Greta Thunberg in pole per il premio Nobel per la pace

Attesa per il riconoscimento dell'Accademia svedese. L'attivista ambientalista sarebbe la vincitrice più giovane di sempre.

C’è attesa per l’assegnazione del premio Nobel della pace. In pole, secondo i bookmaker ci sarebbe la sedicenne attivista del clima Greta Thunberg. Se i pronostici saranno confermati sarà la più giovane Nobel per la pace. In corsa 301 candidati, tra cui il premier etiope Abiy Ahmed, il leader indigeno brasiliano Raoni Metuktire e la premier della Nuova Zelanda Jacinda Ardern.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il Nobel per la Chimica agli inventori delle batterie agli ioni di litio

Il premio assegnato a John B. Goodenough, M. Stanley Whittingham e Akira Yoshino.

John B. Goodenough, M. Stanley Whittingham e Akira Yoshino sono i vincitori del Nobel per la Chimica 2019. Il Nobel è stato assegnato agli inventori delle batterie agli ioni di litio, oggi comunemente utilizzate nei telefoni cellulari, personal computer e auto elettriche. Goodenough, Whittingham e Yoshino hanno così aperto la strada a fonti di energia diverse dai combustibili fossili.

GOODENOUGH IL PIÙ ANZIANO VINCITORE DI NOBEL DI SEMPRE

Goodenough, 97 anni, è nato in Germania, a Jena, nel 1922 e dal 1952 ha lavorato negli Stati Uniti, nell’Università di Chicago e poi in quella del Texas ad Austin. È il più anziano vincitore di un Nobel di sempre. Whittingham, 78 anni, è nato in Gran Bretagna e dopo aver lavorato nell’Università di Oxford si è trasferito negli Stati Uniti, dove ha insegnato nell’Università di New York. Yoshino, 71 anni, è nato nel 1948 in Giappone, a Suita; ha lavorato nell’Università di Osaka e poi nella Meijo University di Nagoya.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il Nobel per la Fisica ai cacciatori di mondi alieni

Premiati il cosmologo James Peebles e i planetologi Michel Mayor e Didier Queloz, per le scoperte sulla radiazione cosmologica di fondo e i primi pianeti esterni al Sistema Solare.

Il cosmologo James Peebles e i planetologi Michel Mayor e Didier Queloz sono stati premiati con il Nobel per la Fisica 2019 per le loro scoperte relative alla radiazione cosmologica di fondo e ai primi pianeti esterni al Sistema Solare, scoperte che hanno cambiato la nostra immagine dell’Universo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Nobel per la medicina a Kaelin, Ratcliffe e Semenza

I tre sono stati premiati per la scoperta del modo in cui le cellule utilizzano l'ossigeno.

Sono Willian Kaelin, Peter Ratcliffe e Gress Semenza i vincitori del Nobel per la medicina edizione 2019. I tre sono stati premiati per la scoperta del modo in cui le cellule utilizzano l’ossigeno. Questo meccanismo ha un’importanza cruciale per mantenere le cellule in buona salute e averlo scoperto ha aperto la strada alla comprensione di molte malattie, prime fra anemia e tumori.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it