La polemica per la magietta di Versace in Cina

Polemiche nel Celeste impero per una t-short della maison italiana. I media di Pechino hanno puntato il dito contro un capo di abbigliamento che indicava alcune città, Hong Kong e Macao, come appartenenti ad altri Paesi. Repentine scuse social per Donatella Versace.

Nuova polemica per una casa di moda italiana in Cina, dopo quella su Dolce e Gabbana. I media cinesi hanno denunciato che su una t-shirt venduta da Versace nel Paese apparivano nomi di città con la nazione di appartenenza sbagliata, in particolare non venivano elencate Hong Kong e Macao come parte della Cina. Sui social Versace è stata accusata di attentare alla sovranità nazionale. «Mi dispiace profondamente per lo sfortunato errore», ha scritto Donatella Versace su Facebook, «Non ho mai voluto mancare di rispetto alla sovranità Nazionale della Cina».

“I am deeply sorry for the unfortunate recent error that was made by our Company and that is being currently discussed…

Posted by Versace on Sunday, August 11, 2019

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it