Serie B, Stroppa resta sulla panchina del Crotone La società conferma la fiducia all’allenatore

CROTONE - Giovanni Stroppa resta sulla panchina del Crotone. La conferma arriva da una nota apparsa sul sito della società nella quale si spiega che «al termine di una riunione della dirigenza del Football Club Crotone tenutasi questa mattina nel quartier generale del Presidente, la società ha deciso di rinnovare la fiducia all’allenatore Giovanni Stroppa».

Si mettono a tacere così, almeno per il momento, le voci circolate di un possibile esonero del tecnico bresciano dopo una serie di risultati non positivi. Il Crotone in campionato ha raccolto solo 7 punti in 7 partite, decisamente al di sotto delle aspettative estive che volevano la squadra come una delle favorite per il ritorno immediato in serie A.

Dopo la sconfitta con il Palermo, erano circolate le voci di un ingaggio di Massimo Oddo ma anche di un ritorno di Walter Zenga. La riunione di oggi, evidentemente, ha suggerito al club di non stravolgere l’attuale staff e dare un’altra possibilità al tecnico, che ha un contratto biennale.

Nicola Ragno esonerato dal Potenza Calcio Giuseppe Raffaele scelto per succedergli

POTENZA - Nicola Ragno non è più l’allenatore del Potenza. L’esonero (definito dal club come decisione consensuale) si è materializzato nella mattinata odierna. Con Ragno va via anche il suo secondo Alberga, mentre si attende l’ufficialità dell’interruzione del rapporto anche con il direttore sportivo Vincenzo De Santis. A sostituire Ragno sarà il siciliano Giuseppe Raffaele. L’esordio del tecnico - che nel pomeriggio ha diretto il suo primo allenamento allo stadio Viviani - è previsto per sabato prossimo, 13 ottobre, in casa del Rende.

Il Napoli tiene testa alla Juve: battuto anche il Sassuolo

 Il Napoli batte 2-0 il Sassuolo e resta nella scia della Juventus, seppur a sei punti di distanza.
    A decidere la sfida con il Sassuolo sono Ounas, a segno dopo appena due minuti e Insigne che dopo il gol della vittoria contro il Liverpool nella mercoledì di Champions va ancora a segno contro i neroverdi.
    Cambia tanto Carlo Ancelotti. Contro il Sassuolo va in scena un Napoli cambiato per 7/11 con i protagonisti della sfida con il Liverpool a riposo eccezion fatta per la difesa. Napoli subito in vantaggio: al 2' pt: retropassaggio di Locatelli che serve involontariamente Ounas. Il franco-algerino supera con un 'sombrero' Magnani e conclude con un tiro di controbalzo di sinistro che s'insacca sotto la traversa. Il Napoli crea tanto ma non finalizza. Il gol della sicurezza nella ripresa. Al 26' percussione sulla sinistra di Hysaj che entra in area di rigore e serve Insigne (subentrato nel secondo tempo) il cui tiro a giro s'insacca sotto l'incrocio dei pali.
   

Serie D. Sorprende il Locri, Roccella troppo nervoso e dopo tre turni saltano le prime panchine

Ci avviciniamo al 4° turno del campionato di Serie D con una certezza, rappresentata dalla forza del Bari, e con una domanda: chi saprà frenarne la corsa? Sembra un torneo costruito su misura per i “galletti” a meno di sorprese quanto mai gradite, e non ce ne vogliano i pugliesi, ma giusto per evitare di chiudere i giochi già a dicembre. Intanto, per restare in casa nostra, la seconda posizione del Locri va presa con soddisfazione da un lato, ma con attenzione dall’altro: guai, infatti, a pensare in grande.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA RUBRICA 
CHE FA IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D

La Serie D è “tentatrice” sotto questo aspetto. Per salvarsi (ed è questo il principale, se non l’unico obiettivo degli amaranto) bisogna sempre sentirsi in difficoltà, in discussione, in tensione.

Guai, insomma, a ritenersi una big del torneo. Ogni gara va affrontata come se fosse una finale. Sarà così anche domenica con il Troina, nella gara che si giocherà di nuovo a Roccella, dove gli amaranto, domenica scorsa, si sono regalati una bella soddisfazione dinanzi ai propri numerosi tifosi. A proposito di Roccella: due espulsioni sono veramente troppe, a maggior ragione se lo sono per lo stesso motivo, ossia un colpo proibito inferto all’avversario. Dietro la lavagna Faella e Kargbo, che mancheranno rispettivamente due e tre giornate: un doppio autentico autogol che non ci voleva proprio. Da una nobile decaduta all’altra: la Cittanovese, dopo aver provato l’ebrezza del San Nicola di Bari, si ritrova a dover ricevere il Messina, contro il quale bisogna solo tornare a vincere, replicando così l’exploit della passata stagione.

Cambiano, intanto, le panchine: la Turris, ma era prevedibile, dà il benservito al proprio tecnico, dopo aver subito due sconfitte su tre gare. Investimenti importanti in Campania. Si pretende di più. Cambia anche il Castrovillari, ma qui Ferraro va via da imbattuto, ma anche senza aver mai vinto. E domenica sfida dagli antichi sapori in casa con la Nocerina. E la Palmese? Quella neroverde rappresenta un’altra sorpresa. È poi l’unica squadra a non aver subito reti, ma domenica sarà durissima contro il Gela, un avversario forte e ambizioso.

Il Napoli sogna in Champions e batte il Liverpool

Grande vittoria contro una grande squadra! Ancelotti degno della sua fama". Lo ha scritto su Twitter il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis mentre lasciava lo stadio San Paolo, dopo aver assistito alla vittoria degli azzurri sul Liverpool nella seconda giornata di Champions League.

li esami medici a cui è stato sottoposto il calciatore del Liverpool Naby Keita hanno escluso la presenza di patologie in corso.

    Tuttavia il centrocampista, uscito anzitempo dal campo a seguito di un forte trauma nel corso di Napoli-Liverpool, trascorrerà la notte in ospedale e rimarrà in osservazione prima di essere dimesso con ogni probabilità nella giornata di oggi.

    Il calciatore, che non ha mai perso conoscenza, è assistito dal medico sociale della squadra inglese.

   

Napoli-Liverpool: tifoso inglese ferito nel centro cittadino

 Un tifoso del Liverpool, di 26 anni, è stato aggredito da un gruppo di ragazzi ed è rimasto ferito - guarirà in 15 giorni - la notte scorsa nel centro di Napoli mentre era in compagnia di connazionali bevendo bibite vicino a un bar. É accaduto in Via Cesare Rosaroll poco dopo mezzanotte.
    Gli inglesi hanno raccontato alla polizia di essere stati avvicinati da alcuni ragazzi che li hanno aggrediti. Il giovane è stato medicato in ospedale e poi dimesso. Indaga la Ps che utilizzerà anche le immagini della videosorveglianza. Questa sera alle 21.00 è in programma il match di Champions League tra la squadra partenopea e il Liverpool.

Diaco e De Simone illuminano la quarta giornata Due prodezze balistiche fra Promozione e Eccellenza

Guarda i video

Corigliano e Rossano sono legate, da domenica, anche dalle prodezze realizzate dai rispettivi calciatori. A distanza di un giorno l'uno dall'altro, ma su campi che distano pochi chilometri, sono state siglate due reti che hanno strappato applausi a non finire. Due gol capolavoro realizzati da altrettanti calciatori in grado di esibire numeri notevoli. Il primo a ricevere applausi a scena aperta è stato Antonio Diaco. Allo “Stefano Rizzo” sabato pomeriggio, il giovane attaccante della Rossanese, classe '98, ha siglato il raddoppio per la squadra bizantina, nel match vinto contro il San Fili, con una perfetta esecuzione al volo dalla distanza. Un rinvio di testa di un difensore ospite è stato raccolto dal centravanti di casa che di destro, di prima intenzione, dal limite dell'area, ha spedito il pallone in rete (La rete al minuto 2 e 48 del video GUARDA).

Il giorno dopo è stata la volta di Armando De Simone. Nel Corigliano che ha strapazzato lo Scalea (5-1 il risultato finale) la quinta rete della compagine jonica è stata siglata dal trequartista che nella passata stagione è stato il protagonista assoluto nella promozione del Castrovillari in Serie D. In campo da pochi minuti, anche lui ha raccolto un rinvio di un difensore e di esterno sinistro al volo, coordinandosi alla perfezione, ha spedito il pallone in rete con un preciso diagonale. Applausi anche in questo caso. (La rete al minuto 5 e 42 del video GUARDA) Fra i dilettanti, insomma, due prodezze tutte da gustare.

Il Tar dà ragione al Crotone, Stadio salvo fino a fine stagione La tribuna coperta non ha danneggiato i reperti archeologici

CROTONE - Buone notizie per il Crotone Calcio che potrà continuare a giocare nel proprio stadio almeno fino alla fine del campionato. Il Tar della Calabria, infatti, in composizione collegiale nell’udienza del 26 settembre scorso - la cui decisione è stata depositata oggi - ha confermato la sospensiva dell’efficacia degli atti della Soprintendenza archeologica della Calabria con i quali si imponeva la rimozione delle strutture amovibili di tribuna coperta e curva sud usate nel 2016 per ampliare lo stadio per affrontare il campionato di Serie A.

Si tratta di un provvedimento che, prima dell’avvio dell’attuale stagione, aveva causato l'inagibilità dello stadio. Il Tar ha rilevato che le strutture non hanno danneggiato i reperti nel sottosuolo ed impedirne l'uso avrebbe potuto creare un danno alla comunità. Inoltre, secondo i giudici, il Mibact non ha previsto per l’area dello stadio alcun intervento di valorizzazione archeologica. Il Tar ha fissato per il 19 giugno 2019 l’udienza pubblica per decidere definitivamente. 

Nel frattempo, il Crotone Calcio ha affidato ad Antonio Galardo il ruolo di club manager. Quasi 400 presenze in rossoblù da calciatore nell’arco di 15 stagioni, Galardo avrà la responsabilità, rapportandosi direttamente alla società, delle attività relative alla gestione della prima squadra. L’ex bandiera del Crotone, che nel 2015 si è visto omaggiare col ritiro della maglia numero 4, è stato negli ultimi anni direttore tecnico del settore giovanile. 

Napoli, big match con la Juve. Ancelotti: non giochiamo per il pari, serve gara perfetta

"La partita perfetta? Bisognerebbe fare il 95% di possesso, ma ci si può avvicinare alla perfezione, preparando delle cose e applicandole ed è quello che cerchiamo domani". Lo ha detto il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, alla vigilia della sfida contro la Juventus. "La gara di Torino - spiega - vale tre punti, di più non vale. Arriva in un periodo fresco del campionato ma c'è anche un aspetto mentale e vincere sicuramente ci darebbe molto entusiasmo".

 "Per Ronaldo ho infinita riconoscenza, al di là dei gol che ha fatto quando ero Madrid e che ci hanno portato a vincere la Champions, per le qualità umane che ha dimostrato. Sono felice che sia arrivato in serie A perché per il calco italiano è valore aggiunto". Lo ha detto il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, alla vigilia della sfida contro la Juventus. "Il Pallone d'oro? Ronaldo dovrebbe sempre vincerlo - ha detto Ancelotti -, anche se quest'anno i premi li ha vinti finora un giocatore a cui sono affezionato come a Ronaldo", ha spiegato Ancelotti riferendosi al croato Luka Modric.

"Il Napoli sta cambiando nella gestione delle partite, ha preso solo un gol e ne ha segnati sette, subisce meno tiri in porta. Ha giocatori importanti, Carlo (Ancelotti, ndr) ha avuto l'intelligenza di non distruggere quanto fatto da Sarri e ha portato la sua mentalità, la sua serenità". Lo ha detto Massimiliano Allegri, alla vigilia dello scontro diretto. "Ancelotti è un maestro. Anzi, è un professore. Anche quando hanno perso a Genova con la Sampdoria, ha fatto la conferenza stampa da grande allenatore, senza farsi prendere dalle ansie del mondo".
   

Juve-Napoli: dal Prefetto ‘veto’ a residenti Campania

L'Allianz Stadium di Torino sarà vietato a tutti i residenti in Campania per Juventus-Napoli di sabato prossimo. Il prefetto di Torino, Renato Saccone, ha emesso un decreto che vieta la vendita dei biglietti ai residenti in tutta la regione Campania, anche se in possesso della Fidelity Card. La vendita è invece consentita ai possessori della stessa tessera rilasciata dal Napoli a residenti nelle altre regioni. Inoltre è inibita la procedura telematica d'acquisto dei biglietti nelle ricevitorie della Campania. Il provvedimento, su indicazione del Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive, è stato adottato "per tutelare la sicurezza pubblica".