Ok dell’Uefa al rinvio degli Europei di calcio al 2021

Manca solo l'ufficialità: si giocherà a giugno dell'anno prossimo. Champions ed Europa League verso le final four.

Rinviare l’Europeo di calcio in programma quest’anno a giugno 2021. È la proposta avanzata dall’Uefa alle 55 federazioni nazionali europee nel corso della riunione per l’emergenza coronavirus. Lo apprende l’Ansa da fonti di una delle federazioni e lo conferma la Bbc. L’obiettivo della proposta è consentire la conclusione dei vari campionati nazionali.

GIORNATA DECISIVA PER IL CALCIO EUROPEO

La giornata del 17 marzo si annuncia come decisiva per l’Europeo ma anche per Champions ed Europa League. Il programma è fitto. Attorno alle 13 s’è conclusa una prima riunione fra la Uefa, l’Eca (l’associazione dei grandi club guidata dal presidente della Juventus, Andrea Agnelli) e l’European Leagues, che rappresenta le leghe. Nel pomeriggio è in programma una seconda riunione, fra la Uefa e le 55 federazioni associate. Poi è previsto che si riunisca il Comitato esecutivo della Uefa, che dovrebbe decidere sul rinvio dell’Europeo.

CHAMPIONS ED EUROPA LEAGUE VERSO LE FINAL FOUR

Quanto alle coppe europee, la soluzione più quotata è una formula accorciata, con il completamento degli ottavi di Champions, i quarti in gara secca e una final four con le semifinaliste a Istanbul. Stesso format per l’Europa League, dove verrebbero recuperate con gara secca in campo neutro gli ottavi di Inter e Roma, e la finale a quattro si disputerebbe a Danzica.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Euro 2020, per l’Italia ci sono Turchia, Svizzera e Galles

La prima partita inaugurale sarà con i turchi, il 12 giugno alle 21 all'Olimpico di Roma.

Sarà Italia-Turchia la partita inaugurale degli Europei 2020. Si giocherà all’Olimpico di Roma il 12 giugno alle 21. Nel gruppo A della fase finale degli Europei 2020 oltre all’Italia e alla Turchia ci sono anche Svizzera e Galles.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Come funziona il sorteggio per l’Europeo di calcio 2020

Dalla suddivisione in fasce al fattore campo: così prende forma la prima edizione itinerante nella storia. Per l'Italia i pericoli maggiori sono Francia e Portogallo. La guida completa.

È tutto pronto per il sorteggio dell’Europeo di calcio 2020. Per la prima volta, la competizione continentale per nazionali sarà itinerante: apertura all’Olimpico di Roma venerdì 12 giugno, chiusura a Wembley (dove, oltre alla finale, si disputeranno anche le semifinali) il 12 luglio. In mezzo altre 10 città ospitanti. Ecco le cose da sapere sul sorteggio in programma sabato 30 novembre 2019 a Bucarest (diretta tv su Sky).

COME SONO DIVISE LE FASCE E COME SI FORMANO I GRUPPI

I gironi sono sei. Al sorteggio accedono le prime due classificate nei 10 gironi di qualificazione e le quattro vincenti degli spareggi in programma a marzo 2020: una tra Islanda, Bulgaria, Ungheria, Romania (Spareggio A); una tra Bosnia, Slovacchia, Irlanda, Irlanda del Nord (B); una tra Scozia, Norvegia, Serbia, Israele (C); una tra Georgia, Macedonia del Nord, Kosovo, Bielorussia (D). Le 24 squadre sono divise in quattro fasce. Eccole, di seguito.

FASCIA 1FASCIA 2FASCIA 3FASCIA 4
BelgioFranciaPortogalloGalles
ITALIAPoloniaTurchiaFinlandia
InghilterraSvizzeraDanimarcaVinc. Spareggio A
GermaniaCroaziaAustriaVinc. Spareggio B
SpagnaOlandaSveziaVinc. Spareggio C
UcrainaRussiaRep. CecaVinc. Spareggio D
  • In grassetto, le nazioni ospitanti. Altre quattro (Romania, Scozia, Irlanda e Ungheria) sono coinvolte negli spareggi.

CHI RISCHIA DI INCROCIARE L’ITALIA DI MANCINI

L’Italia – come si vede dalla tabella – è testa di serie, reduce da un girone di qualificazione a punteggio pieno (unico caso col Belgio). Tuttavia, il meccanismo di fasce non mette la nazionale di Roberto Mancini al riparo da rischi concreti. Il peggiore dei gironi possibili riserverebbe all’Italia la Francia campione del mondo (in seconda fascia), il Portogallo di Cristiano Ronaldo e il Galles di Aaron Ramsey e Gareth Bale. L’Italia può pescare una tra Francia, Polonia, Svizzera e Croazia; una tra Portogallo, Turchia, Austria, Svezia e Repubblica Ceca; e come quarta Finlandia o Galles.

COME FUNZIONA IL FATTORE CAMPO E CHI NE BENEFICIA

Alle nazionali ospitanti è già stato assegnato automaticamente il proprio girone. L’Italia è nel gruppo A; Russia e Danimarca nel B; l’Olanda nel C; l’Inghilterra nel D; la Spagna nell’E; la Germania nel gruppo F. In caso di qualificazione, la Romania è destinata al gruppo C, la Scozia al D, l’Irlanda all’E e l’Ungheria all’F. L’Italia disputa in casa (all’Olimpico) le tre gare del girone, come anche Olanda, Inghilterra, Spagna e Germania e Danimarca. La Russia, invece, ne gioca due – come ha stabilito un sorteggio -, essendo nel girone con la Danimarca. Anche Romania, Scozia, Irlanda e Ungheria disputerebbero in casa due partite nel caso in cui si qualificassero. Dopo i gironi, si passa agli scontri diretti. Si qualificano agli ottavi le prime due e quattro migliori terze.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it