Bambino comprato e regalato a un affiliato, assolto il boss Ciro Rinaldi


Il boss Ciro Rinaldi è stato assolto dall'accusa di avere comprato per 10mila euro un bambino rumeno e di averlo regalato a un affiliato al suo clan per aumentare il consenso nel gruppo criminale. Per la sentenza i suoi avvocati si sono rifatti a quella con rito abbreviato con cui erano stati condannati l'affiliato, la moglie e la madre naturale del bambino e per cui era stata esclusa l'aggravante camorristica.
Continua a leggere

San Giovanni a Teduccio, agguato fallito con sparatoria nel palazzo, presi due dei Formicola


I carabinieri hanno arrestato due giovani per l'agguato avvenuto a San Giovanni a Teduccio, zona est di Napoli, nel giorno dell'Epifania 2020: secondo la ricostruzione avevano aspettato la vittima sotto casa e l'avevano inseguita per quattro piani, continuando a sparare senza però colpirla. Dopo quella sparatoria non ci fu nessuna segnalazione alle forze dell'ordine.
Continua a leggere

Napoli, arrestati i nipoti del boss Rinaldi: prestiti usurari a imprenditore


I carabinieri hanno arrestato per usura ed estorsione quattro persone, ritenute affiliate al clan Rinaldi di San Giovanni a Teduccio. Sono accusate di avere imposto interessi usurari su un prestito a un imprenditore di Pollena Trocchia (Napoli). Tra loro ci sono i nipoti dell'attuale capoclan, Ciro Rinaldi, figli del fondatore del clan, Antonio Rinaldi.
Continua a leggere

San Giorgio a Cremano, la camorra imponeva le buste di plastica ai commercianti


Il gruppo capeggiato da Umberto Luogo imponeva ai commercianti di San Giorgio a Cremano (Napoli) l'acquisto di buste di plastica per le attività. Il pacco da 1000 veniva venduto a 10 euro da prestanome, ma dentro ce n'erano soltanto 750: in questo modo i negozianti, oltre a sottostare al racket, venivano anche truffati.
Continua a leggere

San Giorgio a Cremano, la camorra imponeva le buste di plastica ai commercianti


Il gruppo capeggiato da Umberto Luogo imponeva ai commercianti di San Giorgio a Cremano (Napoli) l'acquisto di buste di plastica per le attività. Il pacco da 1000 veniva venduto a 10 euro da prestanome, ma dentro ce n'erano soltanto 750: in questo modo i negozianti, oltre a sottostare al racket, venivano anche truffati.
Continua a leggere

Donna interrompe il corteo di camorra, boss fa picchiare il commerciante che la difende


L'ex boss Umberto Luongo, oggi collaboratore di giustizia, pretendeva che nel quartiere di San Giovanni a Teduccio tutti gli cedessero il passo. In occasione di uno dei "cortei" aveva litigato con una donna che si era rifiutata di lasciarlo passare per primo e, insieme a due uomini della sua scorta, aveva picchiato selvaggiamente un commerciante che si era intromesso in difesa di lei.
Continua a leggere

San Giovanni a Teduccio, bomba carta nella notte contro un bar


Una bomba carta ha danneggiato la veranda di un bar di recente apertura a San Giovanni a Teduccio. Il titolare ha riferito di non aver mai subìto minacce né tentativi di estorsione. Si indaga sul mondo del racket. Pochi giorni fa altri due ordigni erano esplosi a San Giorgio a Cremano, comune che confina con l'area est di Napoli.
Continua a leggere

Incidente sull’A3, ferito un motociclista. Traffico in tilt all’uscita dell’autostrada


Incidente sull'A3 Napoli-Salerno, ferito un motociclista. Sul posto gli agenti della Polizia di Stato assieme ai vigili del fuoco ed i sanitari del 118. Si indaga per scoprire le cause dell'incidente. Code all'uscita San Giovanni a Teduccio-Zona Industriale dell'A3 Napoli-Salerno, dovute in parte anche ai curiosi.
Continua a leggere