Condannato il genetista cinese che ha modificato il Dna umano

He Jiankui ha contribuito a far nascere due gemelline immuni al virus dell'Hiv.

È stato condannato a tre anni di carcere per aver praticato la medicina illegalmente He Jiankui, il genetista cinese autore degli esperimenti che hanno contribuito a far nascere i primi esseri umani con Dna modificato. Secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua il ricercatore è stato anche multato per 3 milioni di yuan (circa 400 mila euro) e altre due persone sono state condannate con la stessa accusa.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Fallito l’esperimento delle gemelle cinesi col dna modificato

Secondo una rivista del Mit il test del professore Hi Jiankui non sarebbe andato a buon fine. E anzi avrebbe introdotto al tre mutazioni.

Il controverso esperimento in cui il ricercatore cinese Hi Jiankui ha affermato di aver fatto nascere due bimbe con il Dna modificato con la tecnica Crispr è probabilmente fallito, e non ha dato alle gemelle alcuna protezione dall’infezione da Hiv. Lo affermano alla rivista del Mit alcuni esperti che hanno visionato lo studio originale che il ricercatore aveva inviato ad alcune riviste scientifiche.

L’intenzione di Jiankui, che aveva annunciato l’esperimento circa un anno fa ad un congresso scientifico, era di conferire alle bimbe una mutazione genetica che protegge dall’infezione da Hiv. Nel manoscritto, che fu rifiutato da Nature e Jama, il ricercatore aveva affermato nell’abstract di essere riuscito a riprodurre la variante nelle bimbe, e che la tecnica poteva aiutare milioni di persone a rischio di contrarre l’Aids.

Dai dati contenuti nello stesso manoscritto, ha spiegato però alla rivista Fyodor Urnov, genetista dell’università di Berkeley, emerge un’altra realtà. «L’affermazione di aver riprodotto la variante è uno sfacciato travisamento della verità, che può essere descritta solo in un modo: un falso deliberato. Lo studio mostra che il team di ricercatori invece ha fallito nel riprodurre la variante, e al suo posto hanno provocato delle altre mutazioni, il cui effetto è sconosciuto».

NESSUN TEST PRIMA DELLE GRAVIDANZE

Secondo il manoscritto inoltre, ha scritto ancora la rivista, i ricercatori non hanno condotto nessun test sulle mutazioni ottenute sugli embrioni per verificarne l’efficacia contro l’Hiv prima di iniziare le gravidanze. I genitori delle gemelline inoltre potrebbero non essere stati informati correttamente sull’esperimento, che non avrebbe ricevuto nessuna approvazione da comitati etici.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it