Hanau e la storia del terrorismo di estrema destra in Germania

La violenza xenofoba e neonazista, nelle sue varie ramificazioni, è un fenomeno carsico nel Paese. E pronto a esplodere come accaduto nella città dell'Assia. Eppure per troppo tempo il governo ha sottovalutato questa minaccia, liquidando gli attentati come casi isolati. L'analisi.

Odio razzista, xenofobo e antisemita: nella storia della Germania riunificata, negli ultimi 30 anni, la violenza targata estrema destra, nelle sue varie ramificazioni, ha lasciato una lunga scia di sangue.

Non semplice da seguire, anche per il fatto che le cifre del governo e delle varie istituzioni si discostano da quelle raccolte dalle organizzazioni che si occupano di diritti civili.

Basti solo pensare che se per Berlino il numero ufficiale delle vittime dal 1990 è fissato in 94, la fondazione Antonio Amadeo Stiftung ne ha contate 198, più una dozzina di casi opachi ed escluse ancora quelle di Hanau (9 le vittime più il killer e la madre, i cui corpi sono stati ritrovati in un appartamento). Più del doppio, insomma. Per fare un paragone, più o meno calzante, ma comunque indicativo, le persone uccise dalla Rote Armee Fraktion tra il 1971 e il 1998, anno della scioglimento ufficiale dell’organizzazione terroristica di estrema sinistra, furono 33.

IL TERRORE NERO PRIMA DELLA RIUNIFICAZIONE TEDESCA

La Fondazione Amadeu prende il nome dalla prima vittima di odio razziale in Germania dopo la riunificazione, immigrato angolano arrivato nella Ddr prima che cadesse il Muro di Berlino e massacrato da un gruppo di neonazisti a Eberswalde il 24 novembre 1990. Il terrore nero si era già fatto sentire prima, sia nella Germania Ovest che in quella dell’Est, teatri di omicidi e attentati negli Anni 70 e 80. Così se nel 1979 vicino ad Halle (Ddr) furono ammazzati due immigrati cubani, nel 1980 ad Amburgo fu data alle fiamme una residenza per immigrati vietnamiti, con due morti e la responsabilità attribuita all’organizzazione neonazista Deutsche Aktionsgruppen. Poi la bomba all’Oktoberfest di Monaco (26 settembre 1980, 13 morti), seguita dall’assassinio del rabbino di Erlangen Shlomo Lewin e della sua compagna da un membro della Wehrsportgruppe Hoffmann, altra organizzazione neonazista poi sciolta.

Uno dei bar colpiti dal killer di Hanau (Ansa).

NON SOLO CASI ISOLATI, MA FENOMENO CARSICO E COSTANTE

Da 40 anni a questa parte in realtà poco è cambiato, nel senso che sia da una parte che dall’altra della ex cortina di ferro, con un’accelerazione dopo la riunificazione, si è assistito a episodi di violenza più o meno gravi, compiuti da singoli e organizzazioni, che in ogni caso non possono essere rappresentati come eccezioni, ma definiscono anzi la regola: nonostante la narrazione, governativa e mediatica, abbia spesso e volentieri liquidato la questione del terrorismo e della violenza di estrema destra come casi isolati, è evidente che si tratta di un fenomeno costante, con esplosioni a ripetizione. Certamente non si possono mettere sullo stesso piano episodi slegati tra di loro come quelli di Mölln (1992, tre morti), Solingen (1993, 5 morti), Lubecca (1996,10 morti), attentati incendiari di matrice neonazista, e la strategia di attentati della Nsu (Nationalsozialistischer Untergrund, clandestinità nazionalsocialista, Nsu) che in oltre 10 anni, tra il 1997 e il 2011 ha rivendicato una decina di omicidi a sfondo razziale, ma il contesto tedesco ha sempre offerto negli ultimi decenni scenari di questo genere.

LE ACCUSE DOPO IL MASSACRO DI HANAU

In definiva, lupi solitari che fanno branco, accanto a vere proprie strutture terroristiche capaci di crescere e proliferare sul territorio, a Est come a Ovest, anche con la complicità di chi ha sempre sottovalutato o voluto sottovalutare la complessità e gli elementi del fenomeno della destra radicale neonazista. Suonano in questo senso come un monito le parole del presidente della comunità ebraica Josef Schuster dopo la strage di Hanau: «Per troppo tempo il pericolo dell’estremismo di destra sempre crescente è stato poco o per nulla considerato». Schuster ha poi aggiunto che «polizia e giustizia hanno sempre il problema di essere deboli di vista dall’occhio destro». Un atto di accusa nei confronti di un sistema e di un governo che hanno trascurato l’escalation.

La cancelliera Angela Merkel (Ansa).

LA CRESCITA DI AFD NELL’EST DEL PAESE

La cancelliera Angela Merkel ha detto che «il razzismo e l’odio sono un veleno che esiste nella nostra società» e messo in relazione i fatti di Hanau con i recenti attacchi e minacce alle sinagoghe tedesche e all’omicidio del politico Walter Lübke. Ma nei 15 anni del suo governo gli scandali riguardanti le indagini sulla Nsu e le polemiche cicliche sui rapporti spesso opachi tra il Verfassungsschutz, il servizio di sicurezza interna, e l’area dell’estrema destra gettano un’ombra su quanto il governo tedesco abbia voluto davvero andare a fondo nel contrastare il problema del terrorismo e della violenza neonazista, xenofoba e antisemita. Anche in un contesto, quello dell’ultimo quinquennio, in cui è sorta e si è sviluppata, soprattutto nelle regioni della ex Ddr, guidata da personaggi provenienti dalla Germania Ovest, la Alternative für Deutschland, formazione nazionalista di destra che all’Est raccoglie circa un quarto dei consensi dell’elettorato. Dopo Hanau, la Spd, il partito socialdemocratico che governa a braccetto con i conservatori della Cdu di Merkel, ha definito la AfD «il braccio armato del terrorismo di destra». Parole pesanti, non senza qualche fondamento, che contribuiranno ad alzare i toni del dibattito politico nella Grande coalizione e all’interno della stessa Cdu, impegnata a trovare una nuova identità e una nuova strategia di alleanze nellera post Merkel ormai alle porte.  

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Ci mancava la stella di David sulla porta di un discendente di deportati

Il disegno del simbolo usato dai nazisti per identificare gli ebrei comparso vicino al campanello di casa di un uomo a Bologna: «Lo farò cancellare, mi si è stretta la gola». Solo l'ultimo episodio in pochi giorni dopo svastiche e scritte antisemite.

E dopo svastiche e scritte antisemite arrivò anche la stella di David. Mentre la settimana che si è aperta con il Giorno della Memoria non è ancora finita. Questa volta è successo a Bologna a un discendente di una famiglia deportata nei campi di concentramento nazisti.

IL SIMBOLO USATO PER IDENTIFICARE GLI EBREI

Quando è uscito di casa, per andare a prendere il caffè al bar come ogni mattina, ha visto sulla porta del condominio dove abita, nella prima periferia della città, un disegno col simbolo della civiltà e della religiosità ebraica che però veniva usata dai nazisti per identificare gli ebrei 70 anni fa.

«IO DISCRIMINATO, MA SONO AGNOSTICO»

Lui, un ex insegnante, ha raccontato l’episodio alla Tgr Rai dell’Emilia-Romagna: «Ho sentito il cuore battere forte, mi si è stretta la gola e mi sono chiesto “cosa devo fare?”. Io sono agnostico, quindi mi sembrava anche strano subire una discriminazione sulla base di una militanza religiosa».

SCRITTA CHE VERRÀ CANCELLATA

L’uomo ha denunciato la vicenda ai carabinieri. Ha detto che, a differenza di quanto annunciato da alcune persone che, in Piemonte, hanno trovato scritte simili, vuole far cancellare la scritta: «Ho perso nella Shoah tutta la famiglia di mio padre tranne lui».

MEROLA: «BOLOGNA NON MERITA QUESTI SCEMPI»

A esprimere lo sdegno e la condanna di tutta la città ci ha pensato il sindaco Virginio Merola: «Bologna non merita questi scempi e non rinuncerà mai a far valere la forza della memoria, la comunità ebraica è una parte importante della nostra città».

ALTRE MARCHIATURE A ROMA E CUNEO

Nei giorni precedenti sulla porta di una donna di origini ebraiche era comparsa la scritta “Juden Hier“. Ed episodi simili si sono ripetuti anche a Roma e a Cuneo. Una scritta nazista era apparsa vicino al campanello di un’iscritta all’Anpi, figlia di un partigiano.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Ancora marchiature naziste sulla casa della figlia di un partigiano

A Torino comparse due etichette con lo slogan "Sieg Heil", il simbolo delle Ss e una svastica dove abita una donna iscritta all'Anpi. Mentre una ricerca Eurispes segnala che il 15,6% degli italiani nega l'Olocausto. Così aumentano gli episodi "nostalgici" nella settimana del Giorno della Memoria.

Un’altra marchiatura di stampo nazi-fascista, e proprio nella settimana in cui si è celebrato il Giorno della Memoria. Non bastava lo spettro negazionista certificato dal Rapporto Italia 2020 di Eurispes che ha segnalato come il 15,6% degli italiani creda che la Shoah non sia mai esistita (e nel 2004 il dato corrispondeva al 2,7%): il 30 gennaio a Torino, nel quartiere Vanchiglia, è arrivato un nuovo episodio: due piccole etichette con lo slogan nazistaSieg Heil“, il simbolo delle Ss e una svastica sono state trovate sul campanello dell’appartamento di una donna iscritta all’Anpi, l’Associazione nazionale partigiani d’Italia, e figlia di un partigiano. La signora ha sporto denuncia alla Digos. L’episodio non è isolato, ma fa seguito alle scritte antisemite comparse sui muri di Torino, Mondovì, Brescia e Giaveno.

QUEL “QUI CI SONO EBREI” E LA RISPOSTA DI SALA

A Mondovì (Cuneo) avevano imbrattato la porta di casa di Aldo Rolfi, figlio di Lidia, partigiana deportata a Ravensbruck nel 1944, una delle grandi voci dell’orrore dei lager. Scrivendo “Juden hier“, “qui ci sono ebrei“, come nelle città tedesche durante il nazismo. La donna aveva vissuto lì fino alla morte, nel 1996. La via dove sorge la casa è stata intitolata proprio alla Rolfi. Tra le risposte più simboliche era arrivato il gesto del sindaco di Milano Beppe Sala, che ha appeso in solidarietà un cartello fuori dalla porta di casa che riportava “Antifa hier”, qui vive un antifascista.

View this post on Instagram

Qui vivo io.

A post shared by Beppe Sala (@beppesala) on

COLPITA ANCHE UN’ALTRA ABITAZIONE A TORINO

Sui muri di un palazzo di corso Casale, precollina di Torino, era comparsa invece la scritta “crepa sporca ebrea“, proprio dove vive una donna di origini ebree, figlia di una staffetta partigiana. Si chiama Maria e ha sporto denuncia in questura, commentando così: «Una frase terribile, soprattutto nel Giorno della Memoria. Termini vecchi, passati, che però fanno ancora male».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Wagner fascista? Sciocchezze dal podio

L'accusa del direttore israeliano Wellber non sta in piedi. Il compositore tedesco fu sì un virulento antisemita, ma morì nel 1883. Ben prima dell'avvento delle dittature in Italia e Germania. E Hitler a 17 anni fu conquistato dal Tristan eseguito da Mahler a Vienna, non dalle idee dell'artista.

Beethoven ha la partenza lenta. Questo è il suo anno – 250 dalla nascita – ma almeno per ora la routine concertistica la fa da padrona, non certo scalfita dalle stucchevoli sortite giornalistiche di inizio gennaio, che i due maggiori quotidiani hanno di comune accordo relegato nei magazine.

Così, l’evento della scena musicale italiana – in questo scorcio dell’inverno 2020 – è la singolare fiammata wagneriana della programmazione operistica.

Due nuovi allestimenti debutteranno a distanza di due giorni uno dall’altro (il 24 e il 26 gennaio): Tristan und Isolde a Bologna, Parsifal a Palermo. Fuori dall’immensa mitologia del Ring, altezze vertiginose e indiscutibili, almeno musicalmente. Non male, per il Paese del melodramma, storica culla dell’opera, nel quale le uscite dal ristretto pantheon dei numi Rossini-Bellini-Donizetti-Verdi-Puccini (a diverso livello padri della patria) sembrano sempre un po’ casuali, quasi involontarie.

LEGGI ANCHE: Tosca, una porta sull’oscurità umana

È un caso anche questa congiunzione wagneriana, naturalmente. Anche perché, per quanto si spulcino gli annuari, non si trova traccia di possibili anniversari legati a questi due drammi musicali. E si sa che gli anniversari, nell’eclisse della conoscenza, creatività e della fantasia, sono sempre più spesso la linea guida delle attività culturali in Italia.

BOLOGNA CAPITALE ITALIANA DEL WAGNERISMO

Le circostanze di queste due proposte sono peraltro assai differenti. Premesso che il rapporto di Wagner con l’Italia fu frequente, intenso e talvolta decisivo e che Venezia, da questo punto di vista, può addirittura osare definirsi una seconda patria del compositore (che vi soggiornò a più riprese e vi morì nel 1883), Bologna può vantare senza tema di smentite il titolo di capitale italiana del wagnerismo. Fu il suo teatro lirico, infatti, a tenere a battesimo in Italia numerose opere del musicista tedesco, dal Lohengrin al Tannhäuser, dal Tristan, appunto, che vi fu rappresentato nel 1888 (23 anni dopo la prima assoluta, direttore il compositore Giuseppe Martucci) per arrivare all’inizio del 1914, quando vi fu finalmente rappresentato anche Parsifal, a distanza di 32 anni dal suo debutto assoluto.

OMER MEIR WELLBER E LA SFIDA PALERMITANA

Il Comunale di Bologna, dunque, assolve a un dovere in qualche modo “storico”, prosegue una vocazione che del resto non ha mai davvero lasciato cadere. Diverso è il discorso per Palermo: qui la scelta del “dramma sacro” di Wagner per aprire la stagione del Teatro Massimo (Fondazione lirica in deciso rilancio) ha insieme il sapore di un recupero dopo 65 anni – l’ultima rappresentazione risale al 1955 – e di una sfida. Così ha sostenuto in un’ampia intervista pubblicata su La Repubblica il 18 gennaio il direttore d’orchestra israeliano Omer Meir Wellber, non ancora 40enne, che inaugura così anche la sua esperienza di direttore musicale della scena operistica palermitana.

LEGGI ANCHE: Radetzky marcia ancora

E tanto per illuminare meglio una delle questioni più calde intorno non solo a quest’opera, ma a tutta la produzione di Wagner, a precisa e non eludibile domanda («Non è difficile il rapporto di un israeliano con Wagner?») Wellber ha risposto testualmente: «Lo è per qualsiasi antifascista, dato che Wagner fu in favore del fascismo, come testimoniano i suoi scritti filosofici, inesistenti dal punto di vista del pensiero politico e vuoti nei contenuti. Ma io mi concentro solo sulla qualità straordinaria del Wagner compositore».

LA VERITÀ È CHE WAGNER FU UN VIRULENTO ANTI-SEMITA

La sciocchezza (anzi, la serie di sciocchezze, esclusa l’ultima frase naturalmente) avrebbe meritato quanto meno una puntualizzazione o una contestazione di merito da parte dell’intervistatrice. Ma questo è un altro discorso, che riguarda le condizioni del giornalismo in questo Paese. Restando a Wellber, il direttore d’orchestra avrebbe potuto, ma non l’ha fatto, ribadire una verità documentalmente e storicamente accertata, e cioè che Richard Wagner fu un virulento antisemita, un vero e proprio “odiatore” degli ebrei come dimostrano chiaramente non solo il suo vergognoso pamphlet Il giudaismo in musica, pubblicato nel 1850, ma numerosi altri suoi testi di poetica ed estetica musicale.

Che si debba considerare Wagner «favorevole al fascismo» perché Hitler lo idolatrava è tesi datata, oltre che un anacoluto storico

Invece ha preferito parlare di un suo fantomatico «favore per il fascismo», anche se si parla di un artista morto nel 1883, cioè 40 anni prima dell’apparizione dei movimenti totalitari di destra in Italia e in Germania. Avrebbe potuto spiegare se e in che misura considera Parsifal un’opera nella quale Wagner trasferisce il suo antisemitismo sul piano musicale, controverso argomento di discussione e di contrasto fra gli specialisti da molto tempo. Con più equilibrio e in maniera molto più condivisibile avrebbe potuto esprimere il suo dissenso e il suo disgusto per l’incondizionato appoggio fin dalla prima ora (anno 1923) accordato dai discendenti di Wagner a Hitler, al nazismo e all’antisemitismo.

Winifred Wagner, nuora del compositore tedesco, con suo figlio Wieland (a destra) e Hitler nel giardino di Wahnfried, la casa Wagner a Bayreuth, nel 1938 (Getty Images).

LA FOLGORAZIONE DI HITLER PER IL TRISTAN DIRETTO DA MAHLER

In Israele, la musica di Wagner resta un argomento molto sensibile, anzi critico. E questo nonostante le più recenti ricognizioni sulle testimonianze dei sopravvissuti all’Olocausto tendano a non collegare con particolare frequenza la musica wagneriana con i campi di sterminio, segnalando come fossero molto utilizzate anche musiche “leggere” degli Strauss, arie d’operetta e molto altro. Naturalmente la sensibilità dei sopravvissuti alla Shoah dev’essere solo rispettata. Sono le vittime e i testimoni di un regime totalitario e di bestiale inumanità il cui futuro leader rimase “fulminato” all’età di 17 anni dall’ascolto del Tristan a Vienna. Era il 1906, dirigeva Gustav Mahler, un ebreo che si era cristianizzato per poter accedere alla guida del Teatro dell’Opera nella capitale dell’Impero (a proposito di antisemitismo…). 

La bibliografia è sterminata, ma un punto sembra ormai acquisito: il futuro dittatore nazista fu conquistato dalla musica di Wagner e non dalle sue tesi antisemite

Ma che si debba considerare Wagner «favorevole al fascismo» perché Hitler lo idolatrava è tesi datata, oltre che un anacoluto storico. La bibliografia sul rapporto fra i due personaggi è sterminata, in Europa e negli Usa, ma un punto sembra ormai acquisito: il futuro dittatore nazista fu conquistato dalla musica di Wagner e non dalle sue tesi antisemite. E un accurato screening comparativo fra le pubblicazioni wagneriane e i discorsi di Hitler sembrerebbe dimostrare che mai quest’ultimo citò le posizioni del compositore sugli ebrei.

TRA IL DIO DI MALLARMÉ E «L’ASSOLUTA MERDA» DI AUDEN

La realtà è che 137 anni dopo la sua morte, Wagner non cessa di scatenare entusiasmo e repulsione in pari misura, oltre ogni convinzione politica, senza bisogno di pretestuosi agganci con il fascismo, il totalitarismo di destra, l’Olocausto. I poli – come ricordava ancora nel 1998 sul New Yorker il critico Alex Ross – sono «il dio Richard Wagner» di cui parlava Mallarmé e «l’assoluta merda» della definizione di W.H. Auden, successiva di qualche decennio. Wagner si ama o non si sopporta.

Il fondatore del sionismo Theodor Herzl scrisse Lo stato ebraico ascoltando ogni volta che poteva il Tannhäuser

E fra quelli che lo amano, la stragrande maggioranza è costituita da persone che nell’opera del loro compositore preferito non vedono alcun “favore per il fascismo” – perché non può esserci – e non vedono neppure antisemitismo, al di là delle interminabili controversie. Di sicuro non lo vedeva, per fare solo un esempio (anche questo citato da Ross, grande esperto del tema, sul quale a settembre pubblicherà un nuovo libro intitolato Wagnerismo), il fondatore del sionismo Theodor Herzl, che scrisse Lo stato ebraico (pubblicato nel 1896) ascoltando ogni volta che poteva il Tannhäuser. Del resto, la storia dell’interpretazione wagneriana dell’ultimo mezzo secolo vede brillare i nomi di direttori ebrei come James Levine o Daniel Barenboim, colui che in Israele ha osato sfidare la norma non scritta che ne vieta l’esecuzione in concerto (ma, curiosamente, non alla radio…). Solo le rappresentazioni palermitane di Parsifal diranno se Omer Meir Wellber può aspirare a far parte del gruppo. A prescindere dalla pregiudiziale antifascista.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Disegnata una svastica sulla targa alla partigiana Tina Costa

Un altro oltraggio alla memoria del simbolo della Resistanza, morta nel marzo del 2019.

Una svastica ha danneggiato la targa che ricorda la partigiana e sindacalista Tina Costa a Roma, nel quartiere di Cinecittà, che inaugurata 20 giorni fa ha già subito un altro atto vandalico. Il gesto «vergognoso e oltraggioso contro una protagonista della nostra Repubblica», è stato fermamente condannato dalle istituzioni locali e dal mondo della politica.

I MESSAGGI DI ZINGARETTI E RAGGI

«Tina, nessuno può dimenticare la sua incredibile tenacia e non saranno quattro idioti ad infangarne la memoria». Così su Facebook Nicola Zingaretti, segretario del Pd e presidente della regione Lazio, mentre la sindaca Virginia Raggi ha definito una «vergogna» l’atto vandalico che sarà prontamente ripulita: «È la seconda volta che la targa per la partigiana Costa viene imbrattata con svastiche. L’avevo già fatta ripulire dopo l’episodio di qualche giorno fa. Domani faremo altrettanto e abbiamo già denunciato il fatto al comandante della polizia locale chiedendo di tenere più sotto controllo la zona» , ha detto la presidente del municipio VII di Roma Monica Lozzi.

UNA VITA DA ANTIFASCISTA

«Questa mattina», hanno raccontato Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Prc-Sinistra Europea, Vito Meloni, segretario della Federazione di Roma, e Giuseppe Carroccia, segretario del circolo Luigi Longo, «i compagni del circolo Luigi Longo di Rifondazione Comunista sono immediatamente intervenuti apponendo sopra al macabro simbolo nazista un cartello con la frase di Tina che è stata vigliaccamente imbrattata: ‘Sarò in piazza fino a quando avrò l’ultimo respiro perché so di essere dalla parte del giusto e che le mie idee sono condivise da tanti’. Tina – morta il 20 marzo 2019 a 93 anni – fino all’ultimo giorno è stata una militante dell’Anpi e di Rifondazione Comunista come Gennaro Di Paola che è venuto a mancare ieri a Massa Vesuviana. Erano giovanissimi quando entrarono nelle fila della Resistenza e non hanno mai smesso di testimoniare con la loro militanza la fedeltà ai principi di libertà e giustizia sociale dell’antifascismo».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Le cose da sapere sull’inchiesta Ombre Nere e le indagini sui neonazisti

Emergono nuovi particolari sul partito di estrema destra. Nelle intercettazioni messaggi in favore di Borghezio e Bannon e il disegno per la creazione di cellule invisibili.

Nuovi inquietanti tasselli si uniscono alla complessa inchiesta Ombre Nere sulla creazione di un partito nazionalsocialista italiano su stampo di quello nazista. Secondo quanto scrive Repubblica dalle intercettazioni della Digos emergono altri particolari. Il quotidiano in particolare riporta lo stralcio di una conversazione tra le persone coinvolte: «Serve gente come Borghezio e Bannon», diceva una dei militanti, riferendosi all’ex europarlamentare della Lega e all’ex consigliere di Donald Trump.

LA VICENDA: 19 INDAGATI PER ASSOCIAZIONE EVERSIVA

A fine novembre la Procura di Caltanissetta aveva iscritto 19 persone nel registro degli indagati con l’accusa di aver costituito un nuovo fronte nazista che progettava attentati. Uno degli indagati, in un’intercettazione, spiegava: «Possiamo avere a disposizione armi e esplosivi, sforneremo soldati pronti a tutto». Le indagini, partite da Enna, hanno coinvolto diversi estremisti di destra del Nord.

L’ARSENALE IN FRANCIA E L’EX LEGIONARIO A CAPO DEL GRUPPO

Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno individuato in Francia un vero e proprio arsenale. Gli uomini della Procura di Caltanissetta, in collaborazione con la polizia d’Oltralpe, hanno trovato otto fucili, quattro revolver, una carabina, una pistola semiautomatica e due valigette con munizioni di vario calibro in un immobile della località di Saint-Dalmas-de-Tende. Le armi sequestrate erano nella disponibilità dell’ex collaboratore di giustizia Pasquale Nucera, 64enne ex legionario ed ex vice coordinatore di Forza Nuova nella provincia di Imperia, fermato sempre a fine novembre. Per chi indaga Nucera è considerato il capo dell’organizzazione svolgendo anche il ruolo di reclutatore del gruppo e si proponeva come addestratore vantando la sua passata esperienza militare. L’uomo assieme alla sua compagna aveva la disponibilità di una serie di appartamenti e appezzamenti di terreno in Francia. Nel corso dei sopralluoghi, i poliziotti hanno anche trovato una foto di Nucera vestito da Templare.

LA RETE E LE ATTIVISTE DI HITLER

Nelle carte dell’inchiesta sono spuntati anche due profili di primo piano della rete. La prima, Antonella Pavin, si faceva chiamare ‘Sergente maggiore di Hitler’ e aveva il compito di diffondere ideologie xenofobe. Quarantotto anni e residente nel Padovano, aveva affermato che «non esistevano le camere a gas» e che «ad Auschwitz e negli altri campi di concentramento c’erano le piscine». Su VKontakte, social network russo, lanciava invettive contro rom e gay. L’altra donna finita sotto i riflettori è la 36enne Milanese “Miss HitlerFrancesca Rizzi. Entrambe tenevano le fila della rete. Rizzi, ha scritto Repubblica, era in contatto con un uomo residente nel Cuneese che raccontava di essere stato un mercenario in Africa dove si occupava di «sparare alla gente e tagliare teste».

LA COSTRUZIONE DELLA CELLULA

Tra i contatti di Rizzi c’era anche il presidente di uno strano movimento operativo a Roma, “La rinascita dell’Italia“, che chiedeva a Miss Hitler due persone per un raid notturno contro la Prefettura o la sede di Equitalia: «Le facciamo saltare in aria, e non facciamo danni a nessuno». Pavin nelle varie telefonate ribadiva la necessità di creare un'”armata” perché «purtroppo esercito e forze armate sono per tre quarti fedeli allo Stato». Proprio per quello, i vertici del partito cercavano di creare in tutta Italia dei fedelissimi per creare “gruppi invisibili” di azione. In un’altra intercettazione un membro del gruppo proponeva di ingaggiare uno straniero di nazionalità marocchina per il lancio di una molotov contro una sede dell’Anpi in Liguria, affinché risultasse come unico colpevole.

LE CHAT RUSSE E L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA RETE

La maggior parte delle conversazioni si svolgevano su chat russe e su un gruppo whatsapp. Il network cercava anche di intessere una serie di legami all’estero: accreditandosi in diversi circuiti internazionali, aveva contattato organizzazioni di rilievo come “Aryan Withe Machine – C18” (espressione del circuito neonazista Blood & Honour inglese) ed il partito d’estrema destra lusitano “Nova Ordem Social“.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Smantellata rete di estrema destra: voleva costituire un partito nazista

Diciannove perquisizioni in tutta Italia: trovate anche armi ed esplosivi. Tra i coinvolti anche uno 'ndranghetista ex referente di Porta Nuova.

Volevano costituire un movimento d’ispirazione apertamente filonazista, xenofoba ed antisemita denominato “Partito Nazionalsocialista Italiano dei Lavoratori”. È quanto emerso dalle indagini della Digos di Enna e del Servizio Antiterrorismo Interno che hanno portato oggi a 19 perquisizioni in tutta Italia nei confronti di altrettanti estremisti di destra. Sempre secondo le indagini, alcuni degli accusati avevano anche fatto riferimento ad una disponibilità di armi ed esplosivi e avevano condotto attività di reclutamento attraverso i propri account social.

Tra le persone coinvolte c’è anche un pluripregiudicato calabrese, ex “legionario” ed esponente di spicco della ‘ndrangheta, con un passato da collaboratore di giustizia e già referente di Forza Nuova per il ponente ligure.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Due cosplayer vestiti da nazisti al Lucca Comics

Due giovani con costumi nazisti sono stati visti alla manifestazione fumettistica nella città toscana. L'organizzazione e il Comune prendono le distanze.

Un travestimento fuori luogo, destinato a far discutere. La Digos di Lucca ha avviato accertamenti per identificare due giovani che l’1 novembre, a margine di una delle tante iniziative di Lucca Comics, hanno posato accanto a un carro armato indossando divise dell’esercito tedesco ed esponendo al braccio una fascia ben riconoscibile delle Ss. Secondo quanto appreso, la Digos è intervenuta dopo aver ricevuto una segnalazione ma, anche per la notevole presenza di persone, non ha subito rintracciato i due che intanto si erano allontanati.

INDIVIDUATI DALLA DIGOS

La Digos li avrebbe comunque individuati e valuterà se nel loro comportamento è ravvisabile un’ipotesi di reato. Sul posto, inoltre, gli agenti hanno rintracciato altri giovani, presenti nella stessa installazione, dove c’era pure montata una tenda da campo, i quali indossavano divise ma di altre formazioni militari, forse degli alpini. Questi avrebbero spiegato alla polizia che loro intenzione era realizzare una specie di simulazione storica di epoca bellica. Il 2 novembre è circolato sul web un video dove si vede che visitatori di Lucca Comics hanno criticato i due giovani che avevano simboli delle Ss ed esponevano una bandiera militare germanica.

UNA MANIFESTAZIONE SPONTANEA

Dagli accertamenti è anche emerso che la performance non faceva parte di quelle previste dalla manifestazione ma, come molte altre durante Lucca Comics, è frutto della spontaneità dei visitatori, decine di migliaia ogni giorno. In un comunicato diffuso la sera del 2 novembre, il Comune di Lucca e Lucca Crea per Lucca Comics «prendono le distanze e condannano il comportamento dei due ragazzi apparsi nel video caricato oggi in rete, offensivo non solo per il festival e tutto il suo pubblico, ma soprattutto per la memoria storica del nostro territorio».

«NESSUNA RELAZIONE CON LA COMMUNITY COSPLAY»

La nota prosegue: «L’accaduto non è in alcun modo in relazione con il festival né con le community cosplay (che si mascherano emulando nell’apparenza personaggi di film, fumetti, ecc., ndr), né con alcuna rievocazione storica. Nessun evento della manifestazione, nessun partner, nessuna attività collaterale è coinvolta in questo gesto dei due ragazzi. Il pubblico presente ha immediatamente condannato il gesto e la security li ha prontamente allontanati dall’area». «Simili manifestazioni richiamano spettri di intolleranza e barbarie, e non ci appartengono in alcun modo», concludono Comune e organizzatori.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Dresda ha proclamato lo stato d’emergenza nazismo

Il Consiglio comunale teme per «atteggiamenti di estrema destra che arrivano fino alla violenza». Vota contro la Cdu di Angela Merkel.

Il Consiglio comunale di Dresda ha proclamato lo «stato d’emergenza nazismo». La risoluzione della città capoluogo della Sassonia motiva il ‘Nazinotstand’ con il fatto che «atteggiamenti e azioni antidemocratici, anti-pluralisti, contrari all’umanità e di estrema destra che arrivano fino alla violenza vengono apertamente alla luce a Dresda in maniera sempre più forte». La delibera è stata fortemente criticata come meramente simbolica e lessicalmente sbagliata dal partito cristiano-democratico (la Cdu della cancelliera Angela Merkel), che non l’ha votata.

LA CAPITALE DELL’ESTREMA DESTRA TEDESCA

Con la risoluzione votata dalla maggioranza del Consiglio comunale, la città della ex Ddr, simbolo della Seconda Guerra Mondiale nella quale fu devastata dai bombardamenti, si impegna perciò a rafforzare la quotidiana cultura democratica e a proteggere meglio minoranze e vittime di violenza di destra. L’atto è stato votato da Verdi, post-comunisti (Linke), Liberali (Fdp) e socialdemocratici (Spd). È a Dresda, nel 2014, che è nato il partito di estrema destra Pegida, islamofobo, xenofobo e razzista. Ed è qui che ogni anno lo stesso partito tra il 2014 e il 2015 ha organizzato delle manifestazioni settimanali frequentate da persone che intonavano slogan neonazisti. Domenica 20 ottobre si è tenuto il corteo per i cinque anni di Pegida, con decine di migliaia di persone arrivate da tutta la Germania. Ma Dresda ha ospitato marce e raduni neonazisti già prima della fondazione di Pegida, a partire dagli anni tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it