Per la guida di Mps spunta un altro candidato: Andrea Rovellini

Nelle ultime fasi del braccio di ferro tra Mef e partiti, M5s in testa, si era trovata una via d'uscita: il Tesoro rinunciava a sostenere Minali e Di Maio Selvetti. Così l'attuale Cfo del Monte Paschi avrebbe avuto la strada spianata. L'emergenza coronavirus ha però congelato ogni decisione. E ora non resta che aspettare.

Se alla fine non si fosse deciso di sospendere ogni trattativa e rimandare il deposito delle liste, così come il rinvio delle assemblee degli azionisti, oggi il Monte dei Paschi di Siena avrebbe in Andrea Rovellini il suo nuovo amministratore delegato.

Nelle ultime concitate fasi del braccio di ferro tra Tesoro e partiti, movimento 5 stelle in testa, si era infatti trovata una via d’uscita: il Mef rinunciava alla candidatura di Alberto Minali, manager di comprovate capacità nel mondo assicurativo (già direttore generale di Generali e ad di Cattolica), così come Luigi Di Maio e Riccardo Fraccaro avrebbero ritirato il loro candidato, l’ex Creval Mauro Selvetti. E Rovellini sarebbe stato il classico terzo che godeva tra i due litiganti. Ma poi la cosa ha preso un’altra piega, e per ora non ci sono né vinti né vincitori.

LA CARRIERA DI ROVELLINI DA BPM A MPS

Ma chi è Andrea Rovellini? Entrato in Mps nel gennaio 2013, a maggio 2019 è stato nominato vicedirettore generale vicario. Nel frattempo è stato responsabile della Direzione Chief Risk Officer e quindi Cfo. Laureato in Economia e Commercio a Parma, dopo alcune significative esperienze nel Gruppo Barilla in ambito controllo di gestione, amministrazione e internal auditing, dal 1990 è passato al settore bancario in Banca Popolare di Milano, dove ha rivestito ruoli di responsabilità crescente in ambito controllo di gestione e risk management sino a divenire responsabile della Direzione Pianificazione, Controllo e Risk Management. Dal 2009 al 2012 è stato condirettore generale di Profamily Spa, start-up di Bpm nel settore dei prestiti alle famiglie, con responsabilità della parte amministrativa, It, operation e risorse umane. E sempre in Bpm è stato anche membro dei Comitati di Gestione, Commerciale, Liquidità, Alm, Politiche Creditizie e Controllo Costi e del Consiglio di amministrazione di Anima Sgr.

ATTESA PER L’EMERGENZA CORONAVIRUS

Ora sia a Rovellini che a Selvetti e Minali – gli altri nomi circolati, da Fabio Innocenzi a Gianni Franco Papa passando per Marina Natale non sono mai stati davvero in gara – non resta che attendere che la curva dell’emergenza coronavirus cominci a scendere e si tornino a prendere decisioni.

Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Il Mef posticipa le assemblee delle partecipate. Mps compresa

Lo staff del direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera sta predisponendo un testo che potrebbe essere licenziato tra l'11 e il 12 marzo e che dovrebbe prevedere l’obbligo di far slittare – si ipotizza di un mese – la riunione dei soci delle quotate per approvare il Bilancio 2019 e, in molti casi, per rinnovare i vertici.

A via XX Settembre, dal 10 marzo blindata con accessi vietati a chiunque se non espressamente autorizzato, stanno lavorando a un decreto ad hoc per posticipare le assemblee degli azionisti delle società quotate che si devono svolgere prossimamente, probabilmente tutte quelle fissate nel mese di marzo (nessuna di rilevante) e aprile, che sono diverse. A cominciare da quella del Monte dei Paschi fissata per il 6 aprile.

Si tratta di un appuntamento che di solito porta a Siena diverse centinaia di persone provenienti da tutta Italia: impossibile che con le restrizioni da coronavirus si possa autorizzare un simile assembramento. Stesso problema per l’assemblea di Poste, fissata per il 16 aprile: non è partecipata come quella del Paschi, ma certo coinvolge molte decine di persone. Per questo lo staff del direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera sta predisponendo un testo che potrebbe essere licenziato tra l’11 e il 12 marzo e che dovrebbe prevedere l’obbligo di far slittare – si ipotizza di un mese – la riunione dei soci delle quotate per approvare il Bilancio 2019 e, in molti casi, per rinnovare i vertici.

Questo consentirà per Mps di scavallare la data di venerdì 13 per la presentazione delle liste per il cda, cosa che avrebbe costretto Tesoro e partiti a trovare la quadra sui nomi entro la serata di giovedì 12. Meglio pertutti, visto che il braccio di ferro sull’amministratore delegato non è terminato. A questo proposito la scelta rimane ferma tra l’ex ad di Cattolica Alberto Minali e l’ex del Credito Valtellinese, Mauro Selvetti, mentre è destituita di fondamento l’ipotesi riportata ieri da un quotidiano, che in pista ci siano anche Fabio Innocenzi e Franco Papa.

Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Padoan punta alla Bers, ok dei 5 stelle solo con Selvetti a Mps

Pur di portare a Siena il manager dell'ex Credito Valtellinese, Di Maio ha proposto al Pd uno scambio: bloccare la candidatura di Minali sponsorizzato dal Mef, per ottenere il via libera del M5s all'ex ministro dell'Economia in Europa. Per ora i dem hanno risposto picche. Ma il nodo si scioglierà solo nel cda di giovedì.

C’è un ex ministro che tiene banco nella travagliata scelta del nuovo amministratore delegato del Monte dei Paschi di Siena.

Si tratta di Pier Carlo Padoan, già titolare dell’Economia nei governi Renzi e Gentiloni, che non contento del seggio alla Camera conquistato nel 2018 ora vuole andare alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers), scalando uno dei posti più ambiti nel mondo delle istituzioni finanziarie internazionali.

Ma per puntare a quella prestigiosa poltrona, l’economista piddino che è stato direttore esecutivo per l’Italia del Fmi e vicesegretario generale dell’Ocse, non deve affrontare solo la temibile concorrenza della direttrice generale del Tesoro francese Odile Renaud-Basso, ma anche la possibile ostilità dei 5 stelle, che minacciano di individuare un altro candidato italiano (anche se non hanno in mano un nome all’altezza).

LO SCAMBIO PROPOSTO DA DI MAIO AL PD

Cosa c’entra in tutto questo la scelta del successore di Marco Morelli in quel di Siena? Semplice: come ha raccontato Lettera43.it, Luigi Di Maio (ma non tutto il Movimento) vuole a tutti i costi che si nomini un manager poco conosciuto, Mauro Selvetti, ex Credito Valtellinese, in questo scontrandosi con il Tesoro, che invece vuole l’ex ad di Cattolica ed direttore generale di Generali, Alberto Minali. Posizione, quest’ultima condivisa sia dal ministro Roberto Gualtieri sia dal direttore generale di via XX Settembre, Alessandro Rivera. Ed ecco che Di Maio, dimostrandosi un lottizzatore che non ha nulla da invidiare ai vecchi Dc di una volta, ha detto al Pd: se mi date via libera a Selvetti, bloccando Gualtieri e il Tesoro, noi diamo luce verde a Padoan alla Bers; viceversa mettiamo il veto. Il Pd ha respinto lo scambio proposto dal ministro degli Esteri e punta a far valere il fatto che se salta Padoan non ci sarà un altro italiano, ma un (anzi, una) francese. Ma si tratta di vedere se saprà resistere fino in fondo, cioè fino a giovedì quando il nodo Mps andrà definitivamente sciolto per poter presentare in tempo utile la lista dei candidati al cda della banca, che terrà l’assemblea degli azionisti il 6 aprile (coronavirus permettendo).

Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Mps, i grillini divisi fanno muro su Selvetti

Il manager semisconosciuto sponsorizzato da Di Maio non convince. Un po' perché il M5s dovrebbe stare fuori dalla grande spartizione dei partiti, un po' perché sarebbe meglio puntare su una figura con un'esperienza più consolidata.

C’è maretta nel Movimento 5 stelle intorno alla scelta del candidato per la delicata posizione di amministratore delegato del Monte dei Paschi di Siena.

L’idea di Luigi Di Maio, sostenuta solo formalmente dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, di sponsorizzare il nome del semisconosciuto Mauro Selvetti non piace a molti grillini. Specie a quelli che in parlamento occupano (o hanno occupato) posizioni apicali nelle più importanti commissioni di tipo economico: dal presidente della commissione Bilancio al Senato, Daniele Pesco, a Carla Ruocco, che alla Camera ha lasciato la presidenza della commissione Finanze per andare a guidare la commissione di inchiesta sulle banche.

La contestazione potrebbe anche assumere caratteri evidenti, specie ora che ha funzionato l’imboscata preparata a Nicola Grimaldi, candidato (vicino a Di Maio) a succedere a Ruocco e battuto dal fuoco amico, grazie ai franchi tiratori, da Raffaele Trano, nella squadra dei grillini potenziali “responsabili”.

LA RIVOLTA DEL M5S NELLA CORSA PER LE NOMINE IN MPS

Tra chiacchiere alla buvette e giri vorticosi di Whatsapp, la rivolta si basa su due punti. Primo: il movimento deve star fuori dalla grande spartizione che si sta profilando, nella quale la scelta dei vertici della travagliata banca senese è solo il primo appuntamento, altrimenti i 5 stelle finiranno per confondersi con tutti gli altri partiti perdendo le loro primigenie caratteristiche. Secondo: nel merito, non si può portare avanti per una posizione così delicata un signore privo del curriculum adatto e dell’esperienza necessaria. In effetti Salvetti, 60 anni, ha lavorato esclusivamente al Credito Valtellinese, e per di più nell’area della gestione del personale. Nel 2018 era poi stato nominato, sempre al Creval, amministratore delegato e direttore generale, ma l’incarico è durato solamente 8 mesi perché gli stessi azionisti che lo avevano scelto per succedere a Miro Fiordi gli hanno dato il benservito, preferendogli il ben più titolato Luigi Lovaglio (top manager di Unicredit).

A DECIDERE DOVREBBE ESSERE IL MEF

I contestatori non indicano un nome alternativo a quello di Salvetti – in queste ore ne sono girati parecchi – ma suggeriscono che di queste cose si debba occupare il ministero del Tesoro, titolato formalmente e anche sostanzialmente a scegliere, se non l’intero cda del Paschi, almeno l’amministratore delegato.

Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Perché la mossa di Intesa su Ubi fa male al Monte dei Paschi di Siena

L'Ops lanciata dal gruppo di Carlo Messina apre lo scenario del risiko bancario più rivoluzionario degli ultimi 40 anni. Per Mps due destini: o diventa di "interesse nazionale" e arriva lo Stato, o il Tesoro lo svende a qualche straniero.

La scalata del gruppo Intesa SanPaolo, primo istituto di credito del Paese, su Ubi Banca, terzo player italiano, deve preoccupare lo Stato italiano, principale azionista di Monte dei Paschi di Siena. No, non è un gioco di parole per confondervi ancora di più. Ma l’Ops (Offerta pubblica di scambio) lanciata dal gruppo presieduto da Carlo Messina apre lo scenario del risiko bancario più rivoluzionario degli ultimi 40 anni.

VERSO LA DISINTEGRAZIONE DI BANCHE MALCONCE

Quello che porterà alla disintegrazione delle banche malconce e probabilmente un ritorno al passato con qualche grande banca (anch’essa malconcia) in mano pubblica perché di «interesse nazionale».

UNICREDIT PUNTA OLTRE LE ALPI

Proviamo a ragionare semplice. Se Intesa è interessata a Ubi si chiude la porta di una probabile fusione tra il gruppo diretto da Victor Massiah ed Mps. Se Unicredit ha avviato un piano di ridimensionamento della sua presenza nel nostro paese (6 mila dipendenti in esubero e 450 filiali da chiudere), è chiaro che il suo orizzonte è oltre le Alpi.

BPER NON HA LIQUIDITÀ PER ALTRE OPERAZIONI

Se Bper ha bisogno di un aumento di capitale da un miliardo di euro e deve acquistare circa 500 sportelli di Ubi a due milioni di euro cadauno, non credo che abbia liquidità per altre operazioni e comunque la sua presenza sul territorio tricolore sarebbe già eccessiva.

BMP RIFIUTA FUSIONI E VA AVANTI DA SOLO

Se il titolo del banco Bpm continua a perdere valore in Borsa perche gli analisti vedono male una probabile fusione con Mps, allora ecco che l’amministratore delegato Giuseppe Castagna ha ribadito che il gruppo, reduce da una fusione importante, andrà avanti con un piano stand-alone.

E INTANTO SCATTANO LE VENDITE DEL TITOLO MPS…

E quindi? Quindi il derelitto Monte dei Paschi di Siena ha due probabili destini: o diventa una banca di «interesse nazionale» con controllo pubblico oppure il Tesoro, spiazzato dall’Ops promossa da Intesa su Ubi Banca, deve svenderlo a un gruppo straniero. E intanto sono scattate le vendite del titolo in Borsa.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Anche Mps nel giro delle nomine: Morelli verso l’uscita

Il dossier Monte dei Paschi spicca sul tavolo di Gualtieri. L'orientamento che sarebbe maturato al Mef e tra le forze della maggioranza è quello di un radicale cambiamento. A cominciare dall'ad voluto da Renzi. Con lui è destinata a lasciare pure la presidente Stefania Baratti.

C’è anche Monte dei Paschi di Siena (Mps) nel giro delle prossime nomine.

Tra Eni, Enel, Leonardo, Poste e tanto altro, finora della banca senese non si è ancora parlato come una delle scadenze che entro la metà di aprile porteranno decine e decine di candidati a essere scelti per i consigli di amministrazione e i collegi sindacali delle società che a vario titolo sono considerabili pubbliche o semi-pubbliche.

Eppure al Tesoro, sui tavoli del ministro Roberto Gualtieri e del direttore generale Alessandro Rivera, spicca il dossier Monte dei Paschi.

I PIANI DEL TESORO E DELLA MAGGIORANZA

L’orientamento che sarebbe maturato a via XX Settembre, ma anche tra le forze politiche di maggioranza, è quello di un radicale cambiamento. A cominciare da Marco Morelli, l’amministratore delegato che fu voluto da Matteo Renzi (con Pier Carlo Padoan ministro), il cui piano industriale era stato giudicato troppo ambizioso, financo velleitario. Tanto che l’esecutivo sarebbe intenzionato a mettervi mano. Insomma, l’istituto è ancora nelle secche: deve cedere una grande quantità di crediti in sofferenza, e a fronte dei costi limati (poco) non c’è stato un aumento dei ricavi.

ALLA RICERCA DEL SUCCESSORE DI MORELLI

Ma con Morelli è destinata a lasciare anche la presidente Stefania Bariatti, mentre l’approdo in Cdp di Antonino Turicchi libererà anche il posto di vicepresidente. Così come, tra i consiglieri, lascerà Nicola Maione, che già deve tentare di mantenere la presidenza dell’Enav, in scadenza. Ma anche Maria Elena Cappello, Salvatore Fernando Piazzolla, Roberto Lancellotti, Roberta Casali, Angelo Riccaboni, Michele Santoro e Fiorella Kostoris hanno poche chance di essere rinominati. Quanto al successore di Morelli, girano diversi nomi di banchieri, ma nessuno è dato in pole position. La ricerca è aperta.


Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

I flop dello Stato investitore e quella nostalgia per l’Iri

Da Monte dei Paschi ad Alitalia, passando per l'interventismo di Cassa depositi e prestiti: usare le casse pubbliche per salvare l'economia nazionale in Italia si è rivelato un pessimo affare.

«In un momento in cui dobbiamo proteggere la nostra produzione industriale e le imprese, se serve torneremo all’Iri», ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli il 26 novembre.

Evocando l’Istituto per la ricostruzione industriale creato dal governo Mussolini nel 1933 per far fronte alla crisi bancaria e industriale seguita al crac del 1929, che poi nel Dopoguerra diventò il pivot della ricostruzione post bellica e l’artefice del miracolo economico.

Di miracoli, però, lo Stato ne ha fatti pochi quando ha messo il cappello dell’investitore in testa al ministero del Tesoro.

IL MONTE DEI PASCHI, PESSIMO AFFARE PER LO STATO

L’esempio più lampante è il Monte dei Paschi di Siena, dove il Mef è ancora azionista con quasi il 70%. Entro dicembre dovrà spiegare alle autorità europee come intende uscire dal capitale da qui al 2021, scadenza fissata dagli accordi presi in cambio del via libera alla ricapitalizzazione precauzionale nel 2017. Il problema è che ai corsi attuali lo Stato perde oltre 4,5 miliardi sui 5,39 versati due anni fa per salvare Rocca Salimbeni.

SIENA 25-01-2013 Piazza Salmbeni sede centrale di Mps (foto Riccardo Sanesi/LaPresse).

L’obiettivo era quello di scendere dal Mps in fretta e senza farsi troppo male ma di cavalieri all’orizzonte ancora non se ne vedono e anche la soluzione studiata al momento dai tecnici di via XX settembre sembra complicare la exit strategy perché contempla l’ipotesi di scindere i crediti deteriorati di Mps girandoli ad Amco, la ex Sga al 100% del Tesoro, a un prezzo però più vicino al 47% dei conti di Mps che a prezzi di mercato.  

IL BUCO NERO DI ALITALIA

Alle perdite del Monte di Stato, si aggiungono poi i 900 milioni concessi dal governo Gentiloni all’Alitalia che è in rosso per circa 600 milioni. Anche in questo caso una soluzione di mercato non si vede all’orizzonte e nel triangolo tra il M5s, il Mise e i commissari qualcuno avrebbe suggerito un intervento di Fs – che sono appunto dello Stato – per accollarsi la compagnia, come per l’Anas.

Una nazionalizzazione di Alitalia costerebbe almeno 600 milioni all’anno

Altra ipotesi sarebbe una pubblicizzazione strisciante, con il prolungamento del commissariamento e ulteriori finanziamenti pubblici. Il decreto fiscale ha stanziato 400 milioni, ma la Ue ha fatto sapere che questi soldi possono essere erogati solo se si fa la Newco che comprerebbe Alitalia. La Newco però non c’è, perché non c’è l’offerta di Fs & C. Una nazionalizzazione di Alitalia costerebbe almeno 600 milioni all’anno.

GLI INTERVENTI DI CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Lo Stato deve poi fare i conti con gli investimenti della controllata Cassa depositi e prestiti che ad aprile 2018 è entrata nel capitale di Tim, di cui oggi ha il 9,9%. Il raddoppio della quota ha consentito di ridurre i valori di carico in bilancio rispetto al 5% che era stato acquistato nel 2018 a prezzi di gran lunga superiori a quelli che il titolo sconta oggi in Borsa. La partecipazione è iscritta a bilancio a 722 milioni (0,48 euro per azione con il titolo Tim che oggi viaggia attorno a 0,56 euro) ma la Cassa resta comunque fuori dalla gestione, in attesa di risolvere il conflitto d’ interessi che ha con Open Fiber.

Giuseppe Conte parla durante il 170esimo anniversario di Cassa depositi e Prestiti (foto Valerio Portelli/LaPresse).

Dall’ultimo bilancio di Cdp saltano inoltre all’occhio i minori profitti delle partecipate (-13,4% a 587 milioni). Al 30 giugno il valore delle partecipazioni è sceso a 20,29 miliardi (20,39 miliardi a fine 2018) dopo aumenti di capitale (72 milioni), rivalutazioni (620 milioni soprattutto legati a Eni e Poste) e svalutazioni (37 milioni, tra cui Trevi e Open Fiber), con 644 milioni di dividendi distribuiti.  

ENTRATI PIÙ DI 3 MILIARDI IN CEDOLE NELLE CASSE PUBBLICHE

Il Tesoro si consola, infatti, con le cedole. Grazie a quelle staccate dalle principali controllate, lo Stato italiano nel 2018 ha incassato più di tre miliardi di euro. Tra le quotate, in particolare, Enel ha versato 568 milioni di euro, Eni ha dato 126 milioni di euro al Mef e 747 milioni a Cdp. Enav ha staccato cedole per 53 milioni e Leonardo per 24,44, mentre Poste italiane ha dato 160 milioni al Tesoro e 192 a Cdp. Tra le aziende non quotate, invece, la più ‘pesante’ è sempre Cassa depositi e prestiti che ha corrisposto un dividendo di 1,1 miliardi di euro, mentre Ferrovie dello Stato ha staccato una cedola di 150 milioni di euro. Tra le altre, 2,2 milioni di euro fanno capo a Consip e 20 milioni a Sogei.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Monte dei Paschi di Siena, condannati a 7 anni Mussari e Vigni

I vertici della banca ritenuti colpevoli per le operazioni irregolari usate per finanziare l'acquisizione di Antonveneta.

Il Tribunale di Milano ha condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere Giuseppe Mussari, a 7 anni e 3 mesi Antonio Vigni e a 4 anni e 8 mesi Gian Luca Baldassarri, ex vertici di Monte dei Paschi di Siena tra gli imputati per le presunte irregolarità nelle operazioni effettuate dalla banca senese tra il 2008 e il 2012 per coprire le perdite dovute all’acquisizione di Antonveneta. I giudici hanno anche condannato Daniele Pirondini, ex direttore finanziario di Rocca Salimbeni a 5 anni e 3 mesi.

CONFISCHE PER 150 MILIONI DI EURO A NOMURA E DEUTSCHE

Il Tribunale ha disposto confische per un importo complessivo di oltre 150 milioni di euro nei confronti di Deutsche Bank AG, compresa la filiale londinese, e Nomura, imputate a Milano in qualità di enti, nel processo sul caso Mps, a carico tra gli altri degli ex vertici Vigni, Mussari e Baldassarri. I giudici della seconda sezione penale hanno anche condannato i due istituti di credito a sanzioni pecuniarie da 3 milioni di euro ed oltre. Nel processo sono stati condannati tutti gli imputati, sia persone fisiche che giuridiche. (

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it