Nina Moric: “Spero Fabrizio Corona non deluda Carlos, tutto il resto è pura finzione”


"Non ho mai capito se le amassi veramente", ha detto Fabrizio Corona delle sue ex nell'intervista al settimanale Chi, in cui l'ex re dei paparazzi ha parlato molto di suo figlio e del suo ruolo di padre, ma non solo. A rispondere è stata con alcuni commenti sui social Nina Moric, madre di Carlos: "Ma lui non ama nemmeno se stesso, ecco perché non riesce ad amare nessuno. Purtroppo mi dispiace tantissimo per lui perché alla fine è un uomo solo."
Continua a leggere

Fabrizio Corona è stato di nuovo scarcerato

L'ex paparazzo è affetto da un disturbo psichiatrico borderline con tendenze narcisistiche ed episodi depressivi. Deve essere curato in una clinica.

Di nuovo fuori dal carcere, per la terza volta nel giro di pochi anni. Fabrizio Corona è nuovamente libero perché i fatti per cui è stato condannato, compresi i tentativi d’estorsione in cambio di foto scandalose, «non destano un allarme sociale» particolarmente significativo e non c’è una «pericolosità» da parte sua tale da richiedere che stia comunque dentro. Corona, inoltre, soffre di una «patologia psichiatrica» che va curata e che si è aggravata dietro le sbarre e per questi motivi dalla sera del 6 dicembre l’ex ‘re dei paparazzi’ è passato da San Vittore a un istituto di cura vicino a Monza.

PENA DIFFERITA

Lo ha deciso il giudice della Sorveglianza di Milano Simone Luerti che ha concesso, infatti, all’ex agente fotografico, anche sulla base di una sentenza della Corte Costituzionale di aprile, il «differimento pena» nella cosiddetta «forma umanitaria» e così la sconterà, per ora (il fine pena è previsto nel marzo 2024), in detenzione domiciliare nel luogo di cura, da dove non potrà uscire. Le relazioni psichiatriche dell’equipe di San Vittore hanno segnalato, infatti, un patologico progredire di disturbi di una personalità borderline, associati a tendenze narcisistiche e a episodi depressivi (che si sono manifestati anche in passato e di cui si era parlato), con l’indicazione che Corona non reggerebbe più il carcere e inizierebbe già a essere resistente alle terapie farmacologiche.

NON PUÒ ESSERE CURATO IN CARCERE

Per il magistrato, in sostanza, come si legge nel provvedimento, ci sono tutte le «condizioni soggettive e oggettive» per consentire all’ex ‘fotografo dei vip’ di curarsi fuori dal carcere e ai domiciliari in un istituto, anche perché la patologia di cui soffre «non può essere curata adeguatamente» in una casa di reclusione. Il differimento pena con detenzione domiciliare è stato concesso, comunque, al momento «in via provvisoria» e poi spetterà a un collegio di magistrati ed esperti della sorveglianza confermare o meno la decisione. Nell’udienza ancora da fissare, la procura generale milanese, che più volte ha ottenuto la revoca dell’affidamento terapeutico per ripetute violazioni (tra cui apparizioni in tivù) che era stato concesso all’ex agente fotografico per tossicodipendenza, potrebbe opporsi alla prosecuzione dei domiciliari, applicati sulla base della sentenza della Consulta che permette il differimento pena anche per malattie mentali e non solo fisiche.

UN PROGRAMMA DI CURE IMPORTANTE E SERIO

D’ora in poi, come è stato spiegato dall’avvocato Ivano Chiesa che assiste l’ex ‘fotografo dei vip’ assieme al legale Antonella Calcaterra, Corona dovrà sottoporsi «a un programma di cure importante e serio». Chiesa, infine, ha voluto aggiungere: «Ringraziamo il magistrato di Sorveglianza per la sensibilità dimostrata, sono contento per Fabrizio, è la terza volta che esce dal carcere e mi auguro sia quella definitiva perché non è il posto per lui, malgrado tutti gli errori che ha commesso non è un criminale e ora deve curarsi».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Fabrizio Corona in carcere per altri nove mesi

Per i giudici del Tribunale di Sorveglianza, l'ex fotografo deve scontare nuovamente dietro le sbarre il periodo trascorso in affidamento terapeutico. La difesa: «Siamo basiti, faremo ricorso».

Nessuno sconto per Fabrizio Corona, che ha ricevuto un’altra brutta notizia dal Tribunale di Sorveglianza di Milano. I giudici hanno infatti annullato i nove mesi che l’ex fotografo aveva passato in affidamento tra febbraio e novembre 2018, stabilendo che dovrà di nuovo scontarli e stavolta in carcere. Corona è tornato in galera a marzo e il suo fine pena, inizialmente previsto per l’autunno del 2022, si allunga ancora. Il suo avvocato, Ivano Chiesa, ha commentato così la decisione del Tribunale di Sorveglianza: «Sono basito, senza parole. Faremo ricorso».

Alla fine di aprile i giudici hanno revocato l’affidamento terapeutico concesso a Corona per curarsi dalla dipendenza dalla cocaina, a causa di una serie di violazioni. Scontare la pena dietro le sbarre del carcere di San Vittore, per il Tribunale di Sorveglianza, è la soluzione più «adeguata», visto che l’ex fotografo si è dimostrato incapace di seguire le prescrizioni del programma di cura. I giudici avevano tuttavia “salvato” il periodo febbraio-novembre 2018, ritenendolo valido. Dopo un ricorso della procura generale, la Cassazione ha annullato con rinvio e il 12 novembre è arrivato il verdetto bis, che ha accolto la tesi dell’accusa.

Corona, in quel periodo del 2018, sebbene fosse sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale non avrebbe comunicato, come previsto dalle norme, variazioni sul patrimonio e redditi incassati. Tesi contestata dalla difesa, che ha ricordato come per la vicenda dei soldi nascosti nel controsoffitto l’ex fotografo sia stato assolto nel merito e condannato a sei mesi solo per un diverso illecito fiscale. I proventi derivanti dagli interventi televisivi, tuttavia, per la Cassazione rappresentano reddito d’impresa e Corona li avrebbe occultati facendoli fatturare dalla società Athena.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Per i giudici Corona deve scontare in carcere nove mesi

I giudici hanno annullato il periodo di affidamento. L'ex re dei paparazzi deve stare in cella, dove è detenuto da marzo 2019. La difesa: «Impugneremo la decisione».

Fabrizio Corona deve tornare (o meglio restare) in carcere. Così ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano che ha annullato i nove mesi di pena trascorsi dall’ex “re dei paparazzi” in affidamento, tra febbraio e novembre 2018, stabilendo che deve scontarli un’altra volta e in cella, dove Corona tra l’altro è detenuto di nuovo da marzo 2019.

I SUOI AVVOCATI PRONTI A IMPUGNARE LA DECISIONE

L’avvocato Ivano Chiesa, che assiste Corona assieme al legale Antonella Calcaterra, ha commentato a caldo: «Sono basito, senza parole. Impugneremo la decisione in palese contrasto, tra le altre cose, con una sentenza di assoluzione» sul caso dei contanti nel controsoffitto.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Fabrizio Corona rischia il processo per il falso flirt Brozovic-Wanda

L'ex fotografo dei vip scrisse che Mauro Icardi e la moglie si stavano separando a causa del tradimento con il compagno di squadra dell'Inter. Il 18 dicembre la prima udienza davanti al gup. Che deve decidere se rinviarlo a giudizio.

La procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per diffamazione per Fabrizio Corona. Il 18 dicembre l’ex fotografo dei vip deve presentarsi all’udienza preliminare davanti al gup, che ha il compito di decidere se mandarlo o meno a processo. Al centro della questione è un articolo uscito sul sito web The King Corona Magazine in cui si raccontava di un presunto flirt tra il calciatore dell’Inter Marcelo Brozovic e Wanda Nara, moglie e manager dell’ex capitano nerazzurro Mauro Icardi, passato nell’estate 2019 in Francia al Paris Saint-Germain.

PER CORONA ANCHE UN ALTRO PROCESSO CONTRO SELVAGGIA LUCARELLI

Il magazine di Corona, tornato in carcere nel novembre del 2018 dopo che gli è stato prima sospeso e poi revocato l’affidamento terapeutico, azzardava anche una separazione nella coppia Nara-Icardi per via del presunto tradimento. Brozovic aveva subito smentito e presentato denuncia contro Corona. Già a settembre 2018 il gip di Milano aveva disposto l’iscrizione nel registro degli indagati dei nomi di autori e testate che pubblicarono la voce del presunto flirt tra Brozovic e Wanda Nara. Il 20 dicembre 2019, poi, per Corona inizia un altro processo per diffamazione nei confronti della giornalista Selvaggia Lucarelli: l’ex fotografo dei vip avrebbe offeso la reputazione della giornalista quando il 17 giugno 2018 in tivù disse: «Io penso che abbia accanimento e frustrazione contro di me e anche un po’ di gelosia perché non ci sono mai stato. Sono anni e anni che vuole il mio corpo e io non glielo do». Su Instagram disse ancora: «È ossessionata da me».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it