Scaroni: «Il campionato deve ripartire, ne va del calcio italiano»

Il presidente del Milan assicura: «Tutti i club vogliono tornare a giocare». Naturalmente garantendo la sicurezza sul modello tedesco. Se così non fosse, mette in guardia, «Si innescherebbe una spirale negativa che ci vedrebbe soccombere a livello internazionale». L'intervista.

«Il Milan vuole finire il campionato, e sono ottimista che si possa presto riprendere a giocare».

Posizione chiara e affatto scontata, quella del presidente rossonero Paolo Scaroni, intervenuto nella War Room di Enrico Cisnetto insieme a Marco Tardelli e Marco Bellinazzo del Sole 24 Ore. «Sono sicuro», dice a Lettera43.it, «che il governo e il comitato tecnico-scientifico troveranno una formula che consentirà di riprendere il campionato salvaguardando la salute di tutti, in primis dei calciatori»

Il presidente del Milan, Paolo Scaroni (Ansa).

DOMANDA. Presidente Scaroni, tutte le società vogliono riprendere il campionato? In queste settimane sono emerse delle divisioni all’interno della Lega
RISPOSTA. Il fronte delle società non è diviso. Venti società su 20, per ben due volte, hanno votato a favore della ripartenza del campionato. Naturalmente vogliamo una ripartenza in sicurezza, con regole chiare, ma l’obiettivo è assolutamente ripartire. Al di là di quello che si dice nei corridoi, il voto ufficiale certifica la volontà unanime dei club di ripartire. Non esiste alcun dissenso da questo punto di vista. 

Quindi attendete solo l’autorizzazione del governo?
Sono sicuro che il governo e il comitato tecnico-scientifico troveranno una formula che consentirà di riprendere il campionato salvaguardando la salute di tutti, in primis dei calciatori. Ma non ci sono dubbi sulla volontà da parte dei club di ricominciare. Abbiamo già iniziato gli allenamenti in modalità individuale, Milanello è aperto, ci stiamo incamminando verso una ripresa del campionato.

Fiorentina e Sampdoria hanno comunicato in questi giorni la positività al Covid-19 di alcuni giocatori. Se si dovessero verificare altri casi a campionato ripreso si dovrebbe fermare di nuovo tutto?
No, dobbiamo seguire l’esempio della Germania. La loro formula prevede che si continui anche in caso di positività dei calciatori, ovviamente con tutte le tutele sanitarie del caso. Questo punto dipende dalla valutazione che farà il comitato tecnico-scientifico. In generale dico che il calcio, come tutta la società, deve abituarsi a convivere con il virus, nei prossimi mesi avremo certamente nuovi contagi, è impensabile immaginare di sospendere qualsiasi tipo di attività ogni volta che si scopre un caso nuovo. Questo principio deve valere anche per il calcio.

Avete avuto casi di positività al Covid al Milan?
Sì, abbiamo qualche giocatore contagiato, in via di guarigione. Altri, come Maldini, sia padre che figlio, sono stati contagiati e ora stanno bene.

Lei è uomo di business, se si dovesse fermare il campionato quali sarebbero i danni economici per il Milan?
Il tema riguarda tutto il calcio italiano, non solo il Milan. 15 anni fa la Serie A era al top del calcio mondiale, da allora non abbiamo fatto altro che perdere posizioni su posizioni in favore di Inghilterra, Germania e Spagna. Inutile elencare le ragioni, ma tra queste ci sono certamente gli stadi, che in Italia sono vecchi e obsoleti. Se non riparte il campionato avremo meno soldi per comprare e pagare i giocatori, e le nostre squadre saranno meno competitive in Champions, che è la vera vetrina mondiale del calcio. Si innescherebbe, quindi, una spirale negativa che vedrebbe il nostro campionato soccombere a livello internazionale. 

C’è il rischio che gli investitori internazionali escano dalle nostre squadre?
Per uscire bisogna avere chi compra. Certamente potrebbero emergere delle titubanze su potenziali nuovi investitori esteri interessati alle squadre italiane. Già il nostro calcio ha tanti problemi, se non riprendessimo il campionato i problemi rischierebbero di aggravarsi ulteriormente.

Specie nelle casse dei club…
La benzina del divertimento del calcio è il denaro. Per vedere le nostre squadre primeggiare nelle grandi partite di Champions servono i campioni, che costano e hanno ingaggi alti.

A proposito di campioni. Ibra l’ha sentito? 
No, ma credo che anche lui voglia ritornare a giocare.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Scaroni ed Eni assolti in Appello per il caso Saipem-Algeria

Revocata anche la confisca di 197 milioni di dollari a carico della società partecipata.

Il fatto non sussiste. La Corte d’Appello di Milano ha assolto l’ex amministratore delegato di Eni e attuale presidente del Milan, Paolo Scaroni, per il caso delle presunte tangenti in Algeria che riguardavano Saipem. Scaroni era stato assolto anche in primo grado.

Assolti anche la compagnia petrolifera e tutti gli altri imputati, inclusi i manager Saipem e la stessa partecipata. I giudici hanno inoltre revocato la confisca di 197 milioni di dollari a carico di Saipem, che per i pm rappresentava l’equivalente del prezzo del reato ipotizzato: corruzione di esponenti del governo algerino in cambio di concessioni petrolifere.

In Appello è stata dunque parzialmente ribaltata la sentenza con cui il Tribunale di Milano, nel settembre del 2019, aveva condannato Saipem e i suoi manager: l’ex presidente e amministratore delegato Pietro Tali, l’ex direttore operativo in Algeria Pietro Varone e l’ex direttore finanziario Alessandro Bernini. In primo grado erano stati condannati anche tre imputati di cittadinanza algerina, tra cui Farid Bedjaoui, ritenuto uno degli intermediari delle presunte tangenti.

La Corte ha infine dichiarato inammissibile l’appello proposto dalla procura nei confronti di Eni. E ha confermato la sentenza assolutoria di primo grado per Scaroni e per l’ex manager del gruppo di San Donato, Antonio Vella. Le motivazioni saranno depositate entro 90 giorni.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it