestini, pro islam, pro lgbt, pro utero in affitto, pro sardine, pro investitori d’auto (purché con suv)». Nel frattempo sui social qualcuno ha lanciato l’hashtag #BoicottaSanremo.

I DUBBI DEL CONSIGLIERE RAI ROSSI: «RULA SAREBBE DIVISIVA»

Sentito dall’Adnkronos, il consigliere Rai in quota Fratelli d’Italia, Giampaolo Rossi, ha esconfermato i contatti «tra la direzione artistica del Festival di Sanremo e la signora Rula Jebreal», e si è detto «piuttosto stupito». «Sono note le sue posizioni ideologiche radicali, filoislamiste e dichiaratamente antisraeliane così come le fake news raccontate sulla guerra in Siria, ma ignoravo che Rula Jebreal fosse esperta di musica italiana», ha attaccato. «Credo», ha aggiunto, «che il Festival di Sanremo debba essere un momento di unione del nostro Paese e non lasciare spazio, quindi, a sentimenti divisivi e a persone che li alimentano».

LE VOCI IN DIFESA DI RULA

Tra Facebook e Twitter arrivano però anche dei messaggi di sostegno. «Io sono italiano, pago le tasse, e non mi sono mai sentito schifato da Rula Jebreal», ha scritto un utente. «Grazie #Amadeus per aver scelto #RulaJebreal, stai mandando in tilt i cervelli dei razzisti perché è una donna, straniera, che ha detto chiaramente che l’Italia è un paese fascista. Spero faccia qualche discorsetto durante il festival», ha attaccato un altro.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il governo britannico pubblica per errore gli indirizzi di alcuni vip

Online gli indirizzi di oltre mille destinatari dei New Year Honours: tra loro politici, star del calibro di Elton John.

Il governo britannico è in imbarazzo dopo la pubblicazione, per errore, degli indirizzi di oltre mille destinatari dei cosiddetti New Year Honours, le tradizionali onorificenze reali: tra loro politici, star del calibro di Elton John, ma anche decine di funzionari della difesa e dell’antiterrorismo, con evidenti implicazioni per la sicurezza. Una svista, ha ammesso l’ufficio del gabinetto che si è scusato per quanto accaduto, assicurando di aver rimediato in breve tempo.

ANCHE OLIVIA NETWON JOHN E BEN STROKES TRA LE VITTIME DELLA ‘SVISTA’

Tra i 1.097 destinatari delle onorificenze del 2020 ci sono anche il giocatore di cricket Ben Stokes, l’attrice Olivia Newton John, l’ex leader del Partito conservatore Iain Duncan Smith, la cuoca televisiva Nadiya Hussain e l’ex capo dell’Ofcom (l’authority per le comunicazioni) Sharon White. Tra gli altri, diversi funzionari di governo, accademici, leader religiosi, sopravvissuti all’Olocausto. Ma anche funzionari della Difesa e alte gerarchie della polizia, quindi personalità considerate sensibili dal punto di vista della sicurezza. C’è chi ha preso questa vicenda con filosofia, come Mete Coban, pioniere delle attività caritatevoli che ha ricevuto un’onorificenza per il suo lavoro con i giovani, che si è detto non troppo preoccupato per l’errore. Al contrario, Big Brother Watch, organizzazione britannica che si occupa di privacy e tutela delle libertà civili, ha definito «estremamente preoccupante che il governo non mantenga una solida stretta sulla protezione dei dati e che le persone che ricevono alcuni dei più alti onori siano messe a rischio per questo». Ed il ministro ombra per l’ufficio del gabinetto, Jon Trickett, ha evidentemente rincarato la dose: «Se il governo non è in grado di proteggere dati sensibili, come possiamo aspettarci che risolva le importanti questioni del nostro Paese?».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Chi è Sofia Tornambene, la vincitrice di X Factor 2019

La cantante, della squadra under di Sfera Ebbasta ha avuto la meglio sui tre finalisti Davide Rossi, La Sierra e i Booda.

La tredicesima edizione di X Factor ha il suo vincitore. Dopo un’accesa sfida, dove non sono mancati come da tradizione i colpi di scena, a spuntarla è stata Sofia Tornambene. Fuori dai giochi quindi Davide Rossi, La Sierra e i Booda che completavano il quartetto arrivato alla finale del talent show musicale in onda su Sky Uno.

CHI È SOFIA TORNAMBENE

Sofia Tornambene, categoria under affidata a Sfera Ebbasta, era la più giovane dell’edizione 2019 di X Factor. La cantante, 16 anni, ha conquistato giudici e pubblico con la sua semplicità e l’inedito A domani per sempre scritto quando aveva appena 14 anni. La giovane viene da Civitanova Marche dove frequenta la terza all’Istituto Tecnico Grafico-Pubblicitario. Sofia però è una predestinata con la musica nel sangue. Il padre della ragazza, Giovanni, è un musicista e ha avvicinato la figlia a questo mondo già all’età di otto anni. Tanto che la 16enne è capace a suonare la chitarra, la batteria e il pianoforte. I suoi artisti preferiti sono mostri sacri della musica come i Bee Gees, i Queen e Michael Jackson. Ma Sofia non è nemmeno un volto del tutto nuovo al piccolo schermo. Proprio nel 2019 ha partecipato a Sanremo Young.

GLI ELIMINATI DELLA FINALE DI X FACTOR

Il quarto classificato della finale di X Factor è stato Davide Rossi. Il cantante era nella squadra di Malika Ayane, che è rimasta così senza concorrenti come Mara Maionchi, ed è stato anche il primo ad abbandonare la competizione. Terzi classificati i La Sierra di Samuel che aveva a disposizione per la finalissima a due contro Sofia anche i Booda. Proprio questi ultimi si sono posizionati sul secondo gradino del podio lasciando il primo posto a Sofia Tornambene.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le cose da sapere sulla finale di X Factor 2019

Dai concorrenti rimasti in gara a quelli esclusi, passando per gli ospiti e i contenuti extra. Ecco tutte le curiosità sull'ultima puntata del talent di Sky.

È giunto il momento. Giovedì 12 dicembre, in prima serata su Sky Uno, gli appassionati di X Factor 2019 conosceranno il vincitore del talent musicale. Tutto pronto quindi al Mediolanum Forum di Assago per la sfida finale dei quattro concorrenti rimasti.

A CHE ORA INIZIA LA FINALE DI X FACTOR 2019

Televisori sintonizzati quindi su Sky Uno già dalle ore 20.25. Prima della finale, infatti, è prevista una speciale edizione dell’Ante Factor condotta da Pilar Fogliati Achille Lauro. Una puntata in stile amarcord dove è possibile rivedere i protagonisti dell’Extra Factor e le loro performance tra l’esilarante e il grottesco. Il pre-show ha in scaletta anche diversi ospiti di punta. Tra i più attesi i tre giudici di MasterChef Italia Antonino Cannavacciuolo, Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli. Ma anche il giudice di Italia’s Got Talent Frank Matano e la conduttrice Lodovica Comello. Ma c’è spazio anche per I delitti del Barlume con Lucia Mascino, Enrica Guidi e Michele Di Mauro. Alle 21.15 è invece prevista la finale vera e propria con Alessandro Cattelan nel ruolo di conduttore e traghettatore della lunga serata Sky.

CHI SONO I FINALISTI DI X FACTOR

Dicevamo dei finalisti. Quattro in tutto, due dei quali sono stati portati avanti da Samuel. Il frontman dei Subsonica è riuscito ad avere la meglio sugli altri giudici vincendo la sua personalissima scommessa con i La Sierra e i Booda. Al contrario Malika Ayane punta tutto su Davide Rossi, mentre Sfera Ebbasta è ancora in gara grazie a Sofia Tornambene. Fuori dai giochi invece Mara Maionchi che quest’anno non è riuscita a portare in finale nessuno dei suoi artisti. Potrebbe quindi essere lei l’ago della bilancia per la finalissima al Forum di Assago.

CHI SONO GLI OSPITI DELLA FINALE

La 13esima edizione di X Factor ha in serbo anche ospiti eccezionali. Su tutti Robbie Williams chiamato a calcare il palco insieme ai concorrenti cantando Time for change e Let it snow. Oltre alla star britannica anche Ultimo, l’atteso ospite italiano della finalissima. Per lui è previsto un medley delle sue canzoni più belle. The last but not the least, direbbero gli inglesi, è la stella nascente Lous and the Yakuza. La giovanissima artista belga autrice del singolo Dilemme è l’ultima degli artisti famosi chiamati a esibirsi sul palco del talent di Sky Uno.

GLI ESCLUSI ILLUSTRI

Tra i papabili vincitori dell’edizione 2019 di X Factor c’era Eugenio Campagna. Era lui l’ultimo over della squadra di Mara Maionchi che si è ritrovata così senza concorrenti in finale. Anche Lorenzo Rinaldi era stato indicato dai giudici come uno dei possibili finalisti. Il cammino del concorrente finito nella squadra under di Malika Ayane si è però interrotto un paio di puntate prima. Un altro lutto per i fan sono state le eliminazioni di Giordana e Mariam tra le più apprezzate della 13esima edizione del talent.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La Rai curerà da sola la comunicazione di Sanremo

Dopo le polemiche legate all'ipotesi del conflitto di interessi di Giannotti con MN Italia, la tv di Stato decide di curarsi da sola la promozione del Festival.

Dopo le polemiche sui rapporti “incestuosi” con Mn Italia, alla fine Fabrizio Salini avrebbe deciso: niente appalto esterno per la comunicazione del Festival di Sanremo che sarà affidata in toto alla Direzione Comunicazione della Rai.

CONFLITTO DI INTERESSI

La decisione dell’amministratore delegato della tivù pubblica arriva dopo che Striscia la Notizia, Lettera43, e poi la Commissione parlamentare di vigilanza avevano sollevato l’ipotesi di un conflitto di interessi tra MN Italia – la societa’ che si sarebbe dovuta aggiudicare l’appalto (era già partita la richiesta, poi annullata) – e il Direttore della Comunicazione di viale Mazzini Marcello Giannotti – portato in azienda da Salini – e che fino a un anno fa lavorava proprio in MN.

SUL TAVOLO C’ERANO 40 MILA EURO

Un’inversione totale quella di Salini e di Giannotti, che quindi implicitamente conferma l’esistenza del conflitto di interessi tra Giannotti e MN e che contemporaneamente metterebbe in luce anche una gestione non trasparente delle risorse Rai: perché se l’ufficio stampa del festival “ora” può essere “fatto” internamente dalla Comunicazione Rai, una settimana fa l’azienda era pronta a sborsare fino a 40 mila euro per appaltarlo a un esterno?

LA PREOCCUPAZIONE DI GIANNOTTI

Fonti di corridoio vicine alla direzione comunicazione raccontano di un Giannotti chiuso nel suo ufficio a controllare e ricontrollare le mail inviate e ricevute sull’affaire MN, al centro di un altro appalto: quello per il nuovo programma di Fiorello su Raiplay. Un contratto arrivato in corsa per chiamata diretta, anche questo annullato dopo le polemiche.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Gli Altri, storie di burqa, amore e rabbia nel secolo del Jihad

Quello di Nicastro e Mineo è uno spettacolo ibrido, tra teatro e giornalismo. Che attraverso storie mostra la paura per un guerrigliero che ti punta contro un’arma, la pietà per una famiglia di profughi, l’incredulità davanti a un aspirante kamikaze.

Settanta anni fa erano i kamikaze giapponesi a sacrificare la propria vita per l’imperatore e oggi sono gli shahid islamisti a farlo in nome di Allah. L’interrogativo, però, è molto difficile da affrontare per la nostra cultura illuminista, ed è sempre lo stesso: perché lo fanno? La risposta più semplice è quella che si sente a ogni tigì quando un uomo-bomba si fa esplodere. È la risposta più rassicurante, quella, in fondo, che ci auto-assolve: sono dei pazzi. Semplicemente dei pazzi. 

UNO SPETTACOLO IBRIDO TRA CRONACA E TEATRO

Per 80 minuti, invece, i due autori-interpreti dello spettacolo Gli Altri, storie di burqa, amore e rabbia nel secolo del Jihad, in scena al teatro Officina di Milano, fanno di tutto per contestualizzare, problematizzare, rendere la complessità del reale in tutte le sue sfaccettature. Uno zigzagare tra luoghi, date, guerre alla ricerca di una risposta più elaborata. Possiamo noi occidentali, con la nostra razionalità, ma anche con le nostre rimozioni collettive davanti a una storia che non ci rende orgogliosi, capire tale sacrificio? Così, nel corso dello spettacolo, le ragioni umane, ma anche storiche e politiche del terrorismo islamista, prendono forma una dopo l’altra, incarnate in storie di persone reali, incontrate in Cecenia, Egitto, Iraq, AfghanistanGli Altri è uno spettacolo “ibrido”, di fusione tra cronaca e drammaturgia, e prova a rispondere a quella scomoda domanda «perché lo fanno?», con tutte le modalità espressive del genere. Non sono poche le lacrime alla fine della rappresentazione. Dal Vajont di Marco Paolini in avanti, le “orazioni civili” sembrano essere diventate l’elemento di maggiore impatto della scena teatrale contemporanea. In genere è l’attore o il drammaturgo che si spingono nel terreno dell’informazione. Nel caso de Gli Altri, storie di burqa, amore e rabbia nel secolo del Jihad sono invece due giornalisti a fare il percorso dalla cronaca verso le scene. Con tutti i limiti, ma anche i pregi del caso.

IL VIAGGIO DI NICASTRO E MINEO

Andrea Nicastro è inviato del Corriere della Sera, Francesca Mineo la voce di tante Ong che lavorano per lo sviluppo dei Paesi più poveri. Assieme hanno scritto e ideato un viaggio (immobile, ma coinvolgente) nei luoghi e nelle situazioni dove vivono gli Altri. Il loro peso attoriale non regge il confronto con i professionisti della scena, ma l’esposizione non ne risente perché gode della forza della verità. Come dice Massimo De Vita, direttore artistico dell’Officina, «i bravi attori devono essere capaci di “ascoltare e osservare” i personaggi che vogliono riprodurre in scena. Il duo Mineo-Nicastro non ha bisogno di padroneggiare la tecnica perché “recitano” semplicemente loro stessi. La paura per un guerrigliero che ti punta contro un’arma, la pietà per una famiglia di profughi, l’incredulità davanti a un aspirante uomo-bomba, non sono recitate, sono solo rievocate rispetto a episodi provati in prima persona. Non c’è bisogno di interpretare, basta che raccontino». Il risultato è un effetto verità che nessun attore può raggiungere. Aiuta anche la presenza di un enorme schermo che inonda l’intera scena con piccole clip o anche solo foto che mostrano le persone e gli eventi che si vogliono evocare. Tutti i sensi vengono così coinvolti. La regia è di Fabio Bettonica, le foto, intense e commoventi, di sguardi e volti “Altri” sono di Romano Cagnoni, Lorenzo Merlo e Mauro Sioli. Un intervento in audio è del direttore di Radio Popolare Massimo Bacchetta. Tre serate, tre sold out. Se c’era bisogno di verificare la fame di informazione di qualità nel nostro Paese, questo Gli Altri lo ribadisce con forza.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Perché la terza stagione di Mindhunter potrebbe uscire dopo il 2020

La serie Netflix ideata da David Fincher potrebbe prendersi una pausa. Parola del protagonista Groff. Il regista è infatti impegnato sul set del suo nuovo film.

Mindhunter è una serie che si prende i suoi tempi. Non solo per raccontare le ricerche degli agenti Fbi Holden Ford e Bill Tench, ma anche per la sua stessa realizzazione. Tra la prima e seconda stagione la gestazione è stata di almeno 2 anni, e adesso per la terza potrebbe passare anche più tempo.

FINCHER IMPEGNATO SUL SUO NUOVO FILM

La conferma arriva da un’intervista di Jonathan Groff, l’attore che interpreta l’agente Ford, all’Hollywood Reporter. Groff non ha fatto cenno a conferme o inizio delle riprese, ma ha spiegato che per riprendere i lavori bisognerà attendere che David Fincher, creatore della serie, finisca il suo prossimo film. Il regista di Fight Club e The Social Network, sta lavorando a Mank, un biopic su Herman J. Mankiewicz, sceneggiatore di Quarto Potere.

COSA DI DICE DI MANK

Il film, che nel cast annovera Gary Oldman, Amanda Seyfried e Lily Collins, è attualmente in lavorazione e le riprese dovrebbero terminare all’inizio del 2020, con possibile diffusione in autunno, in tempo per prendere parte alla corsa a Golden Globe e Oscar. Questo significa che difficilmente Mindhunter vedrà la luce prima del 2021, forse addirittura nel 2022.

GLI ALTRI LAVORI DI FINCHER CON NETFLIX

Su tutto questo ovviamente manca ancora il via libera di Netflix e dei produttori della serie, tra i quali Charlize Theron. Secondo John Douglas, l’autore del libro che ispirato la serie, ci sarebbero ancora molti crimini e serial killer da raccontare ed esplorare. Ma a preoccupare i fan della serie ci sono anche altri programmi di Fincher. Secondo il sito Deadline il cineasta di Denver potrebbe lavorare alla realizzazione come sceneggiatore e produttore esecutivo di una nuova serie Netflix ispirata Chinatown, film del 1974 di Roman Polanski.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Quanto vale il mercato dei video in streaming dopo il lancio di Disney+

Secondo gli analisti entro il 2025 il settore supererà i 500 milioni di abbonati. Netflix in testa con 235, seguita da Amazon Video 135 e dalla nuova piattaforma a 101.

Con l’arrivo del servizio Disney+ riparte tra i big della tecnologia la sfida sullo streaming video, un settore in crescita per utenti e propensione alla spesa. Stando ad un’analisi di Digital Tv Research, il settore raddoppierà entro il 2025 e andrà ben oltre la cifra di 500 milioni di abbonati nel mondo.

Netflix guiderà la lista, seguita a distanza da Amazon Prime Video. Per la neonata Disney+ si prevede un exploit. Nello specifico, gli analisti prevedono, entro sei anni, che Netflix raggiungerà 235,6 milioni di abbonati (un incremento di 70 milioni, solo 6 milioni negli Stati Uniti); Amazon Prime Video raggiungerà quota 135,9 milioni di utenti paganti; Disney+ 101,2 milioni; HBO Max 30,1 milioni e Apple TV+ 27,1 milioni. Per un totale di 529,9 milioni di abbonati nel mondo ai servizi video in streaming e a pagamento.

Gli Stati Uniti, sottolinea Digital Tv Research, sono «di gran lunga il paese più importante per queste piattaforme», ma anche «il più maturo» con «i mercati internazionali che stanno diventando sempre più significativi». «La concorrenza è intensa con una guerra dei prezzi in atto e offerte di distribuzione esclusive», ha spiegato Simon Murray, analista della società.

AMERICANI DISPOSTI A SPENDERE 44 DOLLARI AL MESE

Per i big della tecnologia statunitensi, quindi, il resto del mondo sarà sempre più importante e dovranno lottare per ogni abbonamento con un occhio ai prezzi. Basti pensare ad Apple, entrata di recente nel settore della tv in streaming con una politica commerciale aggressiva, proponendo abbonamenti a 5 dollari al mese. Secondo il Wall Street Journal, gli americani sono disposti a spendere 44 dollari al mese già da ora, prima che tutte le piattaforme decollino. Un aumento di 14 dollari rispetto all’attuale spesa media.

LA CRESCITA DELLO STRAMING IN ITALIA

I fruitori dello streaming video sono in forte aumento anche in Italia. Nel 2018 – secondo l’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano – il 19% della popolazione Internet italiana ha utilizzato servizi di ‘Subscription video on demand’ rispetto all’8% dell’anno precedente, per un valore di mercato pari a 177 milioni di euro, in crescita del 46%. Si stima che già nel 2019 il numero di sottoscrizioni possa superare quello degli abbonamenti alla PayTv. Nei prossimi anni, inoltre, la banda ultralarga e la diffusione del 5G potrebbero migliorare la fruizione e incrementare ulteriormente il numero di abbonati.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

È morto Fred Bongusto

Il cantante, malato da tempo, si è spento all'età di 84 anni. La sua canzone più famosa era "Una rotonda sul mare".

È morto la notte scorsa, nella sua abitazione a Roma, Fred Buongusto. Il cantante, che aveva 84 anni, era malato da tempo. A renderlo noto il suo ufficio stampa. La sua canzone più famosa era Una rotonda sul mare.

In una nota l’ufficio stampa del cantante scrive che «la notte scorsa, alle 3,30 circa, ha cessato di battere il cuore di Fred Bongusto». Il celebre artista, nato a Campobasso, e il cui nome all’anagrafe era Alfredo Antonio Carlo Buongusto.

I funerali saranno celebrati a Roma, lunedì 11 novembre, alle 15, nella Basilica di Santa Maria in Montesanto, la Chiesa degli artisti in piazza del Popolo. Bongusto fu molto popolare negli anni Sessanta e Settanta come il classico cantante confidenziale che spopolava in quegli anni.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it