Lotito vuole Blandini direttore generale della Lega calcio

Nei piani del patron della Lazio il dg Siae, in buoni rapporti con l'entourage del ministro Spadafora, dovrebbe poi prendere il posto dell'ad De Siervo. Alla candidatura del manager sono però contrari molti club di serie A, a partire da Inter, Torino e Juve.

Claudio Lotito, il vulcanico presidente di una Lazio lanciata verso sommi traguardi, sta per fare un altro dei suoi proverbiali gol nei palazzi del potere calcistico. 

Lotito infatti è seriamente intenzionato a portare in Lega Calcio un habitué del mondo politico romano: il 58enne Gaetano Blandini, oggi direttore generale della Siae e per anni il mandarino che ha distribuito dalla sua poltrona al ministero dei Beni Culturali i fondi per il cinema e il teatro

LE MIRE SULLA POLTRONA DI DE SIERVO

Dovrebbe essere lui poi, nei disegni del patron della Lazio, a prendere il posto, come amministratore delegato della Lega, del renziano Luigi de Siervo, un passato in Rai e voluto in Infront da Marco Bogarelli, ma in scadenza tra qualche mese e inviso soprattutto alle grandi squadre. Lotito in questo modo si garantirebbe il controllo della Lega, visti anche i suoi buoni rapporti con il neo-presidente Paolo dal Pino, in un momento delicato con aperte tutte le partite per il rinnovo dei diritti televisivi. 

LEGGI ANCHE: Coni, la Bestia di Malagò costa 5 milioni

MOLTI CLUB CONTRARI AL PIANO DI LOTITO

La candidatura di Blandini trova però molti club di serie A, a partire da Inter, Torino e Juve, totalmente contrari. Il manager è visto come un burocrate avulso dai problemi dello sport e troppo identificato con il giro romano che fa capo a Salvo Nastasi, ieri con Matteo Renzi oggi segretario generale ai Beni culturali con Dario Franceschini. Più facile forse per Lotito vincere lo scudetto che piazzare Blandini, è la battuta che gira nei corridoi degli uffici milanesi della Lega in via Rossellini, anche se l’attuale dg Siae vanta uno stretto rapporto con gli uomini dell’entourage del grillino Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it