Esce di casa e sull’autocertificazione scrive: “Sto andando a comprare hashish a San Basilio”


"Sto andando a comprare hashish a San Basilio" ha scritto un 33enne sull'autocertificazione fornitagli dai carabinieri, che lo hanno fermato in strada per un controllo. L'uomo ha evitato di ricevere una denuncia penale per false dichiarazioni, ma è stato multato perché è uscito di casa senza necessità.
Continua a leggere

San Basilio, pusher della ‘ndrangheta aveva il terrore di prendere un giorno di riposo al mare


Dopo aver lavorato sette giorni su sette per due settimane, uno dei pusher arrestati ieri decide di prendersi un giorno di ferie per andare con la fidanzata al mare. Quando torna viene minacciato: "Dopo 14 giorni... la mia ragazza mi ha detto 'senti aho, ma un giorno me lo puoi dedicà, un giorno', arrivo qua e lo sai qual'è stata la risposta? Ar mare ci andiamo prima noi".
Continua a leggere

San Basilio, colpo alla piazza di spaccio della ‘ndrangheta: 21 arresti all’alba


Ventuno persone sono state arrestate questa mattina a Roma, Napoli, Reggio Calabria, Viterbo e Frosinone perché accusate di gestire lo spaccio nel quartiere romano di San Basilio. Alcune di loro sono vicine alla 'ndrina Marando di Platì, che negli ultimi anni si sarebbe insediata nella zona per gestire il giro di droga in una delle piazze più note e remunerative della capitale.
Continua a leggere

San Basilio, abitanti si dipingono da soli strisce pedonali scomparse: “Abbandonati da istituzionI”


Ieri sera gli abitanti di San Basilio sono scesi in strada con vernice e pettorine e si sono dipinti da soli le strisce pedonali ormai scomparse davanti la scuola elementare di via Mandolfo. L'iniziativa è stata organizzata per denunciare lo stato di abbandono in cui si trova il quartiere e l'assenza delle istituzioni.
Continua a leggere

San Basilio, la piazza di spaccio è un fortino: scoperti cunicoli utilizzati dai pusher per fuggire


I carabinieri della Compagnia Roma Montesacro hanno sequestrato a San Basilio cinque barili per distruggere la droga e un cancello in ferro per agevolare la fuga degli spacciatori alla vista delle forze dell'ordine. Le operazioni sono state effettuate con i dipendenti Ater, dato che il materiale era stato costruito nei cortili delle case popolari.
Continua a leggere