La storia di Chiara, sorda dalla nascita: “Con l’ironia abbatto i pregiudizi sulla disabilità”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Chiara: "Sono nata sorda e non si sa perché. La patologia si chiama precisamente ipoacusia neurosensoriale neurovegetativa. Da due anni ho l’impianto cocleare, ma la mia disabilità non deve creare né disagio né compassione. Apritevi alle diversità perché fanno parte della vita, ogni diversità è unica, tutti siamo diversi".
Continua a leggere

La lettera di Martina, 16 anni: “Il Covid non ci deve ammutolire, combatterlo è la priorità”


"Il Covid-19 ha creato dentro me una tale confusione tanto che da circa sei mesi ho smesso di espormi, cosa che invece prima facevo" scrive Martina, una ragazza di 16 anni, che si è rivolta a Fanpage.it per esprimere il proprio pensiero: "Non permettiamo a questa situazione di zittirci. Non possiamo stare con le mani in mano, non possiamo permettercelo".
Continua a leggere

Mascherine a scuola, la pedagogista: “Ecco perché è importante che i bambini la indossino sempre”


La pedagogista Paola Cantalamessa spiega perché è importante che gli alunni delle scuole primarie indossino le mascherine anche quando sono seduti al banco: "L’obbligo della mascherina è necessario. Dobbiamo garantire il funzionamento della scuola in una condizione più possibile di normalità e preservarla da un’altra chiusura generalizzata che provocherebbe danni formativi  ai bambini ed economici alle famiglie".
Continua a leggere

La lettera degli Stagisti In Sospeso: “Meno tirocini col Covid, meno posizioni aperte, uguale disoccupazione”


La lettera a Fanpage.it degli “Stagisti in Sospeso”, un gruppo formato da stagisti provenienti da tutta Italia. "Siamo nati durante la pandemia, con l'obiettivo di dar voce alla nostra categoria, troppo spesso ignorata dai media e dalla politica. Vi scriviamo per fornirvi alcuni dati su come il Covid-19 abbia determinato una brusca frenata del nostro futuro...".
Continua a leggere

“Non moriremo solo di Covid-19, ma anche di fame e psicologicamente. Ma possiamo uscirne…”


La lettera di Elena, studentessa 21 anni a Fanpage.it. Non moriremo solo di Covid-19, moriremo anche di fame. Non moriremo solo di Covid-19, moriremo anche psicologicamente e pochi ne parlano. Non possiamo più solamente additare un colpevole che identifichiamo in un ‘Governo-Leviatano’. Possiamo farcela anche noi se solo imparassimo ad ascoltare e ad essere più onesti con noi stessi.
Continua a leggere

“Sono una ragazza di 17 anni e ho bisogno di andare a scuola: non voglio arrendermi al Covid”


Ci scrive Giusy, una ragazza che l'anno prossimo dovrà sostenere l'esame di Maturità: è a casa come molti altri studenti obbligati alla didattica a distanza. "La scuola non si fa davanti ad un computer; i bambini hanno bisogno di stare in classe, di socializzare di conoscere ed imparare… e noi? Noi non abbiamo il diritto di goderci gli ultimi anni di superiori?"
Continua a leggere

La lettera di un docente: “Troppe incognite sulla regole a scuola, come lo spiego ai miei ragazzi?”


La lettera di Marco Moschini, professore italiano, a Fanpage.it in vista della riapertura della scuola in programma il prossimo 14 settembre in Italia, seppur con le dovute differenziazioni regionali: "Come lo spiego ai ragazzi? Sono un insegnate preoccupato ma felice che la scuola riparta in presenza tra pochi giorni. Possiamo anche cercare di nascondere alla vista la polvere della nostra ipocrisia, sapendo che i giovani non ne comprendono fino in fondo i dettagli, ma loro hanno occhi di lince e la individuano al volo".
Continua a leggere

“Il Coronavirus si è portato via mio marito. Ragazzi, divertitevi: ma non siate incoscienti”


Alessandra ha perso suo marito a causa del Coronavirus a Marzo. Nella lettera alla nostra redazione si rivolge direttamente ai giovani. "Divertitevi pure, ma non regalate la vostra vita e quella degli altri a quel farabutto di virus. Cavolo, ragazzi, in fondo vi si chiede solo di mettere una mascherina e non una camicia di forza".
Continua a leggere

Nubifragio di Palermo, la lettera di Dalila: “Intrappolata nell’auto che imbarcava acqua”


A Fanpage la lettera di Dalila, una dei tanti siciliani rimasti intrappolati in auto nel mezzo di una strada allagata, lo scorso 15 luglio, quando nel Palermitano si è abbattuto un violento nubifragio. "Ci hanno murati vivi in mezzo all’acqua senza nessun avvertimento, tutto questo solo perché mancava un vigile che ci avvertisse che la strada era chiusa. Tutto questo per la scarsa manutenzione dei condotti fognari della città di Palermo. Non deve più accadere".
Continua a leggere

“Anche a me hanno chiesto di “scalare” i 600 euro dal compenso: ma non esiste, quei soldi sono miei”


Matteo ha 25 anni e fa il geometra. Anche a lui è stato richiesto di scalare dal compenso mensile i 600 euro degli aiuti di Stato per l'emergenza Covid: "Il trattamento è aberrante e deprimente. Mi è stato richiesto di avvisarli dell'eventuale riscossione del bonus partite Iva, così da poterlo detrarre nelle successive fatture. Negherò di averli ricevuti quei soldi. Quei soldi sono miei, non avete alcun diritto di appropriarvene"
Continua a leggere

“I parchi presi d’assalto, ma io e i miei amici multati: siamo in uno stato di polizia?”


"In un momento di crisi, sanitaria ed economica come questo, pare assurdo multare sette ragazzi di 400 euro che mantengono le distanza e hanno i dispositivi. Confidiamo nel fatto che ci si trova in uno stato libero, fondato su una costituzione, e non in uno stato di Polizia, dove la sanzione è arbitraria e, malignamente, si potrebbe pensare che ad una certa età e con un determinato schieramento politico, si possa essere “al di sopra della legge”.
Continua a leggere

La richiesta dell’italiano a Londra: “Governo riapra confini per le persone nella mia situazione”


Ci scrive Elia, cittadino italiano residente all’estero. "Ho scritto a Regione, ministero degli Esteri, ministero degli Interni, Farnesina, Protezione Civile e Presidenza del Consiglio. Tutti mi hanno dato risposte vaghe. Chiedo solo di poter rivedere i miei genitori, così come molte altre persone nella mia stessa situazione".
Continua a leggere

“Il governo non è in grado di tutelare le imprese, così perdiamo sacrifici fatti in tanti anni”


Ci scrive Pablo, titolare di una microimpresa che lavora nel campo della grafica e della stampa digitale: "Stiamo vivendo una guerra sociale guerra sociale, che non vede perdere solo vite umane sul campo, ma anche morire attività imprenditoriali con conseguente perdita dei posti di lavoro. Io mi sento solo e come me tante altre persone".
Continua a leggere

“Mia mamma si è ammalata di Coronavirus: è un’infermiera, ha fatto turni di 16 ore al giorno”


Ci scrive Francesca, una ragazza di 19 anni che non vede la sua famiglia ormai da tempo. Sua madre lavora alla di Casa di Riposo Pietro Zangheri di Forlì, purtroppo qualche giorno fa è risultata positiva al Covid 19. "Mi ha chiamato per dirmi: 'Scusa Francesca se non sono più lì a combattere per loro, ma appena potrò tornerò ad aiutarli'".
Continua a leggere

Maturità 2020, per gli esterni la prova slitta a fine emergenza: “Il nostro futuro è a rischio”


Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di Giulia: "Sono una candidata esterna per la maturità 2019/2020. I candidati interni possono essere valutati per via telematica, potendo fare gli esami a giugno e quindi senza ripercussioni per il loro futuro. I candidati esterni invece, devono essere valutati in presenza, slittando tutto a fine epidemia. Il nostro futuro è a rischio. Non possiamo perdere un anno per colpe che non abbiamo o per decreti che non ci considerano".
Continua a leggere

“Io picchiata e umiliata ‘in quanto donna’: vi racconto la mia vita in una famiglia bigotta”


Rosaria (nome di fantasia) ha scritto a Fanpage per raccontare a quali abusi fisici e psicologici è stata sottoposta dalla sua famiglia 'in quanto donna'. 'Picchiata, derisa, umiliata e obbligata ai lavori di casa fin da piccolissima, mentre i miei fratelli maschi oziavano. "Se qualcuno si chiede per quale motivo non me ne sono andata di casa alla maggiore età, pregherei di leggere attentamente la mia storia".
Continua a leggere

Venezia nei giorni del Coronavirus: “La quarantena l’ha resa una bellezza mozzafiato”


Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore veneziano. In questi giorni di emergenza per il Coronavirus, l'atmosfera che si respira in un posto normalmente assediato dai turisti è "surreale" scrive Marco. Ma ci mette anche "davanti agli occhi la fragilità di un’economia monopolizzata dal turismo. La politica dovrebbe trarne un insegnamento importante..."
Continua a leggere

“Noi studenti Erasmus dobbiamo restare dove siamo: tornare in Italia ora è troppo rischioso”


Scrivono a Fanpage due studentesse in Erasmus a Madrid, città tra le più colpite al mondo dal Coronavirus. Carlotta e Alessia non condividono le accuse dei loro colleghi bloccati a Barcellona contro lo Stato italiano: "In questo momento è molto più sicuro stare dove si è. Noi abbiamo avuto assistenza, non ci sentiamo abbandonate".
Continua a leggere

“Qui in carcere impossibile tenere distanze di sicurezza, non dimenticateci, non meritiamo la morte”


Un gruppo di detenuti scrive a Fanpage.it: "Le carceri sono una bomba pronta a esplodere. Non possiamo mantenere le distanze di sicurezza. Bisogna intervenire al più presto. Abbiamo sbagliato nelle nostre vite e paghiamo con la privazione della libertà, ma non possiamo pagare con la morte. Non dimenticateci".
Continua a leggere

Coronavirus, Valentino, 18enne cinese: “Cara Italia non mollare, ce la farete”


A Fanpage.it, la lettera di Valentino, 18enne cinese: "In Cina, non è stato facile, io son stato più di un mese bloccato a casa da solo ed ho trascorso il mio 18esimo compleanno in solitudine, non è stato facile. Ho visto tante persone che venivano caricate nelle ambulanze con forza la forza. Cara Italia, noi ne siamo usciti, ma ce la farete anche voi".
Continua a leggere

Coronavirus, una docente: “Noi prof nel caos più totale: abbandonati sulle lezioni on-line”


Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una docente che racconta la confusione che regna in periodo di coronavirus nella scuola. Dalle piattaforme da usare per le lezioni a distanza, alle difficoltà per verifiche e voti, dalla mancanza di comunicazioni chiare e univoche ai problemi legati agli alunni con deficit: "Siamo circondati dal delirio".
Continua a leggere

Coronavirus, Franca malata di cancro: “Morirò perché non mi curano più a causa del Covid-19”


Drammatica lettera giunta a Fanpage di una paziente di cancro al quarto stadio: "Dovevano chiamarmi dall'ospedale Niguarda di Milano, ma sono in attesa a causa dell'emergenza coronavirus. È giusto creare malati gravi di serie A e di serie B? La mia vita non importante come quella delle persone affette da Covid-19?"
Continua a leggere