Il collo lungo delle giraffe le rende dei parafulmini su quattro zampe


Le giraffe rischiano di essere colpite dai fulmini a causa della loro altezza. A sottolinearlo una ricercatrice che ha condotto un'analisi sulle carcasse di due esemplari femmina uccisi nella riserva "Rockwood Conservation" in Sud Africa. La più grande delle due è stata colpita direttamente sulla testa, dove è stata trovata una grave frattura all'altezza degli ossiconi.
Continua a leggere

Nel 2010 abbiamo creato 20 obiettivi per salvare il pianeta: li abbiamo mancati tutti


Nel nuovo rapporto “Global Biodiversity Outlook” dell'ONU stilato dagli scienziati della Convention of Biological Diversity (CBD) è stato dimostrato che tutti e venti gli obiettivi fissati nel 2010 per salvare il pianeta sono stati mancati. La maggior parte di essi doveva essere centrata entro quest'anno, ma solo sei sono stati conquistati parzialmente.
Continua a leggere

Morti centinaia di migliaia di uccelli migratori, forse milioni: disastro “senza precedenti”


Dal mese di agosto in diverse aree degli Stati Uniti vengono avvistate numerosissime carcasse di uccelli migratori, morti in circostanze misteriose. Secondo gli esperti sono morti centinaia di migliaia (se non milioni) di esemplari, coinvolti in una moria senza precedenti. Dietro il disastro si ritiene possano esserci gli effetti dei cambiamenti climatici.
Continua a leggere

Pitone di 65 anni depone sette uova, ma non ha contatti con i maschi da almeno 15 anni


Un pitone femmina che non vede un maschio da almeno 15 anni ha deposto sette uova allo Zoo di Saint Louis. L'esemplare è il più longevo noto per essere ospitato in un giardino zoologico. Secondo gli scienziati ha sfruttato la fecondazione ritardata, trattenendo lo sperma per tutto questo tempo, oppure si è riprodotta per partenogenesi facoltativa. Ecco di cosa si tratta.
Continua a leggere

Pitone di 65 anni depone sette uova, ma non ha contatti con i maschi da almeno 15 anni


Un pitone femmina che non vede un maschio da almeno 15 anni ha deposto sette uova allo Zoo di Saint Louis. L'esemplare è il più longevo noto per essere ospitato in un giardino zoologico. Secondo gli scienziati ha sfruttato la fecondazione ritardata, trattenendo lo sperma per tutto questo tempo, oppure si è riprodotta per partenogenesi facoltativa. Ecco di cosa si tratta.
Continua a leggere

Orche attaccano barche tra Spagna e Portogallo, vari incidenti in due mesi: cosa sta succedendo


Diverse barche a vela sono state attaccate e danneggiate da alcune orche nelle acque innanzi a Spagna e Portogallo. Stando al racconto dei velisti, i cetacei inseguono e speronano le imbarcazioni, spezzando il timone e altre componenti. Gli scienziati si dicono sconcertati per questo comportamento, che potrebbe essere legato a un forte stress alimentare. Abbiamo contattato la biologa marina del Tethys Research Institute Maddalena Jahoda per un commento, ecco cosa ci ha raccontato.
Continua a leggere

I gatti positivi al coronavirus potrebbero essere molti più di quel che si crede


Effettuando test sierologici e tamponi a 102 gatti, un team di ricerca cinese ha rilevato anticorpi contro il coronavirus SARS-CoV-2 in 15 felini, dei quali 11 con anticorpi neutralizzanti. I gatti con le concentrazioni di immunoglobuline più elevate avevano un padrone affetto da COVID-19, ma fra essi figuravano anche gatti randagi. I numeri suggeriscono che i felini infettati durante la pandemia possano essere numerosi.
Continua a leggere

Tahlequah, l’orca che spinse il figlio morto per 17 giorni, è di nuovo mamma: le splendide immagini


L'orca Tahlequah che commosse il mondo intero è di nuovo mamma. Nel 2018 perse un figlio poco dopo la nascita, e lo trascinò sul "muso" per 17 giorni e 1.600 chilometri nel mare di Salish, fin quando non lasciò andare negli abissi. La sua storia mostrò quanto complessa, intensa e "umana" può essere la gestione del lutto per questi magnifici animali. Ora nuota felice accanto al suo nuovo piccolo.
Continua a leggere

L’amministrazione Trump toglierà il lupo dalle specie protette: i cacciatori preparano i fucili


La direttrice dello US Fish and Wildlife Service, Aurelia Skipwith, durante un'intervista all'Associated Press ha annunciato che la sua agenzia sta lavorando alacremente per far rimuovere il lupo grigio dall'elenco delle specie protette entro la fine dell'anno. In questo modo la gestione dei predatori passerà ai singoli stati, spalancano le porte alla caccia. È solo l'ultimo affronto alla fauna selvatica dell'amministrazione Trump.
Continua a leggere

Potentissima onda gravitazionale generata da buchi neri “impossibili”: mistero nello spazio profondo


Il 21 maggio 2019 gli interferometri LIGO e Virgo hanno intercettato una potente onda gravitazionale generata dalla fusione di due grandi buchi neri, di 65 e 85 masse solari. Il più grande dei due e quello che generato dall'incontro, da 142 masse solari, sono i primi mai scoperti con certezza in uno specifico intervallo di dimensioni. Potrebbero cambiare i paradigmi dei modelli astrofisici.
Continua a leggere

Potentissima onda gravitazionale generata da buchi neri “impossibili”: mistero nello spazio profondo


Il 21 maggio 2019 gli interferometri LIGO e Virgo hanno intercettato una potente onda gravitazionale generata dalla fusione di due grandi buchi neri, di 65 e 85 masse solari. Il più grande dei due e quello che generato dall'incontro, da 142 masse solari, sono i primi mai scoperti con certezza in uno specifico intervallo di dimensioni. Potrebbero cambiare i paradigmi dei modelli astrofisici.
Continua a leggere

Il veleno delle api distrugge le cellule del cancro al seno aggressivo: speranze per terapia


Il veleno estratto dalle ghiandole velenifere delle api è in grado di neutralizzare rapidamente le cellule tumorali del cancro seno aggressivo, come il triplo negativo per il quale esistono poche opportunità terapeutiche. Il principale composto dell'apitossina, chiamato melittina, può essere prodotto sinteticamente in laboratorio e risulta molto efficace in sinergia con un chemioterapico. I risultati dei test in laboratorio sono molto promettenti.
Continua a leggere

Disastro petrolifero a Mauritius, almeno 17 delfini trovati morti lungo la costa


Almeno 17 delfini sono stati trovati spiaggiati lungo la costa dell'isola di Mauritius, i cui abitanti sono da settimane impegnati a combattere il disastro ambientale provocato dall'incidente della nave cargo giapponese MV Wakashio. Secondo gli ambientalisti la morte dei numerosi cetacei sarebbe legata direttamente o indirettamente alla fuoriuscita della marea nera.
Continua a leggere

Cannabis agli elefanti di uno zoo per attenuare ansia, stress e aggressività dopo un lutto


In seguito alla morte della capobranco Erna, un'elefantessa di 35 anni, gli altri esemplari del suo gruppo ospitati nello zoo di Varsavia hanno iniziato a sperimentare ansia, stress e diversi comportamenti associati al lutto. Per provare a "calmarli" i veterinari hanno deciso di somministrare cannabidiolo medico, un metabolita della cannabis.
Continua a leggere

Il camoscio d’Abruzzo potrebbe estinguersi entro 50 anni


A causa del riscaldamento globale catalizzato dai cambiamenti climatici entro il 2070 la temperatura sulle montagne del Parco Nazionale del Lazio, Abruzzo e Molise potrebbe aumentare di altri 2° C, con un impatto catastrofico sulla popolazione di camosci appenninici. La variazione comporterebbe infatti una modifica nella distribuzione e nella qualità della vegetazione di cui l'ungulato si nutre, determinando una potenziale moria di tutti i cuccioli.
Continua a leggere

In Florida saranno rilasciate 750 milioni di zanzare geneticamente modificate


Dopo l'approvazione dell'Environment Protection Agency e del Florida Keys Mosquito Control District, è stato dato il via libera al rilascio di 750 milioni di zanzare geneticamente modificate nelle Florida Keys, un arcipelago della Florida dove si è stabilizzata una popolazione di pericolose zanzare della febbre gialla (Aedes aegypti). Gli scienziati sperano di distruggerla facendo diffondere geni killer.
Continua a leggere

Oggi è la Giornata Mondiale del Cane: così “Fido” migliora la nostra vita


Tutti coloro che hanno un cane sanno bene quanto questi animali riescono a regalarci gioia, amore e tenerezza a ogni "colpo" di coda. Oggi, 26 agosto, si celebra la diciassettesima Giornata Mondiale del Cane: ecco tutto quello che c'è da sapere su questa occasione e perché è giusto celebrare il legame speciale che ci lega al nostro amico a quattro zampe.
Continua a leggere

Un’altra balena con la pinna caudale mutilata avvistata nel Mediterraneo: la colpa è solo nostra


I ricercatori del Tethys Research Institute hanno avvistato un'altra balenottera comune con la pinna caudale mutilata nel nostro mare, a poche settimane di distanza dal triste incontro con "Codamozza", totalmente priva della coda. Sono sempre più numerosi gli avvistamenti di grandi cetacei con ferite e menomazioni provocate dall'impatto con navi o magari da reti da pesca abbandonate, principali cause di morte per le balenottere nel Mar Mediterraneo.
Continua a leggere