Napoli, Strage delle Fontanelle: cinque ergastoli per i capi dei Barbudos


Il boss Antonio Genidoni è stato condannato all'ergastolo insieme ad altre quattro persone, tra cui la moglie e la madre, ritenuti legati al clan dei Barbudos: si chiude così il processo in primo grado per la Strage delle Fontanelle, il raid armato avvenuto nel 2016 a Napoli per il controllo del Rione Sanità che portò a due morti e tre feriti.
Continua a leggere

Agguato al genero dei boss Misso, arrestati 4 affiliati al clan Torino


Tre persone, ritenute legate al clan Torino, sono state arrestate per l'omicidio di Vincenzo Prestigiacomo, cognato dei boss Misso, ucciso in via Porta San Gennaro, durante la Faida della Sanità, nel centro di Napoli. L'omicidio risale al 30 ottobre 2006, con le indagini della Squadra Mobile sono arrivati i riscontri alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia.
Continua a leggere

Coronavirus, al Rione Sanità e alla Pignasecca troppa gente a spasso: controlli a raffica


La Polizia Metropolitana di Napoli ha controllato 60 persone che erano in strada nel Rione Sanità questa mattina e altre 15 che erano alla Pignasecca. Raddoppiate le pattuglie in città dei vigili provinciali. Domeni presidi a Scampia e Piscinola. Il sindaco Luigi de Magistris: "Ancora troppa gente in strada, bisogna restare a casa".
Continua a leggere

Agguato di camorra davanti alla cornetteria, arrestato il killer: aveva 21 anni


I carabinieri hanno arrestato Enrico La Salvia, ritenuto affiliato al clan Sequino, per l'agguato davanti a una cornetteria del 6 novembre 2016, in cui fu ucciso Antonio Bottone e rimase ferito Daniele Pandolfi. Per gli inquirenti quel raid si colloca nello scontro con i rivali del clan Vastarella per il controllo degli affari illeciti nel Rione Sanità.
Continua a leggere

Napoli, sequestrata fabbrica di scarpe abusiva nel Rione Sanità


Gli agenti della Polizia Municipale di Napoli hanno scoperto e sequestrato una fabbrica fantasma di scarpe nel Rione Sanità: completamente abusiva, era priva di autorizzazioni, non rispettava le norme sullo smaltimento dei rifiuti pericolosi e al momento del controllo c'erano diversi operai in nero. Il titolare è stato multato per 32mila euro.
Continua a leggere