I roghi tossici non finiscono mai: sorpreso a bruciare rifiuti pericolosi, arrestato


Un uomo di 56 anni è stato arrestato dai carabinieri: è accusato di almeno due roghi tossici, uno dei quali immortalato dalle telecamere. Tra i rifiuti abbandonati e dati alle fiamme, anche rifiuti speciali e pericolosi. L'uomo, originario di Torre del Greco, aveva causato i due incendi nel territorio di Afragola.
Continua a leggere

‘Cos’è questa puzza?’ Così i carabinieri scoprono un rogo di rifiuti a Giugliano


Rifiuti dati alle fiamme in un terreno nei pressi di frutteti in località Varcaturo, a Giugliano in Campania. I carabinieri hanno, letteralmente, sentito e seguito la puzza di bruciato, arrivando sul posto. Vigili del fuoco che sono intervenuti a loro volta per domare l'incendio. Tre persone nei guai: tecnici al lavoro per il campionamento del terreno.
Continua a leggere

Coronavirus, in Asìa Napoli secondo positivo, 20 in isolamento. Servono 100 spazzini


Secondo caso positivo al Coronavirus in Asìa all'Auroparco Brin, 20 dipendenti in isolamento. L'azienda dell'igiene urbana a corto di personale recluterà operatori ecologici e autisti tramite agenzie interinali. Sostituiranno i lavoratori per circa 15 giorni. La presidente De Marco: "C'è grave carenza, servono rinforzi, ma bisognerà avere esperienza nel settore e la patente per i mezzi. Non sono assunzioni". Chiuse tutte le isole ecologiche.
Continua a leggere

Coronavirus Napoli, dopo il contagiato in Asìa chiuse 4 isole ecologiche


Asia a corto di personale, dopo l'isolamento di cento operatori ecologici a causa di un caso positivo di Coronavirus. Per non interrompere la raccolta dei rifiuti, Asìa chiude 4 isole ecologiche su 10, ridotti gli orari nelle altre. Soppressi i servizi dei Punti Itineranti di raccolta di RAEE ed Ingombranti. Chiuse, quindi, fino al 3 aprile le isole ecologiche di Via Nelson Mandela a Pianura (Polo Artigianale), Via Mastellone a Barra, Via Vicinale Vallone di Miano a Secondigliano, Viale Ponte della Maddalena.
Continua a leggere

Ecco perché periodicamente Napoli si riempie di rifiuti: doppio blocco ad Acerra e Caivano


Napoli è stata sommersa di rifiuti per 20 giorni, tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo, in contemporanea con lo scoppio dell'emergenza Coronavirus. Il motivo dei rallentamenti della raccolta in città è legato ad un doppio blocco: da un lato un guasto allo Stir di Caivano, dall'altro il fermo di una linea del termovalorizzatore di Acerra.
Continua a leggere

Inchiesta rifiuti, comitati e associazioni contro De Luca e De Magistris: “Hanno fallito”


Legambiente e Stop Biocidio attaccano il governatore della Campania e il Sindaco di Napoli dopo la nuova inchiesta della magistratura sulla gestione dei rifiuti, un fallimento su tutta la linea dalle ecoballe alla raccolta differenziata del capoluogo partenopeo. Imparato (Legambiente): "Hanno ucciso la speranza di un ciclo virtuoso dei rifiuti". Madonna (Stop Biocidio): "Il Comune ha fallito, non basta aver allontanato la camorra, in 10 anni si doveva fare molto di più".
Continua a leggere

Nuova inchiesta rifiuti, i pm certificano il fallimento di De Luca e De Magistris


Nei documenti dei giudici la cronaca del fallimento della gestione dei rifiuti di Comune e Regione Campania. Non hanno raggiunto gli obiettivi sulla differenziata, non hanno costruito gli impianti di compostaggio, gli eco distretti e i siti di stoccaggio. Il piano ecoballe è fermo al palo con 3,8 milioni di tonnellate ancora da smaltire. Finanziamenti disponibili e mai spesi. L'ipotesi di accusa è di omissione di atti d'ufficio, che avrebbe contribuito al permanere della infrazione europea contro l'Italia, per un danno di 195 milioni di euro.
Continua a leggere

Crisi rifiuti in Campania, 23 indagati: ci sono anche Bonavitacola e Del Giudice


Ventitré inviti a comparire presentati dalla Procura di Napoli che indaga sulla crisi della gestione dei rifiuti in Campania: tra questi, il vicepresidente della Regione ed assessore all'ambiente Fulvio Bonavitacola, l'ex vicesindaco di Napoli ed oggi assessore all'ambiente Raffaele Del Giudice, Gabriele Gargano, ex amministratore di Sapna, e Francesco Mascolo, ex direttore di Asia.
Continua a leggere

Rifiuti, proteste in Portogallo: a rischio le esportazioni dalla Campania


Cittadini in rivolta da Lisbona a Porto per la cattiva gestione delle discariche causata dall'aumento delle importazioni dei rifiuti dall'estero. L'Italia è il principale esportatore di rifiuti in Portogallo e la Campania e la regione ad usufruirne maggiormente. Nelle discariche portoghesi finiscono le ecoballe e i residui degli STIR. Il governo socialista impone lo stop a nuove licenze dal mese di maggio, nel paese si è passati da 60 mila tonnellate importate nel 2016 a 331 mila tonnellate nel 2019.
Continua a leggere

Napoli avrà un nuovo sito di stoccaggio rifiuti. E l’Asia si affida ai privati


Al via la manifestazione d'interesse da parte di Asìa, entro il 14 febbraio dovranno arrivare le proposte per il nuovo sito di trasferenza dell'umido. Il Comune si affida ai privati e cerca un impianto già pronto all'uso con le necessarie autorizzazioni. Il nuovo sito sorgerà entro 50 Km dalla sede di Palazzo San Giacomo.
Continua a leggere

I dubbi del sindaco di Napoli: ‘Su rifiuti e trasporti accadono cose strane’


Duro affondo del sindaco Luigi De Magistris dopo l'incidente di martedì che ha visto coinvolti tre convogli della metropolitana, causandone l'interruzione ancora oggi in corso. "Da tempo, succedono cose che mi lasciano molto perplesso, in particolare su trasporti e rifiuti. Cose non regolari". Anche sui rifiuti, il sindaco attacca: "Vedo tutta una serie di cose che non mi piacciono affatto".
Continua a leggere

Crisi rifiuti a Napoli, De Magistris: ‘Stiamo ripulendo la città’


Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook le fotografie degli interventi di pulizia straordinaria effettuati nei giorni scorsi a Napoli. Attività che, ha spiegato, non verranno annunciate per non favorire "chi rema contro la città". Giovedì scorso aveva detto che la crisi sarebbe rientrata entro domenica, altrimenti si sarebbe trattato di sabotaggio.
Continua a leggere

Crisi rifiuti a Napoli, De Magistris: “Entro domenica situazione normale se no è sabotaggio”


Il sindaco De Magistris attacca sulla crisi rifiuti del capoluogo partenopeo: "O recuperiamo entro domani, oppure qualcuno prende in giro i napoletani, e di certo non è il comune". Nelle scorse ore, il governatore della Campania Vincenzo De Luca aveva aperto ad una "deroga" per aumentare la quota di rifiuti napoletani da sversare ad Acerra.
Continua a leggere

Emergenza rifiuti, De Luca: “Napoli potrà sversare più tonnellate per uscire dalla crisi”


Le strade di Napoli ancora piene di rifiuti, è emergenza. Il governatore della Campania Vincenzo De Luca apre ad una "proroga" per sversare più rifiuti di Napoli direttamente nel termovalorizzatore di Acerra: insorgono i consiglieri pentastellati, che denunciano: "Si tratta di una pratica che sta andando avanti oramai da giorni, intasando ulteriormente un impianto già ai limiti delle sue capacità".
Continua a leggere