Il venerdì nero della metro di Roma

Prima le banchine e scale mobili rimaste al buio a Termini. Poi l'evacuazione dei vagoni tra Circo Massimo e Colosseo. Il Codacons: «La misura è colma».

Un venerdì nero per la metro di Roma. La mattina del 13 settembre, alcuni passeggeri hanno percorso a piedi per centinaia di metri la galleria della metropolitana, dopo che i vagoni sono stati evacuati a causa di problemi tecnici. Il treno si è fermato nella galleria tra le fermate della linea B Circo Massimo e Colosseo. Per raggiungere quest’ultima, i passeggeri sono scesi – in centinaia secondo quanto riferito – a piedi in galleria, illuminata dalle luci di emergenza. Poco prima, banchine e scale mobili alla fermata metro Termini della linea A sono rimaste al buio per un paio d’ore, dalle 9 alle 11 circa. Secondo quanto si è appreso dall’Atac, si è verificato un problema all’impianto di illuminazione. Si sono attivate le luci di emergenza e i tecnici si sono messi al lavoro per risolvere la situazione, mentre sui social si moltiplicavano le proteste degli utenti.

IL CODACONS: «SERVONO PROVVEDIMENTI URGENTI»

A questo proposito, il Codacons ha commentato: «La misura è colma, e servono provvedimenti urgenti per garantire la sicurezza degli utenti delle metro capitoline». «Se non si è in grado di assicurare l’incolumità dei passeggeri, tutte le scale mobili ubicate nelle stazioni metro di Roma vanno chiuse con effetto immediato», afferma il presidente Carlo Rienzi. «Lo stesso Gip di Roma, nell’ordinanza contro i dipendenti Atac e Metro raggiunti da misure interdittive, ha parlato esplicitamente della possibilità di nuovi incidenti anche gravi, sottolineando come permangano problematiche tecniche legate a pregressi o attuali manomissioni».

Se non saranno adottati provvedimenti, saremo costretti a chiedere alla procura il sequestro delle stazioni

Codacons

«Alla luce dell’episodio odierno, ultimo di una lunga serie di incidenti, Comune di Roma e Atac devono chiudere tutte le scale mobili presenti nelle stazioni della metro, almeno fino a che non sarà possibile garantire con assoluta certezza l’incolumità dei cittadini, aprendo i tornelli per consentire l’accesso gratuito dei passeggeri in banchina», prosegue Rienzi. «Se non saranno adottati provvedimenti in tal senso, saremo costretti a chiedere alla Procura il sequestro delle stazioni e, quindi, l’interruzione del servizio sulle tre linee metro della capitale»

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Cosa sappiamo sulla diciottenne trovata impiccata a Roma

La ragazza è scappata di casa la sera dell'11 settembre ed è stata ritrovata appesa a un gioco per bambini nel parco Galla Placidia. Aveva le mani legate. Sembra che soffrisse di depressione.

Una ragazza di 18 anni, scomparsa la sera dell’11 settembre da casa, è stata trovata impiccata a un gioco per bambini nel parco Galla Placidia a Roma. Aveva le mani legate con delle fascette. Sul posto la polizia che indaga sulla vicenda. Al momento si propenderebbe per un suicidio. Sembra che la ragazza avesse problemi di depressione. A denunciare la scomparsa erano stati i genitori.

I GENITORI AVEVANO DENUNCIATO LA SCOMPARSA

A dare l’allarme, intorno alle 6.45, è stato il custode del parco. La ragazza si era allontanata da casa poco dopo le 21 e in nottata i genitori ne hanno denunciato la scomparsa. Dalle prime informazioni sembra che già in passato abbia tentato di togliersi la vita.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Crolli alle scale mobili della Metro di Roma: quattro misure cautelari

Due dipendenti di Metro Roma e due di Atac accusati di frode nelle pubbliche forniture e lesioni personali colpose aggravate.

La polizia, coordinata dalla procura della Repubblica di Roma, sta eseguendo un’ordinanza di misura cautelare interdittiva nei confronti di quattro persone, due dipendenti di Metro Roma e due di Atac, in merito ai guasti sulle scale mobili delle stazioni metro di Roma, Repubblica e Barberini. I reati contestati sono quelli frode nelle pubbliche forniture e lesioni personali colpose aggravate.

SCOPERTE LE CAUSE DEI GUASTI DI DUE INCIDENTI

L’operazione, in corso da questa mattina ad opera della Squadra Mobile e degli agenti del commissariato Viminale, ha fatto luce sulle cause che portarono all’incidente del 23 ottobre dello scorso anno, quando alcuni tifosi del Cska Mosca furono coinvolti nel cedimento delle scale mobili alla stazione Repubblica. Alcuni di loro restarono anche feriti. Le indagini hanno permesso anche di risalire alle cause del guasto, sempre alle scale mobili, ma questa volta della fermata Barberini del 21 marzo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Oltre 300 manifestanti per dire no al Conte Bis

di Erika Noschese

Oltre 300 le persone che ieri mattina, dalla provincia di Salerno, hanno raggiunto piazza Montecitorio, a Roma. per protestare contro il governo giallorosso. Ad organizzare la manifestazione il coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia Salerno guidato da Imma Vietri e Ugo Tozzi. Forte la partecipazione anche di semplici cittadini non iscritti al partito di Giorgia Meloni che ieri – a poche ore dalla fiducia votata alla Camera dei Deputati – ha voluto esprimere il proprio dissenso al Conte bis. «La nostra è stata una manifestazione dove il dissenso è stato espresso in maniera pacifica», ha dichiarato la coordinatrice locale di FdI Elena Criscuolo, amareggiata per la chisura dei varchi avvenuta troppo presto. «Il nostro autobus, partito da Vallo della Lucania, era davvero pieno, molti sostenitori e militanti politici ci hanno raggiunto con le proprie auto per prendere parte a questo grande evento – ha poi aggiunto la Criscuolo – Noi da Salerno siamo riusciti ad entrare ma tanti altri manifestanti no perchè i varchi sono stati chiusi presto». Una manifestazione pacifica, dunque, che ha visto la partecipazione anche dell Questore della Camera Edmondo Cirielli e del senatore Antonio Iannone. «Siamo di fronte ad vergognosa gestione dell’ordine pubblico. Si cerca di impedire il libero esercizio di manifestare, si viola un diritto previsto dalla Costituzione e fondamento della nostra democrazia. Presenterò un’interrogazione parlamentare per verificare l’operato del Questore ed accertare se vi siano stati interventi diretti del Capo della Polizia sulla questione come si vocifera in ambienti sindacali della Polizia», ha dichiarato Cirielli lla luce delle numerose difficoltà registrate dalle migliaia di cittadini che ieri mattina i sono mobilitati da tutta Italia per partecipare alla manifestazione organizzata in Piazza Montecitorio. «La nostra è una iniziativa spontanea, voluta dalla base ed organizzata con impegno e dedizione dalla classe dirigente di Fratelli d’Italia – ha poi aggiunto Cirielli – Non è un fatto soltanto tecnico, giuridico o costituzionale, ma è chiaro che coloro che avevano votato per il Movimento 5 Stelle lo avevano fatto soprattutto contro il Pd. Ma ora entrambi, contro la volontà dei cittadini, hanno dato vita ad un inciucio vero e proprio solo per spartirsi le poltrone ed evitare che i cittadini possano scegliere liberamente una maggioranza politica diversa. Questa è la vergogna più grande», ha aggiunto il Questore della Camera che parla di «inciucio vero e proprio solo per spartirsi le poltrone ed evitare che i cittadini possano scegliere liberamente una maggioranza politica diversa». Intanto, proprio grazie alla manifestazione FdI Salerno sembra aver ricevuto già numerose proposte di adesione al partito, soprattutto da parte dei militanti di Forza Nuova che hanno raggiunto la capitale per partecipare alla manifestazione.

Consiglia

Roma – Che fine hanno fatto i 15 nuovi bus #Atac? (iltrenoromalido)

iltrenoromalido scrive nella categoria Roma che: Previsti in servizio entro la fine di aprile, poi ad inizio giugno ed infine per i primi di settembre. Ma siamo già a metà del mese e, dopo quasi 5, gli autobus giacciono ancora senza targa all'inter
vai agli ultimi aggiornamenti su: atac roma trasporto pubblico
1 Voti

Vai all'articolo completo » .Che fine hanno fatto i 15 nuovi bus #Atac?.
Che fine hanno fatto i 15 nuovi bus #Atac?

Roma – Facciamo qualche paragone: il trasporto pubblico a Budapest (iltrenoromalido)

iltrenoromalido scrive nella categoria Roma che: Prosegue il giro nel trasporto pubblico di altre realtà, oggi grazie a Christian andiamo a Budapest e vediamo come funzionano i biglietti (ed i relativi controlli), dall'Aeroporto e non è un dato ogg
vai agli ultimi aggiornamenti su: trasporto pubblico
1 Voti

Vai all'articolo completo » .Facciamo qualche paragone: il trasporto pubblico a Budapest.
Facciamo qualche paragone: il trasporto pubblico a Budapest

Roma – I GPS di #Atac e gli autobus fantasma… (iltrenoromalido)

iltrenoromalido scrive nella categoria Roma che: Il GPS (Global Position System) è il sistema di posizionamento di cui ormai moltissimi dispositivi, tra cui i nostri smartphone sono dotati. Questo sistema ci consente di sapere, con margini d\'error
vai agli ultimi aggiornamenti su: atac roma trasporto pubblico
1 Voti

Vai all'articolo completo » .I GPS di #Atac e gli autobus fantasma....
I GPS di #Atac e gli autobus fantasma...

Roma – Nuove verità su Emanuela Orlandi. Pagamentio del vaticano fino al 1997 (evyna)

Dal sito www.laragnatelanews.it, evyna scrive nella categoria Roma che: Un documento shock riaprirebbe il caso della scomparsa di Emanuela Orlandi. Non si sa più nulla di lei dal 1983 per un presunto rapimento di cui non si conosce verità. Secondo quanto afferma il gior
SI parla anche di Roma
1 Voti Nuove verità su Emanuela Orlandi. Pagamentio del vaticano fino al 1997

Vai all'articolo completo » .Nuove verità su Emanuela Orlandi. Pagamentio del vaticano fino al 1997.
Nuove verità su Emanuela Orlandi. Pagamentio del vaticano fino al 1997