Unisa, Tavola Rotonda “Un’Italia a Zero emissioni”

Si terrà venerdì 27 settembre p.v. alle ore 10.30 presso l’aula della solidarietà “Carmine Pecoraro” dell’Università degli Studi di Salerno la Tavola Rotonda “Un’Italia a Zero emissioni”. L’iniziativa, organizzata dal Cisl Università Nazionale e con il supporto della CISL Università di Salerno, prevede la partecipazione di relatori provenienti dal mondo accademico, ambientalista, sindacale e religioso. La presentazione dell’iniziativa sarà a cura di Pasquale Passamano, Responsabile Provinciale della CISL Università di Salerno, a seguire sono previsti i saluti istituzionali dell’Ateneo e del Comune di Fisciano, modererà i lavori Andrea Pellegrino, giornalista; parteciperanno come relatori Vincenzo Belgiorno, Professore ordinario di Ingegneria Sanitaria Ambientale; Don Bruno Bignami, Direttore Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro Cei; Michele Buonomo, della Segreteria Nazionale Legambiente; Giuseppe Esposito, Segretario Regionale Cisl e Angelo Colombini, Segretario Nazionale Cisl Confederale. Concluderà i lavori, Francesco De Simone, Segretario Generale della Federazione Cisl Università. L’iniziativa del 27 settembre p.v. coinciderà con la proclamazione del terzo sciopero globale per il clima organizzato dal “Fridays For Future”. La Cisl Università Nazionale sta impegnando tutte le strutture territoriali ad avviare un confronto con i vertici degli Atenei e delle Istituzioni Afam su tutto il territorio italiano, affinché vengano attuati piani di intervento a tutela del Clima e dell’Ambiente, anche attraverso una sostanziale riduzione della produzione di CO2 scaturente dalle attività delle stesse amministrazioni.

 

Consiglia

BusItalia, malcontenti interni a seguito delle decisioni assunte dalla Cgil e Uil

di Erika Noschese

L’azienda Busitalia divide il mondo dei sindacati. E’ guerra interna, dopo quanto accaduto ieri mattina quando la Filt Cgil e la Uiltrasporti hanno accettato la nuova organizzazione aziendale per il trasporto pubblico su gomma in provincia di Salerno. Busitalia infatti ha presentato ai sindacati la nuova matrice di rotazione avente al suo interno oltre ai turni a ripresa anche le rimesse, ad eccezione dei capolinea. Secondo Di Lieto e Balzano per la Filt Cgil e Ottone e Quercitelli per la Uitrasporti, infatti, una più ampia motrice di rotazione consentirebbe una più equa distribuzione dei carichi di lavoro. I beninformati parlano però di “nuovi posti al comando” in cambio di un sì, come di fatto è avvenuto. Contrario all’accordo, la Cisl: “Teniamo molto al rapporto con i lavoratori e noi non firmeremo», ha dichiarato un sindacalista, amareggiato per quanto accaduto con la firma di un accordo che, ancora una volta, mette in difficoltà i lavoratori.

Consiglia