La produzione industriale in Germania continua a calare

Secondo i dati dell'istituto di statistica tedesco Destatis nell'ultimo mese dell'anno la frenata è stata del 3,5% rispetto a novembre e addirittura del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2018.

La produzione industriale in Germania è crollata a dicembre 2019 del 3,5% rispetto a novembre e del 6,8% rispetto a dicembre 2018. Lo ha reso noto l’istituto di statistica tedesco Destatis, aggiungendo che nel settore delle costruzioni il calo è stato dell’8,7%.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Germania, la crisi dell’acciaio che ferma anche l’Italia

Al siderurgico legata anche la crisi dell’auto. Per i dazi di Trump, la concorrenza dalla Cina e la conversione green dell’Ue. Il cuore della Ruhr è malato: migliaia di cassintegrati agli altiforni.

Anche i grandi soffrono. La crisi dell’acciaio mette a rischio migliaia di posti di lavoro, anche in Germania, soprattutto nei bacini siderurgici della Saarland e della Ruhr contesi nella Prima guerra mondiale per le risorse minerarie e per le industrie pesanti. Ma il cuore europeo delle acciaierie soffre di una «pressione immensa» allertano i vertici dei metalmeccanici (Ig Metall) del Nord Reno-Vestfalia. Le condizioni di mercato, per diversi fattori concomitanti, sono reputate «molto difficili» anche dai vertici del gruppo Nirosta che entro la fine del 2021 programma di abbattere 373 posti di lavoro, in primo luogo negli stabilimenti della Saarland. Nel 2012 Thyssenkrupp cedette il ramo Nirosta ai finlandesi di Outokumpu, che evidentemente non ritengono più redditizio produrre in Germania. Ma non è una questione di stranieri: anche Dillinger e il gruppo Saarstahl, aziende con secoli di storia nel Land, hanno annunciato 1500 esuberi in tre anni.

MENO 4% DI PRODUZIONE DI ACCIAIO

Monta aria di smantellamento tra gli altiforni tedeschi: un comparto di 80 mila addetti siderurgici, 22 mila dei quali nella Saarland, 45 mila in Nord Reno-Vestfalia, diverse altre migliaia in Land come l’Assia. Le acciaierie più grandi reggeranno, ma cambiando radicalmente impianti e lavorazioni. Al costo di miliardi di euro di riconversione e di migliaia di posti di lavoro persi. Nel 2019 in Germania si è prodotto il 4% dell’acciaio in meno dello stesso del 2018. E da settembre parte dei lavoratori della Saarstahl sono in cassa integrazione, come da marzo in Assia alla Buderus Edelstahl che ha cancellato 150 posti di lavoro. Il comparto non migliorerà nel 2020: per l’anno fiscale da settembre 2019 a settembre 2020, l’ammiraglia Thyssenkrupp ha preannunciato una perdita netta «significativamente più elevata», considerato che il bilancio di quest’anno si è chiuso con 304 milioni di euro di perdita netta, rispetto ai 62 milioni del 2018.

Germania crisi acciaio auto Italia
Il monumento alle miniere della Saarland. GETTY.

DALLA SIDERURGIA IL 6% DI EMISSIONI CO2

Così per il 3 dicembre è annunciata in Nord Reno-Westfalia una mobilitazione dei lavoratori di Thyssenkrupp. Contro il «circolo vizioso», dicono, che si trascina dietro anche la grave crisi dell’auto. La tagliola dei dazi di Donald Trump sull’acciaio dall’Ue (con la minaccia di dazi ancora più pesanti sulle auto, e ogni auto ha circa un quintale di acciaio) ha aggravato la contrazione. Già in atto a causa dell’import di acciaio a basso costo – soprattutto dalla Cina -, e del processo di automazione anche nell’industria pesante. Non ultimo, grava l’adeguamento agli obiettivi dell’Ue di emissioni zero e di decarbonizzazione entro il 2050 dell’Ue: alla lunga, l’onere più grande per la siderurgia che da sola in Germania causa il 6% delle emissioni Co2 (il 2,5% gli altiforni di Duisburg, nella Ruhr). Angela Merkel ci punta molto: ha appena approvato un piano per il clima di 100 miliardi entro il 2030, che se da un lato dà incentivi anche alle acciaierie per pulirsi, dall’altro ne uccide il comparto e gli indotti.

Per diventare a emissioni zero Thyssenkrupp stima una spesa di 10 miliardi di euro, anche nella ricerca

PRODURRE ACCIAIO GREEN COSTA MOLTO

Thyssenkrupp è il primo della branca a cavalcare la rivoluzione green lanciata dall’ultimo governo della cancelliera: entro il 2050 il gruppo intende dichiararsi clima neutrale. Ma per ridurre a zero l’impatto delle emissioni nocive per l’ambiente, nel siderurgico bisogna sostituire tutti gli altiforni a carbone con altiforni a idrogeno, facendoli lavorare con fonti di energia rinnovabili. Il colosso di Essen stima una spesa di 10 miliardi di euro, anche nella ricerca, per la trasformazione: senza aiuti statali impossibile anche per multinazionali del suo calibro. Tanto più che per Paesi come la Germania attingere dal solare per smantellare le centrali a carbone è più difficile e costoso. Produrre acciaio internamente resterà poi sempre oneroso anche per il costo del lavoro, più alto che negli stabilimenti in Cina sempre più grandi e numerosi. E come se non bastasse nel 2019 si è arrivati a un surplus di acciaio nel mondo, anche per il calo di produzione delle auto a causa delle minori richieste.

Germania crisi acciaio auto Italia
Le scorie durante la produzione dell’acciaio Thyssen negli altiforni di Duisburg. GETTY.

ANCHE LE TUTE BLU DELL’AUTO IN SCIOPERO

La Saarland è pronta a diventare una «regione modello per la produzione di acciaio a emissioni zero». Ma il governo locale guidato dalla Cdu di Merkel chiede che una «protezione del settore a livello nazionale», anche attraverso un pressing nell’Ue per una riesame delle clausole di salvaguardia a freno delle importazioni di acciaio a basso costo. L’agitazione cresce anche nel settore dell’auto: a novembre a Stoccarda, nella capitale tedesca dell’auto, hanno dimostrato in 15 mila dai colossi Daimler, Audi, Bosch e dagli altri gruppi dell’indotto. Ig Metall stima piani di ristrutturazione per 160 aziende del ramo, solo nel Baden-Württemberg: il governo (Verdi e Cdu) del Land – ricco ma legato all’export di auto – ha convocato a settembre i rappresentanti di categoria e il governo. Anche per ridiscutere i parametri della cassa integrazione e per chiedere aiuto al ministero del Lavoro. E se si ferma l’indotto tedesco dell’auto e dell’acciaio, si blocca anche l’indotto italiano.

PIÙ TASSE  E MENO AUTO E ACCIAIO. ANCHE IN ITALIA

Tutte le case automobilistiche investono massicciamente in auto elettriche e a guida autonoma. Il contraltare, come nel siderurgico, è tagliare il costo del lavoro in stabilimenti dove gli operai sono sostituiti da robot. D’altronde i 100 miliardi della Grande coalizione vanno in premi all’acquisto di veicoli elettrici, in riduzioni nei biglietti dei mezzi pubblici meno inquinanti come i treni, e in investimenti per spingere l’energia da fonti rinnovabili, che in Germania sono soprattutto parchi eolici. Tutte spese finanziate dai rincari alle tariffe per le emissioni Co2 nei trasporti e nell’edilizia (per i quali saranno introdotte certificazioni) e dagli aumenti sul consumo di benzina e diesel. Mentre ai costruttori si impongono quote obbligatorie di auto elettriche e sul territorio si piantano stazioni di ricarica. Tempi più verdi, ma molto più grigi per l’industria pesante tedesca che produrrà magari dell’acciaio più pulito. Ma che di sicuro produrrà meno acciaio.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Quanto pesa la possibile chiusura dall’ex Ilva sull’indotto

L'addio di Arcelor Mittal avrebbe ricadute pesantissime, tra grandi appalti e piccole imprese. Più di 4 mila i posti a rischio, sommati agli oltre 10 mila del polo pugliese. Mentre sul Pil si stima un impatto annuo negativo di 3,5 miliardi di euro. Lo scenario.

Chi pensa alle conseguenze di un possibile addio di Arcelor Mittal dovrebbe fare i conti almeno due volte. A rischio infatti non ci sono solo i 10.700 mila posti di lavoro dell’ex Ilva di cui 8.200 a Taranto, ma anche quelli dell’indotto (lo Svimez stima un bacino totale di oltre 15 mila persone), senza parlare del giro d’affari che l’ex Ilva muove nella nostra economia. Nella città pugliese e in tutta Italia.

A RISCHIO I POSTI DELL’INDOTTO, DIRETTO E INDIRETTO

Si comincia con gli addetti dell’indotto. Secondo i sindacati ce ne sono circa 4 mila che lavorano ogni giorno negli stessi stabilimenti dell’azienda. A loro andrebbe poi aggiunto un numero imprecisato di dipendenti di piccole e piccolissime imprese che nessuno si è mai preoccupato di censire. Si occupano per lo più delle lavorazioni classiche del settore metalmeccanico (dai tubi alle saldature, dalle torniture agli impianti elettrici) svolte in larga parte dal personale di pmi del territorio circostante.

LEGGI ANCHE: L’ex Ilva è la punta dell’iceberg della crisi dell’acciaio europeo

Che cosa accadrà a queste aziende e a questi lavoratori se Arcelor Mittal si ritirerà? L’esperienza anche recente non promette niente di buono. «Durante la gestione commissariale dell’Ilva», racconta a Lettera43.it il responsabile della Fim-Cisl per l’indotto, Vincenzo Castronuovo, «si erano accumulati ritardi nei pagamenti ai fornitori, specie i più piccoli, che si ripercuotevano sui loro dipendenti. Alcuni sono stati mesi senza stipendio. Dall’inizio di quest’anno, invece, appena un paio di mesi dopo l’accordo con Arcelor Mittal, la situazione si è normalizzata. Ma ora temiamo un nuovo passo indietro». 

Una veduta aerea dello stabilimento dell’Ilva di Taranto.

DAGLI APPALTI AI SERVIZI: I CONTRATTI A RISCHIO

L’impatto di tutto questo si aggira grosso modo sull’1,5% del Pil di Taranto. Molto meno del 3% stimato per gli Anni 90, d’accordo, ma pur sempre una percentuale pesante. Le conseguenze, inoltre, non si fermano alla città. La famosa copertura del complesso, per esempio, è stata affidata alla Cimolai, società di Pordenone con 3 mila dipendenti. Metalmeccanica a parte, un colosso come l’Ilva richiede tanti servizi, dalle pulizie alla mensa, che impegnano in gran parte personale esterno. La gara per la ristorazione, per esempio, è stata vinta dal gruppo milanese Pellegrini (oltre 8 mila dipendenti, non solo in Italia). Un amaro assaggio di quello che potrà accadere è stato il licenziamento, l’8 ottobre, di 130 dei 201 lavoratori della ditta di servizi Castiglia di Massafra che operava proprio nell’indotto.

LE RIPERCUSSIONI SULL’INDUSTRIA ITALIANA

C’è poi da considerare l’effetto sull’industria nazionale di una eventuale cessazione della produzione di acciaio a Taranto. L’odierna disponibilità di questo materiale a costi molto più bassi che in passato a livello mondiale (è uno dei problemi dell’ex Ilva, che anche per questo perde 2 milioni al giorno) suggerisce che altri produttori siano pronti a rifornire le nostre fabbriche a prezzi non superiori a quelli praticati oggi dallo stabilimento pugliese. Del resto già oggi, a causa della riduzione della produzione di Taranto, una buona parte dell’industria italiana soddisfa all’estero (Germania e Turchia, anzitutto) il suo fabbisogno.

LEGGI ANCHE: Chi è Lucia Morselli, amministratore delegato di ArcelorMittal Italia

Ma non c’è solo il prezzo. La puntualità delle consegne è forse anche più importante. Far arrivare le lastre da impianti di produzione che si trovano a migliaia di chilometri di distanza non è la stessa cosa che averle a tre o quattro giorni di navigazione. I prezzi bassi di oggi, infine, potrebbero non conservarsi tali domani. In un mondo che vede crescere le tensioni e la minaccia dei dazi, anche la vulnerabilità dell’industria italiana è un tema da mettere sul piatto della bilancia.  

LA CHIUSURA DI TARANTO AVREBBE UN IMPATTO DI 3,5 MILIARDI

Uno scenario quantificato dallo Svimez secondo cui l’impatto annuo sul Pil della chiusura degli stabilimenti ex-Ilva sarebbe, considerando gli effetti diretti, indiretti e indotti, di 3,5 miliardi di euro, di cui 2,6 miliardi concentrata al Sud (in Puglia) e i restanti 0,9 miliardi nel Centro-Nord. La contrazione dell’economia sarebbe dello 0,2% a livello nazionale e dello 0,7% nel Mezzogiorno. A risentirne sarebbero le esportazioni (-2,2 miliardi) ma anche i consumi delle famiglie (-1,4 miliardi), considerando il significativo impatto del venir meno degli stipendi degli addetti dello stabilimento, dell’indotto diretto e degli effetti occupazionali del rallentamento dell’economia.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Whirlpool ritira la procedura di cessione per lo stabilimento di Napoli

Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, in un video su Facebook: «Primo passo per una soluzione definitiva». Ma i sindacati avvertono: «C'è tempo fino a marzo». Confermati manifestazione e sciopero generale dei metalmeccanici.

La Whirlpool intende ritirare la procedura di cessione per lo stabilimento di Napoli. La notizia è ufficiale e arriva dal ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, con un video su Facebook.

Whirlpool Napoli, ho una notizia importante da darvi. Collegatevi

Posted by Stefano Patuanelli on Wednesday, October 30, 2019

Per Patuanelli «è un primo passo, certamente il più importante» per uscire definitivamente dallo stallo. Perché ora «ci sono nuovamente le condizioni per sedersi a un tavolo con l’azienda e i lavoratori», con l’obiettivo di trovare una «soluzione industriale anche con l’impegno del governo».

La svolta, inattesa, si è concretizzata a poche ore dall’avvio della procedura di cessione e alla vigilia di una grande manifestazione dei sindacati, che si sono dati appuntamento a Napoli giovedì 31 ottobre.

Patuanelli ha ringraziato espressamente proprio i lavoratori della Whirlpool: «Abbiamo ottenuto questo risultato grazie al loro impegno costante e alla loro manifesta volontà di continuare a lavorare in quello stabilimento».

Dopo aver pubblicato il video su Facebook, il ministro ha spiegato che la revoca della procedura di cessione «fa si che ci sia una possibilità di ricominciare a produrre». La segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ha commentato: «È una notizia molto positiva. Ora c’è il tempo per un buon progetto e perché l’azienda rimanga a Napoli e continui la produzione».

La mobilitazione dei sindacati è comunque confermata: «La Fim apprende con soddisfazione la decisione della Whirlpool, ma avverte che c’è tempo fino a marzo per una soluzione. La manifestazione a Napoli e lo sciopero generale dei metalmeccanici sono confermati», ha detto infatti il segretario generale della federazione, Marco Bentivogli.

Anche perché Whirlpool, ha aggiunto, «conferma il progressivo calo di mercato e la volontà di cessione resta solo rinviata a inizio 2020. Non siamo alla soluzione, ma guadagnare tempo prezioso è utile e bisogna ringraziare i lavoratori di Napoli e di tutto il gruppo che non si sono mai rassegnati».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it