Nicastri condannato a 9 anni per concorso esterno in associazione mafiosa

L’imprenditore trapanese Vito Nicastri è stato condannato dal Gup, in abbreviato, per concorso esterno in associazione mafiosa, a nove anni..

L’imprenditore trapanese Vito Nicastri è stato condannato dal Gup, in abbreviato, per concorso esterno in associazione mafiosa, a nove anni di carcere. Nicastri, soprannominato «Re dell’Eolico» per i suoi investimenti nelle energie rinnovabili, secondo l’accusa sarebbe stato tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro. Secondo i pm Paolo Arata, ex parlamentare di Forza Italia e consulente della Lega di Matteo Salvini sulle energie rinnovabili, l’uomo che faceva pressing perché l’ex sottosegretario leghista Armando Siri arrivasse al ministero dell’Economia, è il socio occulto di Nicastri.

LEGGI ANCHE: Chi è Paolo Arata, l’uomo al centro del caso Siri

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it