La tempesta Dennis infuria sul Nord Europa, 3 morti nel Regno Unito. E minaccia anche l’Italia


La tempesta Dennis sta mettendo in ginocchio la Gran Bretagna, dove ha fatto già 3 morti e sono in corso più di 300 avvisi per possibili alluvioni a causa della pioggia e del vento forte, e in Francia, dove 60mila famiglia sono rimaste senza elettricità e si segnalano disagi al traffico ferroviario. In Italia il passaggio del super ciclone poterà già oggi pioggia sulle regioni settentrionali fino alla Liguria e all'Alta Toscana.
Continua a leggere

Bloccato in fila in aeroporto, il tweet dell’inglese è virale: “Non è la Brexit che ho votato”


Lo sfogo social di un cittadino britannico alle prese con i primi effetti della Brexit è diventato virale online scatenando migliaia di commenti sull’argomento. L'uomo, fiero sostenitore dell'Uscita del Regno Unito dall'Ue, è rimaso boccato ai controlli allo scalo di Amsterdam e si è lamentato: "Questa non è la Brexit per la quale ho votato!".
Continua a leggere

Quante infrazioni Ue ha l’Italia e quanto ci costano

Le procedure aperte da Bruxelles nei nostri confronti sono 83. Ben 24 dall'inizio di questa legislatura. La maggior parte riguardano l'ambiente. E in sette anni abbiamo pagato 550 milioni di sanzioni. Il punto.

Un’Italia sempre più in fuorigioco con le regole europee. È costante l’aumento dei rilievi provenienti da Bruxelles con un peso per le casse pubbliche di oltre 500 milioni di euro negli ultimi sette anni.

Non solo: il rischio è che il quadro peggiori nei prossimi mesi con altri 18 provvedimenti ad appesantire il fardello. I numeri sono impietosi: le procedure di infrazione dell’Unione europea a carico di Roma sono salite a 83 a gennaio, 24 in più rispetto all’inizio di questa legislatura.

Nemmeno il cambio di maggioranza ha stoppato la deriva. Certo, con l’arrivo al ministero per gli Affari europei di Vincenzo Amendola si è registrata una frenata del problema, senza comunque portare a un’inversione di tendenza.

IN SETTE ANNI 550 MILIONI DI SANZIONI

Ma cos’è la procedura di infrazione? È uno strumento di diritto dell’Ue per garantire il rispetto delle norme, incluso il recepimento delle direttive europee che forniscono un quadro legislativo su determinati temi agli Stati membri, chiamati così a legiferare, rispettando quella cornice normativa fornita da Bruxelles. Le procedure possono essere aperte su vari settori: dall’ambiente alla giustizia, dalla concorrenza all’agricoltura. Insomma, un mare magnum di questioni.

LEGGI ANCHE: La sentenza della Corte Ue contro l’Italia sui debiti della Pa

I Paesi inadempienti, se sanzionati al termine del contenzioso, sono costretti a pagare una multa variabile in base alla gravità dell’inadempienza. Il mancato rispetto delle regole comunitarie è costato all’Italia, dal 2012 a oggi, 550 milioni di euro di sanzioni. Al fianco delle procedure ci sono i cosiddetti Eu-Pilot, uno scambio di informazioni tra la Commissione europea e gli Stati membri che indicano delle criticità. Una sorta di avviso su una possibile procedura di infrazione.

L’ITALIA HA AL MOMENTO 83 INFRAZIONI APERTE

La sottosegretaria agli Affari europei, Laura Agea, ha fornito i dati ufficiali durante un question time in commissione Politiche dell’Unione europea alla Camera. All’inizio della legislatura l’Italia aveva un passivo di 59 infrazioni aperte e 57 EU-Pilot. Oggi la situazione è di 83 infrazioni aperte, 66 per violazione del diritto dell’Unione e 17 per mancato recepimento di direttive, e 53 Eu-Pilot. All’orizzonte non si scorge niente di buono. «Nei prossimi mesi», ha confermato Agea, «si potrebbero verificare 18 nuove potenziali aperture di procedure di infrazione per mancato recepimento».  

LE PROCEDURE APERTE: DALL’AMBIENTE ALLA SICUREZZA

Nella lunga lista dei rilievi dell’Unione spiccano mancanze su temi ambientali (21 le procedure aperte a riguardo) come la «non conformità alla direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane», la «non corretta attuazione della direttiva relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale» per le «mappe acustiche strategiche», e la «cattiva applicazione della direttiva relativa alla qualità dell’aria» sul «superamento dei valori limite di PM10 in Italia». Non solo. C’è anche una vecchia questione politica: la «compatibilità comunitaria della Legge Gasparri con la direttiva quadro sulle reti e servizi di comunicazione elettronica». E ancora: sul fronte sicurezza emerge il «mancato recepimento delle Decisioni del Consiglio riguardanti il potenziamento della cooperazione transfrontaliera soprattutto con riferimento alla lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera». Per non tacere della «mancata ottemperanza alla direttiva sulla lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile». Oltre all’ambiente, i punti più dolenti per l’Italia sono fiscalità e dogane (13 infrazioni), i trasporti (9) e concorrenza e aiuto di Stato e giustizia (5).

NEL MIRINO LA LENTEZZA CON CUI VENGONO ATTUATE LE LEGGI

Le responsabilità sono da attribuire al «ritardo accumulato nella prima parte della legislatura» ma anche a qualche lentezza sull’attuazione delle leggi. Per il ministero guidato da Amendola infatti «le ragioni di questo progressivo aggravamento sono molteplici ma la più importante riguarda il ritardo dell’iter di adozione delle ultime leggi di delegazione europea e legge europea». Il Consiglio dei ministri ha così licenziato il disegno di legge di delegazione europea qualche giorno fa, lo scorso 23 gennaio, passando ora la parola al parlamento.

LEGGI ANCHE: Agricoltori, tra Inps e Agea l’ennesima beffa della burocrazia

La sottosegretaria Agea ha provato comunque a fare professione di ottimismo: «Considerando gli aspetti positivi, a maggio, sono ipotizzabili 11 chiusure di procedure per violazione del diritto dell’Unione e due chiusure di procedure per mancato recepimento». Inoltre «delle sei procedure aperte il 23 gennaio, cinque riguardano deleghe inserite nella legge di delegazione europea 2018 e la sesta deve essere attuata con norma diretta inserita nel disegno di legge europea 2019-2020. Altre sei chiusure potrebbero verificarsi relativamente ad altrettante direttive la cui delega alla trasposizione è contenuta sempre nella legge di delegazione europea 2018», ha sottolineato.

A PESARE IL PASSAGGIO DAL CONTE 1 AL CONTE 2

L’aumento delle procedure va quindi addebitato in gran parte al primo governo Conte, anche a causa della guida incerta del ministero degli Affari europei: dopo le dimissioni di Paolo Savona nel marzo 2019, c’è stato l’interregno dell’interim assunto dal presidente del Consiglio, fino all’approdo al dicastero, il 10 luglio, di Lorenzo Fontana. Ma il leghista non ha avuto nemmeno il tempo di assumere il controllo: ad agosto c’è stata la crisi di governo. Di conseguenza, a settembre scorso, poche settimane dopo l’insediamento del Conte 2, il numero di infrazioni contestate all’Italia era salito a 81: dopo qualche mese sono scese a 77, dando una breve illusione. A gennaio è risalito a 83.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Andy Scott, il milionario che cerca una donna “bella e ricca” per formare una famiglia


Andy Scott, milionario inglese di quarantuno anni, cerca moglie. Ha spiegato che per anni ha pensato solo al lavoro per fare andare bene gli affari ma di essersi reso conto che nella sua vita manca l'amore. E quindi vuole mettere su famiglia. Cosa cerca? Una donna "bella e di successo", "che possa lasciare tutto ogni momento" per andare in vacanza con lui.
Continua a leggere

Regno Unito, mangia gamberi al ristorante cinese: 19enne morto per choc anafilattico


La tragedia è avvenuta lo scorso agosto in un ristorante del Lancashire. Sam Collings aveva cenato con gli amici. Il violento choc anafilattico ha lesionato gravemente i suoi organi. I soccorsi sono stati inutili. I familiari hanno spiegato che non aveva mai sofferto di allergie. Il processo ha stabilito che nulla poteva essere fatto per evitare questa terribile tragedia.
Continua a leggere

Brexit, Giovanni ha 101 anni e il Regno Unito vuole che i suoi genitori certifichino la sua identità


La storia del Giovanni Palmiero, classe 1919, originario della provincia di Benevento, in Regno Unito dal 1966 dove ha lavorato fino all'età di 94 anni. L'Home Office (il Ministero degli Interni britannico) pretende da lui un certificato firmato dai suoi genitori per ottenere il “settled status” e poter rimanere nei territori della Regina Elisabetta anche nel post-Brexit...
Continua a leggere

Pd e Forza Italia difendono Draghi: ok ai suoi incontri con la lobby dei banchieri


Oggi a Strasburgo si è votata la relazione annuale della Banca centrale europea, bocciati gli emendamenti di Verdi e sinistra che chiedevano di far chiarezza sulla denuncia del mediatore europeo sugli incontri dell’ex presidente con il cosiddetto “Gruppo dei Trenta”. Passi indietro sulla trasparenza anche rispetto al testo approvato in commissione.
Continua a leggere

Le apparizioni di Lourdes? Mai avvenute. Scrittori e scienziati contro la fede: “Una truffa”


Tra i tanti, il noto scienziato Piergiorgio Odifreddi, per il quale quella di Lourdes, il più importante santuario mariano in Europa, è al centro di una vera e propria “truffa”: per lui la Chiesa cattolica avrebbe messo su “un’associazione a delinquere da perseguire” alimentando "il turismo religioso e lo sfruttamento della creduloneria."
Continua a leggere

Austria, medico accusato di abusi su 109 ragazzi: “40 vittime avevano meno di 14 anni”


La procura di Wels, in Austria, ha chiesto il rinvio a giudizio per un medico di cinquantasette anni accusato di aver abusato sessualmente di 109 ragazzi. Gli inquirenti hanno anche chiesto il ricovero in un ospedale psichiatrico giudiziario per l'uomo, che soffrirebbe di gravi disturbi psichici. Tra le vittime, in 40 avevano meno di 14 anni al momento delle violenze.
Continua a leggere

Morì 3 ore dopo la nascita della figlia: la moglie e le bimbe realizzano la sua lista di desideri


Brett Kinloch, un trentunenne inglese, l'11 febbraio dello scorso anno morì in ospedale a causa di un tumore solo tre ore dopo la nascita della sua terza figlia, Ariya. Dopo il dramma la moglie Nicola ha cercato sul suo computer la lista di desideri che il giovane compilava da quando aveva 21 anni e sta lavorando per realizzarne quanti più possibile con le sue figlie.
Continua a leggere

La tempesta Ciara paralizza l’Europa: voli e treni cancellati. E l’Italia trema: burrasca in arrivo


La tempesta Ciara sta ancora mettendo in ginocchio mezza Europa, in particolare i Paesi del Nord, dalla Francia alla Germania passando per il Regno Unito, dove il traffico aereo e ferroviario è paralizzato e circa mezzo milione di persone sono rimaste senza elettricità. Allarme inondazioni e straripamenti. Anche se il fenomeno non interesserà direttamente l'Italia, sono previste per le prossime ore burrasche di vento e pioggia su gran parte della Penisola.
Continua a leggere

Alienazione parentale: come una teoria senza basi scientifiche è arrivata in Italia e in UE


La teoria, sconfessata dal mondo scientifico, è utilizzata nei casi di separazione per dimostrare che i bambini che non vogliono contatti con un genitore sono in realtà plagiati. Tema di un convegno promosso dall’eurodeputato tedesco Buchner. I verdi, gruppo a cui appartiene, si sono dissociati, ma per le associazioni in difesa dei diritti delle donne non basta: “E’ vergognoso dare credibilità a quella che è a tutti gli effetti una violenza istituzionale”.
Continua a leggere

Centinaia di messaggi hot ad un 16enne, si dimette il ministro delle Finanze scozzese


Il ministro delle Finanze scozzese, il 42enne Derek Mackay, si è dimesso dopo che sono finite sulla stampa locale le conversazioni spinte con un ragazzo di 16 anni. Il politico avrebbe inviato al giovane 270 messaggi via Facebook e Instagram, chiedendogli di uscire con lui e di mantenere il loro piccolo segreto. La premier Nicola Sturgeon: "Per noi un bruttissimo colpo".
Continua a leggere

Attacco a Londra, l’aggressore è un 20enne estremista: era uscito dal carcere una settimana fa


Sudesh Amman, 20enne estremista islamico, è stato identificato come l'aggressore dell'attacco compiuto domenica 2 febbraio nella zona di Streatham, a Londra. Il ragazzo era stato arrestato nel 2018 proprio per reati legati al terrorismo, ma la scorsa settimana era uscito dal carcere dopo aver scontato metà della condanna. Boris Johnson: "Misure anti-terroristiche più pesanti".
Continua a leggere